Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Cinquecento

Barbara Ertlé-Perrier, Agrippa d’Aubigné épistolier: des lettres à l’œuvre

Dario Cecchetti
p. 384
Notizia bibliografica:

Barbara Ertlé-Perrier, Agrippa d’Aubigné épistolier: des lettres à l’œuvre, Paris, Champion, 2008 («Bibliothèque Littéraire de la Renaissance», LXXV), pp. 565.

Testo integrale

1L’interessante thèse di B. Ertlé-Perrier sviluppa uno studio analitico della Correspondance di Agrippa d’Aubigné nella sua totalità, letta come un’opera organica, volutamente strutturata dall’autore stesso in funzione della pubblicazione. Infatti, «scegliendo di pubblicare le proprie lettere, d’Aubigné adotta un atteggiamento particolarmente moderno in un momento in cui questa pratica era ancora marginale in Francia; un atteggiamento anche legato a una tradizione squisitamente umanistica, in quanto, se una gran parte delle lettere corrisponde a quelle realmente inviate, certe sono state indubbiamente rielaborate in vista della pubblicazione, per armonizzare l’insieme e mettere in evidenza effetti strutturali» (p. 413). Questa Correspondance, come ben sottolinea l’A. «presenta differenti effetti di struttura che si completano gli uni con gli altri e la mettono in rapporto con gli altri scritti dell’autore. Occorre, pertanto, riunire gli elementi dispersi nell’insieme delle lettere, al di là di ogni distinzione di categoria. Il ritratto si costruisce a piccole pennellate e talvolta nel modo più inatteso» (pp. 16-17). Attraverso una lettura trasversale, ad un tempo cronologica e tematica, con una continua comparazione con le differenti opere di Agrippa d’Aubigné, si cerca così di ricostruire un ritratto polimorfo dell’autore che viene visto tanto nell’attività politica quanto in quella calata nelle preoccupazioni del quotidiano, giacché il progetto che soprassiede all’organizzazione della Correspondance non dissocia il ‘personale’, vale a dire il privato, dal pubblico, sebbene si debba evitare di confondere il ‘privato’ con l’‘intimo’, cercando nella corrispondenza, per esempio, informazioni sulla vita amorosa di Agrippa.

2Attraverso una complessa ricerca comparativa, ripercorrendo non solo le edizioni antiche (prima del 1630) e quelle moderne, ma anche indagando nei manoscritti del fondo Tronchin, l’A. ricostruisce la genesi della Correspondance albineana, che viene situata in una tradizione epistolare che va da Petrarca a Pasquier, e cerca di enuclearne i principi che presiedono alla sua strutturazione. In una serie di capitoli mirati a studiare le caratteristiche della personalità e dell’attività di Agrippa d’Aubigné, quest’ultimo viene via via studiato come homme de guerre, come penseur théologique, come homme de sciences, come historiographe. Nelle utili Annexes abbiamo un tableau dei destinatari della Correspondance e le classificazioni delle lettere per destinatari, per data e per temi e motivi epistolari. Per concludere, il volume di B. Ertlé-Perrier si rivela un eccellente strumento di lavoro.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Dario Cecchetti, « Barbara Ertlé-Perrier, Agrippa d’Aubigné épistolier: des lettres à l’œuvre »Studi Francesi, 158 (LIII | II) | 2009, 384.

Notizia bibliografica digitale

Dario Cecchetti, « Barbara Ertlé-Perrier, Agrippa d’Aubigné épistolier: des lettres à l’œuvre »Studi Francesi [Online], 158 (LIII | II) | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 12 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7889

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals