Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Cinquecento

Alessandra Preda, Ilarità e tristezza. Percorsi francesi del Candelaio di Giordano Bruno (1582-1665)

Dario Cecchetti
p. 159-160
Notizia bibliografica:

Alessandra Preda, Ilarità e tristezza. Percorsi francesi del Candelaio di Giordano Bruno (1582-1665), Milano, LED («Il Filarete», CCL), 2007, pp. 346.

Testo integrale

1Nel 1582 Il Candelaio di Giordano Bruno è pubblicato a Parigi: a partire da questa data – e dal luogo di edizione – inizia un percorso francese dell’opera, che A. Preda si propone di ricostruire, un percorso «accidentato, privo della linearità di forme, contenuti e pubblico, instabile anche nello spazio del suo manifestarsi, sulla scena precaria della Parigi del tempo o nella nicchia editoriale francese di un’opera in lingua italiana» (p. 181). La ricostruzione è scandita anzitutto su tre interventi sul testo di Bruno, che segnano un’evidente evoluzione nell’approccio francese alla pièce. In primo luogo le annotazioni d’ordine linguistico che si ritrovano, in margine, su una copia dell’edizione parigina del 1582 (Bibl. di Troyes, AA, 17. 3710), annotazioni che non devono essere posteriori al primo Seicento e che denotano attenzione «ai modi di dire inediti, spesso dialettalismi napoletani, ai neologismi bruniani, ai termini ludici e a un lessico gastronomico che infarcisce copiosamente il discorso del Candelaio» (p. 91). Anche se l’annotatore è spesso maldestro, i suoi interventi di traduzione denotano la volontà di diffondere il testo di Bruno al di là della ristretta cerchia di italianisants cui mirava l’edizione parigina. La seconda tappa di questa impresa di diffusione può essere considerata la più antica traduzione francese della pièce, rimasta per secoli manoscritta, risalente ai primi decenni del Seicento (attraverso una stringente disamina, in primis linguistica, del testo, di cui offre un’edizione critica in appendice, A. Preda propende per una data situabile intorno al 1630). Anche in questo caso, l’interesse per l’opera di Bruno è eminentemente linguistico, senza peraltro che del livello del linguaggio permanga quello sperimentalismo che si fa gioco deformante e allusivo, con cui si discredita la società del tempo: «permane invece, in sintonia con la produzione delle riviste satiriche contemporanee, la scandalosa oscenità che investe anche la ritualità cattolica, e si mantiene il ridicolo capovolgimento di situazioni semantiche proprie del petrarchismo come del linguaggio erudito, o della ‘sapiente’ retorica di maghi imbroglioni» (p. 184). Tuttavia, questa traduzione travalica il puro interesse linguistico ed è significativa di un diffondersi del Candelaio in un ambiente contraddistinto ideologicamente, «non la piccola corte raffinata e italianisante che può avere accolto con malizia e indipendenza la pubblicazione parigina del 1582, ma un ambiente intellettuale maggiormente connotato da interessi filosofici, segnatamente libertini, e protagonista di un’attività letteraria polemica, irriverente, che ama infrangere librement la fissità di codici poetici tradizionali quanto il conformismo di comportamenti etico-sociali dominanti» (pp. 184-185): A. Preda ipotizza, per le corrispondenze significative messe in luce, che tale ambiente possa essere identificato con il cenacolo di Tolosa facente capo ad Adrien de Monluc, animatore di quella Académie des Philarètes, in cui si riuniva nel primo Seicento un gruppo di esprits forts tolosani. In terza battuta, nella parabola di diffusione francese della pièce, abbiamo la traduzione-adattamento («Imitée de l’Italien de Bruno Nolano», recita il sottotitolo) anch’essa anonima, pubblicata a Parigi nel 1633, con il titolo Boniface et le Pédant. Il livello che qui interessa non è più quello puramente linguistico, in quanto le istanze di modernità che vogliono essere soddisfatte concernono una nuova sensibilità linguistica, psicologica e morale, ma soprattutto l’attenzione alle qualità teatrali: «l’anonimo autore di Boniface et le Pédant ne sfrutta le caratteristiche drammaturgiche per coniugare istanze libertine ed estetica barocca; alcuni decenne successivi, Jean de La Fontaine ne coglierà ancora l’efficacia polemica, attingendo a una messa in scena rappresentata nel Candelaio per elaborare uno dei suoi Contes» (p. 186). A. Preda nel percorrere il suo itinerario bruniano – itinerario francese – arricchisce così il quadro dell’italianismo in Francia nel Seicento proiettando su una filière che va da Théophile de Viau a Cyrano, da Molière a La Fontaine, l’ombra di un Giordano Bruno che attraverso il Candelaio influisce in direzioni molteplici, da quelle del linguaggio a quelle della struttura teatrale e narrativa, con connotazione ideologica sempre molto forte. L’interessante libro che qui recensiamo travalica pertanto i limiti della storia della fortuna bruniana per farsi storia di un italianismo francese che è italianismo libertin, rispondente ad esigenze di ‘modernità’.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Dario Cecchetti, « Alessandra Preda, Ilarità e tristezza. Percorsi francesi del Candelaio di Giordano Bruno (1582-1665) »Studi Francesi, 157 (LIII | I) | 2009, 159-160.

Notizia bibliografica digitale

Dario Cecchetti, « Alessandra Preda, Ilarità e tristezza. Percorsi francesi del Candelaio di Giordano Bruno (1582-1665) »Studi Francesi [Online], 157 (LIII | I) | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 08 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/8228

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals