Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Cinquecento

Jean Second, Œuvres complètes. Tome V: Itineraria (Carnets de voyage), Correspondance

Dario Cecchetti
p. 173-174
Notizia bibliografica:

Jean Second, Œuvres complètes, sous la direction de Roland Guillot. Tome V: Itineraria (Carnets de voyage), Correspondance, édition critique établie et annotée, traduction par Roland Guillot, Paris, Champion, 2007 («Textes de la Renaissance», 134), pp. 428.

Testo integrale

1La prima edizione degli Opera di Jean Second (Utrecht, 1541), su cui si basa la presente edizione per i primi quattro volumi delle Œuvres complètes, non contiene né gli Itineraria nè le epistolae (di corrispondenza ordinaria). R. Guillot si è servito per i primi due taccuini di viaggio – l’Iter Mechlinia Biturigos (Viaggio da Malines à Bourges) e l’Iter Biturigibus Mechliniam (Viaggio da Bourges a Malines) – dei mss. Vulc. 102 e Vulc. 108 della Biblioteca dell’Università di Leida, copie cinquecentesche, non autografe; per il terzo taccuino – l’Iter Hispanicum, Bruxella in Arragoniam (Viaggio spagnolo, da Bruxelles in Aragona) – della prima edizione (quella di Daniel Heinsius, 1618). Anche per la corrispondenza Guillot ha fatto per lo più ricorso a manoscritti, a volte autografi a volte copie di contemporanei; in assenza del manoscritto ha preso come base l’edizione di P. Bosscha (Leida, 1821). Il primi due Itineraria raccontano un viaggio da Malines a Bourges e ritorno, compiuto per andare a seguire l’insegnamento giuridico di Andrea Alciato, maestro che avrà una profonda influenza (soprattutto nell’orientare alla lettura e traduzione dei classici e nel campo dell’emblematica) su Jean Second. Mentre la relazione del viaggio di andata, svoltosi nel 1532, è opera di Jean Second, quella del viaggio di ritorno, svoltosi nel 1533, è ormai assodato – Guillot ne dà conferma – essere opera del fratello di Second. Il terzo Itinerarium relaziona un viaggio da Bruxelles in Aragona, attraverso Fiandre, Francia e Spagna, compiuto nel 1533, viaggio che permetterà al nostro poeta di diventare segretario dell’arcivescovo di Toledo, e poi dello stesso Carlo V. I taccuini di viaggio sono interessanti anzitutto come documento di ambiente e come illustrazione delle condizioni di viaggio dell’epoca, inoltre sono testimonianza del modo con cui s’istauravano rapporti umani e culturali fra intellettuali itineranti nella respubblica litterarum europea. Sono inoltre un preannuncio dell’affermarsi di un genere, fortunatissimo nel Cinquecento, quello del journal de voyage. Infine, sono i soli testi in prosa rimasti di Jean Second, insieme alle dodici lettere qui pubblicate, indirizzate ai fratelli, agli amici Pierre Leclerc et Jean Schorel (il grande pittore Jan van Schoorl, o Scorel).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Dario Cecchetti, « Jean Second, Œuvres complètes. Tome V: Itineraria (Carnets de voyage), Correspondance »Studi Francesi, 154 (LII | I) | 2008, 173-174.

Notizia bibliografica digitale

Dario Cecchetti, « Jean Second, Œuvres complètes. Tome V: Itineraria (Carnets de voyage), Correspondance »Studi Francesi [Online], 154 (LII | I) | 2008, online dal 30 novembre 2015, consultato il 13 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/9158

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals