Navigazione – Mappa del sito
Articoli

Un’educazione enciclopedica per la nobiltà? L’accademia di Pluvinel, René de Menou e la “Harengue” di Jacques Bourgoing

Andrea Bruschi
p. 3-18

Testo integrale

  • 1 Vedi in particolare J. Boutier, Le Grand Tour des gentilshommes et les académies d’éducation pour l (...)
  • 2 Sulle accademie nobiliari francesi vedi J. Cousin, La Cour du Dragon, in «Revue Universelle des Art (...)

11. Negli anni Novanta del xvi secolo la Francia conosce la nascita di nuove istituzioni: le académies per l’educazione dei gentiluomini. Sorte probabilmente sul modello delle effimere accademie nobiliari fondate in Italia fin dai primi decenni del Cinquecento1, esse offrono ai giovani blasonati tanto francesi quanto stranieri, fino alla seconda metà del xviii secolo, un cursus formativo finalizzato essenzialmente all’apprendimento dell’arte equestre e di altre discipline di natura militare e mondana2.

  • 3 L’anonimo Dictionariolum latino-gallicum (…), Avec les mots François, tournez en Latin (…), Rouen, (...)
  • 4 D. de Juigné Broissinière, Dictionnaire Theologique, Historique, Poetique, Cosmographique et chrono (...)
  • 5 Ch. Sorel, Discours sur l’Academie Françoise. Establie pour la correction & l’embellissement du Lan (...)
  • 6 Ibidem, p. 19.
  • 7 G. Guillet, Les arts de l’homme d’épée ou le dictionnaire du gentilhomme, Paris, G. Clouzier, 1678.
  • 8 A. Furetière, Dictionnaire universel: contenant generalement tous les mots françois, tant vieux que (...)
  • 9 P. Danet, Nouveau dictionnaire françois et latin (…), Paris, Vve Thiboust & P. Esclassan, 1683, p. (...)

2Ma è soltanto mezzo secolo dopo la loro apparizione che le scuole in questione cominciano ad assumere un profilo netto e stabile. Da una parte, l’esigenza di definire con precisione gli istituti equestri per la nobiltà, tradizionalmente compresi nel significato più generale, ereditato dal mondo classico e semanticamente affine al lemma gymnasium3, di accademie in quanto «lieu où il se faict & apprend quelque noble & vertueux exercice»4 si manifesta solo negli anni 1650 e risulta legata al bisogno di distinguerli dalle académies intellettuali sorte in Francia a partire dagli ultimi anni del regno di Luigi XIII. Lo spiega Charles Sorel nel suo Discours sur l’Academie Françoise (1654): la fondazione voluta da Richelieu, «Cour Souveraine» chiamata a giudicare in ultima istanza tutti i casi concernenti il buon uso della lingua, è veramente degna del nome di accademia, che, coniato per designare l’antica scuola di Platone, può essere attribuito solo «à des lieux d’Estude & à des Assemblées de gens de Lettres». Condannabile come «usurpation & […] abus» è la consuetudine di fregiare di tale titolo «ces Maisons faites pour des gens d’Espée, où l’on apprend seulement à manier des Fleurets & à monter à Cheval»5, così come scorretto è indicare i membri dell’Académie française con l’appellativo di Académiques o Académistes: bisognerà far ricorso al termine Académiciens6. Tali distinzioni passano in seguito, per altro abbastanza tardivamente, nei dizionari di francese e di latino. Del tutto assente nelle pagine dedicate all’«Art du monter à cheval» del glossario di Georges Guillet dato alle stampe nel 1678,7 la definizione di accademia come «(maison) des Escuyers où la Noblesse apprend à monter à cheval, & les autres exercices qui lui conviennent […]» compare probabilmente per la prima volta – e, senza dubbio, con qualche decennio di ritardo rispetto all’entrata in uso nella lingua corrente – nel Dictionnaire universel di Furetière, uscito nel 16908; sette anni prima Danet ha introdotto la voce académiste, in riferimento a colui «qui apprend ses exercices dans une Academie, comme à monter à cheval, &c. Qui equestrem disciplinam sequitur […]» ed in opposizione all’académicien («academicus»), membro dei cenacoli intellettuali9.

  • 10 Vedi M. Motley, cit., p. 128; C. Doucet, Les académies d’art équestre…, cit., pp. 57-58; Eadem, Les (...)
  • 11 Arrest du Conseil d’Estat portant defenses à ceux de la Religion pretenduë reformée de tenir Academ (...)
  • 12 Ms. Archives Nationales (d’ora in poi AN), O¹ 915, pièce 38.
  • 13 Ms. AN, O¹ 915, pièce 39.
  • 14 Ibidem.

3Dall’altra, a dotare le scuole equestri, nate, nella maggior parte dei casi, su iniziativa dei singoli écuyers e amministrate secondo criteri di gestione privata o semi-privata10, di una struttura istituzionale più rigida contribuiscono gli sforzi esercitati dal potere centrale al fine di imporre il proprio controllo su di esse. Ma tali aspirazioni non si concretizzano che a partire dal 1666, data dell’emissione di un arrêt del Conseil d’Etat che proibisce ai protestanti di «tenir Academies»11, e pervengono a completa realizzazione, almeno per quanto riguarda la capitale, soltanto alla fine del secolo, quando, nel 1690, Louis de Lorraine, conte d’Armagnac e Grand Ecuyer di Francia, riduce le sei accademie parigine al numero di due ed impone loro un regolamento comune. Esso prevede, all’interno di entrambi gli istituti, la presenza di un cappellano responsabile delle coscienze e della formazione religiosa degli allievi12, che, tenuti a partecipare alle preghiere del mattino e della sera ed alla messa, dovranno mantenere costantemente una condotta umile e rispettosa, evitare le bestemmie e le parole volgari, astenersi dal frequentare «les cabarets et les lieux de debauches»13. Ma c’è di più: i nuovi statuti stabiliscono anche l’orario delle lezioni, indicando quali materie dovranno essere oggetto d’insegnamento. Le ore mattutine saranno consacrate, tutti i giorni tranne la domenica, al «manege» ed alla «bague»; dopo pranzo «on fera des armes et on voltigera», per poi passare, alle 3, alla danza ed ai corsi di matematica applicata; prima di cena, prevista alle 7, dopo aver praticato gli «exercices du mous-quet et de la pique», gli académistes potranno svagarsi nella sala dei giochi, munita di biliardo e di scacchiere14.

  • 15 Ibidem.
  • 16 Mi riferisco in particolare alle proposte di P. de La Primaudaye, Academie Françoise, En laquelle i (...)
  • 17 Ch. Sorel, cit., p. 6.
  • 18 Ms. AN, O¹ 915, pièce 34.
  • 19 F. A. Yates, The French Academies of the Sixteenth Century, London, the Warburg Institute-Universit (...)
  • 20 N. Conrads, cit., pp. 16, 26, 35-36, 64.

4Deboli sono quindi i legami diretti tra queste académies d’équitation, cui il regolamento conferisce il titolo di «royales»15, e le proposte che, avanzate tra il 1577 ed il 1612 nella trattatistica d’Oltralpe da alcuni rappresentanti del secondo Stato, reclamano la creazione di accademie tout court o collèges concepiti per assicurare ai gentiluomini un’educazione al contempo teorica e pratica, quando non esclusivamente intellettuale16. Se, del resto, i progetti elaborati dopo la fondazione delle prime scuole per la nobiltà non fanno ad esse nessun riferimento, è perché il quadro non risulta in realtà molto diverso se si volge lo sguardo alle accademie operanti prima di questa fase di irrigidimento istituzionale: si tratta, sostanzialmente, di centri di pratica equestre diretti da più o meno celebri écuyers. Tuttavia, tra la fine del Cinquecento e la metà del Seicento, lo scarto tra le accademie pensate e quelle esistenti rimane più sfumato; e per i manèges, dal profilo ancora piuttosto fluido, restano attuabili tentativi di modifica o riforma: lo stesso Charles Sorel, nella sua polemica contro le maisons per i nobili di spada, non manca di riconoscere che in certe scuole di equitazione «l’on (apprend) les Sciences & les bonnes mœurs en mesme temps»17; ed un tentativo d’istituzione di un’accademia che garantisca un programma di studi alquanto ricco ed articolato viene compiuto a Parigi ancora nel 167818. Così, mentre Frances A. Yates, nel 1947, ha individuato una continuità tra le accademie di poesia e musica della Parigi di fine Cinquecento, i nuovi istituti di educazione nobiliare ed il movimento accademico intellettuale che caratterizzerà la Francia del xvii secolo19, Norbert Conrads si è spinto, più di recente, a ritrovare nelle prime accademie per i gentiluomini – al contempo luoghi di trasmissione dell’arte equestre e sedi d’istruzione filosofica e scientifica – l’eredità diretta dell’enciclopedismo di quella di Baïf20.

 

  • 21 Vedi M. Dumolin, cit., pp. 331-332.
  • 22 Per le notizie biografiche su Pluvinel vedi Archives Biographiques Françaises (d’ora in poi ABF) I, (...)

52. Tali considerazioni possono spiegare, almeno in parte, l’ambiguità delle fonti relative alla prima e più nota accademia nobiliare di Francia: quella sorta a Parigi nel 1594 e destinata a rimanere, per almeno dieci anni, l’unica istituzione di questo tipo nella capitale21; installata dapprima al piano terra della grande galleria del Louvre, in seguito nella maison de la Corne de Cerf della rue Neuve-Saint-Honoré, essa è fondata per iniziativa dell’écuyer Antoine de Pluvinel22.

  • 23 Ms. AN, P 74², senza numero di folio.
  • 24 Ms. Bibliothèque Nationale de France (d’ora in poi BnF), Pièces Originales 2306, Dossier “Pluvinel” (...)
  • 25 F. Hilarion de Coste, Les Eloges de nos Rois, et des Enfants de France, qui ont esté Daufins de Vie (...)
  • 26 Vedi, tra le testimonianze dell’epoca, H. Laugier de Porchères, Le camp de la Place Royalle, ou rel (...)

6Nato nel 1552 a Crest, nel Delfinato, da una famiglia di commercianti, egli si reca, diciassettenne, a Napoli, dove viene istruito per sei anni dal più famoso maestro italiano di equitazione, Giovan Battista Pignatelli. Rientrato in Francia ed impiegato dapprima a servizio del duca di Anjou (il futuro Enrico III), lo scudiero abbraccia, dopo la morte dell’ultimo Valois, la causa di Enrico IV, il quale, alla fine delle guerre civili, lo investe del titolo nobiliare e lo proclama, prima del 1605, «Commandant en sa grand (sic) escurye»23. «Soubz gouverneur du Roy»24 in quanto maestro d’equitazione del giovane Luigi XIII25 e di suo fratello Gaston a partire dal 1610, muore dieci anni più tardi; particolarmente celebre resterà il balletto equestre da lui preparato nel 1612, in occasione dei festeggiamenti per la pubblicazione dei matrimoni tra i reali di Francia e quelli di Spagna26.

  • 27 A. de Pluvinel, Maneige Royal ou l’on peut remarquer le defaut & la perfection du chevalier […]. Im (...)
  • 28 M. Platte, cit., p. 47.
  • 29 H. Nelson, cit., p. 517.

7Nel 1623 lo stampatore-libraio Guillaume le Noir pubblica il trattato del defunto cavallerizzo, intitolato Manège Royal: steso in forma di dialogo tra l’écuyer e re Luigi, suo allievo, il testo espone i principi che hanno ispirato l’insegnamento del maestro.27 Studi piuttosto recenti hanno sottolineato quanto l’arte equestre di cui Pluvinel si fa portatore, lungi dal fondarsi su esercizi puramente meccanici e fisici, presupponga un cavaliere dotato di jugement, di capacità di giudizio28, ed in grado di sviluppare e controllare al contempo il corpo e l’intelletto29.

  • 30 Le premier livre de l’Académie françoise. D’A. M. Mathematicien du Roy, Contenant. La Logique ou l’ (...)
  • 31 ABF I, 376, 1-3; J. Errard, Le premier livre des instruments mathematiques de I. Errard de Bar-le-D (...)

8Tale modello enciclopedico trova riscontro anche nell’organizzazione della scuola di cui l’écuyer è a capo e nel curriculum formativo in essa previsto? L’accademia di Pluvinel si riduce, in altre parole, ad un semplice maneggio o garantisce ai suoi allievi un’educazione più ampia? Non vi mancano certo discipline di carattere teorico-matematico. Nulla sappiamo, in effetti, sull’origine e l’impiego di un manuale di logica comparso proprio nell’anno dell’apertura della scuola ed intitolato Le premier livre de l’Académie françoise30; in ogni caso, la testimonianza dell’ingegnere lorenese Jean Errard dimostra che la geometria non è estranea al programma di studi dei giovani che frequentano il maneggio parigino31.

  • 32 Ms. BnF, Pièces Originales 1054, Dossier “Errard”, pièce 4.

9Originario di Bar-le-Duc, dove nasce nel 1554 da una famiglia di nobiltà piuttosto recente, egli si forma come esperto in fortificazioni militari probabilmente in Germania ed in Italia ed aderisce in gioventù al calvinismo. Rientrato in Lorena tra il 1575 ed il 1580, in seguito all’adesione del duca Carlo III alla Lega cattolica si sposta dapprima a Sedan, a servizio del duca di Bouillon, poi a Parigi, dove il nuovo sovrano Enrico IV lo nomina ingénieur du Roi32 e lo include nella cerchia dei suoi più stretti collaboratori. Al Borbone Errard dedica La géométrie et pratique générale d’icelle (1594), scritta ad uso dei rampolli dell’académie ed in generale di tutta la nobiltà di Francia:

  • 33 J. Errard, La géométrie et practique générale d’icelle, Paris, David le Clerc, 1594, senza numero d (...)

Sire, puis que vostre Maiesté nous faict esperer, par l’academie qu’elle a ordonné estre dressee en ceste ville de Paris, de veoir resusciter & revivre les sciences, de long temps mortes en ce Royaume, & que les Gentils-hommes françois ont esté contraincts cercher (sic) & aller mandier és pays estranges: I’ay pensé que ce ne seroit mal à propos luy dedier maintenant cest œuvre, combien que petit, comprenant neantmoins ce qui est de plus beau & plus rare en la Geometrie: Esperant, que soubz la protection & faveur de vostre Maiesté, il sera veu & receu du public, & (Dieu aydant) incitera par sa facilité & briefveté, la Noblesse à recercher (sic) les Mathematiques, vrayes & seules sciences, qui ne proffitent pas seullement durant la paix, mais produisent leurs plus beaux effects en temps de Guerre […]. A Paris au moys de May, 1594. I. Errard.33

  • 34 Idem, Les six premiers livres des élémens d’Euclide, Paris, chez Guillaume Auvray, 1598. Nel 1605 a (...)
  • 35 La citazione è tratta dall’edizione postuma del 1629: Idem, Les neuf premiers livres des élémens d’ (...)
  • 36 Idem, La fortification reduicte en art et demonstrée, Paris, s.n., 1600, p. 1. Errard ci ha lasciat (...)

10Le scienze matematiche devono tuttavia far parte del bagaglio culturale del gentiluomo in quanto conoscenze indispensabili alla guerra: è necessario che alla teoria segua la pratica. L’autore si limita, nel volume del 1594, ad enunciare e spiegare i principi base della geometria pura, per poi dare alle stampe, quattro anni più tardi, una sua versione francese dei testi d’Euclide34: nonostante l’assenza di riferimenti alla scuola di Pluvinel, destinatari restano i giovani aristocratici, cui l’autore dichiara di essersi limitato alla traduzione dei primi libri degli Elements in considerazione del fatto che «le reste n’(est) necessaire qu’à ceux qui en desirent faire entiere profession»35. Ma nel 1600, su richiesta del sovrano, Errard consacrerà un trattato alle fortificazioni, sorta di geometria applicata alle esigenze belliche: il matematico ha scritto la sua Fortification pensando ancora una volta alle esigenze dei nobili, «nerfs de la guerre», tenuti ad approfittare della pace presente per acquisire una solida conoscenza di ciò che bisognerà tradurre in pratica «au premier changement»36.

°

  • 37 F. Hoefer, Nouvelle biographie générale depuis les temps les plus reculés jusqu’à 1850-1860 […], Pa (...)

11Mentre niente ci assicura, ad ogni modo, che Errard abbia preso parte in prima persona all’attività didattica dell’académie, le fonti rivelano con certezza il nome dell’insegnante di disegno della scuola dell’illustre écuyer del Delfinato. Discendente di una famiglia di artisti originaria dei Paesi Bassi, Crispin de Pass il giovane, nato a Colonia verso il 1593 e morto in Olanda nel 1670, frequenta l’accademia di Utrecht e lavora in seguito come incisore; spostatosi infine a Parigi, firma, fino alla fine degli anni Venti, numerosi ritratti, alcune serie di stampe ed incide le tavole del Manège Royal, che egli farà pubblicare a sue spese dopo la morte di Pluvinel37. Ma con quest’ultimo l’artista non collabora solo alla realizzazione del celebre trattato di equitazione. Nella prefazione «a gl’amatori del arte» del suo manuale di disegno pubblicato probabilmente postumo nel 1642 e scritto in italiano, francese, olandese e tedesco, de Pass racconta la propria esperienza di maestro all’accademia: è l’impazienza mostrata dai suoi allievi, riluttanti ad applicarsi alla «desegnatura» secondo le complesse regole tradizionali, ad averlo spinto alla messa a punto di un nuovo metodo, più semplice e rapido, ispirato alla Regola delli Cinque Ordini d’Architettura (1562) di Iacopo da Vignola e basato su pochi ed elementari principi matematici.

  • 38 C. de Pass, La prima parte della luce del dipingere e disegnare, nelle quale [sic] si vede una faci (...)

A’ ciò (all’elaborazione di un nuovo sistema d’insegnamento) m’hanno molto incitato le persuasione del sig? (sic) Antonio de Pluvinel primo Cavallerizzo di S. M. Christianissima al quale l’illustriss. Principe Mauritio, mi ci mandò che teneva allora Accademia a Parigi, dove furono mandati molti Principi & sig? (sic) di qualita […], ma gli mancava la desegnatura, ch’il detto sig? (sic) Pluvinel, trovò bene che glie l’insegnassi ad alcuni d’esse […] dove ho trovato che gli giovini Gentelhuomini erano impatienti principalmente gli francesi, & ch’il nostro metodo ordinario gli pareva troppo longo é difficile, & fui costretto di ricercarne un’altra piu facile & meno neioso ciò che feci per le regole & de figure d’Andrea del Vignola sequendo donque cio ch’egli ha insegnato in un libro di Cinque Colonne, & gli mostrai per sei ó sette figure della Matematica, un Chiarissimo & facilissimo mettodo per disegnare, tutto cio che si vede nel mondo […]38.

  • 39 Ibidem, «Quinta parte», p. 8.
  • 40 Ibidem, senza numero di pagina.

12Le pagine della Luce del dipingere e disegnare sono pertanto quelle di un prontuario di disegno artistico: le tavole, corredate del testo quadrilingue a fronte, mostrano come, a partire da figure geometriche, si possano ritrarre le diverse parti del corpo umano ed animale; e proprio enumerando le varie tecniche di rappresentazione del cavallo ed i problemi che essa pone, l’incisore, forse in riferimento alla propria attività d’illustratore per il volume di Pluvinel, parla di «(son) estude, en l’Academie du Roy de France»39. Ma se l’écuyer ha chiesto all’artista di prestarsi come maestro di disegno agli allievi della sua scuola, non è certamente per farne dei pittori: scopo dell’attività di Crispin de Pass è qui quello d’istruire i rampolli «a fin ch’un giorno essend’impiegati al servitio di S. M. nella Carica delle sue armi (possano) facilmente ordinare battaglioni fortificar piazze regolarmente»40.

  • 41 Ibidem, senza numero di pagina.
  • 42 B. Legrain, Decade contenant la vie et gestes de Henry le Grand Roy de France et de Navarre IIII. d (...)

13Sebbene presenti nella rosa delle materie impartite all’accademia, la matematica e la pittura vi risultano pertanto funzionali ad un’istruzione in ultima istanza prettamente militare; ad esse si affiancano poi insegnamenti ritenuti indispensabili all’educazione mondana del gentiluomo. Nell’introduzione alla sua opera de Pass non dimentica di citare, accanto alla scherma, all’esercizio della picca ed alle fortificazioni, anche la musica e la scrittura41; e tale attestazione concorda con quella dello storico-panegirista Baptiste Legrain, il quale, nella descrizione di una non meglio precisata accademia istituita alla corte di Enrico IV, ricorda che il sovrano, desideroso di far istruire la sua nobiltà in tutti gli esercizi che ad essa si addicono, ha voluto impiegarvi «une compagnie de Maistres, les uns pour les Lettres, les autres pour les armes, autres pour monter à cheval, autres pour l’Escriture, autres pour la Musique, les instrumens, & la dance»42. Insomma, lungi dall’essere un semplice maneggio e pur vantando un ventaglio di discipline più ampio rispetto a quello delle académies royales di fine Seicento, l’istituto di Pluvinel non sembra prevedere percorsi di formazione puramente intellettuale, filosofico-morale o storico-politica. Lo conferma l’analisi di due trattati di educazione nobiliare che all’accademia del famoso scudiero fanno riferimento.

14°

  • 43 A. de Pontaymeri, La cité du Montelimar, ou les trois prinses d’icelle, Composées & redigées en sep (...)
  • 44 A. de Pontaymeri, L’image du grand capitaine…, cit. (scritto prima del 1596), ff. 186-220; Idem, Li (...)
  • 45 Idem, L’Academie ou Institution de la Noblesse Françoise (…), in «Les Œuvres d’Alexandre de Pont-Ay (...)
  • 46 Tale dedica compare solo nell’edizione del 1595.
  • 47 A. de Pontaymeri, L’Academie ou Institution de la Noblesse Françoise […], in Les Œuvres d’Alexandre (...)
  • 48 A. de Pontaymeri, L’Academie…, cit., f. 3r.
  • 49 Ibidem, ff. 37v-53v.
  • 50 Ibidem, ff. 3r.
  • 51 H. Sauval, Histoires et recherches des antiquités de la ville de Paris, Paris, chés Charles Moette (...)

15Originario, come Pluvinel, del Delfinato, nato a Montélimar verso la metà del xvi secolo, il poeta e scrittore ugonotto Alexandre de Pontaymeri, seigneur de Focheran, partecipa in prima persona alle guerre di religione: alcune delle sue composizioni alludono agli anni trascorsi a servizio del duca di Lesdiguières43. Il 1595 è l’anno della prima pubblicazione della sua Académie de la Noblesse, breve saggio di denuncia della corruzione dei nobili d’Oltralpe nel quale, con toni non dissimili da quelli di altri lavori da lui consacrati, negli stessi anni, all’istituzione dei giovani blasonati44, egli esorta i gentiluomini alla ricerca di una virtù identificabile con la «discretion» o «prudence»45. Il trattato nasce in realtà come brochure promozionale per l’accademia di Pluvinel: dedicato a Philippe Hurault de Cheverny46, cancelliere di Francia che ha reso possibile la fondazione della scuola, esso si apre con un lungo elogio rivolto all’écuyer, meritevole di aver dispensato la nobiltà francese dal doversi recare in Italia, sede di ogni vizio, al fine di praticare i propri exercices47. Il nuovo istituto è infatti un «Parnasse aux Muses, & […] un temple à la vertu»48; ma l’autore non si preoccupa di spiegare in che modo una discretion presentata nelle pagine seguenti come il frutto di un’attività di studio dei buoni autori, tanto antichi che moderni, di cui Pontaymeri non manca di fornire una lista piuttosto dettagliata49, possa essere acquisita in un’accademia che, accanto alle lezioni di equitazione, si limita ad offrire ai discenti attività quali «le voltigement, l’escrime & la danse, […] les Mathematiques, la peinture et le lut»50. Conseguente alla lettura del testo dello scrittore di Montélimar e dunque altrettanto vaga è così l’affermazione dello storico Henri Sauval, che, all’inizio del Settecento, enumerate le discipline in questione, si accontenta d’indicare, tra le materie teoriche studiate nel manège parigino, «les Mathematiques & beaucoup d’autres choses bienseantes à des personnes de qualité»51.

  • 52 Th. Pelletier, Remerciement du sieur Pelletier, à messieurs de l’assemblée generale du clergé de Fr (...)
  • 53 Th. Pelletier, La nourriture de la noblesse (…), Paris, Vve M. Patisson, 1604, ff. 1r-4r, 7v-13v, 1 (...)
  • 54 Ibidem, ff. 20r-23v.
  • 55 Ibidem, ff. 84r-92r.
  • 56 Ibidem, ff. 95v-107v.

16Ma Pontaymeri non è l’unico trattatista ad aver rilevato l’importanza dell’académie di Pluvinel. Thomas Pelletier, moralista protestante probabilmente originario della città normanna di Valognes, che, convertitosi nel 1608 al cattolicesimo, si dedicherà in prevalenza alla stesura di discorsi funebri su illustri personaggi legati agli ambienti di corte52, pubblica, nel 1604, un breve volume dal titolo La nourriture de la noblesse. Identificata la vera nobiltà con la virtù, anche qui assimilata alla «prudence», e stabilita la preminenza dell’educazione morale e religiosa, l’autore passa a deplorare l’ignoranza dei giovani gentiluomini ed a denunciare i pericoli cui la loro integrità morale è soggetta quando i genitori li inviano a corte perché essi vi prestino servizio in veste di paggi53; indispensabile è al contrario educarli alle «bonnes lettres», soffermandosi non tanto sull’apprendimento inutile e mnemonico delle lingue classiche, quanto sulla storia greca, latina e moderna, sulla geografia e sulla cronologia54 .Se, nel tracciare questo ideale cursus di formazione, l’autore volge lo sguardo all’accademia dell’écuyer, è soltanto in quanto essa rappresenta la sede più adatta alla pratica degli exercices, minuziosamente descritti nelle ultime pagine del libro: l’equitazione, la danza, l’uso delle armi, la musica, il disegno – necessario per poter tracciare «l’assiette d’une place, l’estendue de tout un pays, le foible ou le fort d’une Cittadelle, l’ordre d’une armee […], & tout plein d’autres belles remarques […] requises à un gentilhomme […]» – e le scienze matematiche, ovvero l’aritmetica, la cosmografia e la geometria, imprescindibili per chi vuole «faire sa fortune dans les armes»55. Ma non è all’accademia che i nobili transalpini porteranno a compimento il proprio cursus educativo politico, storico e geografico. Grazie all’iniziativa di Pluvinel, che ha ispirato analoghe fondazioni, i gentiluomini, non più costretti, nella loro prima giovinezza, a lunghi soggiorni presso i maestri italiani, potranno, una volta formatisi agli esercizi in Francia, consacrare gli anni del viaggio d’istruzione ad una peregrinazione attraverso tutto il continente: scandita da brevi tappe, essa porterà i rampolli, sotto la guida di un qualche «personnage d’honneur», a conoscenza del «corps», ossia dell’architettura e delle eventuali «antiquitez» delle varie città e regioni, così come della loro «ame», cioè dell’organizzazione militare in esse vigente e della forma, attuale ed antica, dei governi che le reggono56.

°

  • 57 P. Duodo, Relazione di Francia, in E. Alberi (a cura di), Le relazioni degli ambasciatori veneti al (...)
  • 58 Cito dalla traduzione francese di E. Le Roy Ladurie (a cura di), Le voyage de Thomas Platter, 1595- (...)
  • 59 Th. Platter, Description de Paris (1599), estratto da «Mémoires de la Société de l’Histoire de Pari (...)
  • 60 Idem, Le voyage…, cit., p. 575. Vedi N. Conrads, cit., p. 44; M. Motley, cit., p. 126.

17Non molto diversa e non meno contraddittoria è l’immagine che della scuola dell’ecuyer si ricava dalle fonti di natura memorialistica ed ufficiale. Nota è la testimonianza dell’ambasciatore veneziano Pietro Duodo, a Parigi nel 1598: sottolineato quanto la città di Padova, che da anni accoglie i giovani blasonati d’Oltralpe in cerca dei migliori insegnanti in ogni disciplina, risentirà dell’apertura del maneggio e delle scuole di Rouen e Tolosa ad esso ispirate, egli cita, tra le materie previste all’académie, accanto all’equitazione, la scherma, il «ballo», la musica e la matematica; tutto ciò che, in sostanza, soddisfa pienamente i Francesi, adesso dediti soltanto «ad arti cavalleresche»57. I Transalpini, racconta lo studente svizzero Thomas Platter l’anno seguente, «ont laissé filer les études en complète décadence» a causa della considerevole durata delle guerre civili; nelle accademie, pertanto, «on […] tient les études intellectuelles pour fort peu de chose. […] Et donc, en lieu et place de la formation intellectuelle, ils ont érigé ces académies»58. Dell’académie più famosa del paese l’autore parla nella descrizione dei dintorni delle écuries du roi a Parigi: si tratta di una scuola d’arte equestre, di ammaestramento dei cavalli, di danza, di scherma e di altri giochi59, in tutto simile a quella già ricordata nella relazione riguardante la città di Brouage: grazie a queste nuove istituzioni, dove la nobiltà viene addestrata in ogni sorta di esercizi e di giochi cavallereschi, nel ballo e nella musica, i giovani non hanno più bisogno di andare a formarsi in Italia60.

18L’istruzione ricevuta all’accademia di Pluvinel, come in quelle fondate negli anni successivi, è così per lo più complementare rispetto al percorso formativo compiuto sotto la tutela di precettori privati o nei collegi e nelle università. Il futuro frate cappuccino Joseph de Paris, nato da famiglia nobile nel 1577, comincia gli studi al collegio di Boncour per poi terminarli nella capitale, dove si trasferisce nel 1594. Qui, mentre si dedica all’apprendimento del greco, dell’italiano e dello spagnolo, viene posto dal padre, desideroso di fare del giovane un «personnage accompli», nella rinomata scuola dell’écuyer, da poco fondata, perché vi impari le «gentillesses» ed entri in contatto con importanti rappresentanti del suo ceto; nel 1596, a completamento del proprio cursus educativo, intraprenderà un viaggio in Italia e in Germania.

  • 61 Ms. Bibliothèque du Couvent des Capucins de Paris, ms. 22: La vie du R. Pere Joseph de Paris […], p (...)

On avoit dessein de le rendre scavant, mais non d’une science de college, on en vouloit faire un personnage accompli […]. Ce fut pourquoy il fut mis a l’Academie chez le Sieur Pluvinel, premier ecuier de son tems, ou etoient lors Messieur de Rohan et autres de grande maison. Il donna un an a cet exercice, ou il prenoit grand plaisir, comme une marque de la generosité de son courage, et de vrai il aimoit avec passion les beaus chevaux […]. Il apprît aussi a dancer, faire des armes, les Mathematiques61.

19Nel 1609 anche le Annuæ Litteræ della Società di Gesù, riammessa in Francia sei anni prima, insistono sulla natura essenzialmente fisica delle attività praticate nell’Académie; unico momento di raccoglimento spirituale dei circa quaranta discenti è la predica assicurata, nei giorni festivi, da uno dei membri della Compagnia:

  • 62 Annuæ Litteræ Societatis Jesu (…), Dilingæ 1609, pp. 115-116: “Quella che qui (in Francia) chiamano (...)

Quæ Nobilium Academia hîc (in Francia) appellatur, ea domus ampla est, in quâ nobiles Adolescentes, facilè numero quadraginta, tamquam in gymnasio à Parentibus habentur, formanturque communibus exemplis & institutis ad ea studia, quæ nobilitati vulgo honesta putantur. Qualia sunt; saltitare numerosè, librare se in equum habili corpore, scitè (?) in eo sedere, & eleganter tractare arma, tum ad utilitatem, tum ad venustatem. Hæc ergò ne corporis exercitamenta sola sine animarum cultu condiscerent, inductum est in eorum mores nutu Regis, ipsorùm Moderatoris studio ac voluntate, uti è nostro numero quispiam eos festis diebus ad officia Christiano homine digna pro Concione adhortetur62.

  • 63 J. Stoye, English travellers abroad, 1604-1667, New Haven-London, Conn-Yale University Press, 1989, (...)

20Nello stesso anno, è vero, Lord Clifford, giovane gentiluomo inglese, riferisce di aver soggiornato all’accademia di Pluvinel per frequentarvi corsi non solo di equitazione, scherma, danza, liuto e fortificazioni, ma anche di filosofia63; nondimeno le discipline puramente intellettuali, del resto quasi mai citate, appaiono, qualora presenti, opzionali o secondarie rispetto agli esercizi militari.

°

  • 64 Ms. BnF, Pièces Originales 1925, f. 45; ms. BnF, Chérin 134, f. 45r. Su René de Menou vedi anche AB (...)
  • 65 Ms. BnF, Touraine-Anjou 24 (2), pièce 273; ms. BnF, Touraine-Anjou 24 (4), f. 373; M. Marolles, Mém (...)
  • 66 Ms. BnF, Pièces Originales 1925, pièce 49.
  • 67 Ibidem, ff. 53r-54v, 186r-187v, pièce 211.
  • 68 Ibidem, ff. 62v-63v.
  • 69 P. Richelet, Dictionnaire de la langue françoise, ancienne et moderne […], Lyon, chez les Frères Br (...)

213. Interessanti sono, a questo proposito, alcuni passi dell’opera di un altro allievo di Pluvinel: René de Menou. Primogenito di François, seigneur di Charnizay in Touraine64, nel 1617 è chiamato dal duca di Nevers come maestro d’equitazione dei suoi eredi65, per poi essere nominato, a partire almeno dal 1621, Commissaire ordinaire de l’artillerie de sa Majesté66. Nel 1641 organizza con il figlio Charles, luogotenente regio e poi generale d’Acadie nella Nouvelle France, una sorta di società per il commercio con i nuovi territori americani67; ancora in vita nel 164568, muore intorno alla metà degli anni Cinquanta69.

  • 70 R. de Menou, La pratique du Cavalier, Paris, s.n., 1612, senza numero di pagina.
  • 71 Ibidem, pp. 4, 20-22.
  • 72 A. de Pluvinel, L’instruction du Roy en l’exercice de monter à cheval, par Messire Antoine de Pluvi (...)
  • 73 Ibidem.

22Omaggio a Pluvinel e scritto da Menou proprio al fine di prenderne le difese è il trattato d’equitazione intitolato La pratique du Cavalier, comparso nel 1612: undici anni prima dell’uscita del manuale del maestro, Charnizay si propone, per smentire le critiche dei numerosi detrattori, di mettere per iscritto qualche esempio del metodo di equitazione ed addestramento dei cavalli elaborato dall’illustre écuyer70, che ha offerto ai propri compatrioti le conoscenze e l’esperienza attinte nel periodo di permanenza in Italia, facendo della Francia un prestigioso centro di trasmissione dell’arte equestre e pervenendo a formare «plus […] d’hommes & de chevaux, que tous ceux qui s’en sont meslez avant luy depuis cent ans»71. Di tali parole il nobile della Touraine si serve per celebrare Pluvinel anche nella dedica al re dell’Instruction du roi72, edizione riveduta del Manège Royal e pubblicata per la prima volta nel 1625: tacciando di ignoranza e presunzione il «serviteur domestique» responsabile di aver dato alle stampe, nel 1623, i «fragmens ou mémoires» del defunto écuyer in tutta segretezza, Menou, curatore del nuovo volume, lo dichiara veramente rispondente alle intenzioni originarie dell’autore in quanto compilato sulla base degli appunti che quest’ultimo gli ha affidato pochi mesi prima di spirare73.

  • 74 M. Platte, cit., pp. 53-54.
  • 75 A. de Pluvinel, L’instruction…, cit., pp. 207, 191-195. Su questo progetto, in genere attribuito a (...)
  • 76 L’academiste François. Qui propose des moyens pour bannir les Duels, & pour déraciner les vices qui (...)
  • 77 R. de Menou, La pratique du Cavalier, ou l’exercice de monter à cheval. […] Reveu, corrigé et augme (...)
  • 78 L’academiste François…, cit., f. 29 r; R. de Menou, La pratique du Cavalier […]. Reveu…, cit., p. 2 (...)

23Tale asserzione, che Charnizay avanza, con tutta probabilità, allo scopo di aumentare le vendite del libro, si rivela falsa ad un’analisi approfondita del trattato in questione: uno studio recente ha evidenziato come i passaggi dedicati al dibattito sull’importanza dell’educazione del cavaliere ed alla descrizione delle diverse razze equine, qui inseriti ad ampliamento del testo del 1623, traggano la propria origine non dal manoscritto del maestro, ma dalla Pratique du Cavalier del nobile della Touraine74. Non stupisce quindi che dalla penna di Menou sia nato anche il contenuto delle ultime pagine dell’Instruction, nelle quali Pluvinel espone a Luigi XIII un progetto, assente nel Manège Royal e che l’écuyer asserisce di aver già illustrato ad Enrico IV, relativo alla fondazione di ideali académies per giovani blasonati, necessarie per allontanare i nobili dall’«oysiveté», per rinsaldare i loro legami di fedeltà alla corona e per renderli capaci di servire la monarchia con maggiore «force, iugement, & addresse»75. Tale proposta è infatti già comparsa, dieci anni prima, in una brochure dedicata alla regina, firmata «M.» ed intitolata L’Académiste François, qui propose des moyens pour bannir les Duels76; e nel 1650 le stesse pagine saranno pubblicate da Menou, con il titolo di Traité des moyens pour empêcher les duels e con pochissime varianti, come sesta ed ultima parte della più tarda edizione della Pratique du Cavalier77: l’istituzione di questi «Colleges d’armes & de vertu»78 è qui prospettata come unica soluzione al grave problema della pratica degli scontri all’arma bianca tra gentiluomini.

  • 79 L’academiste François…, cit., f. 17 v; R. de Menou, La pratique du Cavalier […]. Reveu…, cit., p. 2 (...)
  • 80 L’academiste François…, cit., f. 27 v; A. de Pluvinel, L’instruction…, cit., p. 204-205; R. de Meno (...)
  • 81 L’academiste François…, cit., f. 29 r; A. de Pluvinel, L’instruction…, cit., p. 206; R. de Menou, L (...)
  • 82 Tale precisazione si trova soltanto in Ibidem, p. 244.
  • 83 A. de Pluvinel, L’instruction…, cit., p. 198; confronta L’academiste François…, cit., ff. 19v-20r; (...)
  • 84 L’academiste François…, cit., f. 18v; A. de Pluvinel, L’instruction…, cit., p. 196; R. de Menou, La (...)
  • 85 A. de Pluvinel, L’instruction…, cit., p. 194.
  • 86 L’academiste François…, cit., f. 21r; A. de Pluvinel, L’instruction…, cit., p. 199; R. de Menou, La (...)

24Non è impossibile, beninteso, che, fin dal 1615, l’autore si limiti a trascrivere un progetto elaborato dal suo insegnante. Ad ogni modo, anche quando il testo è attribuito allo stesso Pluvinel, infruttuosi restano i tentativi di trovarvi riferimenti al maneggio dell’écuyer; e se le accademie esistenti vengono citate non è che al fine di segnalarne la scarsa utilità: quelle di cui Charnizay cerca, a più riprese e fino agli ultimi anni della sua vita, di promuovere la nascita risultano evidentemente molto diverse rispetto alla scuola privata di esercizi cavallereschi che egli ha conosciuto. Da una parte, questi nuovi collegi nobiliari, presenti in quattro importanti città del Paese, formeranno una vera e propria rete: le sedi indicate sono, nelle opere del 1615 e del 1650, Parigi, Bordeaux, Lione e Tours, alla quale, nelle pagine dell’Instruction, si affianca come ulteriore opzione Poitiers79. Opportuno sarebbe altresì creare un fondo pubblico dell’ammontare di 30000 lire annue (che diverranno 60000 nella Pratique du Cavalier), destinato, una volta ripartito tra i quattro istituti, al loro finanziamento: tale denaro potrà essere facilmente accantonato a partire dalle pensioni concesse dal re alla nobiltà stessa80 e dalla confisca dei beni degli eventuali trasgressori agli editti regi81. I responsabili delle quattro scuole, tenuti a rendere conto delle proprie capacità e del proprio operato al Grand Ecuyer in persona82, non saranno più costretti, così, a «user de compliments d’atraits […] & quelquesfois de tollerance aux vices» per assicurarsi il maggior numero d’allievi e salvare i loro istituti dalla bancarotta83; al contrario, sarà possibile, addirittura, ridurre il prezzo richiesto per la permanenza in accademia, rendendola accessibile anche ai rampolli dei casati meno ricchi84. Dall’altra, se René de Menou prevede di fare dei nobili transalpini degli uomini virtuosi è perché egli conta di impartire loro un’educazione completa, di «exercer leur corps & leur esprit»85. Ad ogni accademia bisognerà assicurare, oltre ai cavalli ed al personale che si occuperà delle scuderie, un «Tireur d’armes», un «Maistre a dancer», un «voltigeur», un «Mathematicien» ed un «homme de lettres»86; tutte le mattine saranno consacrate alle lezioni di equitazione, i pomeriggi del lunedì, mercoledì, venerdì e sabato alla pratica delle armi, alla danza, al volteggio ed alle fortificazioni; una volta al mese sarà organizzata una battaglia fittizia, nella quale i discenti prenderanno conoscenza di «tout l’ordre de la guerre». Ma il mercoledì ed il venerdì, dopo pranzo, essi seguiranno le lezioni di un letterato che, elencate loro tutte le virtù morali e chiaritele con l’ausilio di esempi tratti dalla storia antica e moderna, dovrà trattare, più in profondità, la politica, «comme la partie la plus necessaire», in quanto indispensabile per servire il re, sia in pace sia in guerra:

  • 87 A. de Pluvinel, L’instruction…, cit., p. 200: “ed in questa disciplina (la politica) mostrare loro (...)

& là-dessus (sulla Politica) leur monstrer la forme qu’il faut tenir pour gouverner les Provinces, les villes & les places que vostre Majesté leur peut remettre entre les mains: comme il se faut maintenir aux armees, soit pour commander, soit pour obeir; comme quoy servir son Maistre, soit en Ambassade, soit en quelqu’autre affaire particuliere […]87.

  • 88 R. de Menou, Accademie des Esprits Illustres qui aspirent aux grands employs des armes, et des lett (...)
  • 89 Ibidem, ff. 13r-14v. Vedi anche Ibidem, ff. 168v, 200v-201r, 203r-204r.
  • 90 Ibidem, f. 54. Vedi anche ff. 225r, 231v.
  • 91 Ibidem, f. 17.
  • 92 Ibidem, f. 184v.
  • 93 Ibidem, ff. 190v-191r.
  • 94 Ibidem, f. 205.
  • 95 Ibidem, ff. 218r.
  • 96 Ibidem, ff. 115r, 140v-141v, 202, 210, 216v.
  • 97 Ibidem, ff. 66v-70v, 77.

25Ma Charnizay non si accontenta di esporre il suo progetto; egli tenta anche, almeno in parte, di tradurlo in pratica: i principi della «politique» brevemente enumerati nel progetto di accademie sono da lui sviluppati nel dettaglio in un trattato rimasto manoscritto ed intitolato significativamente Académie des Esprits Illustres qui aspirent aux grands emplois des armes et des lettres. Steso intorno al 1630 per uno dei figli del duca di Nevers, Charles di Gonzaga, di cui il nobile della Touraine è tutore, il volume mira, di paragrafo in paragrafo, ad iniziare il giovane, cui il re non mancherà certo di affidare, nel prossimo futuro, «le commandement de quelque trouppe de douze ou quinze cens chevaux et trois ou quattre mil hommes […] avec charge de les mener quinze jours ou un mois a la guerre»88, alle nozioni fondamentali della tattica bellica e della gestione delle milizie: in che modo si debbano riunire le truppe o soccorrere una piazzaforte sotto assedio, quali siano le qualità richieste ad un capitano, come ed in quali occasioni combattere, in che modo conquistare il favore e la fedeltà dei soldati. Non mancano tuttavia sezioni riguardanti l’uso retorico della parola, scritta od orale, nelle «affaires de consequence» e «dans un conseil»: pur evitando il ricorso ad asserzioni troppo dirette, che potrebbero risultare offensive, bisognerà essere da subito chiari nell’esporre i propri propositi e nel confutare gli argomenti contrari alla tesi sostenuta, ma trattenersi dal denigrare le opinioni degli amici89. Il buon politico, in grado di distinguere ciò che può essere detto da quello che mai deve essere confidato90, saprà come rifiutare con onore una carica sgradita91 e svolgere al meglio un incarico commissionatogli dal sovrano92; e, conscio dei pericoli che si possono correre rivelando ad altri le proprie disposizioni d’animo93, potrà persino, se le circostanze lo impongono, fingersi malato94. Charles dovrà poi imparare quali siano, per una possibile futura guerra, i dati utili da attingere qualora egli si trovi in un altro Paese95 e come condurre trattative con gli ambasciatori dei principi stranieri96; e a tale scopo Menou fornisce precise indicazioni sui «moyens qu’il faut tenir pour faire un traicté de paix» e sugli accorgimenti da adottare al fine di rendere tali contrattazioni vantaggiose per il proprio sovrano: ben informati sui mutamenti apportati dalla guerra alle frontiere e sui diritti che il re può vantare sui territori in gioco, occorrerà essere a conoscenza di tutte le clausole che l’accordo dovrà contemplare97. L’allievo dell’Académie, insomma, non è soltanto un perfetto uomo d’armi, ma anche un abile politico ed un accorto diplomatico.

°

  • 98 ABF I, 142, 223; G. de Soultrait, Notice his-torique et généalogique sur la famille de Bourgoing en (...)
  • 99 Ms. BnF, Pièces Originales 469, Dossier “Bourgoing à Paris”, pièce 17.
  • 100 Ms. BnF, Cabinet de d’Hozier 60…, cit.,f. 8v.
  • 101 ABF I, 142, 224; G. de Soultrait, cit., p. 14.
  • 102 Ms. BnF, Pièces Originales 469…, cit., pièces 18-19.
  • 103 J. Bourgoing, De origine usu et ratione vulgarium vocum linguæ Gallicæ, Italicæ, & Hispanicæ […], P (...)

264. Ad una scuola nobiliare che possa assicurare una formazione completa qualcuno ha però già pensato negli anni immediatamente successivi alla comparsa di queste istituzioni; e qui, con tutta probabilità, tale istanza si traduce, più concretamente, in una proposta di ampliamento del ventaglio di discipline previste nelle accademie effettivamente operanti. Jacques Bourgoing de Belleperche, nato nel 1543, è figlio di un consigliere del Parlement, discendente di una famiglia di nobiltà di toga originaria della regione di Nevers ed investita del feudo di Poissons a partire dalla seconda metà del Quattrocento98. Avvocato in Parlamento nel 157999, egli diviene, a partire dal 1580, «conseiller et general en la cour des Aides»100; nello stesso anno viene scelto come commissario regio nell’affare dei francs-fiefs101; morirà prima della fine del secolo102, dopo aver pubblicato, nel 1583, il primo ed unico tomo del suo De origine, usu et ratione vulgarium vocum linguæ Gallicæ, Italicæ, & Hispanicæ103, sorta di dizionario etimologico comparato delle lingue nate dal latino, ed aver insegnato diritto romano e francese a Moulins.

  • 104 J. Bourgoing, L’Academie du Roy, pour l’instruction de la ieunesse. Harengue panegyrique desdiee à (...)
  • 105 Ibidem, “Extraict du Placet et Requeste treshumble presentée par le S. de Belleperche, & accordée p (...)

27Della sua esperienza di professore l’autore parla nelle pagine di una sua breve pièce a stampa, intitolata Académie du Roi, pour l’instruction de la jeunesse104. Il testo, alquanto confuso, è la trascrizione di un’orazione offerta ad Enrico IV il 13 dicembre 1597, «iour & feste de saincte Luce», in occasione del suo quarantaquattresimo compleanno, e declamata da Bourgoing nel palazzo Petit-Bourbon, «aux faulxbourgs sainct Iacques de Paris», il 5 febbraio 1598105. Sull’esempio degli antichi panegiristi, che solevano celebrare gli imperatori romani nel giorno della loro nascita o all’inizio di un nuovo anno, il giurista tesse gli elogi del re di Francia attraverso un «brief dis-cours demy-Pythagoricque» volto all’ingegnosa ricerca di tutti i significati ed i ricorsi del numero 4, specchio della grandezza del re, legato al titolo ed all’età del sovrano, per altro sessantaquattresimo re transalpino e quarto monarca della casa dei Borbone, all’ottavo anno di regno: la sua venuta al mondo, come Bourgoing sottolinea più volte nel corso dell’arringa, è del resto la quarta da festeggiare dopo quella di Cristo, della Vergine Maria e di San Giovanni Battista. «Quatre» sono così le ragioni che spingono l’autore ad invocare il nome di Dio, a sua volta «tetrogramme» in otto lingue (ebraico, greco, latino, francese, italiano, spagnolo, tedesco ed inglese), ed altrettante quelle che lo esortano, all’inizio della sua arringa, a rivolgere agli uditori la propria captatio benevolentiæ; la medesima cifra indica poi, per esempio, l’insieme degli Elementi, delle stagioni, delle fasi lunari, così come la totalità dei libri del diritto giustinianeo, delle monarchie dell’antichità, delle regioni dell’antica Gallia e delle Corti di Francia; e, «revenans à la divinité», «quaternaire» è il numero degli evangelisti.

  • 106 Bourgoing afferma di aver già esplicitato le ragioni che lo hanno mosso a questa iniziativa in quat (...)
  • 107 J. Bourgoing, cit., senza numero di pagina, passim.

28Occasione di questo «serieux ieu» filosofico è la prima riunione di un’accademia nobiliare, di cui Belleperche, che ne è il promotore e l’iniziatore, spiega gli intenti programmatici106. Approvata dal sovrano ed erede delle analoghe istituzioni volute da Carlomagno e Francesco I, essa darà luogo ad un rapporto di «communication» tra i gentiluomini di robe e quelli d’épée: benvenuti saranno tutti coloro che, chiamati a servire il re nel suo seguito, nel suo esercito, nella Cancelleria, nelle Finanze o dediti al commercio ed ai vari «arts & mestiers», sentiranno il desiderio di coltivare, seppur non in profondità, «toutes sciences & exercices d’esprit», ad eccezione della teologia. E se tutti potranno facilmente trarre profitto da questa scuola, è perché, contrariamente a quanto avviene nei collegi e nelle università, le lezioni vi saranno svolte in francese: l’oratore, da sempre impegnato in un’opera di divulgazione del sapere e convinto di poter rendere dotti i propri allievi, già provvisti per parte loro di naturale intelligenza, nel volgere di un anno, indica nella difficoltà dell’apprendimento delle lingue classiche il principale deterrente allo studio delle discipline intellettuali. Perché la proposta dell’autore, finalizzata a dotare i giovani di competenze che li rendano degni di servire la monarchia, non vada incontro al fallimento è infatti indispensabile che questi vengano istruiti nel loro idioma, superiore ad ogni altro, «(langue) nostre, naturelle, fonciere, en laquelle la mere nous a eslevé (sic), la nourrice allaicté». Se il volgare è accettato nella traduzione e nella composizione scritta, perché non dovrebbe esserlo anche quando si tratta di esporre, a viva voce, le scienze? Pertanto, come recita l’iscrizione apposta all’entrata dell’accademia, «Quarta tribus priscis subdatur Gallica linguis», al francese sarà conferita una dignità pari a quella riconosciuta all’ebraico, al greco ed al latino: analogamente ai popoli dell’Antichità, i Transalpini disporranno di sedi d’insegnamento pubblico nel loro «language»107.

29Dichiarate poi le armi e le scienze «les deux de mesme raison, instructi(ve)s de la ieunesse, instruments au bon seminaire, soustenemens de la Republique», l’autore si preoccupa di specificare quali materie definiscano questi due campi del sapere: da una parte l’uso delle armi, il volteggio, il salto, la lotta, il nuoto, la caccia, la corsa agli anelli, il combattimento «à la barriere»; dall’altra la matematica, la storia e la poesia, «les parties de Philosophie compris celle de bien vivre: La Politicque en l’art militaire, l’œconomicque & mesnage de maison», la medicina, il diritto e le arti liberali, ovvero la scrittura e l’ortografia, la musica vocale e strumentale e la pittura. Sia le discipline fisiche e militari, sia quelle intellettuali ed artistiche possono essere ridotte in precetti e metodicamente insegnate: è ciò che «ceste Academie & Escole Royale d’Institution, Platonicque d’excellence comme est nostre desir», si propone; ed all’unione delle armi e delle lettere inneggiano le devises recitate dall’oratore e riportate nel testo. Ancora provvisorio fino alla fine della settimana, l’orario riportato al termine del documento stabilisce così «la tenue & exercice de ladicte Academie en tout debvoir & diligence possible, avec assiduité & sans intermission, le Lundy & autres iours consecutifs», sotto la direzione del panegirista o di altri, «tant pour les sciences que le faict des armes».

30Se questa appena inaugurata «academie françoise», intellettuale e letteraria, è stata eretta «pour l’instruction entiere & accomplie de la ieunesse», è infatti perché essa viene ad integrare l’educazione impartita in una scuola preesistente, un’accademia d’equitazione fondata nel 1594 a Parigi: senza dubbio quella di Pluvinel, sebbene l’écuyer non sia direttamente nominato nella «harengue». Bourgoing, nella propria richiesta di aiuto e sostegno alla città di Parigi ed a tutti i francesi, parla delle due istituzioni come se esse costituissero un tutt’uno; non diversi i toni quando si tratta di ricordarne l’atto di fondazione:

  • 108 Ibidem, senza numero di pagina: “[…] noi imploravamo e imploriamo umilmente l’aiuto e l’incoraggiam (...)

[…] nous implorions & implorons par humble requeste l’ayde & confort à cest œuvre & bien publicq de Nosseigneurs & Superieurs, Magistrats tant des Cours & souverains, que de ceste ville de Paris au Chatelet, Maison de Ville, & Université: Vouloir donner cest ayde, & telle continuer qu’ils ont faict depuis Quatre ans, à ceste Academie […]: Requeste aussi & priere à messieurs nos cohabitans de France, concitoyens de Paris, compagnons d’estat profession & estude, proches & amis […].
[…] En ce lieu n’est à passer soubs silence la digne & Royale consideration en l’arrest du Conseil de sa Magesté de l’an 1594. fondamental de ceste Academie: Pour retenir le bien & honneur en France & empescher la ieunesse de sa Noblesse de n’estre contraincte se transporter és pays estrangers108.

31Ad un’analisi attenta, per concludere, la radicalità del progetto di Belleperche non sorprende: da una parte, membro della nobiltà parlamentare, egli propone un’«escole» nobiliare aperta anche alla robe; dall’altra, se egli insiste per l’inserimento delle lettres nel percorso formativo dei gentiluomini che frequentano il maneggio parigino e se mira, attraverso l’uso del francese, a rendere le scienze accessibili ai membri di un ceto tradizionalmente estraneo allo studio delle lingue classiche, è perché, per quanto isolato, il suo tentativo di far rivivere nell’istituto di Pluvinel, non ancora Académie Royale d’équitation, l’enciclopedismo delle accademie francesi della seconda metà del Cinquecento è, nel 1598, ancora attuabile. Non è un caso, insomma, che l’iniziativa di riforma più esplicita e più profonda delle scuole nobiliari sia cronologicamente così vicina alla loro comparsa.

32Ad ogni modo, il sogno di Belleperche non si realizzerà: forse anche a causa della morte del giurista, la sua orazione non avrà seguito ed il programma posto in chiusura della pièce rimarrà sulla carta.

Torna su

Note

1 Vedi in particolare J. Boutier, Le Grand Tour des gentilshommes et les académies d’éducation pour la noblesse. France et Italie, xvie-xviie siècle, in «Beihefte der Francia. Herausgegeben vom Deutschen Historischen Institut Paris», 60, 2005, pp. 239-240. Sulle accademie italiane in età moderna vedi J. R. Hale, Military Academies on the Venetian Terraferma in the Early Seventeenth Century, in «Studi Veneziani», 15, 1973, pp. 273-295; Idem, The military education of the officer class in early modern Europe, in C. H. Clough (a cura di), Cultural Aspects of the Italian Renaissance. Essays in Honour of Paul Oskar Kristeller, New York, Manchester University Press, 1976, pp. 443-445; J. Boutier, L’‘Accademia dei nobili’ di Firenze. Sociabilità ed educazione dei giovani nobili negli anni di Cosimo III, in F. Angiolini, V. Becagli, M. Verga (a cura di), La Toscana nell’età di Cosimo III, Atti del convegno di Pisa-S. Domenico di Fiesole (FI), 4-5 giugno 1990, Firenze, Edifir, 1993, pp. 205-224.

2 Sulle accademie nobiliari francesi vedi J. Cousin, La Cour du Dragon, in «Revue Universelle des Arts», 22, 1865-1866, pp. 249-255; C. de Montzey, Institutions d’éducation militaire jusqu’en 1789, Paris, Librairie militaire J. Dumaine, 1866, pp. 64, 81-82; J. Gourdault, La jeunesse du Grand Condé, Tours, A. Mame et fils, 1875, p. 12; P. Ratouis, Les origines de l’Académie d’équitation civile et de l’école d’équitation militaire de Saumur (1593-1830), Saumur, Paul Godet, 1879; P. Reigneaud, L’Académie Royale de Riom, in «Mémoires de l’Académie des sciences, belles lettres et arts de Clermont-Ferrand», 23, 1881, pp. 561-579; Ch. Duplessis, L’équitation en France, ses écoles et ses maîtres. Depuis le xve siècle jusqu’à nos jours, Paris-Nancy, Berger-Levrault et Cie, 1892; A. Joubert, Les Gentilshommes étrangers à l’académie d’équitation d’Angers au xviie siècle d’après un document inédit (1601-1635), in «Revue de l’Anjou», nouvelle série, 26, 1893, pp. 5-22; H. Cherot, Trois éducations princières au dix-septième siècle. Le Grand Condé, son fils, le duc d’Enghien, son petit-fils, le duc de Bourbon (1630-1684), Lille, de Brouwer et Cie, 1896, pp. 83-89; A. Folly, Les Académies d’armes aux seizième et dix-septième siècle, in «Bulletin de la Société Historique du xie arrondissement de Paris», 2, 1899, pp. 163-171; A. Gallier, L’académie d’équitation de Caen au xviiie et au xixe siècles, Caen, E. Adeline, 1900; A. Christian, Étude sur le Paris d’Autrefois. L’art équestre à Paris – Les sports et exercices physiques, Paris, G. Roustan-Champion, 1907, pp. 59-64; L. Hoche, Contribution à l’histoire de Paris. Paris occidental. xiie siècle-xixe siècle, Paris, Henri Leclerc, 1912, Appendice xxiii, pp. 871-924; M. Poëte, La Promenade à Paris au xviie siècle, Paris, Armand Colin, 1913, pp. 237-241; O. Raguenet de St. Albin, Livre des Pensionnaires et des externes à l’Académie d’Équitation d’Angers au xviiie siècle (1755-1790) d’après un document inédit, in «Revue de l’Anjou», nouvelle série, 68, 1914; F. Uzureau (le chanoine), L’Académie d’équitation d’Angers, in «Anjou historique», xxiv, 1924, pp. 198-204; M. Magendie, La politesse mondaine et les théories de l’honnêteté, en France au xviie siècle, de 1600 à 1660, Paris, Presses Universitaires de France, 1925 (= Genève, Slatkine Reprints, 1970), pp. 51-56; Commandant de La Roche, Les académies militaires sous l’Ancien régime, in «Revue des études historiques», 1929, pp. 409-418; M. Dumolin, Les académies parisiennes d’équitation, in «Revue du Cheval de Selle», xxxvii, 7-10, 1935, pp. 327-333, 387-396, 467-475, 514-523, 562-567; G. de Fournoux la Chaze, L’académie de Manège de Riom, Clermont-Ferrand, Jean de Bussac, 1943; Général de Decarpentry, Les maîtres écuyers du manège de Saumur. De 1814 à 1874, Paris, Emile Hazan, 1954; F. Mombet, L’académie de Nérac, in «Revue de l’Agenais», xcviii, 97, 1971, pp. 249-253; R. Chartier, M.-M. Compère, D. Julia, L’éducation en France du xvie au xviiie siècle, Paris, Société d’édition d’enseignement supérieur, 1976, pp. 181-185; W. Frijhoff, Étudiants étrangers à l’Académie d’équitation d’Angers au xviie siècle, in «Lias», 4, 1977, pp. 13-84; N. Conrads, Ritterakademien der Frühen Neuzeit (…), Göttingen, Vandenhoe & Ruprecht, 1982; E. Schalk, From valor to pedigree: ideas of nobility in France in the Sixteenth and Seventeenth Centuries, Princeton, Princeton University Press, 1986, pp. 132-133, 174-201; M. Motley, Becoming a French Aristocrat. The Education of the Court Nobility (1580-1714), Princeton, Princeton University Press, 1990, pp. 123-168; J. Charpy, L’académie d’équitation de Rennes au xviiie siècle, in «Bulletin et Mémoires de la Société Archéologique du Département d’Ille-et-Vilaine», 99, 1996, pp. 141-152; C. Doucet, Les académies d’art équestre dans l’Ouest et le Sud-Ouest de la France, xvie-xviiie siècle, Thèse, Université Bordeaux III-Michel de Montaigne, 1998, dir. A.-M. Cocula; Eadem, Les académies équestres et l’éducation de la noblesse (xvie-xviiie siècle), in «Revue historique», cxxvii, 628, oct. 2003, pp. 817-836; Eadem, Les académies équestres ou l’école de la noblesse, in M. Bideaux e M.-M. Fragonard (a cura di), Les échanges entre les universités européennes à la Renaissance, Colloque international (…) de Valence, 15-18 mai 2002, Genève, Droz, 2003, pp. 129-139.

3 L’anonimo Dictionariolum latino-gallicum (…), Avec les mots François, tournez en Latin (…), Rouen, 1597, senza numero di pagina, definisce l’acadêmia, nella seconda accezione, come «Tout lieu d’exercice d’estude, Université» ed il gymnasium in quanto «Lieu d’exercice, soit à luiter (sic), courir disputer, estudier, & traiter des lettres». Vedi anche F. Du Jon (detto Junius), Francisci Junii Academia (…), Heidelbergæ, s.n., 1587, pp. 24-26. Nella trascrizione dei passi citati nel testo e nell’indicazione dei titoli nelle note mi sono attenuto all’ortografia originale.

4 D. de Juigné Broissinière, Dictionnaire Theologique, Historique, Poetique, Cosmographique et chronologique (…), Paris, chez Guillaume Le Bé & Iean Roger, 1644, coll. 27-28.

5 Ch. Sorel, Discours sur l’Academie Françoise. Establie pour la correction & l’embellissement du Langage; Pour sçavoir si elle est de quelque utilité aux Particuliers & au Public. Et où on voit les Raisons de part & d’autre sans desguisement, Paris, chez Guillaume de Luyne, 1654, pp. 1-6.

6 Ibidem, p. 19.

7 G. Guillet, Les arts de l’homme d’épée ou le dictionnaire du gentilhomme, Paris, G. Clouzier, 1678.

8 A. Furetière, Dictionnaire universel: contenant generalement tous les mots françois, tant vieux que modernes, & les termes de toutes les sciences et des arts (…), La Haye-Rotterdam, chez Arnout & Reinier Leers, 1690, tomo I A-E, senza numero di pagina.

9 P. Danet, Nouveau dictionnaire françois et latin (…), Paris, Vve Thiboust & P. Esclassan, 1683, p. 11.

10 Vedi M. Motley, cit., p. 128; C. Doucet, Les académies d’art équestre…, cit., pp. 57-58; Eadem, Les académies équestres et l’éducation…, cit., pp. 820-828.

11 Arrest du Conseil d’Estat portant defenses à ceux de la Religion pretenduë reformée de tenir Academies pour les exercices de la Noblesse. Du 2. jour d’Avril 1666, Paris, Chez Antoine Vitré, 1666.

12 Ms. Archives Nationales (d’ora in poi AN), O¹ 915, pièce 38.

13 Ms. AN, O¹ 915, pièce 39.

14 Ibidem.

15 Ibidem.

16 Mi riferisco in particolare alle proposte di P. de La Primaudaye, Academie Françoise, En laquelle il est traitté de l’institution des Mœurs, & de ce qui concerne le bien & heureusement vivre en tous Estats & conditions, Paris, chez Guillaume Chaudiere, 1577; P. d’Origny, Le Hérault de la noblesse de France, Rheims, J. de Foigny, 1578 (= Paris, J.-B. Dumoulin 1875), pp. 34-37; F. de La Noue, Discours politiques et militaires, Genève, Droz, 1967, pp. 151-159; S. de Juvigny, Advis de l’establissement de quatre Academies en la France, & des moyens propres pour l’executer. Proposé par le Sieur de Iuvigny Gentilhomme ordinaire de la Chambre du Roy, & Capitaine de cinquante chevaux legers de ces (sic) ordonnances, Rouen, chez Raphaël du Petit Val, 1596; D. de Flurance Rivault, Le Dessein d’une Academie, et de l’introduction d’icelle en la Cour, Paris, P. Le Court, 1612; Idem, La leçon faicte en la premiere ouverture de l’Académie Royale, Paris, P. Le Court, 1612. Vedi anche E. Schalk, cit., pp. 174-180; M. Motley, cit., pp. 123-125.

17 Ch. Sorel, cit., p. 6.

18 Ms. AN, O¹ 915, pièce 34.

19 F. A. Yates, The French Academies of the Sixteenth Century, London, the Warburg Institute-University of London, 1947, p. 278.

20 N. Conrads, cit., pp. 16, 26, 35-36, 64.

21 Vedi M. Dumolin, cit., pp. 331-332.

22 Per le notizie biografiche su Pluvinel vedi Archives Biographiques Françaises (d’ora in poi ABF) I, 364-383; G. Allard, Bibliothèque du Dauphiné, Grenoble, Giroud, 1797 (= Genève, Slatkine Reprints, 1971). Su Pluvinel e la sua accademia vedi H. de Terrebasse, Antoine de Pluvinel, dauphinois (1552-1620), Lyon, L. Brun, 1911; L. Hoche, cit., pp. 884-908; M. Poëte, cit., p. 238; M. Dumolin, cit., pp. 327-330; N. Conrads, cit., pp 41-65; H. Nelson, Antoine de Pluvinel, Classical Horseman and Humanist, in «The French Review», 58, n. 4, 1985, pp. 514-523; E. Schalk, cit., pp. 181-188; Idem, Pluvinel, le renouvellement de la noblesse et les prémices de l’École de Versailles, in «Les Écuries royales, du xvie au xviiie siècle», Paris, Association pour l’Académie d’Art Equestre de Versailles, 1998, pp. 169-175; M. C. Mégret-Lacan, Naissance de l’art équestre, in «xviie siècle», LI, 204, juillet-septembre 1999, pp. 523-548; M. Platte, Die “Maneige Royal” des Antoine de Pluvinel, Wiesbaden, Harrassowitz Verlag, 2000. Sulle tecniche equestri di Pluvinel vedi S. Anglo, The Martial Arts of Renaissance Europe, New Haven-London, Yale University Press, 2000, pp. 266-268; S. Vaucelle, “Jouer à la veuë du Prince”. Pédagogie sportive et préparatifs corporels aux fêtes de la cour dans la France classique (1550-1650), in «Ludica, annali di storia e civiltà del gioco», 8, 2002, pp. 60-64; Idem, Le cheval, le chevalier, le cavalier. La mutation des jeux équestres de la noblesse (xiie-xviie siècle), in «Ludica, annali di storia e civiltà del gioco», 9, 2003, pp. 161-162.

23 Ms. AN, P 74², senza numero di folio.

24 Ms. Bibliothèque Nationale de France (d’ora in poi BnF), Pièces Originales 2306, Dossier “Pluvinel”, pièce 5. Su Pluvinel vedi anche ms. AN, E* 20ª , ff. 187r, 354r; ms. BnF, F. Fr. 3540, f. 39r.

25 F. Hilarion de Coste, Les Eloges de nos Rois, et des Enfants de France, qui ont esté Daufins de Viennois, Comtes de Valentinois et de Diois, Paris, chez Sébastien Cramoisy, 1643, p. 181.

26 Vedi, tra le testimonianze dell’epoca, H. Laugier de Porchères, Le camp de la Place Royalle, ou relation de ce qui s’est passé les cinquiesme, sixiesme, & septiesme iour d’Avril, mil six cents douze, pour la publication des Mariages du Roy, & de Madame, avec l’Infante, & le Prince d’Espagne, Paris, chez Iean Micard, 1612, pp. 116-124; M. Vulson de la Colombière, Le vray theatre d’honneur et de chevalerie ou le miroir heroique de la noblesse, Paris, A. Courbé, 1648, tomo I, pp. 361-438. Sul Carrousel del 1612 vedi J. Vanuxem, Le Carrousel de 1612 sur la Place Royale et ses devises, in J. Jacquot (a cura di), «Les fêtes de la Renaissance», vol. I., Journées internationales d’études, Abbaye de Royaumont, 8-13 juillet 1955, Paris, éditions du C.N.R.S., 1956, pp. 191-203; A. Stegmann, La fête parisienne à la Place Royale en avril 1612, in J. Jacquot, E. Konigson (a cura di), Les fêtes de la Renaissance, vol. III., Quinzième colloque international d’études humanistes, Tours, 10-22 juillet 1972, Paris, éditions du C.N.R.S., 1975, pp. 373-392.

27 A. de Pluvinel, Maneige Royal ou l’on peut remarquer le defaut & la perfection du chevalier […]. Imprimé […] aux frais de Crispian de Pas, Paris, chez G. le Noir, 1623.

28 M. Platte, cit., p. 47.

29 H. Nelson, cit., p. 517.

30 Le premier livre de l’Académie françoise. D’A. M. Mathematicien du Roy, Contenant. La Logique ou l’avant-propos de toute l’Academie, Paris, chez Abel L’Angelier, 1594.

31 ABF I, 376, 1-3; J. Errard, Le premier livre des instruments mathematiques de I. Errard de Bar-le-Duc, A tres illustre prince monseigneur, le Duc de Calabre, Lorraine, Bar, Gueldres, Etc., Nancy, Ian-Ianson, 1584 (= Nancy, Berger-Levrault 1979), “Introduction”, pp. IX-XII.

32 Ms. BnF, Pièces Originales 1054, Dossier “Errard”, pièce 4.

33 J. Errard, La géométrie et practique générale d’icelle, Paris, David le Clerc, 1594, senza numero di pagina: «Sire, poiché Vostra Maestà ci fa sperare, grazie all’accademia che essa ha ordinato di fondare in questa città di Parigi, di veder resuscitare e rivivere le scienze, da tempo morte in questo regno, e che i gentiluomini francesi sono stati costretti a cercare ed andare ad elemosinare nei Paesi stranieri; ho pensato che non sarebbe stato fuori luogo dedicarLe adesso quest’opera, che, seppur piccola, racchiude nondimeno ciò che di più bello e prezioso è nella geometria: nella speranza che, sotto la protezione ed il favore di Vostra Maestà, essa sia vista ed accolta dal pubblico, e (con l’aiuto di Dio) induca, grazie alla sua semplicità e brevità, la nobiltà a ricercare la matematica, vera ed unica scienza, che non solo è utile durante la pace, ma produce i suoi più begli effetti in tempo di guerra […]. A Parigi nel mese di maggio 1594. J. Errard». Allo stesso anno risale la pubblicazione della Refutation de quelques propositions du livre de Monsieur de L’escale (sic), de la quadrature du cercle […], Paris, chez Guillaume Auvray, 1594. Della Géométrie usciranno una nuova edizione nel 1602 ed una versione corretta ed ampliata da un curatore anonimo nel 1619, nove anni dopo la morte dell’autore.

34 Idem, Les six premiers livres des élémens d’Euclide, Paris, chez Guillaume Auvray, 1598. Nel 1605 apparirà la traduzione dei primi nove libri: Idem, Les neuf premiers livres des élémens d’Euclide, Paris, Guillaume Auvray, 1605.

35 La citazione è tratta dall’edizione postuma del 1629: Idem, Les neuf premiers livres des élémens d’Euclide: traduits & commentez par I. Errard de Bar-le-duc, Ingenieur du Tres-Chrestien Roy de France & de Navarre. Dediez à sa Maiesté, Paris, chez Cardin Besongne, 1629, “Advertissement”, senza numero di pagina.

36 Idem, La fortification reduicte en art et demonstrée, Paris, s.n., 1600, p. 1. Errard ci ha lasciato un altro breve trattato di fortificazioni, non destinato a fungere da manuale e rimasto pertanto manoscritto e privo di data: Traicté de fortiffications Manuscrit contenant quantité de figures avec les advis et explications sur chacune fait et composé par le sr Herar fameux ingenieur du Roy Henry 4eme et lequel luy ayant esté presenté par Maximilian de Bethune duc de Sully pair de France premier ministre dudit Roy Sa maiesté en fit present audit duc quy le donna depuis a Monsieur le comte de Bethune son frere (ms. BnF, Manuscrits Français 663).

37 F. Hoefer, Nouvelle biographie générale depuis les temps les plus reculés jusqu’à 1850-1860 […], Paris, Firmin-Didot frères, 1857-1866 (= Copenhague, Rosenkilde et Bagger, 1963), tomo XXXIX, coll. 301-302; U. Thieme, F. Becker, Allgemeines Lexikon der bildenden Künstler [...], Leipzig, E. A. Seemann, 1932, tomo XXVI, p. 281; E. Bénézit, Dictionnaire critique et documentaire des peintres, sculpteurs, dessinateurs et graveurs […], Paris, Librairie Gründ, 1976, tomo VIII, p. 153. Vedi anche nota 27.

38 C. de Pass, La prima parte della luce del dipingere e disegnare, nelle quale [sic] si vede una facillissima maniera di disegnare tutte le parti del corpo […] princeipalmente [sic] per la gioventu che si diletton, di questa nobilissim’a [sic] arte, Amsterdam, Ian Iansz, 1643, senza numero di pagina. Malgrado il titolo si riferisca solo alla prima, il volume è composto da cinque parti.

39 Ibidem, «Quinta parte», p. 8.

40 Ibidem, senza numero di pagina.

41 Ibidem, senza numero di pagina.

42 B. Legrain, Decade contenant la vie et gestes de Henry le Grand Roy de France et de Navarre IIII. du nom, Rouen, chez la Veufve du Bosc, 1633, p. 877.

43 A. de Pontaymeri, La cité du Montelimar, ou les trois prinses d’icelle, Composées & redigées en sept livres par A. de Pontaymeri, Seigneur de Foucheran, s.l., s.n., 1591; Idem, Le Roy Triomphant, où sont contenues les merveilles du tres-illustre, & tres-invincible Prince Henry par la Grace de Dieu Roy de France, & de Navarre […], Cambray, par P. Des Bordes, 1594, p. 86; Idem, L’image du grand capitaine, in «Les Œuvres d’Alexandre de Pont-Aymeri Sieur de Focheran», Paris, J. Richer, 1599, ff. 148v-149r. Per le notizie biografiche relative a questo personaggio vedi ABF I, 848, 282-297; A. de Pontaymeri, Hymne composé sur la tres-florissante, et tres-fameuse cité de La Rochelle […], La Rochelle, H. Haultin, 1594 (= La Rochelle, A. Siret, 1875), p. 8; S. de Marsy, B. Imbert, Annales Poétiques, Paris, s.n., 1779, tomo X, p. 235.

44 A. de Pontaymeri, L’image du grand capitaine…, cit. (scritto prima del 1596), ff. 186-220; Idem, Livre de la parfaicte Vaillance, divisé en Chapitres, Paris, L. Briel, 1596, pp. 17-18.

45 Idem, L’Academie ou Institution de la Noblesse Françoise (…), in «Les Œuvres d’Alexandre de Pont-Aymeri…, cit.», ff. 24r, 27r. La prima edizione dell’Academie, risalente al 1595, è identica a quella del 1599 qui consultata. Sul tema della prudenza come virtù nel Rinascimento vedi J. Martin, Inventing Sincerity, Refashioning Prudence: The Discovery of the Individual in Renaissance Europe, in «The American Historical Review», 102, dec. 1997, in particolare pp. 1323-1326; Idem, Myths of Renaissance Individualism, Basingstoke, Palgrave Macmillan, 2004, pp. 48-53.

46 Tale dedica compare solo nell’edizione del 1595.

47 A. de Pontaymeri, L’Academie ou Institution de la Noblesse Françoise […], in Les Œuvres d’Alexandre de Pont-Aymeri…, cit., ff. 2r-3r. Su questo punto vedi anche N. Conrads, cit., 53-57; M. Platte, cit., p. 18 n; J. Balsamo, Le voyage d’Italie et la formation des élites françaises, in «Renaissance and Reformation/Renaissance et Réforme», XXVII, 2, printemps 2003, pp. 9-21.

48 A. de Pontaymeri, L’Academie…, cit., f. 3r.

49 Ibidem, ff. 37v-53v.

50 Ibidem, ff. 3r.

51 H. Sauval, Histoires et recherches des antiquités de la ville de Paris, Paris, chés Charles Moette & Jacques Chardon, 1724 (= Genève, Minkoff Reprint, 1973), tomo II, p. 498 e tomo III, p. 225. L’autore riporta qui, riprendendolo da Johannes Limnæus, l’intero passo de l’Academie di Pontaymeri in questione: vedi J. Limnæus, Notitiæ Regni Franciæ Tomus Alter, Argentorati, sumptibus F. Spoor, 1655, p. 396.

52 Th. Pelletier, Remerciement du sieur Pelletier, à messieurs de l’assemblée generale du clergé de France, s.l., s.n., s.d. (1620?), p. 4; Eug. Haag, Em. Haag, La France protestante ou Vies des protestants français qui se sont fait un nom dans l’histoire (…), Paris, J. Cherbuliez, 1847-1860 (= Genève, Slatkine Reprints, 1996), tomo 8, p. 180. Vedi anche E. Schalk, From valor..., cit., pp. 132, 183-184.

53 Th. Pelletier, La nourriture de la noblesse (…), Paris, Vve M. Patisson, 1604, ff. 1r-4r, 7v-13v, 18v-19v, 47v-48v.

54 Ibidem, ff. 20r-23v.

55 Ibidem, ff. 84r-92r.

56 Ibidem, ff. 95v-107v.

57 P. Duodo, Relazione di Francia, in E. Alberi (a cura di), Le relazioni degli ambasciatori veneti al Senato, Firenze, all’Insegna di Clio, 1863, serie I, vol. 15, p. 103. Vedi anche N. Conrads, cit., p. 60; M. Motley, cit., p. 126; J. Boutier, Le Grand Tour…, cit., p. 241 n.

58 Cito dalla traduzione francese di E. Le Roy Ladurie (a cura di), Le voyage de Thomas Platter, 1595-1599, Paris, Fayard, 2000, pp. 574-575.

59 Th. Platter, Description de Paris (1599), estratto da «Mémoires de la Société de l’Histoire de Paris et de l’Ile-de-France», 23, 1896, pp. 29-30.

60 Idem, Le voyage…, cit., p. 575. Vedi N. Conrads, cit., p. 44; M. Motley, cit., p. 126.

61 Ms. Bibliothèque du Couvent des Capucins de Paris, ms. 22: La vie du R. Pere Joseph de Paris […], pp. 17, 30-31: “Ci si proponeva di renderlo colto, ma non di una dottrina da collegio, se ne voleva fare un uomo completo […]. Ecco perché fu messo in accademia da monsieur Pluvinel, il più grande scudiero della sua epoca, dove si trovavano allora monsieur de Rohan ed altri rappresentanti di casati illustri. Dedicò un anno a questo esercizio, da cui traeva grande diletto, come un segno della grandezza del suo coraggio, e per davvero amava con passione i bei cavalli […]. Imparò anche a danzare, a maneggiare le armi, la matematica”.

62 Annuæ Litteræ Societatis Jesu (…), Dilingæ 1609, pp. 115-116: “Quella che qui (in Francia) chiamano accademia della nobiltà è la grande scuola nella quale i genitori tengono, come in una palestra, i giovani nobili, almeno quaranta, che, secondo gli usi comuni, vi sono istruiti nelle discipline da tutti ritenute adatte alla condizione di gentiluomo. Esse sono danzare a ritmo di musica, montare con destrezza su un cavallo, saperlo (?) cavalcare, e maneggiare con eleganza le armi, sia a fini bellici, sia a fini estetici. Così, affinché essi non apprendessero soltanto questi esercizi fisici, trascurando la cura delle loro anime, è stato introdotto nel loro regolamento, per volontà e desiderio del re, loro capo, che qualcuno di noi, nei giorni festivi, li esorti in assemblea ai doveri degni di un cristiano”. Nel 1609 l’accademia è diretta dal successore di Pluvinel, Pierre de Hannicques, seigneur di Benjamin. Vedi Th. Pelletier, cit., f. 96v.

63 J. Stoye, English travellers abroad, 1604-1667, New Haven-London, Conn-Yale University Press, 1989, p. 31.

64 Ms. BnF, Pièces Originales 1925, f. 45; ms. BnF, Chérin 134, f. 45r. Su René de Menou vedi anche ABF I, 730, 124; ms. BnF, Touraine-Anjou 23, f. 285.

65 Ms. BnF, Touraine-Anjou 24 (2), pièce 273; ms. BnF, Touraine-Anjou 24 (4), f. 373; M. Marolles, Mémoires, Amsterdam, s.n., 1755, tomo I, p. 63. Vedi anche Baillot (Sieur de), Lettre escrite par le Sieur de Baillot, Secretaire de Monseigneur le Duc de Nevers, à present Duc de Mantouë & de Montferrat, de son arrivée & reception audit lieu. A Monseigneur de Charnizay, Gouverneur de Monseigneur le Duc de Mayenne, Paris, Iacques Dugaast, 1628.

66 Ms. BnF, Pièces Originales 1925, pièce 49.

67 Ibidem, ff. 53r-54v, 186r-187v, pièce 211.

68 Ibidem, ff. 62v-63v.

69 P. Richelet, Dictionnaire de la langue françoise, ancienne et moderne […], Lyon, chez les Frères Bruyset, 1728, tomo I, p. XLIV.

70 R. de Menou, La pratique du Cavalier, Paris, s.n., 1612, senza numero di pagina.

71 Ibidem, pp. 4, 20-22.

72 A. de Pluvinel, L’instruction du Roy en l’exercice de monter à cheval, par Messire Antoine de Pluvinel […], Paris, chez Michel Nivelle, 1625, senza numero di pagina.

73 Ibidem.

74 M. Platte, cit., pp. 53-54.

75 A. de Pluvinel, L’instruction…, cit., pp. 207, 191-195. Su questo progetto, in genere attribuito a Pluvinel, vedi in particolare H. Cherot, cit., pp. 86-87; M. Dumolin, cit., p. 562; N. Conrads, cit., pp. 50-53; E. Schalk, From valor…, cit., pp. 181-187.

76 L’academiste François. Qui propose des moyens pour bannir les Duels, & pour déraciner les vices qui sont aujourd’huy si frequens parmy la Noblesse de cet Estat, Paris, Chez la Vefve M. Guillemot, & S. Thiboust, 1615.

77 R. de Menou, La pratique du Cavalier, ou l’exercice de monter à cheval. […] Reveu, corrigé et augmenté par luy-mesme […], Parigi, chez Guillaume Loyson, & Iean Baptiste Loyson, 1650.

78 L’academiste François…, cit., f. 29 r; R. de Menou, La pratique du Cavalier […]. Reveu…, cit., p. 242.

79 L’academiste François…, cit., f. 17 v; R. de Menou, La pratique du Cavalier […]. Reveu…, cit., p. 230; A. de Pluvinel, L’instruction…, cit., p. 196.

80 L’academiste François…, cit., f. 27 v; A. de Pluvinel, L’instruction…, cit., p. 204-205; R. de Menou, La pratique du Cavalier […]. Reveu…, cit., p. 240.

81 L’academiste François…, cit., f. 29 r; A. de Pluvinel, L’instruction…, cit., p. 206; R. de Menou, La pratique du Cavalier […]. Reveu…, cit., p. 242.

82 Tale precisazione si trova soltanto in Ibidem, p. 244.

83 A. de Pluvinel, L’instruction…, cit., p. 198; confronta L’academiste François…, cit., ff. 19v-20r; R. de Menou, La pratique du Cavalier […]. Reveu…, cit., p. 232.

84 L’academiste François…, cit., f. 18v; A. de Pluvinel, L’instruction…, cit., p. 196; R. de Menou, La pratique du Cavalier […]. Reveu…, cit., p. 231.

85 A. de Pluvinel, L’instruction…, cit., p. 194.

86 L’academiste François…, cit., f. 21r; A. de Pluvinel, L’instruction…, cit., p. 199; R. de Menou, La pratique du Cavalier […]. Reveu…, cit., p. 233.

87 A. de Pluvinel, L’instruction…, cit., p. 200: “ed in questa disciplina (la politica) mostrare loro la forma che si deve adottare nel governo delle province, delle città e delle piazzeforti che vostra Maestà può affidare loro, come ci si debba comportare negli eserciti, sia quando si comanda, sia quando si obbedisce; in che modo rendere servizio al proprio signore, sia in ambasciata, sia in qualche altro affare particolare […]”. Confronta anche L’academiste François…, cit., f. 22; e con qualche variante R. de Menou, La pratique du Cavalier […]. Reveu…, cit., p. 235.

88 R. de Menou, Accademie des Esprits Illustres qui aspirent aux grands employs des armes, et des lettres. Presentee a Mons.r de Nevers. Par Charnisay (ms. BnF, F. Fr. 588), f. 1r.

89 Ibidem, ff. 13r-14v. Vedi anche Ibidem, ff. 168v, 200v-201r, 203r-204r.

90 Ibidem, f. 54. Vedi anche ff. 225r, 231v.

91 Ibidem, f. 17.

92 Ibidem, f. 184v.

93 Ibidem, ff. 190v-191r.

94 Ibidem, f. 205.

95 Ibidem, ff. 218r.

96 Ibidem, ff. 115r, 140v-141v, 202, 210, 216v.

97 Ibidem, ff. 66v-70v, 77.

98 ABF I, 142, 223; G. de Soultrait, Notice his-torique et généalogique sur la famille de Bourgoing en Nivernois et à Paris, Lyon, Louis Perrin, 1855, p. 14; ms. BnF, Cabinet de d’Hozier 60, Dossier “Le Bourgoing”, f. 28 v; ms. BnF, Dossiers Bleus 124, Dossier “Bourgoing”, pièce 2. Vedi anche pièces 14-17, 22-23.

99 Ms. BnF, Pièces Originales 469, Dossier “Bourgoing à Paris”, pièce 17.

100 Ms. BnF, Cabinet de d’Hozier 60…, cit.,f. 8v.

101 ABF I, 142, 224; G. de Soultrait, cit., p. 14.

102 Ms. BnF, Pièces Originales 469…, cit., pièces 18-19.

103 J. Bourgoing, De origine usu et ratione vulgarium vocum linguæ Gallicæ, Italicæ, & Hispanicæ […], Parisiis, ex Typographia Steph. Prevosteau, 1583.

104 J. Bourgoing, L’Academie du Roy, pour l’instruction de la ieunesse. Harengue panegyrique desdiee à la Magesté du Roy Henry Quatriesme. Recitee à l’ouverture de son Academie. L’Argument et subget, tendant principalement au nombre de Quatre admirable, apparoistra l’autre part […], s.l., s.n., s.d.

105 Ibidem, “Extraict du Placet et Requeste treshumble presentée par le S. de Belleperche, & accordée par sa Magesté”, senza numero di pagina.

106 Bourgoing afferma di aver già esplicitato le ragioni che lo hanno mosso a questa iniziativa in quattro affiches esposte a Parigi ed in altre città francesi; di questi manifesti non sembra purtroppo essere rimasta traccia.

107 J. Bourgoing, cit., senza numero di pagina, passim.

108 Ibidem, senza numero di pagina: “[…] noi imploravamo e imploriamo umilmente l’aiuto e l’incoraggiamento a quest’opera e bene pubblico di Nossignori e Superiori, Magistrati tanto delle Corti Sovrane che di questa città di Parigi al Châtelet, all’Hôtel de Ville ed all’Università: di voler dare questo aiuto, continuando a farlo come da quattro anni a questa parte, a questa accademia […] richiesta e preghiera rivolte anche ai signori abitanti della Francia, ai concittadini di Parigi, ai miei colleghi di condizione, professione e studio, ai miei parenti ed amici […].

[…] A tal proposito non si può passare sotto silenzio l’insigne e regale considerazione contenuta nel decreto del Consiglio di sua Maestà dell’anno 1594, atto di fondazione di questa accademia: per conservare in Francia le nostre ricchezze ed il nostro onore ed evitare che la gioventù nobile sia costretta a recarsi in terra straniera”. Il decreto non sembra essere stato conservato; confronta tuttavia l’Arrêt du Conseil d’Etat promulgato a Mantes il 29 gennaio 1594 (ms. BnF, F. Fr. 18159, f. 43r): si tratta dell’approvazione di un finanziamento destinato alla fondazione di un’accademia nobiliare a Tours.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Andrea Bruschi, « Un’educazione enciclopedica per la nobiltà? L’accademia di Pluvinel, René de Menou e la “Harengue” di Jacques Bourgoing »Studi Francesi, 154 (LII | I) | 2008, 3-18.

Notizia bibliografica digitale

Andrea Bruschi, « Un’educazione enciclopedica per la nobiltà? L’accademia di Pluvinel, René de Menou e la “Harengue” di Jacques Bourgoing »Studi Francesi [Online], 154 (LII | I) | 2008, online dal 30 novembre 2015, consultato il 13 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/9085; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.9085

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals