Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento a) dal 1800 al 1850

Alexandre Dumas, Les Frères corses

Rita Severi
p. 191
Notizia bibliografica:

Alexandre Dumas, Les Frères corses, édition présentée, établie et annotée par Claude Schopp, Paris, Gallimard, 2007, pp. 234.

Testo integrale

1Come sottolinea il curatore nella prefazione questo romanzo, pieno di dialoghi, di Dumas è prezioso per cogliere la transizione che in questo periodo si attua tra il drammaturgo e il romanziere. Ma la composizione de Les Frères corses, come molta prosa romanzata di Dumas risente anche del suo tirocinio come narratore di viaggi, come è ben evidente fin dall’incipit del romanzo dove si narra di una visita all’isola avvenuta nel 1841. Nel giugno 1840, quando Dumas in una lettera annuncia il proposito di visitare la Corsica, si trovava a Firenze con la compagna, l’attrice Ida Ferrer. In effetti il viaggio in Corsica non si concretizzò e il romanzo che egli pubblicò nel 1844 attinse alle impressioni che l’isola selvaggia gli aveva lasciato durante un breve viaggio nel 1835, al racconto Colomba di Prosper Mérimée (al quale dedicò poi il suo romanzo) che Dumas lesse presso il Gabinetto Vieusseux a Firenze, sulla «Revue des Deux Mondes» nel novembre 1840, e alla lettura del resoconto di A. C. Valery, Voyages en Corse, à l’île d’Elbe et en Sardaigne pubblicato nel 1837. La rustica, vendicativa Corsica, terra natale di Napoleone, per Dumas, diviene nel romanzo narrato in prima persona, l’emblema dello spazio incontaminato dove le antiche consuetudini, la tradizione, il buon costume e i valori antichi sono conservati con fierezza e si contrappongono alla civile, ma in realtà “barbara” metropoli di Parigi. I due fratelli gemelli Lucien e Louis de Franchi (che riprendono i nomi dei fratelli di Napoleone) scelgono di vivere due vite separate: il primo nella natia Corsica, il secondo a Parigi dove coltiva i suoi interessi culturali (ben esemplificati dall’elenco delle sue letture, p. 44), ma essi, pur vivendo così lontani, sono legati da vincoli ancestrali e comunicano telepaticamente. Quando Louis muore in duello, dopo aver ricevuto – come Amleto – la visione nel sonno del padre morto come segno premonitore, Lucien non solo avverte il dolore della morte del fratello, ma ne risente nel corpo che si ricopre di ecchimosi.

2Il romanzo ebbe una grande fortuna dovuta agli adattamenti teatrali e, ai nostri tempi, alle molteplici versioni cinematografiche. Ricordo che persino Oscar Wilde dedicò una poesia, Fabien dei Franchi (Oscar Wilde, Complete Poetry, ed. by I. Murray, Oxford, World’s Classics, 1997, p. 127) alla messa in scena de The Corsican Brothers di D. Boucicault del 1880-1881, nella quale Henry Irving recitava entrambi le parti dei due fratelli.

3Quest’ottima edizione, curata da Claude Schopp, con un dossier finale di oltre 60 pagine, ci offre alcune ore di esclusiva e godibile evasione al modico prezzo di un caffé con croissant.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Rita Severi, « Alexandre Dumas, Les Frères corses »Studi Francesi, 157 (LIII | I) | 2009, 191.

Notizia bibliografica digitale

Rita Severi, « Alexandre Dumas, Les Frères corses »Studi Francesi [Online], 157 (LIII | I) | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 07 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/8297

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals