Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento

Guillaume Bridet, Littérature et sciences humaines: autour de Roger Caillois

Elisa Ghiosso
p. 438-439
Notizia bibliografica:

Guillaume Bridet, Littérature et sciences humaines: autour de Roger Caillois, Paris, Champion, 2008, pp. 584.

Testo integrale

1Il testo di G. Bridet si presenta come una monografia volta a riportare l’attenzione di pubblico e critica su un autore considerato marginale dai più, il quale svela, ad un’analisi approfondita, tratti originali e fecondi. Il saggio è preceduto da un’introduzione destinata a chiarire metodo di lavoro e impostazione critica; in essa l’autore spiega la propria intenzione di riferirsi a due scienze “laterali” rispetto alla letteratura: la sociologia di Bourdieu e la psicanalisi freudiana con i fondamentali apporti di Melanie Klein. Entrambe le discipline forniscono al saggista gli strumenti necessari per una ricerca che si pone come obiettivo la comprensione dell’opera di Caillois alla luce dei dati biografici e sociali che caratterizzano l’autore. La sociologia di Bourdieu in particolare suggerisce a G. Bridet la nozione di champ, secondo la quale un autore non appartiene soltanto a una determinata classe sociale, ma anche e soprattutto a uno spazio sociale che riunisce tutti coloro che obbediscono a regole comuni. Gli “spazi” in cui si colloca Caillois sono insieme quello letterario e quello scientifico, secondo l’impostazione “diagonale” da lui conferita ai suoi studi.

2Il volume è strutturato in tre parti i cui titoli richiamano le categorie della sociologia di Bourdieu: il primo capitolo, L’individuation et la pensée, propone uno studio dell’opera di Caillois in cui la psicanalisi diventa la chiave fondamentale per la comprensione. In particolare, Bridet si sofferma sul rapporto problematico che Caillois intrattiene con la madre e conseguentemente con la donna, insieme desiderata e temuta come minaccia di morte e disparition. Nella seconda parte, intitolata Identification contrariée et différenciation sociale, l’autore analizza la posizione di Caillois nel mondo letterario a lui contemporaneo, il suo non volersi collocare all’interno di una tradizione rivendicando quasi con superbia la propria situazione di outsider. Concorrono a questa analisi le categorie della sociologia, che si dimostrano però incapaci di descrivere, da sole, il percorso di Caillois. L’ultima parte, Figures de la subversion: Leiris face à Caillois, ribadisce la necessità di unire sociologia e psicologia nell’analisi letteraria; viene qui posto il fondamentale confronto fra Caillois e Leiris, entrambi membri del Collège de Sociologie. I punti in comune non mancano, a partire dall’esigenza autobiografica fino al brouillage des frontières fra letteratura e scienza che caratterizza l’opera di entrambi. Questo confronto si dimostra utile e fecondo per mettere in luce il ruolo di Caillois nel mondo letterario e il perché della sua marginalità. La conclusione, seguita da un’accurata bibliografia tematica, rivela le ragioni che hanno spinto l’autore a tornare sull’opera di Caillois e offre al lettore validi motivi per condividere questa scelta: «Prendre connaissance de l’œuvre de Caillois c’est […] apprendre à se méfier des partages intellectuels trop bien établis et interroger nos modes de pensée habituels» (p. 541).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Elisa Ghiosso, « Guillaume Bridet, Littérature et sciences humaines: autour de Roger Caillois »Studi Francesi, 158 (LIII | II) | 2009, 438-439.

Notizia bibliografica digitale

Elisa Ghiosso, « Guillaume Bridet, Littérature et sciences humaines: autour de Roger Caillois »Studi Francesi [Online], 158 (LIII | II) | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 09 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/8069

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals