Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Settecento

Emmanuelle Sauvage, L’œil de Sade. Lecture des tableaux dans «Les Cent Vingt Journées de Sodome» et le trois «Justine»

Bianca Gai
p. 179-180
Notizia bibliografica:

Emmanuelle Sauvage, L’œil de Sade. Lecture des tableaux dans «Les Cent Vingt Journées de Sodome» et le trois «Justine», Paris, Champion, 2007 («Les Dix-huitièmes siècles», 114), pp. 270.

Testo integrale

1L’avvio del saggio ripercorre la discussione sulle affinità delle arti originatasi tra Sei e Settecento a partire da una rinnovata riflessione sul precetto oraziano dell’ut pictura poesis, per illustrare nelle opere narrative di Sade un’adesione alla poetica del tableau coeva ai suoi tempi. Da concetto prevalentemente retorico, la nozione di tableau si veniva trasformando in quegli anni in categoria drammaturgica, per gli apporti teorici di Du Bos, Diderot e Beaumarchais. Sade contribuisce a questo slittamento di senso, incastonando nelle pause della narrazione romanzesca, soprattutto nelle tre versioni di Justine e nelle Cent Vingt Journées de Sodome, quadri descrittivi che si pongono in bilico fra diversi generi e forme artistiche. Tableaux che sembrano essere rilevati da un protocollo definito di segnali discorsivi e metadiscorsivi e si concatenano secondo principi di classificazione ispirati dalle tassonomie scientifiche, religiose o didascaliche. Di questi vengono citati come importanti criteri di ordinamento della narrazione, la variazione, la gradazione e la compensazione.

2La messa in rilievo dei tableaux avvicina i testi narrativi di Sade al teatro, come risulta evidente nelle Cent Vingt Journées de Sodome, in cui le descrizioni delle passioni dei personaggi sono precedute da un’introduzione composta da “didascalie” e da una tavola di ricapitolazione dei personaggi simile alle liste di dramatis personae che aprono i componimenti teatrali. L’opera del resto è strutturata come una successione di scénarios, identificati con i racconti delle vicende sessuali delle quattro historiennes, e delle loro riproduzioni nelle azioni dei libertini, che a loro volta valgono da ipotetici copioni per le reazioni dei lettori. Come dimostra l’autrice, la coincidenza fra scénario e tableau non è mai lineare: creano una frattura tra parola e gesto la selezione da parte dei libertini di particolari privilegiati delle passioni narrate e alcuni procedimenti di rallentamento o accelerazione dell’azione, dovuti a una sorta di frizione fra il desiderio precipitoso del libertino e la necessità di sospensione del narratore.

3Se i romanzi di Sade si valgono di una tecnica presa a prestito dal dramma borghese e dal romanzo sentimentale, ne parodizzano al contempo quei contenuti destinati a suscitare il pathos. Un processo di «recyclage pornographique du pathétique» (p. 150), così come titola uno dei suoi capitoli Emmanuelle Sauvage, ribalta in scene libertine molti dei momenti canonici del romanzo sentimentale e del dramma borghese. Esasperando alcune ambiguità già presenti per esempio nella scrittura di Diderot (che per primo, teorizzando la pantomima, collocava la corporeità in scena e, nei Salons, coglieva le sfumature erotiche dei quadri di Greuze), Sade ribalta il significato degli episodi di sofferenza della vittima, di carità, di riconoscenza filiale o di riunione famigliare, rovesciandoli in scene di simulazione, incesto e violenza. Rifiutata è inoltre l’identificazione fra personaggio e spettatore garantita dal pathos, in nome del distacco aristocratico fra vittima e libertino.

4Uno scarto analogo a quello rintracciato nel rapporto fra parola e gesto è analizzato, negli ultimi capitoli della monografia, a proposito dello sguardo di vittime e libertini. Nelle prime due versioni di Justine, il punto di vista moralizzante della protagonista è incrinato dalle intenzioni del narratore: Justine racconta più di ciò che è logicamente in grado di vedere e al procedere della narrazione il suo sguardo, e di conseguenza il suo linguaggio, sono come contaminati dal punto di vista più ampio del narratore. Strategie ellittiche del “racconto virtuoso” di Justine e tecniche di compensazione del “racconto libertino” si alternano in un complesso gioco di equilibri. Che trova un parallelo di segno opposto nella Nouvelle Justine e nelle Cent Vingt Journées de Sodome, in cui la “delicatezza” dei libertini che, come ha già notato Roland Barthes, consiste in un paradossale pudore che agisce talvolta nel loro racconto, non fa che eccitarne il desiderio sessuale. Anche lo sguardo libertino è segnato da negazioni e opacità, che sono spesso però simulate soltanto per rendere più evidente il loro «droit de regard» (p. 243) sulle vittime. Così l’inserzione di fittizie espressioni moralizzanti nel registro linguistico dei libertini porta ad accrescerne per contrasto la posizione dominante.

5Il quadro descrittivo sadiano, suggerisce l’autrice nelle ultime pagine, ottiene l’effetto di eccitare l’immaginazione non mediante un’equivalenza diretta di parola e immagine, ma al contrario in virtù delle zone d’ombra create nella descrizione da una costruzione discontinua dello sguardo. La tecnica del tableau sembra allora oltrepassare nei romanzi di Sade il concetto dell’ut pictura poesis che pure ne è il fondamento teorico, fino a postulare la superiorità dell’invenzione poetica sull’arte pittorica.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Bianca Gai, « Emmanuelle Sauvage, L’œil de Sade. Lecture des tableaux dans «Les Cent Vingt Journées de Sodome» et le trois «Justine» »Studi Francesi, 157 (LIII | I) | 2009, 179-180.

Notizia bibliografica digitale

Bianca Gai, « Emmanuelle Sauvage, L’œil de Sade. Lecture des tableaux dans «Les Cent Vingt Journées de Sodome» et le trois «Justine» »Studi Francesi [Online], 157 (LIII | I) | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 05 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/8275

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals