Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Settecento

Charles-Joseph, Prince de Ligne, Mes écarts ou ma tête en liberté et autres pensées et réflexions

Maria Immacolata Spagna
p. 178-179
Notizia bibliografica:

Charles-Joseph, Prince de Ligne, Mes écarts ou ma tête en liberté et autres pensées et réflexions. Édition critique par Jeroom Vercruysse et Daniel Acke, Paris, Honoré Champion, 2007 («L’Âge des Lumières», 37), pp. 1127.

Testo integrale

1La presente edizione critica riunisce per la prima volta tutte le versioni manoscritte e stampate dei pensieri e riflessioni del principe Charles-Joseph de Ligne, quelli che lui stesso ha deciso di intitolare Écarts e quelli senza titolo, aggiungendo, ai testi già pubblicati, numerosi inediti. Fino ad oggi quasi tutti gli editori hanno mischiato gli “écarts” autentici con gli altri pensieri senza titolo, perché in realtà nessuna particolarità formale o tematica distingue gli uni dagli altri.

2I primi tre manoscritti presentati in questo volume con la sigla Aa, Ab, Ac sono raccolte di note di mano del principe de Ligne. Benché sprovvisti di titolo, i tre testi contengono la prima redazione degli Écarts. Ciò è evidente dalla prima pagina in cui figura la prefazione che si ritroverà nelle versioni successive. Da questi manoscritti il principe ha estratto la materia per uno più copioso, il manoscritto B intitolato Mes écarts ou ma tête en liberté, che è stato oggetto di numerose sue riletture e correzioni. Successivi a queste entità, i manoscritti B2, B3, B4 e B5 costituiscono delle piccole raccolte più tardive, i cui titoli rinviano espressamente agli Écarts. L’ultima tappa riguarda il passaggio alla stampa: il principe ha riletto i suoi manoscritti, eliminato e aggiunto alcune riflessioni, prima di dare un testo definitivo alle stampe di Walther a Dresda. Per quanto riguarda le versioni stampate, la sola edizione completa degli Écarts è quella che il principe de Ligne ha inserito nel 1796-1797 nei tomi XII e XIII dei suoi Mélanges militaires, littéraires et sentimentaires, a cui ha aggiunto nel 1797 un Supplément à mes écarts: et portraits che occupa il tomo XX, nel 1807-1808 altri Écarts nei tomi XXIX e XXXI.

3Nella seconda parte della presente edizione critica sono raggruppate tutte le versioni manoscritte e stampate che raccolgono le riflessioni brevi sprovviste del titolo di Écarts. L’unica edizione completa è quella pubblicata nei Mélanges militaires, littéraires et sentimentaires: tomi XXII e XXIII del 1801, tomi XXV e XXVI del 1802. Qui è presentata anche l’antologia che de Ligne trasse dalle Lettres et pensées du maréchal prince de Ligne e pubblicò, con la prefazione di Mme de Staël, sotto il titolo di Pensées diverses.

4Un capitolo riservato alle varianti permette di cogliere le modifiche che il principe ha apportato nelle varie versioni ed aiuta ad avere una visione completa dell’evoluzione del suo universo morale, spirituale e intellettuale. Con Mes écarts ou ma tête en liberté et autres pensées et réflexions ci troviamo, infatti, nel cuore delle sue preoccupazioni, laddove espresse le sue convinzioni più personali, lasciando talvolta i suoi pensieri più audaci nel manoscritto. Qui il Principe confessa le sue contraddizioni, le sue debolezze, le sue preferenze amorose, il suo desiderio di successo, e persino il suo sentimento riguardante la morte.

5Riflettendo sui pensieri degli scrittori del xvi e xvii secolo, come Montaigne, Pascal, La Rochefoucauld, egli si rende conto che la condizione umana è infelice. L’immagine che ci dà dell’uomo è quella di un disadattato, incapace di vivere razionalmente un presente in continuo movimento. L’epicureismo del principe si afferma però malgrado le incertezze del tempo e gli ostacoli procurati dagli altri. Riconosciuta illusoria la possibilità di riformare in profondità la società, la sua convinzione è che bisogna «tirer parti de la vie», sfruttare le potenzialità del presente. Pessimismo antropologico e ricerca ostinata della felicità governano la visione globale del principe sulla società. De Ligne sostiene che l’uomo non sia fatto per la società in quanto essa non può essere fondata sull’uguaglianza. La comunità degli uomini è marcata in modo indelebile dal dominio dell’uno sull’altro con la forza. Il dispotismo potrebbe essere malgrado tutto il regime politico migliore, in grado di assicurare un ruolo pacificatore attraverso l’equilibrio delle forze, fatta eccezione per i piccoli paesi per i quali è consigliata la repubblica. La gerarchia sociale e l’autorità del re risultano indispensabili e devono essere sottolineate e garantite da segni esteriori. Disseminate lungo gli Écarts, troviamo numerose proposte di riforma politica, la cui natura rivela un pensiero utopistico. La società ideale dovrebbe essere guidata in modo autoritario, come tutte le utopie. De Ligne mira ad un controllo stretto della popolazione. La sua è una visione paternalista che assimila i capi di Stato a buoni padri di famiglia.

6Nelle riflessioni, il principe manifesta il suo attaccamento per la storia come scuola di morale. Fare storia per lui significa innanzitutto prendere esempio da uomini eccezionali come Cesare, Carlo XII o Federico II. Ammira in ognuno di essi l’arte politica e militare. Considera la Rivoluzione francese un disastro politico e culturale e si sforza di spiegarne le cause, additando come responsabili il re, i suoi ministri e i nobili. Le riflessioni sugli affari militari occupano un posto relativamente discreto rispetto all’importanza che questi hanno avuto nella vita del principe e nel resto della sua opera. Spicca la considerazione positiva che ha della guerra in quanto permette lo sviluppo di alcune virtù dell’uomo come il coraggio e lo spirito di solidarietà. Per quanto riguarda la religione, dichiara le sue convinzioni anticlericali e, nello stesso tempo, conferma la sua fede in Dio.

7Questo volume costituisce un prezioso documento che permette di conoscere l’evoluzione del pensiero morale e politico di de Ligne e, al contempo, di approfondire il periodo in cui egli ha vissuto, quello che va dall’Ancien Régime al periodo post-rivoluzionario.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Maria Immacolata Spagna, « Charles-Joseph, Prince de Ligne, Mes écarts ou ma tête en liberté et autres pensées et réflexions »Studi Francesi, 157 (LIII | I) | 2009, 178-179.

Notizia bibliografica digitale

Maria Immacolata Spagna, « Charles-Joseph, Prince de Ligne, Mes écarts ou ma tête en liberté et autres pensées et réflexions »Studi Francesi [Online], 157 (LIII | I) | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 13 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/8270

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals