Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Opere generali

Ginette Michaux, De Sophocle à Proust, de Nerval à Boulgakov: essai de psychanalyse lacanienne

Gabriella Bosco
p. 463
Notizia bibliografica:

Ginette Michaux, De Sophocle à Proust, de Nerval à Boulgakov: essai de psychanalyse lacanienne, Ramonville-Saint-Agne, Éditions Érès, 2008, pp. 239.

Testo integrale

1L’autrice, Ginette Michaux, è psicanalista, membro dell’École de la cause freudienne e insegnante alla Section clinique di Bruxelles, oltre che professore emerito dell’Université de Louvain. Con questo volume intende dimostrare il valore operativo che assume, in letteratura, l’orientamento interpretativo fornito da Lacan. Nell’analizzare uno scritto letterario, Lacan faceva emergere il montaggio finzionale della logica del desiderio e sottolineava come la creazione artistica possa avere effetti analitici sul lettore.

2Inserito nella collana «Psychanalyse et écriture» diretta da Jean-Pierre Lebrun (che ha già al suo attivo uno studio di Marie Jemma-Jejcic su Jean Cocteau ou l’énigme du désir, sottotitolo: Ce que le poète apprend au psychanalyste, 2006, pp. 304), il saggio di Ginette Michaux – che si avvale di una presentazione di Pierre Piret dedicata alla nozione lacaniana di “parlêtre” – comporta quattro sezioni. La prima, «Psychanalyse et littérature» (pp. 21-30), fornisce un’introduzione all’orientamento lacaniano e ricorda l’apporto della psicanalisi alla teoria della letteratura. La seconda, «La lettre et le désir» (pp. 33-159), studia lo “sguardo proustiano” in cinque sue modulazioni (l’oggetto perso e la scrittura, l’incontro di Gilberte, l’incontro di Madame de Guermantes, i biancospini e la fotografia); Sylvie di Gérard de Nerval; Moi aussi je suis peintre di André Sempoux; il discorso tragico nel teatro di Sofocle; il primo teatro di Maurice Maeterlinck; l’oggetto d’oro nelle Quinze chansons dello stesso autore e La déchirure di Henry Bauchau.

3La terza sezione, dedicata alle «Ecritures de la pulsion de mort» (pp. 163-212) propone lo smontaggio del discorso perverso, ovvero i dibattiti filosofici nell’opera di Sade; si sofferma sull’enigma del lupo mannaro nel Thyl Ulenspiegel; illustra la logica dell’assassinio in Bruges-la-Morte di Georges Rodenbach e quella del doppio in Un homme si simple di André Baillon; e si conclude con un’analisi de La surface de l’eau di Eugénie De Keyser.

4La quarta e ultima sezione, «Subversions du discours du maître» (pp. 215-229), completa il discorso critico indagando La Nouvelle Héloïse di Rousseau dal punto di vista di un uso inedito della tromperie, e Il maestro e Margherita di Bulgakov come un sistema di scrittura che si oppone alla censura tramite il fantastico.

5Tredici dunque le opere studiate, nell’ottica di snidare la singolarità inventiva di ognuna di esse grazie all’approccio lacaniano e a un agile, convincente ricorso alla psicanalisi applicata.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Gabriella Bosco, « Ginette Michaux, De Sophocle à Proust, de Nerval à Boulgakov: essai de psychanalyse lacanienne »Studi Francesi, 158 (LIII | II) | 2009, 463.

Notizia bibliografica digitale

Gabriella Bosco, « Ginette Michaux, De Sophocle à Proust, de Nerval à Boulgakov: essai de psychanalyse lacanienne »Studi Francesi [Online], 158 (LIII | II) | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 02 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/8140

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals