Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Settecento

Catherine Dubeau, La lettre et la mère: roman familial et écriture de la passion chez Suzanne Necker et Germaine de Staël

Maria Immacolata Spagna
p. 371
Notizia bibliografica:

Catherine Dubeau, La lettre et la mère: roman familial et écriture de la passion chez Suzanne Necker et Germaine de Staël, Québec, Les Presses de l’Université Laval, 2013, pp. 451.

Testo integrale

1Il volume mette per la prima volta a confronto le opere di Germaine de Staël con quelle della madre, Suzanne Necker.

2La posterità ha riservato un posto molto diverso alle due donne: la fama straordinaria della prima ha messo in ombra la madre, un’autrice i cui scritti, certamente meno numerosi e rivoluzionari di quelli della figlia, si rivelano comunque di grande interesse per la conoscenza delle forme e delle condizioni di una sociabilità femminile nel secolo dei Lumi, uno sguardo straniero sulla Francia e svariate considerazioni relative allo status di donna, moglie, madre, intellettuale e protestante calvinista nella seconda metà del xviii secolo.

3Le produzioni letterarie di Suzanne Necker e di Germaine de Staël, così diverse per i temi trattati, i generi toccati, lo stile, l’ampiezza e il successo riscosso, convergono, come evidenzia l’autrice del presente volume, su un aspetto fondamentale: il rapporto materno e filiale come motore e nel contempo minaccia della pratica stessa della scrittura, una scrittura ugualmente necessaria e vitale alle due donne, caratterizzata dalla tensione irrisolta di una relazione familiare difficile che non finisce mai di metterle l’una di fronte all’altra come davanti ad un pericolo.

4In quest’ottica, il volume studia la rappresentazione del rapporto madre-figlia che tesse la trama dei loro scritti. La storia delle loro vite costituisce il punto di partenza di una riflessione sulla natura e la funzione dell’atto di scrittura in Suzanne Necker e Germaine de Staël, nonché il luogo privilegiato per approfondire lo studio del ruolo assegnato alla passione nelle loro rispettive opere, in particolare il modo differente di gestirla: costrizione, disciplina e correzione nella madre, espressione spontanea e immaginazione nella figlia; inconciliabili tendenze di cui la scrittura conserva traccia. Supportato dagli studi di psicanalisi letteraria e della sociologia della letteratura, il presente saggio approfondisce la genesi e lo spiegamento dialettico di rappresentazioni testuali rivelatrici della loro relazione ambivalente, prima negli scritti intimi della madre e della figlia, poi nelle fictions staëliane, profondamente ossessionate dalla figura materna. Dal romanzo familiare di Madame Necker, inteso nel senso generale di un passato familiare così come viene restituito, romanzato e corretto dalla scrittura, emerge da un lato il rimorso incessante per non essere stata all’altezza di ciò che ci si attende da una figlia e il desiderio espiatorio di raggiungere una virtù esemplare, dall’altro, la collera contenuta nei confronti della figlia e la volontà di placare l’inquietudine di essere superata da lei. Dal romanzo familiare di Madame de Staël, fortemente impregnato di un doppio sentimento di colpevolezza e di persecuzione, affiorano i tentativi vani di riconquistare l’amore materno perso nell’adolescenza e l’angoscia incessante di non aver potuto accedere ad un posto di rilievo senza mettere in pericolo quello della madre. La lettera in particolare, confondendo tutti i generi (diari, saggi, corrispondenze e, nel caso di Germaine de Staël, fictions), oscilla continuamente tra la confessione amorosa e la dichiarazione di guerra. Contenendo insieme una tensione e una soluzione, la scrittura partecipa così ad un doppio movimento vendicatore e riparatore.

5La lettura congiunta delle opere delle due donne permette non solo di ricostruire una relazione tempestosa, indissociabile dagli sconvolgimenti sociopolitici contemporanei: Rivoluzione, Terrore e Impero, ma costituisce altresì un prezioso contributo alla riflessione sulla scrittura al femminile nel quadro del passaggio dai Lumi al Romanticismo.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Maria Immacolata Spagna, « Catherine Dubeau, La lettre et la mère: roman familial et écriture de la passion chez Suzanne Necker et Germaine de Staël »Studi Francesi, 176 (LIX | II) | 2015, 371.

Notizia bibliografica digitale

Maria Immacolata Spagna, « Catherine Dubeau, La lettre et la mère: roman familial et écriture de la passion chez Suzanne Necker et Germaine de Staël »Studi Francesi [Online], 176 (LIX | II) | 2015, online dal 01 août 2015, consultato il 07 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/839

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals