Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento a) dal 1800 al 1850

Marco Nuti, Balzac et Cézanne: l’artiste entre mythes et réalité, in «Plaisance», anno IV, n. 12

Marco Stupazzoni
p. 192
Notizia bibliografica:

Marco Nuti, Balzac et Cézanne: l’artiste entre mythes et réalité, in «Plaisance», anno IV, n. 12, 2007, pp. 133-154.

Testo integrale

1Pubblicati tra il 1831 e il 1837, i racconti che formano la trilogia dei Romans et contes philosophiques rappresentano il momento più alto della riflessione di Balzac sull’essenza dell’arte (figurativa e musicale), oltre che sul genio e sulla verità dell’artista. In particolare, è nel Chef-d’œuvre inconnu che Balzac, nel difendere le idee romantiche sull’arte attraverso l’opposizione tra Delacroix ed Ingres, «traite aussi du rapport de l’artiste et de l’amour» (p. 136). Incarnazione della genialità dell’artista, Frenhofer rappresenta, per lo scrittore, una figura eccezionale, «le type de peintre philosophe aux frontières de la folie» (p. 141) ossessionato dall’assoluto all’interno di un contesto di isolamento e di emarginazione rispetto alla quotidianità della vita reale. Come il personaggio balzachiano, anche Cézanne «a conçu l’ambition de mener la peinture jusqu’à la perfection de son être» (ibid.), pur essendo consapevole circa le difficoltà insite in questa ricerca in relazione alla inadeguatezza dei mezzi di cui l’artista dispone. Le concordanze tra il pensiero di Frenhofer e quello di Cézanne, osserva Nuti, «sont plus remarquables quand elles concernent la définition, ou la répudiation, des moyens de la représentation» (p. 145), anche se il concetto di bellezza sostenuto da Cézanne non implica quella trascendenza dell’arte rispetto al reale che ritroviamo nel “credo” del personaggio balzachiano. Il quadro, scrive Cézanne a E. Bernard nel 1906, non è il luogo di rivelazione di una bellezza trascendente, ma il prodotto del «développement logique de ce que nous voyons set ressentons par l’étude de la nature» (p. 153). In questo senso, le concezioni di Cézanne si avvicinano maggiormente al credo artistico di Porbus piuttosto che a quello di Frenhofer: tuttavia, precisa l’autore a conclusione del suo studio, «cette conjonction hypothétique» tra il racconto di Balzac e la poetica dell’arte di Cézanne suggerisce talune «affinités électives» che legano il pittore francese al testo balzachiano e dunque a Frenhofer, il suo personaggio centrale.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Marco Stupazzoni, « Marco Nuti, Balzac et Cézanne: l’artiste entre mythes et réalité, in «Plaisance», anno IV, n. 12 »Studi Francesi, 157 (LIII | I) | 2009, 192.

Notizia bibliografica digitale

Marco Stupazzoni, « Marco Nuti, Balzac et Cézanne: l’artiste entre mythes et réalité, in «Plaisance», anno IV, n. 12 »Studi Francesi [Online], 157 (LIII | I) | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 09 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/8303

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals