Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento b) dal 1850 al 1900

Aude Fauvel, La voix des fous. Hector Malot et les romans d’asile, «Romantisme» n° 141

Ida Merello
p. 431
Notizia bibliografica:

Aude Fauvel, La voix des fous. Hector Malot et les romans d’asile, «Romantisme» n° 141, 3/2008, pp. 51-64.

Testo integrale

1Oltre che autore per la gioventù, Malot è stato anche uno specialista di ospedali psichiatrici e di psichiatria, a tal punto da venire consultato in proposito in alternativa ai medici. Cavalcando un movimento contro i manicomi che lui stesso aveva contribuito a promuovere, scrisse con Un beau-frère il primo romanzo anti ospedalizzazione e capostipite di un genere letterario, quello dei «romans d’asile». L’A. esamina la fortuna editoriale del testo, ma anche la sua tecnica compositiva e la qualità stilistica, così efficaci sul piano politico da suscitare una commissione d’inchiesta e da incoraggiare molti a prendere la penna per denunciare situazioni di sopruso e di violenza. Malot dedica all’alienazione altri due volumi, Le Mari de Charlotte (1873) e Mère (1889), romanzo a chiave in cui si possono facilmente riconoscere alcuni medici e le loro teorie. L’A. mostra come lo stile si faccia sempre più aggressivo, e come lo scrittore si convinca che un pizzico di follia possa essere prezioso, raggiungendo così lo stereotipo di tutto il secolo, in cui l’equazione genio-follia è stata più volte ribadita.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Ida Merello, « Aude Fauvel, La voix des fous. Hector Malot et les romans d’asile, «Romantisme» n° 141 »Studi Francesi, 158 (LIII | II) | 2009, 431.

Notizia bibliografica digitale

Ida Merello, « Aude Fauvel, La voix des fous. Hector Malot et les romans d’asile, «Romantisme» n° 141 »Studi Francesi [Online], 158 (LIII | II) | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 10 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/8034

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals