Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento

Richard Spiteri, Exégèse de Dernier malheur dernière chance de Benjamin Péret

Rachele Calisti
p. 435-436
Notizia bibliografica:

Richard Spiteri, Exégèse de Dernier malheur dernière chancede Benjamin Péret, Paris, L’Harmattan, 2008, pp. 143.

Testo integrale

1Ad oltre un secolo dalla nascita del suo autore, l’opera di Benjamin Péret è ancora in parte da scoprire o approfondire. In tale senso va il lavoro su Dernier malheur dernière chance di Richard Spiteri, che si avvicina in modo paziente e capillare a illustrare questo esempio di poesia moderna, oscura e immediata, nata a ridosso dell’urto sconvolgente della seconda guerra mondiale e delle prime suggestioni suscitate dalla nuova terra d’asilo, il Messico. Nonostante l’originalità di questo poeta nel seno stesso dell’avanguardia, sono ancora pochi i critici che si sono interessati alla sua opera e che hanno riconosciuto il suo ruolo, accanto a Aragon, Breton e Éluard, di animatore della rivoluzione surrealista. In Dernier malheur dernière chance, Péret tenta appunto di appropriarsi dell’inconscio, del vitale, dell’istintivo per volgerli verso la luce più o meno chiara della scrittura ma tralasciando, quasi ignorandoli, ogni coerenza o senso compiuto: una visione apocalittica e variegata in cui l’esistenza è frammentata in numerose immagini incongruenti e gratuite, montate arbitrariamente dai liberi dettami della scrittura automatica. Dove cercare allora un senso in questa poesia allucinata, che vive sotto la minaccia costante di una scossa tellurica che rovescerà di nuovo tutto, ribaltando i significati, ripudiandoli in nome di una logica nuova, appartenente ad una realtà diversa come quella del sogno e dell’inconscio?

2L’opera di Péret, proprio per la sua natura arbitraria e autonoma, pone delle difficoltà, sia classificatorie che sistematiche. La sua poesia, infatti, così protesa verso il solo momento presente, si esaurisce nel godimento della felicità dell’attimo stesso in cui la parola si compie sorgendo dalle nebbie più indistinte del primitivo e dell’inconscio. Ciò che resta è solo gioco e invenzione e sembra rifiutare qualsiasi tentativo di storicizzazione o di esegesi. Nonostante ciò l’analisi di Spiteri si insinua tra il sogno e le immagini, riuscendo a rintracciare il sottosuolo della scrittura di Péret, le sue prime letture di numi tutelari che, nel tempo, sono rimaste come un’orma nascosta e indelebile a proteggere e influenzare la sua opera, arricchendola come fonti inconsce. Da un lato, il dialogo con i suoi predecessori nel corso di tutto il poema, dall’altro l’estrema modernità della sua poesia – che Spiteri non dimentica comunque di sottolineare – danno vita ad una sintesi armoniosa, ad una poesia fantastica, rivoluzionaria e insieme epica in cui, nonostante sembri impossibile trovare un senso definito, è tuttavia ancora possibile rintracciare un sostrato, una sorta di intertesto fatto di influenze più o meno volontarie, che affonda le sue radici tra passato e presente, che si nutre dell’oggetto contemporaneo e allo stesso tempo della tradizione più illustre: reminiscenze tra le righe, che nascono all’improvviso dalla scrittura automatica, come una memoria culturale sepolta eppure ancora viva, tanto da finire involontariamente tra le pieghe del desiderio e delle associazioni incontrollate. Un groviglio di sensi, scrive Jean-Louis Bédouin nel volume dedicato a Péret dalla collana «Poètes d’aujourd’hui» di Seghers, che si ispira alla rigogliosa fauna del doganiere Rousseau, un territorio vasto come il Messico e il Brasile, e forse ancora di più, e al contempo familiare, come può esserlo la vita di un uomo semplice, amante della libertà, che non cessa di interessare e di offrire al lettore «une petite épopée» (p. 136) moderna, aperta al meraviglioso e alla scoperta.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Rachele Calisti, « Richard Spiteri, Exégèse de Dernier malheur dernière chance de Benjamin Péret »Studi Francesi, 158 (LIII | II) | 2009, 435-436.

Notizia bibliografica digitale

Rachele Calisti, « Richard Spiteri, Exégèse de Dernier malheur dernière chance de Benjamin Péret »Studi Francesi [Online], 158 (LIII | II) | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 02 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/8056

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals