Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento

Cocteau l’italien, Atti del convegno internazionale in onore di Pierre Caizergues, Napoli 4-5 maggio 2007, a cura di Giovanni Dotoli e Carolina Diglio

Stefano Genetti
p. 208
Notizia bibliografica:

Cocteau l’italien, Atti del convegno internazionale in onore di Pierre Caizergues, Napoli 4-5 maggio 2007, a cura di Giovanni Dotoli e Carolina Diglio, Fasano, Schena, 2007 («Biblioteca della ricerca. Cultura straniera», 146), pp. 262.

Testo integrale

1La visione multiforme di Cocteau trasfigura il mondo nel fondale di un opéra sospeso tra sogno e realtà. È quanto osserva Carolina Diglio (Perché Jean Cocteau, pp. 241-249) ed è ciò che risuona nell’ouverture orchestrata da Pierre Brunel: Cocteau et l’opéra italien (pp. 15-26). Accompagnati da vasta documentazione inconografica, i saggi qui raccolti ricalcano nella loro diversità il paesaggio italiano che su quel fondale si profila, un paesaggio fatto tanto di tragitti e panorami quanto di letture e affiliazioni.

2A interventi per così dire ri-creativi (Rome Deguergue, Pêle-mêle. Jean l’Oiseleur raconte, pp. 139-147) si giustappongono ricerche d’archivio come quella condotta da Elena Fermi su certi progetti editoriali perseguiti da Cocteau nel decennio 1953-1963: l’album dei Chevaliers de la Table ronde e Gondole des morts (Jean Cocteau, Fabrizio Clerici, Vanni Scheiwiller: une amitié “à la loupe”, pp. 163-176). Talora i contributi concernono singole realizzazioni – è il caso di Colomba La Ragione, Riverberi della scrittura di Jean Cocteau: “La Belle et la Bête” (1946), pp. 209-239 (v. anche Claude Séférian, Cocteau et quelques cinéastes italiens, pp. 149-152) –, talaltra riguardano motivi ricorrenti. Sulle morti e rinascite di Orfeo, controfigura dell’artista, si soffermano Carlo Vecce e Stefano Di Lauro (Cocteau e Orfeo: sogno e metamorfosi del mito (I) e (II), pp. 51-64 e pp. 65-68). Il primo insiste sull’unità androginica della coppia Orfeo-Euridice, il secondo, forte della propria rivisitazione del mito nel romanzo ÒperÉ (2006), sul voltarsi volontario di Orfeo quale ritorna in Pavese e in Bufalino; entrambi sullo specchio come elemento di transizione e cardine di una dottrina estetica iniziatica.

3In tema di numi tutelari, Jean Touzot (De Léonard à Michel-Ange, pp. 41-50) sottolinea come l’«apologiste du mensonge» (p. 42) reinventi i modelli di cui si nutre un ideale artistico totalizzante, che coniuga classicismo e modernità. Nello studiare i rimandi, in versi e in prosa, alla biografia e all’opera di Paolo Uccello, mediate dalla vie imaginaire dedicata al pittore da Schwob, David Gullentops (Jean Cocteau sous l’égide d’Uccello: sa lecture de Marcel Schwob, pp. 27-40) delinea la sagoma di un Cocteau pre-postmoderno: interroga infatti la coerenza interna di dispositivi intertestuali finalizzati alla creazione di una «réalité irréelle» (p. 31), di una verità tutta artistica.

4Ampio spazio trovano ovviamente gli itinerari italiani e gli incontri che li hanno contrassegnati. Se Sergio Zoppi analizza i rapporti tra Cocteau e Savinio memorialista e articolista (pp. 251-260), Roberto Zemignan, in Luciano Emmer - Jean Cocteau “Venise et ses amants” (pp. 195-208), prende in esame l’ambivalente collaborazione con il regista italiano tra il ’48 e il ’50, sullo sfondo magico di Romantici a Venezia, labirinto liquido nel quale l’immaginario poetico di Cocteau si era già specchiato nel 1908, in occasione del soggiorno con la madre nella città lagunare, contrassegnato dal suicidio di un conoscente: il giovane poeta Raymond Laurent. L’iperletteraria rielaborazione di quella morte nel primo capitolo di Le Grand écart viene ricostruita da Jean-Luc Steinmetz sulla scorta delle novelle inedite Le Pigeon e Amitié vénitienne (Une mort à Venise, pp. 153-162). Attraverso, tra l’altro, la corrispondenza con Apollinaire e con J.-É. Blanche, Giovanni Dotoli (Cocteau l’italien: Rome et Naples, pp. 69-106) evidenzia a sua volta l’importanza dei mesi (febbraio-aprile 1917) passati in Italia con Picasso, Diaghilev e Massine, all’epoca dell’ideazione di Parade. In La Sicile de Cocteau, entre mythe et modernité (pp. 181-189), Enrico Castronovo rievoca infine le impressioni del viaggio effettuato nella primavera del 1951 in compagnia di F. Weisweiller e É. Dermit.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Stefano Genetti, « Cocteau l’italien, Atti del convegno internazionale in onore di Pierre Caizergues, Napoli 4-5 maggio 2007, a cura di Giovanni Dotoli e Carolina Diglio »Studi Francesi, 157 (LIII | I) | 2009, 208.

Notizia bibliografica digitale

Stefano Genetti, « Cocteau l’italien, Atti del convegno internazionale in onore di Pierre Caizergues, Napoli 4-5 maggio 2007, a cura di Giovanni Dotoli e Carolina Diglio »Studi Francesi [Online], 157 (LIII | I) | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 09 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/8367

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals