Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento

Eric Trudel, La Terreur à l’œuvre, théorie, poétique et éthique chez Jean Paulhan

Dora Bienaimé
p. 208-209
Notizia bibliografica:

Eric Trudel, La Terreur à l’œuvre, théorie, poétique et éthique chez Jean Paulhan, Paris, Presses Universitaires de Vincennes, 2007, pp. 220.

Testo integrale

1L’argomento così enunciato nel titolo pone in evidenza il concetto-cardine della riflessione di Jean Paulhan sull’interdipendenza, equivalenza e identità di pensiero e linguaggio, ovvero la denuncia di una sorta di Terrorismo che minaccia la Letteratura. In Les Fleurs de Tarbes (1941), un’opera alla quale si è dedicato a più riprese per trent’anni, J. Paulhan considera che, in fatto di Letteratura, vi sia stato un “divorzio” tra il pensiero e la parola. I Romantici, i Surrealisti e infine l’invadenza di una letteratura fortemente contrassegnata dai problemi sociopolitici, durante la Resistenza e oltre, nella Francia occupata, a giudizio di Paulhan, avrebbero privilegiato il pensiero a scapito del linguaggio e quindi mutilato, in certo modo, l’incontrovertibile unità dei due termini. Il Terrore, mutuato dalla Rivoluzione francese, e qui trasferito nell’Impero delle Lettere, avrebbe creato, secondo l’Autore, un conflitto di estrema gravità, sanabile proprio a partire dalle forme più vituperate del linguaggio letterario: il luogo comune, il presunto cliché, le espressioni cristallizzate nei proverbi, nei detti popolari, devono essere, non solo ammesse, ma rivalutate.

2Che questo “divorzio” sia così drasticamente evidente, suscita qualche perplessità che anche Trudel esprime quanto ai Romantici, i quali non si sono curati soltanto di manifestare con forza il loro pensiero e la loro genialità, ma non hanno trascurato i “fiori” della Retorica Antica, creando nuove forme di espressione. Per quanto riguarda i Surrealisti, ai quali Paulhan accenna in forma velata nelle Fleurs, forse riferendosi al loro impegno politico che è la seconda compagine della loro attività, io credo che si possa dire che anch’essi, nelle loro spericolatezze di pensiero e di stile, abbiano realizzato in poesia, come nella prosa poetica, quell’altissimo livello ricorrendo alle stesse “figure” della Retorica, che ricompaiono dopo essere passate attraverso una metamorfosi evidente. E, del resto, com’è possibile sfuggire al linguaggio che, per Paulhan, è «la chair du sens». Corpo e sangue in senso stretto, perché il linguaggio è “visibile” nella scrittura, “udibile”, pronunciabile, concreto e reale a tutti gli effetti, necessario affinché il pensiero possa formularsi.

3L’opera Les Fleurs de Tarbes che Trudel commenta nell’Introduction del suo libro, appare oggi ancora splendida nella nettezza del suo linguaggio che non soffre l’usura del tempo, anche se forse, nel suo insieme, è meno attuale di un tempo. Validissimo ancora il principio di rifondare una Retorica, allora screditata. Terrore e Retorica nelle loro trasformazioni, subiscono continue metamorfosi e si conciliano nelle Maintenances. La grande letteratura non si estinguerà: di questo Paulhan si preoccupa, di questo siamo sicuri.

4Trudel articola il suo avvicinamento a Paulhan con un continuo confronto dialettico su un’opera così difficile, ma anche con un vastissimo dispiegamento di riferimenti a opere e saggi critici (i più recenti) dedicati al grande filosofo del linguaggio, ormai scomparso da quarant’anni. Com’è naturale si è dato dei limiti: Les Fleurs, Clef de la poésie, Le Clair et l’obscur e l’interesse di Paulhan per la pittura moderna (Braque, Fautrier) che si manifesta nei primi anni Cinquanta, poi, con un ultimo glissement, questa volta a ritroso nel tempo, si sofferma sul mirabile testo Une semaine au secret e quindi sulla Resistenza e sull’attività clandestina nella quale Paulhan ebbe tanta parte.

5Tra i punti fondamentali, quanto problematici, ve ne sono almeno due che Trudel affronta nel suo libro: la persistenza, in Paulhan, della ricerca continua e ostinata di un “metodo”, di uno strumento, di una regola atta a comprendere i meccanismi della poesia, «avec une application quelque peu paradoxale» (p. 74). Ma il mistero della poesia, come quello dell’esistenza, rimane intatto: «Car, on l’a vu, le discours méthodique de Paulhan sur la poésie vise à conclure et pourtant n’y parvient qu’en demandant à la poésie de conclure à sa place» e, anche secondo Francis Ponge, «ne triomphe pour tout dire, qu’en capitulant» (p. 52).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Dora Bienaimé, « Eric Trudel, La Terreur à l’œuvre, théorie, poétique et éthique chez Jean Paulhan »Studi Francesi, 157 (LIII | I) | 2009, 208-209.

Notizia bibliografica digitale

Dora Bienaimé, « Eric Trudel, La Terreur à l’œuvre, théorie, poétique et éthique chez Jean Paulhan »Studi Francesi [Online], 157 (LIII | I) | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 09 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/8368

Torna su

Autore

Dora Bienaimé

Articoli dello stesso autore

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals