Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Seicento

Aa. Vv., «xviie siècle», 234, 235, 236, 237

Daniela Dalla Valle
p. 386-387
Notizia bibliografica:

«xviie siècle», 234, janvier-mars 2007, pp.190; 235, avril-juin 2007, pp.195-412; 236, juillet-septembre 2007, pp. 419-603; 237, octobre-décembre 2007, pp. 611-798.

Testo integrale

1I quattro numeri che «xviie siècle» ha pubblicato nel 2007 sono numeri monografici e occupano settori diversi della cultura secentista, dalla storia a diversi aspetti della cultura.

2Il primo numero (234: «Campagnes et paysans») è integralmente storico, anche se la varietà dei temi affrontati, come segnala Y.-M. Bercé nell’Introduction, «témoigne du moins de la multiplicité des pistes qui s’offrent aux lecteurs» (p. 9). R. Souriac si sofferma ad analizzare Le “sens politique” des paysans aux Temps modernes, analizzando come si configurano, fra il 1550 e il 1650, cultures et comportements paysans (pp. 11-29). J.-M. Constant, analizzando i cahiers de doléance dei villaggi francesi fra il 1576 e il 1651, si propone di elaborare un immaginario politico contadino caratteristico del Seicento (pp. 31-48). S. Brunet analizza invece la “grande mutation” fra i preti di campagna francesi del Seicento (pp. 49-82). Y.-M. Bercé, soffermandosi sull’Angoumois verso il 1650, descrive i viaggi, gli spostamenti, il nomadismo (Allées et venues…, pp. 83-96). S. Dontenwill sposta la sua analisi un po’ più avanti (fino alla fine del regno di Luigi XIV), si concentra sulle comunità contadine del centro sud-est della Francia, e analizza la vita quotidiana e l’organizzazione sociale di queste comunità (pp. 97-134). A. Follain si propone invece di studiare come alcuni villaggi francesi fossero amministrati dai contadini (pp. 135-156). Gli ultimi due articoli sono interdisciplinari: A. Belmont studia che tipo di “meules” veniva utilizzato nella composizione del pane, la qualità, le malattie che ne derivavano (pp. 157-167). E J. Chaurand conclude il fascicolo con un articolo linguistico, sul vocabolario usato negli “inventaire après décès” nell’est della Piccardia (pp. 169-187).

3Il secondo numero (235) è letterario. Si suddivide in due settori: il primo raccoglie gli atti di una Journée d’études organizzata nel 2006 alla Sorbona, sotto la direzione di D. Denis, intitolata Editer l’Astrée; il secondo raccoglie un certo numero di studi dedicati a Saint François de Sales.

4La giornata di studio sull’Astrée nasce dall’iniziativa di fornire la prima edizione critica moderna del grande romanzo. D. Denis illustra il progetto di cui è la principale responsabile (Anciens défis, nouveaux programmes, pp. 195-197) come introduzione agli Atti. I primi due articoli sono essenzialmente bibliografici: J.-D. Mellot si occupa del problema dei privilèges delle edizioni antiche dell’Astrée (pp.199-224); J.-M. Chatelain si concentra sulla storia editoriale e sulla tradizione testuale della prima parte dell’Astrée (pp. 225-253). Entrambi gli articoli sono corredati da puntuali Annexes. W. Ayres-Bennett sposta l’analisi sul settore liguistico, e si propone di studiare la modernità dell’uso linguistico dell’Astrée da parte di Vaugelas (pp. 255-273). G. Siouffi affronta invece l’uso della metafora, presentando d’Urfé come un artefice della “démétaphorisation du français” (pp. 275-293). M.-G. Lallemant s’interessa alle poesie inserite nel romanzo (pp. 295-313). E. Bury si preoccupa di evidenziare due aspetti culturali di H. d’Urfé: l’ideologia nobiliare e la paideia umanista (pp. 315-323). Infine P. Choné fornisce l’ultima comunicazione, in margine all’Astrée, dedicata all’ispirazione pastorale di Claude Lorrain a proposito di un quadro conservato a Vienna (Le Parc aux moutons, riprodotto nel fascicolo, a p. 324). I quattro saggi dedicati a Saint François de Sales sono presentati da E. Bury (Relire saint François de Sales, pp. 337-339). H. Michon suggerisce il passaggio da un’antropologia cristiana (du combat, de la convenance) a una diversa prospettiva che finisce col configurarsi come “teologia mistica” (pp. 341-357). L. Devillairs avanza l’ipotesi che Descartes, nella lettera scritta a Chanut, si colleghi alla concezione salesiana di un “amour de soumission” (libro IX, Traité de l’Amour de Dieu) (pp. 359-371). B. Papasogli si sofferma sulla problematica della meditazione, e l’analizza sintetizzandola nell’espressione “l’abeille et la colombe” (pp. 373-391). Infine C. Belin si propone di studiare la “naïveté” dell’Amour de Dieu (pp. 393-412).

5Il terzo numero (236, «Trente ans de recherches rhétoriques») raccoglie un buon numero di testi che dovevano uscire in «Littératures classiques», in un numero che non ha potuto essere pubblicato. L’argomento trattato è presentato prima da E. Bury, poi da P.-J. Salazar (pp. 419-420, 421-426). Gli articoli successivi sono suddivisi in due settori: «Tensions fondatrices» e «Champs d’enquête». Nel primo settore R. Zuber accomuna la retorica alle “belles-lettres” (pp. 427-432), G. Molinié si sofferma su retorica ed ermeneutica (pp. 433-444) e B. Beugnot si occupa di intertestualità e riscrittura, a proposito del xvii secolo (pp. 445-455). Nel secondo settore H. Merlin-Kajman s’interessa a lingua, retorica, politica (pp. 457-471); D. Denis analizza il caso specifico di Richesource (pp. 473-486); E. Bury analizza la retorica classica come fondamento di una pedagogia, nel caso della Ratio studiorum (pp. 487-499); J. Gros de Gasquet s’interessa al rapporto fra la retorica e la teatralità (pp. 501-519), A. Génetiot al rapporto fra la retorica e la poesia lirica (pp. 521-548) e V. Kapp cerca le tracce francesi nei lavori europei sulla retorica (pp. 549-565).

6Il quarto numero (237, «Journée d’étude de la Société d’étude du xviie siècle: les jésuites dans l’Europe savante») comprende una serie di comunicazioni concernenti la presenza dei gesuiti nel Seicento. J.-L. Quantin presenta la Giornata (pp. 611-614). J. Schmutz si occupa del “sentiment d’existence” e analizza come, in questo caso, la filosofia elaborata nei collegi ne è uscita diffondendosi nel mondo esterno (pp. 615-631). A.-E. Spica si sofferma sui gesuiti e l’emblematica (pp. 633-651). S. Conte e L. de Cressolles s’interessano all’uso del sapere al servizio dell’azione oratoria (pp. 653-667). P. Nelles descrive, nella diffusione della conoscenza delle culture non europee, la dottrina, i costumi e la scrittura della storia presso i gesuiti (pp. 669-689). J.-L. Quantin presenta poi una sua comunicazione a proposito dei gesuiti nell’erudizione inglese (pp. 691-711). S. Hermann De Franceschi si sofferma sul De officio principis Christiani di Bellarmino per caratterizzare il modello gesuita del principe cristiano (pp. 713-728). J.-M.Valentin si concentra sul periodo 1591-1638, dove studia la diffusione degli scritti politici dei gesuiti italiani e spagnoli (pp. 729-738). P. Vismara si concentra invece sulla morale economica vista dai gesuiti (pp. 739-754) e infine M. Feingold analizza la ricerca della fama da parte dei “savants” gesuiti (pp. 755-774). E. Bury trae, alla fine, le conclusioni della Giornata (pp. 775-777) e, in un settore di Varia, N. Doiron analizza il Recueil di Faret, a proposito della poetica della consolazione classica (pp. 779-798).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Daniela Dalla Valle, « Aa. Vv., «xviie siècle», 234, 235, 236, 237 »Studi Francesi, 158 (LIII | II) | 2009, 386-387.

Notizia bibliografica digitale

Daniela Dalla Valle, « Aa. Vv., «xviie siècle», 234, 235, 236, 237 »Studi Francesi [Online], 158 (LIII | II) | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 16 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7897

Torna su

Autore

Daniela Dalla Valle

Articoli dello stesso autore

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals