Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento

Régis Lefort, L’originel dans l’œuvre d’Henry Bauchau

Michele Mastroianni
p. 442-443
Notizia bibliografica:

Régis Lefort, L’originel dans l’œuvre d’Henry Bauchau, Paris, Champion, 2007, pp. 433.

Testo integrale

1Fra gli autori del Novecento che più di recente hanno saputo imporsi nel panorama letterario con successo di critica, è senza dubbio doveroso annoverare lo scrittore belga Henry Bauchau. Dopo le importanti monografie di M. Watthee-Delmotte, di G. Henrot Sostero e di O. Ammour-Mayeur, esce ora il lavoro di R. Lefort che si impone per la scelta argomentativa, per l’originalità del soggetto indagato e per la densità contenutistica. Un lavoro che si struttura in tre ampie sezioni. Nella prima (L’histoire d’un sujet, pp. 27-97), Lefort riflette sul ruolo della psicanalisi all’interno della scrittura bauchauliana, con un costante riferimento all’esperienza personale dell’autore – egli stesso paziente e psicanalista per molti anni –, secondo una prospettiva esegetica che intreccia in un rapporto contiguo, inscindibile e dialogico, discorso letterario e discorso psicanalitico, attraverso un percorso critico che tiene in costante considerazione il pensiero freudiano. In questo senso Lefort insiste sul ruolo dell’inconscio e del sogno, motori fondanti la creazione poetica dello scrittore. Nella seconda parte (Écrire ou la dissociation du sujet, pp. 99-166), il centro focale di interesse è il soggetto e la presenza del soggetto-autore all’interno delle sue opere, considerato che la formazione del je poetico, teso alla scrittura, come il suo stesso evolversi e il suo dilatarsi in e verso di essa, parte da un momento assolutamente centrale: l’infanzia. Nell’esame del percorso elaborativo – dall’elaborazione all’oggettivazione dell’opera letteraria – non mancano però, nello studio di Lefort, i rimandi alle problematiche della résistance alla scrittura e dell’espérance nella scrittura, problematiche centrali anch’esse all’interno degli scritti bauchauliani, siano questi pagina di poesia, di prosa, di giornale intimistico o di riflessione estetico-letteraria. Nella terza parte (Résurgence du mythe, pp. 167-255) il discorso, sempre con organica e strutturata coscienza critica, si sposta sull’importanza e sul significato del mito per Bauchau e in Bauchau, attraverso un’indagine che si dipana soprattutto a partire dai personaggi di Edipo e di Antigone, emblemi di una riscrittura che rivisita e ricostruisce la fabula antica, proprio per il tramite dei due romanzi eponimi Œdipe sur la route (1990) e Antigone (1997). Nella quarta sezione (Le chant, la danse, le sacré, pp. 257-338), il discorso verte sull’importanza dello spazio come luogo in cui scrittura e lettura del discorso letterario coincidono, in quella coesione che è all’interno di un «espace ouvert non orienté entre un passé et un futur qui sans cesse le fondent et l’anéantissent» (p. 259). Infine, l’ultima parte del lavoro (Prolongements, pp. 339-374) è dedicata al romanzo L’Enfant bleu (2004), espressione di un punto nodale della scrittura bauchauliana, quello cioè delle voci narrative che prendono corpo negli scritti di Bauchau, ma espressione anche forse più immediata di quell’originel che diventa per Lefort categoria critica e chiave di lettura dell’intera opera dello scrittore belga. Segue un’intervista inedita che ha per oggetto il romanzo menzionato e la presenza in esso, attraverso i personaggi di Véronique e di Vasco, della coppia amica di Henry, quella cioè formata dalla psicanalista Blanche Reverchon Jouve e da suo marito, Pierre Jean Jouve. Ora, proprio nella nozione di originel si crea, per così dire, la collazione dell’intero saggio di Lefort. Originel come nozione filosofica e letteraria che Lefort, partendo, nella fattispecie, da una considerazione bauchauliana («À l’aide du labyrinthe de l’ego et à travers lui, c’est l’originel – c’est-à-dire ce qui est à tous – que je tente d’atteindre», cfr. p. 18, nota 4) individua nello «statut d’une écriture qui ‘engendre’, proche en cela […] d’un principe féminin à la source de la création […]. De la première lecture, il semble évident que le point central de l’œuvre est l’originel, à la fois point de convergence et lieu natif d’où elle s’irradie […]. Originel et non pas origine, car l’origine, point de départ, s’opposerait à la fin» (p. 21). Originel, dunque, come essenza della scrittura bauchauliana, come principio e fine a un tempo di quel processo elaborativo che, per così dire, segue sincronicamente strutture chiastiche e circolari che s’interpellano per annullarsi vicendevolmente, proprio come si richiamano per distruggersi l’un con l’altra l’inizio e la fine di questa scrittura che permane in una circolarità di elaborazione, ove inizio e fine sono punti di coincidenza illimitatamente tesi verso una scrittura obsédante. Frutto di una riflessione che si estende praticamente sull’opera omnia di Bauchau, questo studio si distingue per il rigore critico e per il vasto materiale che esso fornisce allo studioso. Da segnalare infine la puntuale, aggiornata e ricca bibliografia (pp. 375-414) che con l’indice dei nomi propri, l’indice dei temi e delle nozioni e l’indice delle opere citate, chiude questo importante saggio.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Michele Mastroianni, « Régis Lefort, L’originel dans l’œuvre d’Henry Bauchau »Studi Francesi, 158 (LIII | II) | 2009, 442-443.

Notizia bibliografica digitale

Michele Mastroianni, « Régis Lefort, L’originel dans l’œuvre d’Henry Bauchau »Studi Francesi [Online], 158 (LIII | II) | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 03 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/8080

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals