Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento

Alain Goulet, Sylvie Germain: œuvres romanesques. Un monde de cryptes et de fantômes

Enrico Bonadei
p. 445-446
Notizia bibliografica:

Alain Goulet, Sylvie Germain: œuvres romanesques. Un monde de cryptes et de fantômes, Paris, L’Harmattan, 2007 («Critiques littéraires»), pp. 284.

Testo integrale

1Il presente saggio realizza un’approfondita esplorazione simbolica e filosofica dell’immaginario di Sylvie Germain, ricostruito non solo a partire dai romanzi, come suggerito dal titolo, ma tenendo conto anche di due racconti giovanili, L’Aveu e Opéra muet, della tesi di dottorato in filosofia intitolata Perspectives sur le visage e di due saggi, Vermeer e Les personnages, affrontati nel capitolo VI (pp. 227-244). Lo studio è completato da una documentata biografia (pp. 249-256) e da due interviste, Entretien de Sylvie Germain (pp. 257-266) di Alain Goulet e Sylvie Germain, la vie comme un palimpseste (pp. 267-268) di Nathalie Colleville. La rigorosa aderenza al testo, particolarmente apprezzabile nell’analisi di L’Aveu, è approfondita dal competente studio delle ricche basi filosofiche – Levinas, Derrida – e psicanalitiche – Abraham, Török, Anzieu – dell’autrice, e da una particolare sensibilità alle risonanze bibliche ricorrenti. Non trovano spazio invece i numerosi possibili riferimenti al panorama dell’extrême contemporain.

2Il saggio si apre con una sintetica rassegna delle tematiche portanti nell’opera in questione (Problématique, pp. 17-34): la Shoah, le «perspectives sur le visage» della tesi di dottorato, la lotta con l’angelo, la questione del male e il concetto di crypte, inteso come luogo dell’interiorità in cui si radica un antico trauma. Lo studio ricostruisce un’evoluzione che, dopo la cupa stagione degli esordi, arriva a contemplare, nelle pubblicazioni più recenti, la possibilità di un riscatto dalla disperazione. Tale percorso segue un ordine prevalentemente cronologico: ai primi romanzi, Le Livre des nuits e Nuit d’Ambre, affrontati nel capitolo I (pp. 35-80), succede l’unico passo indietro del capitolo secondo (pp. 81-98), in cui sono analizzati i due già citati racconti precedenti. Le opere si susseguono quindi in ordine di pubblicazione. Il terzo capitolo (pp. 99-134) riguarda Jours de colère e L’Enfant Méduse, nei quali il tema delle violenze familiari su bambini permette all’autrice di descrivere la genesi della crypte nell’interiorità dei protagonisti e di inserire nella finzione alcuni elementi autobiografici che il critico reperisce con abilità e prudenza, specie riguardo a L’Enfant Méduse. Seguono i «romans praguois», La Pleurante des rues de Prague, Immensités, Éclats de sel, L’Encre du poulpe (capitolo IV, pp. 135-172), composti dall’autrice nel corso di un lungo soggiorno nella capitale ceca e caratterizzati da una nuova attenzione ai tentativi di «reconquérir un monde habitable aux coeurs blessés» (p. 135). La parabola di riemersione dalla disperazione conduce al quinto capitolo (pp. 173-226), in cui Tobie des marais, Chanson des mal-aimants e Magnus sono interpretati come romans d’apprentissage strutturati su percorsi di superamento di gravi traumi infantili.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Enrico Bonadei, « Alain Goulet, Sylvie Germain: œuvres romanesques. Un monde de cryptes et de fantômes »Studi Francesi, 158 (LIII | II) | 2009, 445-446.

Notizia bibliografica digitale

Enrico Bonadei, « Alain Goulet, Sylvie Germain: œuvres romanesques. Un monde de cryptes et de fantômes »Studi Francesi [Online], 158 (LIII | II) | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 04 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/8089

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals