Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Settecento

Isabella Mattazzi, Il labirinto cannibale. Viaggio nel Manoscritto trovato a Saragozza di Jean Potocki

Paola Sosso
p. 180
Notizia bibliografica:

Isabella Mattazzi, Il labirinto cannibale. Viaggio nel Manoscritto trovato a Saragozza di Jean Potocki, Milano, Arcipelago Edizioni, 2007, pp. 112.

Testo integrale

1La prima chiave tematica offerta per entrare nella complessità del Manuscrit trouvé à Saragosse (primo abbozzo del 1794, prima versione del 1804; si tratta di un esempio della produzione fantastica di fine Settecento che fu riscoperto solo negli anni Cinquanta del secolo scorso), per il quale viene usato come riferimento principalmente la versione del 1810 (61 giornate, a cura di François Rosset e Dominique Triaire), è costituita dai labirinti. Sono veri labirinti quelli in cui ci conduce una scrittura all’interno della quale vi è un continuo accumulo di punti di vista, un numero infinito di verità possibili, una morale relativa all’interno di un tempo storico non ben definito. La figura del labirinto è del resto onnipresente nel testo dove si dilatano gli spazi e i tempi. In un’opera quasi priva di descrizioni, colpisce immediatamente il dettaglio con il quale vengono presentati i cibi, secondo orizzonte di indagine della studiosa. Il cibo definisce le differenze sociali dei protagonisti, costituisce merce di scambio in sostituzione del denaro (assente), ha funzione iniziatica e conviviale, indica l’emergere del desiderio. I protagonisti del Manuscrit, considera l’autrice, appaiono tutti alla ricerca di una visione più precisa di ciò che li circonda, quasi dovessero indovinare la realtà da dietro una porta: da qui la terza chiave di lettura, le “serrature”, perché la scrittura di Potocki si presenta come una fessura su uno spazio chiuso, con una evidente alterazione delle capacità cognitive da parte dei protagonisti. La figura degli specchi appare altrettanto centrale all’interno del manoscritto, dove i fatti si ripetono e le persone hanno sempre un loro doppione. La duplicità, lo sdoppiamento fanno parte dell’universo del romanzo, il tema del doppio è un elemento cardine nella strutturazione magica dei racconti. In ultimo, i “liquidi”, ciò che per sua natura non ha forma, scorrono continuamente lungo il racconto, che appare come un libro di vino, veleni, acque, umori del corpo e inchiostro, perche il Manuscrit è anche una riflessione sulla letteratura e le sue forme. Il volume si conclude con una rapida bibliografia.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Paola Sosso, « Isabella Mattazzi, Il labirinto cannibale. Viaggio nel Manoscritto trovato a Saragozza di Jean Potocki »Studi Francesi, 157 (LIII | I) | 2009, 180.

Notizia bibliografica digitale

Paola Sosso, « Isabella Mattazzi, Il labirinto cannibale. Viaggio nel Manoscritto trovato a Saragozza di Jean Potocki »Studi Francesi [Online], 157 (LIII | I) | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 08 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/8277

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals