Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento

Bernard Vouilloux, Julien Gracq. La littérature habitable

[stefano genetti]
p. 210
Notizia bibliografica:

Bernard Vouilloux, Julien Gracq. La littérature habitable, Paris, Hermann, 2007 («Savoir: Lettres»), pp. 149.

Testo integrale

1In questo suo volume, il quarto, su Gracq, B. Vouilloux raccoglie – rivisti, aggiornati, ribattezzati – quattro articoli risalenti agli anni ottanta: Le Tableau dans la crypte; Gracq: du récit au livre; Sens arrêté, sens redoutable: vers une poétique de Julien Gracq; Une poétique des lieux: la forme de l’Italie. Pur moltiplicando i rimandi intertestuali e mobilitando l’insieme di un’opera della quale ripercorre l’evoluzione tra temi e stilemi, tra testi continui e discontinui e della quale sottolinea la coesione, l’A. privilegia qui i libri che compongono il «cycle des lieux» (p. 13): Les Eaux étroites, La Forme d’une ville, Autour des sept collines e Carnets du grand chemin.

2Dai fondamenti di un’onirica poetica dell’incarnazione, tesa a sacralizzare lo spazio letterario, rinvenuti tramite una «lecture décryptante et palimpsestuelle» (p. 53) di un passo tratto da Un beau ténébreux (Le Lieu du sens, pp. 31-57), si procede verso la decomposizione e ricomposizione del territorio italiano, verso, ad esempio, la mappa di una Roma parcellare e lacunare, composita e irrespirabile (La Forme du lieu, pp. 105-137): oscillante tra l’ampiezza e la saturazione del periodo e l’annotazione folgorante, il fraseggio minimale – tra Chateaubriand e Sten-dhal, modello di délié e di désinvolture –, la scrittura avanza per sovrimpressioni e, tra geologia e urbanistica, riconfigura i paesaggi attraversati e filtrati dalla memoria affettiva, storica e culturale, artistica e letteraria. Nei due saggi centrali, un’indagine paratestuale sui titoli tematici o rematici e sulle indicazioni generiche o modali – roman, conte, nouvelle, histoire, récit – cui Gracq ricorre per designare racconti propri o altrui, evidenzia la predilezione per il termine livre inteso e come opera compiuta e come progetto in divenire (Du récit au livre, pp. 59-80). Una visione del fare letterario, questa, incarnata dalla pratica incoativa del frammento in quanto non unità autarchica, bensì polo magnetico e componente di un tessuto connettivo che dà luogo a un percorso di lettura tra i margini del libro frammentario, dominato da metafore organiche, respiratorie e circolatorie, meccaniche, gravitazionali ed energetiche, voltaiche (Du récit au fragment, pp. 81-105).

3Dal luogo testuale della rivelazione letteraria ai luoghi testualizzati, vissuti e immaginati, letti e scritti, una topografia si disegna che è a un tempo topique et graphie poiché articola «être-dans-le-langage et être-au-monde, être-au-monde-comme-un-langage» (p. 107). Nella bella Introduzione, La Forme d’une œuvre (pp. 7-29) viene interpretata alla luce del principio formulato da Hölderlin e chiosato da Heidegger: «Habiter poétiquement la terre» (p. 11). Questo principio rende il mondo abitabile e fonda il «faire-monde» (p. 19) dell’opera, assicurandone, per lo scrittore prima come per il lettore poi, l’intima abitabilità.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

[stefano genetti], « Bernard Vouilloux, Julien Gracq. La littérature habitable »Studi Francesi, 157 (LIII | I) | 2009, 210.

Notizia bibliografica digitale

[stefano genetti], « Bernard Vouilloux, Julien Gracq. La littérature habitable »Studi Francesi [Online], 157 (LIII | I) | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 09 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/8373

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals