Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri157 (LIII | I)Rassegna bibliograficaLetterature francofoneAa. Vv., Nouvelles d’Haïti

Rassegna bibliografica
Letterature francofone

Aa. Vv., Nouvelles d’Haïti

Monica Blondi
p. 221
Notizia bibliografica:

Kettly Mars, Jean-Claude Fignolé, Lyonel Trouillot, Faubert Bolivar, Gary Victor, Nouvelles d’Haïti, Paris, Magellan & Cie, 2007 («Miniatures»), pp. 26.

Testo integrale

1In questa raccolta, che alterna scrittori già affermati come Fignolé, Trouillot, Victor, ad altri meno noti come Mars e Bolivar, la protagonista è Haiti, sospesa tra realtà e sogno. I cinque racconti sembrano accomunati dall’intento di cogliere gli aspetti e le contraddizioni che ne hanno forgiato l’identità: il vudù, l’esilio, la violenza. Lobo di Kettly Mars è la storia di un bambino di quattro anni che durante le vacanze di Pasqua elude la sorveglianza dei genitori per unirsi ad un gruppo che partecipa a un rara (processione organizzata dalle diverse confraternite vudù che durante il periodo pasquale si muovono per le vie della città danzando al ritmo di tamburi e indossando folkloristici costumi variopinti), da cui si sente misteriosamente attratto. Lobo viene accolto come un essere speciale, preposto a servire gli dèi. Ritrovato dopo qualche ora dai genitori, ormai in preda al panico per la sua scomparsa, Lobo ritorna alla sua famiglia ma da quel giorno e per tutta la vita rimarrà l’eletto, colui che ha il dono di riannodare i fili dell’alleanza tra mondo reale e mondo degli invisibili.

2In Le voleur de vent di Jean-Claude Fignolé, Michel, un intellettuale haitiano, ritorna al suo paese dopo un soggiorno all’estero dove ha approfondito gli studi di filosofia, sociologia e antropologia, “en quête d’une vérité pour lui-même et d’un sens pour son existence”. In realtà, la sua sete di conoscenza aveva finito per gettarlo in uno stato confusionale, impedendogli di integrarsi nel nuovo paese. Costretto a tornare ad Haiti, rimane traumatizzato dallo stato in cui versa il suo villaggio natale, in preda alla disperazione e alla miseria materiale e morale: tutti odiano tutti e sembra non esserci più alcuna traccia dell’antica solidarietà che aveva legato i suoi membri, spesso uniti dai lavori comuni della “combite”. Michel assiste incredulo al tentativo di linciaggio di un fantomatico voleur de vent da parte di una folla inferocita armata di bastoni e coltelli. La ricerca del ladro, il quale diviene capro espiatorio e catalizzatore di tutte le frustrazioni, sembra riunire per un attimo i membri di questa comunità accecata dall’odio, ridando un senso alle loro vite. Dapprima sbalordito, Michel ritroverà se stesso solo lasciandosi andare e unendosi alla follia generale.

3Il tema di Yanvalou di Lyonel Trouillot è il desiderio di fuga. In un piccolo villaggio, composto unicamente da due file di case che si fronteggiano, si dice che quando una fanciulla appare sulla spiaggia mentre balla una yanvalou (danza di apertura delle cerimonie vudù) un giovane parte per non tornare più. È ciò che accade al protagonista, un giovane aspirante pittore che da un giorno all’altro, dopo aver intravisto la fanciulla danzare, lascia il villaggio e comincia a girare il mondo, realizzando il suo sogno di dipingere la vita. La danza diviene qui simbolo di apertura e “source de vie”. Ambientato a Point-à-Pitre, La rumeur a fait le tour du monde di Faubert Bolivar è una sorta di elenco di luoghi comuni negativi sugli haitiani enunciati dai vicini guadalupeani, che non si ritengono per questo “xénophobes” ma preferiscono definirsi semplicemente “haïtianophobes”. Le Programmeur di Gary Victor è invece ambientato a Montréal, meta prescelta da molti haitiani in esilio. Il protagonista è un uomo abbandonato dalla moglie che l’abuso di droghe spinge a visioni terrificanti, popolate da formiche giganti. Il racconto è costituito dalle ultime pagine del suo diario, scritte poco prima di togliersi la vita.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Monica Blondi, « Aa. Vv., Nouvelles d’Haïti »Studi Francesi, 157 (LIII | I) | 2009, 221.

Notizia bibliografica digitale

Monica Blondi, « Aa. Vv., Nouvelles d’Haïti »Studi Francesi [Online], 157 (LIII | I) | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 19 septembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/8409

Torna su

Autore

Monica Blondi

Articoli dello stesso autore

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search