Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Seicento

De l’ordre et de l’aventure. Langue, littérature, francophonie. Hommage à Giovanni Dotoli, sous la direction de Alain Rey, Pierre Brunel, Philippe Desan, Jean Pruvost

Laura Rescia
p. 362-363
Notizia bibliografica:

De l’ordre et de l’aventure. Langue, littérature, francophonie. Hommage à Giovanni Dotoli, sous la direction de Alain Rey, Pierre Brunel, Philippe Desan, Jean Pruvost, Paris, Hermann, 2014 («Comunicazioni sulla letteratura secentesca»), pp. 515.

Testo integrale

1Il volume, uscito da qualche mese, è dedicato a un francesista italiano tra i più attivi, ricco di numerosi e svariati interessi, come è testimoniato dalla caratteristica stessa dei contributi che sono qui raccolti: dalla poesia personale, che è diventata estremamente presente nella bibliografia dotoliana, alla critica letteraria, alla linguistica, all’apertura alla francofonia. Qui ci soffermeremo a sottolineare la presenza di un certo numero di articoli dedicati al xvii secolo, che fu uno dei primi campi di analisi e di ricerca letteraria di Dotoli, che negli anni ’70 dedicò a Jean Mairet numerosissimi studi.

2Il primo testo sulla letteratura secentesca è quello di Charles Mazouer, Les troupes italiennes en France (xvie-xviie siècle): des aventuriers dans l’ordre? (pp. 135-139). Ricollegandosi al titolo scelto per il volume miscellaneo (ordine e avventura), Mazouer si propone di puntualizzare la presenza della commedia dell’arte in Francia, concentrandosi sull’Ancien Théâtre Italien, sulle sue avventure e sventure e sul suo particolare modo di accostarsi a un tipo di teatro “diverso”, in certo modo più classico, e comunque “straniero” rispetto alla commedia italiana del periodo analizzato.

3Daniela Dalla Valle (Héliodore sur la scène: la dramatisation d’Alexandre Hardy. Un projet et un souvenir, pp. 147-151), presenta l’edizione della lunga tragicommedia di Hardy, Théagène et Cariclée, tratta dalla Storia Etiopica di Eliodoro, che – dopo una lunga elaborazione – è apparsa nel 2015 presso i Classiques Garnier. È presentata qui una parte dell’introduzione, come omaggio a Giovanni Dotoli, che è stato uno dei più importanti esponenti del lavoro sul teatro francese barocco.

4Giorgetto Giorgi (La querelle entre Boileau et Desmatets de Saint-Sorlin sur le poème héroïque, pp. 153-158), continuando a lavorare sulle poetiche francesi secentesche, si sofferma qui su Desmarets de Saint-Sorlin, in particolare sui suoi poemi eroici e su alcuni testi critici, e mette a confronto le idee di Desmarets con l’Art poétique di Boileau.

5Sergio Poli ritorna sulle ‘storie tragiche’, di cui si è molto occupato, con lo studio De l’aventure du vrai aux lois de la fiction. Lecture de la première des “Histoire tragiquesde F. de Rosset (pp.159-169). È un testo particolarmente lungo e articolato (rispetto alla media degli studi presentati nel volume), che ritorna sulla presenza di elementi barocchi (la “meraviglia”), sulla poetica della verità tipica del genere, evidenziandone le novità inserite da Rosset e la modernità del testo, che continuerà ad essere ripubblicato fino al xix secolo.

6Segue il saggio di Jean Garapon (Théâtre et violence dans le Roman comique de Scarron, pp.171-176), che si propone di evidenziare le varie forme della violenza sociale e politica, presente e attiva nel Roman comique, filtrandole però attraverso «une suspension, un oubli momentané» fornito dal teatro.

7Giovanna Devincenzo (Les atouts d’un plagiaire professionnel. La traduction de la “Philis de Scire du comte Bonarelli della Rovere par Antoine Baudeau de Somaize, pp. 177-186) fornisce un interessante lavoro su Baudeau de Somaize, anche se la ricchezza di rinvii e riferimenti bibliografici su Somaize non è altrettanto valida su Bonarelli e sulle vicende della Filli di Sciro in campo francese.

8Infine Ronald W. Tobin (L’évolution du personnage principal dans les comédies de Molière, pp. 195-198) si propone di evidenziare rapidamente il dibattito, ancora vivo, sulla drammaturgia del teatro molieriano, partendo dall’Ecole des femmes fino al Bourgeois gentilhomme.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Laura Rescia, « De l’ordre et de l’aventure. Langue, littérature, francophonie. Hommage à Giovanni Dotoli, sous la direction de Alain Rey, Pierre Brunel, Philippe Desan, Jean Pruvost »Studi Francesi, 176 (LIX | II) | 2015, 362-363.

Notizia bibliografica digitale

Laura Rescia, « De l’ordre et de l’aventure. Langue, littérature, francophonie. Hommage à Giovanni Dotoli, sous la direction de Alain Rey, Pierre Brunel, Philippe Desan, Jean Pruvost »Studi Francesi [Online], 176 (LIX | II) | 2015, online dal 01 août 2015, consultato il 12 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/806

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals