Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Opere generali

Aa. Vv., Microrécits médiatiques. Les formes brèves du journal, entre médiations et fiction, «Études françaises» 44, 3, numéro préparé par Marie-Ève Thérenty et Guillaume Pinson

Gabriella Bosco
p. 459-460
Notizia bibliografica:

Aa. Vv., Microrécits médiatiques. Les formes brèves du journal, entre médiations et fiction, «Études françaises» 44, 3, numéro préparé par Marie-Ève Thérenty et Guillaume Pinson, Les Presses de l’Université de Montréal, 2008, pp. 181.

Testo integrale

1Il numero è dedicato ad alcune mini-rubriche giornalistiche nel periodo che va dal 1830 all’indomani della Prima Guerra mondiale. Il termine usato dai curatori per definire il genere studiato, microrécits, accomuna un certo numero di piccoli testi collocati nello spazio del giornale i cui tratti caratterizzanti sono la brevità, l’estetica del dettaglio, il frequente anonimato. Anticipazione sulla modernità, sono testi che propongono la riflessione in formato minuscolo, frammentaria, spezzettata, incompleta, costringendo il soggetto a una fruizione specificamente nuova.

2I curatori Marie-Ève Thérenty et Guillaume Pinson sottolineano nella loro presentazione (Le minuscule, trait de civilisation médiatique, pp. 5-12) la varietà dei testi analizzati in questo numero della rivista: pur senza trascurare il microgenere del fait divers, più noto e studiato, vengono privilegiati altri microracconti quali il fait-Paris, l’écho, la nouvelle à la main, la blague, l’histoire drôle, il carnet (mondano o necrologico), il piccolo annuncio, la devinette, la charade, il logogriphe, certe forme di pubblicità, in pratica tutta una cultura mediatica dell’istantaneo. Terreni d’indagine privilegiata sono “Le Figaro”, “Le Corsaire”, “Le Tintamarre”. Ma potenzialmente sono “contaminati” da questo tipo di cultura tutti i giornali e i periodici dell’epoca, dal grande quotidiano nazionale al magazine alla rivista specializzata.

3Una considerazione interessante che nasce dagli studi qui riuniti consiste nel rapporto di reciproca influenza che letteratura e giornalismo intrattengono per il tramite della forma breve: da un lato, la letteratura entra infatti nel giornale grazie alla misura breve e minuscola, dall’altro è grazie all’estetica del dettaglio che il giornale e il suo immaginario penetrano nel cuore della letteratura.

4Il giornale, che è luogo di gestazione del minuscolo tanto quanto opera-mondo, prova come la coesistenza dei due fenomeni – frammentazione e totalizzazione – sia essenziale nella cultura della modernità. Questo è il punto di partenza dell’indagine condotta dai collaboratori del numero, che si apre con l’articolo di Jean-Didier Wagneur (Le journalisme au microscope. Digressions bibiographiques, pp. 23-44) dedicato a esporre i tratti essenziali della petite presse e lo spazio che essa occupa nel paesaggio mediatico e letterario tra la monarchia di Luglio e il Secondo Impero. Segue l’intervento di Boris Lyon-Caen («Esprit, es-tu là?». Epigramme et satire en 1830, pp. 45-56) che si occupa in particolare dell’epigramma, piccolo genere satirico di lunga tradizione che il giornalismo adotta alla vigilia della monarchia di Luglio. Marie-Ève Thérenty propone poi un contributo che forma, con i due precedenti, un trio sui microgeneri caratterizzati dalla tonalità ironica. La studiosa analizza infatti le histoires drôles nella grande stampa quotidiana di fine secolo, prendendo come caso esemplare La vie drôle di Alphonse Allais pubblicata da “Le Journal” a partire dal 1892 (Vies drôles et «scalps de puce»: des microformes dans les quotidiens à la Belle Epoque, pp. 57-67). Silvia Disegni s’interroga invece sulle conseguenze della cultura mediatica del dettaglio sul poème en prose, ma anche sui legami sottili tra questa forma poetica e la cronaca che tende all’epoca a farsi narrativa. L’articolo si sofferna sull’«idée de heurt» come forma ossimorica di coesistenza, all’interno della pagina di giornale, di forme diverse e a priori inconciliabili ma giustapposte, di cui i microrécits mediatici sono le manifestazioni più evidenti. Il poème en prose viene quindi proposto come «le lieu et la synecdoque de ce heurt», forma sottile di conciliazione volta anche a poetizzare l’effimero del giornale (Poème en prose et formes brèves au milieu du xixe siècle, pp. 69-85).

5Seguono due contributi che stabiliscono tra di loro una sorta di dialogo: Corinne Saminadayar-Perrin ricorda il valore storico che i contemporanei del periodo 1830-1870 attribuiscono al giornale proprio per la qualità della sua poetica del minuscolo, riconoscendo che il quotidiano è sommamente in grado di cogliere «les plus microscopiques manifestations de l’histoire en train de se faire». Se pure certa critica rimprovera al giornale di esacerbare il minuscolo a detrimento del senso, va detto che il trionfo della “chose vue” annuncia quello del reportage, in cui testimonianza e contingenza si alleano per determinare la forza del giornale (Micro-histoire(s) du contemporain: détails et choses vues,1830-1870). Ma Guillaume Pinson fa osservare come una storiografia completa, sintetica del giornale fosse impensabile dal punto di vista concettuale nel xix secolo proprio per via del suo carattere dispersivo (L’impossible panorama: l’histoire fragmenté du journal au xixe siècle, pp. 109-119).

6Pierre Popovic allarga poi la prospettiva sul xx secolo, occupandosi del Tour de France come impresa mediatica la cui creazione nel 1903 è opera di Henri Desgrange, direttore di “L’Auto-Vélo”. Il Tour è mediatico soprattutto in virtù del suo carattere periodico (è avvenimento annuale) e per la divisione in tappe che genera lo spezzettamento della sua rappresentazione nel giornale attraverso il riassunto della tappa. Popovic ricorda tra l’altro le cronache sportive del Tour edizione 1924 di Albert Londres, influenzate dai suoi celebri reportages sulle colonie penali della Guyana dell’anno precedente: Londres chiama in effetti i ciclisti «forçats de la route», e l’abbandono volontario dei fratelli Pelissier fa assumere al Tour una dimensione sociale, agli occhi del cronista. Il suo microrécit alimenta così la leggenda del Tour tramite l’immaginario legato al forzato, che ha al suo attivo una lunga storia, da Vautrin a Valjean (La métamorphose des oxymores. Le résumé de l’étape par Henri Desgrange et Albert Londres, pp. 121-138).

7L’interessante volume è inoltre arricchito da un prezioso glossario (Petit lexique des microformes journalis-tiques, pp. 13-22).

8In allegato, due exercices de lecture affidati a dei dottorandi: La bibliothèque imaginaire de l’humanité dans la trilogie “Soifs” de Marie-Claire Blais di Karine Tardif (pp. 141-157) e Le temps contemporain ou le Jadis chez Pascal Quignard di Simon Saint-Onge.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Gabriella Bosco, « Aa. Vv., Microrécits médiatiques. Les formes brèves du journal, entre médiations et fiction, «Études françaises» 44, 3, numéro préparé par Marie-Ève Thérenty et Guillaume Pinson »Studi Francesi, 158 (LIII | II) | 2009, 459-460.

Notizia bibliografica digitale

Gabriella Bosco, « Aa. Vv., Microrécits médiatiques. Les formes brèves du journal, entre médiations et fiction, «Études françaises» 44, 3, numéro préparé par Marie-Ève Thérenty et Guillaume Pinson »Studi Francesi [Online], 158 (LIII | II) | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 14 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/8134

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals