Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento a) dal 1800 al 1850

George Sand, Nanon

Annarosa Poli
p. 419-420
Notizia bibliografica:

George Sand, Nanon, préface, notes et dossier de Nicole Savy, Paris, «Babel» n° 693, 2005, pp. 372.

Testo integrale

1I «dossiers» preparati da Nicole Mozet e da Nicole Savy, mettono in rilievo le qualità del romanzo ponendo l’accento sui suoi diversi aspetti. Nella prefazione, N. Mozet mette in rilievo anzitutto le idee politiche e sociali di George Sand nel 1871 che ritroviamo nel romanzo e attira l’attenzione sulla dimensione originale perché femminile e contadina dell’immagine della Rivoluzione, particolare molto moderno. Trova anche molto nuovo il senso della coppia Nanon-Émilien che dà la priorità alla donna, la sola capace di realizzare una vera Rivoluzione politica e sociale. Per N. Mozet, grazie all’importanza del motivo dell’educazione del popolo, Nanon, «est déjà un roman profondément ancré dans l’espace mental de la Troisième République» (p. 32). L’autore indica anche le referenze intertestuali che riallacciano Nanon alle opere di Sand e di altri autori.

2I due testi allegati in appendice, la recensione di Zola e la lettera di Flaubert, aprono una prospettiva molto utile sulla accoglienza del pubblico di questo romanzo. Nella prefazione e nelle note, N. Savy si concentra particolarmente sui due protagonisti: le tappe della loro metamorfosi e del loro amore, il senso profondo della loro unione. Esamina anche la dimensione storica di Nanon che ritiene importante perché riesce a spiegare i grandi momenti della rivoluzione evocati nel romanzo ma viene sottolineato anche che Sand: «s’intéresse à l’histoire économique et sociale encore plus qu’à l’histoire politique» (p. 13). Vengono messi in luce altri aspetti del romanzo: il rapporto con il Settecento che stava molto a cuore a G. Sand; il carattere autobiografico (Nanon possiede molti tratti del carattere della romanziera stessa); la novità di far scrivere al popolo la sua propria storia per salvarla dall’oblio dei posteri. N. Savy insiste anche sul carattere idealista e edificante del romanzo. Così come aveva fatto N. Mozet nella sua edizione, anche N. Savy è d’accordo nel segnalare l’importanza dei paesaggi che oppongono la regione della Creuse e quella del Berry perché designano anche il carattere simbolico della coppia Nanon-Émilien esempio dell’unione dell’aristocrazia e del popolo, e sottolinea anche il carattere utopistico della trama.

3Questo notevole contributo, come quello dell’altra edizione di N. Mozet, contribuiscono ad aiutare il lettore a capire il senso più recondito di questo ultimo capolavoro di George Sand.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Annarosa Poli, « George Sand, Nanon »Studi Francesi, 158 (LIII | II) | 2009, 419-420.

Notizia bibliografica digitale

Annarosa Poli, « George Sand, Nanon »Studi Francesi [Online], 158 (LIII | II) | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 11 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/7993

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals