Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Seicento

Le comique corporel. Mouvement et comique dans l’espace théâtral du xviie siècle, édité par Eva Erdmann et Konrad Schoell

Monica Pavesio
p. 180
Notizia bibliografica:

Le comique corporel. Mouvement et comique dans l’espace théâtral du xviie siècle, édité par Eva Erdmann et Konrad Schoell (Biblio17-163), Tübingen, Gunter Narr Verlag, 2006, pp. 178.

Testo integrale

1Il volume raccoglie gli atti di un seminario dal titolo “Mouvement et comique dans le théâtre du xviie siècle”, svoltosi nel settembre del 2002, in occasione del terzo congresso dell’Associazione dei franco-romanisti tedeschi.

2Come si sa, i drammaturghi del Rinascimento e del xvii secolo perfezionavano le loro opere dal punto di vista linguistico, retorico e della versificazione, occupandosi raramente della loro messa in scena. Le due grandi eccezioni sono la farsa, sviluppatasi in Francia fra la fine del xv secolo e l’inizio del xvi, e la commedia dell’arte italiana, esportata in Francia all’epoca di Caterina de Medici e poi proposta per tutto il xvii secolo da compagnie itineranti che verso la metà del Seicento diventeranno stabili. Queste due tradizioni teatrali, prima separatamente, poi congiuntamente, hanno contribuito a creare uno stile teatrale, nel quale l’espressione corporea dell’attore acquista un grande valore.

3Le comunicazioni riunite e presentate da Konrad Schoell sono orchestrate attorno al contributo di Charles Mazouer, ospite d’onore del seminario ed autore del saggio Le jeu avec les objets dans le Scenario de Domenico Biancolelli, in cui viene analizzato il ruolo degli oggetti scenici e del gioco corporeo nei canovacci del celebre Arlecchino della troupe dell’Ancien Théâtre Italien. Sui documenti letterari è fondato invece il contributo di Claudia Ortner-Buchberger, Métamorphoses d’Arlequin. Le rôle de la corporalité comique dans le Théâtre Italien de Gherardi, incentrato sull’analisi dei canovacci di Gherardi e sul rapporto fra i giochi scenici degli Italiens e le esigenze del teatro classico.

4Le altre comunicazioni sono dedicate alla ricerca ed all’analisi della gestualità corporea con effetto comico, in alcune opere del teatro comico francese della prima metà del Seicento, eredi della farsa e della commedia dell’arte. Ludwig Hochgeschwender analizza la commedia Les Corrivaux di Troterel; Brigitte Burrichter si occupa del teatro comico di Rotrou; Konrad Shoell incentra il suo contributo su Les galanteries du duc d’Ossonne, unica commedia di Jean Mairet; Anne Neuschafer analizza L’illusion comique di Corneille; Wilhelm Graeber si occupa di Jodelet et le mâitre valet di Scarron.

5Visto che il seminario si proponeva di analizzare alcune opere rappresentative del teatro comico francese del xvii secolo nella sua evoluzione, gli ultimi contributi sono dedicati a Molière, il maggiore esponente di tale teatro. In particolare Hanspeter Plocher analizza il comico corporeo ne Le Misantrophe, mentre Gabriele Blaikner-Hohenwart si occupa di un canovaccio tedesco derivato da Le Médecin malgré lui.

6Partendo sempre da Molière, il contributo di Eva Erdmann tenta un approccio antropologico sul ‘corpo barocco’, mentre Immacolata Amodeo nel suo studio illustra il passaggio dal xvii al xx secolo, presentando l’immagine di Molière attore e direttore di troupe nel film di Ariane Mnouchkine.

7Tutti i contributi presentano una breve bibliografia conclusiva. Il volume si conclude con una presentazione degli autori degli studi.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Monica Pavesio, « Le comique corporel. Mouvement et comique dans l’espace théâtral du xviie siècle, édité par Eva Erdmann et Konrad Schoell »Studi Francesi, 154 (LII | I) | 2008, 180.

Notizia bibliografica digitale

Monica Pavesio, « Le comique corporel. Mouvement et comique dans l’espace théâtral du xviie siècle, édité par Eva Erdmann et Konrad Schoell »Studi Francesi [Online], 154 (LII | I) | 2008, online dal 30 novembre 2015, consultato il 13 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/9191

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals