Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Opere generali

Jocelyn Royé, La figure du pédant de Montaigne à Molière

Gabriella Bosco
p. 459
Notizia bibliografica:

Jocelyn Royé, La figure du pédant de Montaigne à Molière, Genève, Librairie Droz, 2008, pp. 235.

Testo integrale

1Tra la fine del xvi e l’inizio del xvii secolo, la caratterizzazione comica del Pedante – di origine italiana, come l’etimologia del termine – diventa topos. A finire nel mirino degli autori che fanno di questo personaggio il Ridicolo per eccellenza, sono tanto il suo aspetto fisico, quanto il valore intellettuale e la dimensione morale e sociale del Pedante. In origine connotato non negativamente, quasi sinonimo di pedagogo, l’appellativo assume vieppiù carattere spregiativo, a mano a mano che la figura corrispondente viene identificata con la personificazione della forma più comica di dicotomia tra essere e apparire: l’universitario sentenzioso il cui gergo incomprensibile ha il suo correlativo oggettivo in una condotta avvilente.

2Ma con il prendere corpo del personaggio in quanto oggetto di satira, si delineano anche le condizioni esemplari per l’avvio di una schermaglia di tipo culturale: l’accusa di “pedantismo” che gli autori si scagliano l’un l’altro diventa ben presto uno dei perni inevitabili di ogni querelle di natura letteraria.

3Jocelyn Royé ricostruisce, in questo saggio denso e ricco, la storia e le evoluzioni sia del personaggio che del suo trattamento in ambiti e generi diversi: dalla commedia alla poesia satirica, dalle histoires comiques al romanzo. Se è vero, come ha scirtto Jean Mesnard, che «l’ideale intellettuale e letterario del xvii secolo si definisce in reazione contro lo spirito universitario e contro il tipo del pedante», era ora che uno studio sistematico venisse riservato alla questione, sinora affrontata in questo o quell’autore (Madeleine Lazard a proposito di Pierre de Larivey, Patrick Dandrey sul pedante secondo Molière, Jacques Prévot secondo Cyrano de Bergerac e gli scrittori libertini) o in un genere specifico (Robert Horville sul teatro del primo Seicento).

4Tre i capitoli del saggio. Il primo, e più corposo, traccia “Le portrait du pédant” (pp. 25-113) partendo dalla sua genealogia (repertorio medievale, pedante italiano, commedie rinascimentali, teatro, romans e histoires comiques del xvii secolo) per poi delineare la sua identità, fornirne la descrizione fisica e vestimentaria, il ritratto morale, il comportamento sociale (in famiglia, con le donne, nei confronti dei domestici) e il suo atteggiamento rispetto alla scuola: il percorso va da Montaigne a Molière. Il secondo capitolo, “Le langage pédantesque” (pp. 115-143), analizza la lingua parlata dal pedante, in rapporto sia al latino sia al francese, ne studia lessico e sintassi, e in ultimo la degenerazione patologica. Il terzo capitolo, invece, che si focalizza sul “pédantisme de la Rive Droite”, studia l’evoluzione del pedante in quanto letterato mondano e l’epoca in cui l’accusa di pedantismo viene a colpire un ambiente sociale chiaramente identificabile.

5Chiudono il volume una corposa, esauriente bibliografia (pp. 199-222) e gli indici dei nomi, delle opere e dei personaggi di pedante, maschili e femminili.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Gabriella Bosco, « Jocelyn Royé, La figure du pédant de Montaigne à Molière »Studi Francesi, 158 (LIII | II) | 2009, 459.

Notizia bibliografica digitale

Gabriella Bosco, « Jocelyn Royé, La figure du pédant de Montaigne à Molière »Studi Francesi [Online], 158 (LIII | II) | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 07 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/8132

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals