Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento

Aa. Vv., Il romanzo francese del Novecento, a cura di Sandra Teroni

Stefano Genetti
p. 441-442
Notizia bibliografica:

Hélène De Jacquelot - Anne Marie Jaton - Annamaria Laserra - Flavia Mariotti - Sandra Teroni, Il romanzo francese del Novecento, a cura di Sandra Teroni, Roma- Bari, Laterza, 2008 («Manuali Laterza», 263), pp. 153.

Testo integrale

1È questo il primo volume di argomento novecentesco a essere pubblicato nella serie «Istituzioni di letteratura francese» diretta da Francesco Fiorentino, una più che opportuna iniziativa editoriale che fornisce messe a punto critiche e strumenti didattici adatti ai riformati programmi universitari. Corredato, oltre che di indice dei nomi, di Riferimenti bibliografici essenziali e di una Tavola cronologica che coordina avvenimenti storici e artistico-culturali, romanzi francesi e stranieri, il libro traccia un panorama incisivo e variegato, necessariamente sintetico e selettivo ma mai enumerativo, che da Proust arriva a Perec e al quale si affiancherà prossimamente, nella stessa collana, Il romanzo francese contemporaneo, a cura di Gianfranco Rubino.

2Strutturata in tre capitoli, la trattazione segue un ordine cronologico duttile, che prevede collegamenti interni – da Gide al nouveau roman, da Roussel all’OuLiPo – e richiami ai medesimi autori in contesti diversi: se di Au château d’Argol di Julien Gracq si parla ad esempio in margine al Surrealismo, su Le Rivage des Syrtes e Un balcon en forêt si torna in merito alle meditazioni sulla guerra. Spesso inquadrati da osservazioni riguardanti l’impatto degli eventi storici e delle situazioni politico-economiche sul divenire della narrativa, i paragrafi si succedono agili e densi. Pur riprendendo etichette canoniche quali romanzo dell’adolescenza, récit poétique o roman-fleuve, si evitano annessioni ideologiche o estetiche tanto collaudate quanto approssimative: non si cerca cioè l’omogeneità ad ogni costo, evidenziando anche ricerche più o meno isolate come quelle di Bataille, Cohen o Simon. Le autrici non solo dedicano un capitoletto alla littérature concentrationnaire e trovano spazio per accennare al poliziesco come modello di sperimentazione narrativa, ma una sezione, a firma della curatrice, concerne la metaforizzazione del viaggio e la decostruzione dell’esotismo e del cosmopolitismo, dell’ansia di evasione e di alterità, negli eterogenei racconti, tra gli altri, di Morand, Nizan, Michaux, Leiris e Artaud, libri del disincanto che contaminano reportage e finzione, diaristica e saggistica e dove «la deriva del viaggio in fuga e in erranza si esprime come crisi di raffigurabilità del mondo stesso» (p. 39). A rafforzare una visione del romanzo come epicentro della riflessione sul fatto letterario contribuiscono i cenni al ruolo svolto dalle riviste e un’attenzione particolare è riservata ai momenti in cui il romanzo sovverte se stesso, esplorando al contempo le proprie potenzialità: dal récit surrealista alla smaterializzazione del tessuto narrativo e alla disidentificazione della voce operata da Blanchot, Bousquet, des Forêts o Beckett. L’evoluzione delle forme narrative viene costantemente inserita nel dibattito teorico che la alimenta, sottolineando così, tra avaguardismi e smantellamento delle mitologie del moderno, tra dissoluzione della storia e ritorno alla Storia, la specificità metanarrativa e autoriflessiva di molto romanzo novecentesco.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Stefano Genetti, « Aa. Vv., Il romanzo francese del Novecento, a cura di Sandra Teroni »Studi Francesi, 158 (LIII | II) | 2009, 441-442.

Notizia bibliografica digitale

Stefano Genetti, « Aa. Vv., Il romanzo francese del Novecento, a cura di Sandra Teroni »Studi Francesi [Online], 158 (LIII | II) | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 10 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/8078

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals