Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Cinquecento

Bernd Renner, ‘Difficile est saturam non scribere. Lherméneutique de la satire rabelaisienne

Dario Cecchetti
p. 171-172
Notizia bibliografica:

Bernd Renner, ‘Difficile est saturam non scribere. L’herméneutique de la satire rabelaisienne, Genève, Droz, 2007 («Travaux d’Humanisme et Renaissance», n. CDXXVII), pp. 384.

Testo integrale

1Nel quadro della vasta bibliografia su Rabelais l’aspetto del ‘comico’ non è, per certo, stato trascurato. Ma abbiamo ora un lavoro originale e interessante che studia il rapporto, nelle Chronicques pantagruelines (nei primi quattro libri di indiscussa autenticità), fra il ruolo del comico, anche quello apertamente grossolano, e l’intenzione satirica, proponendoci di seguire l’evoluzione del discorso rabelaisiano verso una forma di satira sempre più classica, il che significa sempre più slegata dalle sue radici popolari o medievali. Senza giungere ad affermare – anche se in parte tale assunto ha fondamento – che i due primi libri sarebbero soltanto dei coq-à-l’âne, semplici satire popolari univoche, mentre il Tiers e il Quart Livre si apparenterebbero esclusivamente alla satira di tipo ‘menippeo’ plurisignificante, B. Renner sottolinea come, pur nella coesistenza dei generi, un movimento verso una satira di carattere umanistico costituisca l’essenziale dell’evoluzione compiuta dai quattro libri rabelaisiani.

2Nella prima parte del lavoro (‘Satura quidem tota nostra est?’ Origines et contexte littéraires de la satire rabelaisienne, pp. 27-208) viene offerto un panorama «delle condizioni che hanno presieduto all’evoluzione della Satira nel Rinascimento, per quanto concerne l’influsso dei modelli classici, il ruolo del ‘dialogo’ come forma d’esposizione e la scelta stilistica di un’‘opera aperta’, in cui il problema dell’interpretazione costituisce la questione centrale del testo. Mentre il primo capitolo di questa sezione cerca di delineare tali diversi aspetti, concludendo con una delle nozioni chiave dell’indagine, quella di mélange, nel secondo capitolo ci si interessa alle fonti ‘francesi’ cui attingeva Rabelais per compiere il suo percorso fino alla satira incisiva con la quale si confronta nel Tiers e nel Quart Livre, giacché la composizione delle due ultime opere sembra impossibile senza il concorso di due fattori essenziali: l’apprendimento di un nuovo stile e la familiarità con una tradizione» (p. 11). Per dimostrare come – pur nell’indubbia evoluzione del discorso rabelaisiano verso una satira sempre più classica, e pertanto slegata parzialmente dalle sue radici popolari e medievali – in realtà gli influssi culturali si intreccino e convivano, B. Renner (se vogliamo offrire qui un esempio della sua indagine) illustra (pp. 28-39) come l’influsso della satira lucianea risalga già al 1532, al Pantagruel: e, proprio per quanto concerne Luciano egli afferma che «per ritracciare l’evoluzione della satira rabelaisiana, non sembra affatto sufficiente costatare l’innegabile amplificazione dell’influsso del cinico greco nel corso dei quattro libri autentici, anche se essa è senza dubbio largamente responsabile dello svilupparsi di quell’elemento-chiave di qualsiasi tipo di satira plurisignificante che si apparenti al paradosso» (p. 20).

3La seconda parte del lavoro (‘Difficile est saturam non scribere’. Caractéristiques de la satire rabelaisienne, pp. 211-345), consacrata interamente all’analisi della satira nelle Chronicques pantagruelines, ha appunto, tra le problematiche principali affrontate, quella del ‘paradosso’, tratto essenziale della satira menippea, ma anche vero sotto-genere della satira rinascimentale in Francia, diventato moda dopo la pubblicazione lionese dei Paradossi di Ortensio Lando nel 1543, tre anni prima dell’apparizione del Tiers Livre. Viene così dimostrato come «a detrimento delle tradizioni farsesche della satira medievale, il testo di Rabelais s’iscriva dal 1546 in poi ben più nella linea di quelle nuove tendenze che si nutrono del Rinascimento italiano e della letteratura classica, in particolare di Luciano di Samosata, nel campo del paradosso e della satira erudita in generale» (p. 18). Sempre secondo Renner, «Rabelais fornirebbe un’illustrazione piuttosto riuscita del principio di quell’imitazione ‘libera’ degli antichi tanto apprezzata da Du Bellay, proprio nel recontestualizzare il filosofo di Samo mano a mano che le Chronicques pantagruelines progrediscono, adattandolo cioè al proprio genio e alle esigenze della propria epoca» (p. 22).

4Come giustamente sottolinea l’A., «l’analisi della satira rabelaisiana aiuterà a elucidare la questione fondamentale dell’interpretazione del testo, in quanto, a priori, il presente lavoro è consacrato allo studio dell’‘atteggiamento’ satirico, piuttosto che ai ‘bersagli’ della satira: l’evoluzione di questo atteggiamento potrà fornire indizi che, a loro volta, permetteranno forse delle conclusioni pertinenti nel campo dei problemi ermeneutici che l’opera di Rabelais in particolare e il ‘testo’ del Rinascimento in generale continua a posare» (pp. 22-23).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Dario Cecchetti, « Bernd Renner, ‘Difficile est saturam non scribere. Lherméneutique de la satire rabelaisienne »Studi Francesi, 154 (LII | I) | 2008, 171-172.

Notizia bibliografica digitale

Dario Cecchetti, « Bernd Renner, ‘Difficile est saturam non scribere. Lherméneutique de la satire rabelaisienne »Studi Francesi [Online], 154 (LII | I) | 2008, online dal 30 novembre 2015, consultato il 08 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/9148

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals