Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento a) dal 1800 al 1850

Anna Fierro, «Drolatiquement illustré»: il Medioevo secondo Balzac

Marco Stupazzoni
p. 386
Notizia bibliografica:

Anna Fierro, «Drolatiquement illustré»: il Medioevo secondo Balzac, in Aa. Vv., Medioevo e modernità nella letteratura francese. [Moyen Âge et modernité dans la littérature française], a cura di Giovanna Angeli e Maria Emanuela Raffi con la collaborazione di Michela Landi e Fabio Vasarri, Firenze, Alinea editrice, 2013, «Carrefours. Testi & Ricerca / Textes & Recherche», pp. 119-142, ill.

Testo integrale

1Pubblicate rispettivamente nel 1832, nel 1833 e nel 1837, le prime tre decine di racconti che formano il progetto molto più ampio ed articolato dei Contes drolatiques (il Quatriesme, il Quint ed il Dixiesme dirai resteranno inediti) rappresenta un documento di estrema importanza per comprendere l’immaginario balzachiano sul Medioevo. Questo progetto apparentemente stravagante dei Contes drolatiques si inserisce in un processo di rinnovato interesse verso l’arte, la letteratura e la lingua medievali, e trova la sua esemplare realizzazione estetica nelle corrispondenze tra finzione narrativa e rappresentazione grafica grazie ai disegni di un allora giovanissimo Gustave Doré che corredano le pagine della prima edizione illustrata dell’opera. Nei suoi 425 disegni, infatti, «l’artista è riuscito a cogliere ed enfatizzare non solo la personalità dell’autore, […] ma anche certuni degli aspetti più originali della raccolta» (p. 122), quali, ad esempio, il lato ludico dei racconti e la forza comunicativa della lingua. Proprio l’eterogenea ibridazione linguistica costituisce l’aspetto più originale dell’opera: l’«effetto Medioevo» è dunque ottenuto, da un lato, attraverso i temi trattati (in particolare, l’eros femminile) e i personaggi descritti; dall’altro, grazie alla lingua arcaizzante. Da questo punto di vista, osserva bene l’autore, i Contes drolatiques si rivelano «un laboratorio, un banco di prova della scrittura balzachiana che sperimenta tutte le tipologie narrative, coniugando all’audacia formale la provocazione ludica» (p. 131). Il progetto dei Contes drolatiques si innesta così in quello più serio ed ambizioso della Comédie humaine in un gioco di influenze reciproche. L’attacco al Medioevo romantico messo in atto da Balzac attraverso l’ibridazione linguistica di generi e da Gustave Doré con le sue sorprendenti intuizioni grafiche sono l’esito di un medesimo progetto creativo innescato dai due artisti per restituire un quadro fantastico, stravagante, impossibile di quell’epoca leggendaria e inquietante.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Marco Stupazzoni, « Anna Fierro, «Drolatiquement illustré»: il Medioevo secondo Balzac »Studi Francesi, 176 (LIX | II) | 2015, 386.

Notizia bibliografica digitale

Marco Stupazzoni, « Anna Fierro, «Drolatiquement illustré»: il Medioevo secondo Balzac »Studi Francesi [Online], 176 (LIX | II) | 2015, online dal 01 août 2015, consultato il 06 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/878

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals