Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Settecento

Voltaire, Œuvres de 1742-1745 (I)

Franco Piva
p. 188
Notizia bibliografica:

Voltaire, Œuvres de 1742-1745 (I), Oxford, Voltaire Foundation («Les Œuvres complètes de Voltaire», 28A), 2006, pp. XXY+527.

Testo integrale

1Due anni prima di morire Voltaire scrisse all’abbé Duvernet, il suo futuro biografo: «Ceux qui vous ont dit […] qu’en 1744 et 1745 je fus courtisan, ont avancé une triste vérité. Je le fus […] De tout le temps que j’ai perdu en ma vie, c’est sans doute celui-là que je regrette le plus. Ce ne fut pas le temps de ma gloire». Di quegli anni, Voltaire non serbava, come si vede, un bel ricordo; li considerava, anzi, non solo inutili, ma anche anni di cui in qualche modo vergognarsi. Eppure furono anni che visse, come al solito, intensamente. Raggiunta la cinquantina, Voltaire fu attratto dalla volontà di entrare in contatto con il potere. Per cercare di realizzare le idee che era venuto via via maturando? In parte; ma in parte anche, senza dubbio, perché attratto da quel mondo, quello della corte, in cui si raccoglievano tutti coloro che contavano. Dopo un primo tentativo con Federico II, che lo aveva invitato, e a cui egli rese anche visita, Voltaire cedette alle offerte del duca di Richelieu che a lui, oltre che a Rameau, si rivolse nel 1743 perché lo aiutasse ad organizzare i festeggiamenti che intendeva offrire al re in occasione delle imminenti nozze del delfino con Maria Teresa di Spagna. Voltaire accettò l’invito, e si mise subito al lavoro, ideando La Princesse de Navarre, una comédie-ballet, di cui Rameau doveva musicare gli intermèdes. Fu una gestazione lunga e difficile, un po’ perché Voltaire era manifestamente a corto di ispirazione, un po’ perché, pur ispirandosi alle comédies-ballets di Molière, egli intendeva fare qualcosa di nuovo, e di più rispondente ai tempi. Rusell Goulbourne nella sua precisa ricostruzione della genesi dell’opera ci fa seguire passo passo i tentennamenti e gli sforzi di Voltaire, coronati poi da un successo, a corte, che gli valse il titolo di historiographe du roi, ma che non altrettanto soddisfece gli amici ai quali l’opera era stata via via sottoposta. L’editore fa tuttavia osservare che La Princesse de Navarre è importante, al di là del suo valore artistico, «for what it reveals about Voltaire’s career as a court poet; about Voltaire and music, including his collaboration with Rameau; and Voltaire’s debt to the seventeenth-century comic tradition, and in particular to Molière».

2La stessa cosa vale, almeno in parte, per Le Temple de la gloire, pure compreso nel presente volume. Composto anch’esso «sur commande», Le Temple prese tuttavia molto meno tempo a Voltaire, forse perchè esso intendeva celebrare la vittoria delle truppe francesi, al comando del Maresciallo di Saxe, a Fontenoy, una vittoria che Voltaire aveva accolto con entusiasmo e alla quale aveva già dedicato Le Poème de Fontenoy. Anche in questo caso, pur ispirandosi a coloro che lo avevano preceduto, Voltaire tentò di innovare. Prima di tutto nelle dimensioni: mentre gli opéras-ballets erano normalmente in tre atti, Le Temple de la gloire di atti ne comportava cinque; ma soprattutto nell’articolazione. Infatti mentre gli opéras-ballets tradizionali erano «des actes détachés et réunis sous un titre commun», Le Temple de la gloire presentava un suo sviluppo ed una sua unità. Nella sua lunga Introduzione, Goulbourne osserva che «While it is true that the setting and characters change in each act […] Voltaire nevertheless invests his opera-ballet with greater unity of theme and characterisation than is found in earlier examples, such as Les Fêtes vénitiennes (1719) and, perhaps most famously, Les Indes galantes (1735)» e che «In Voltaire’s Le Temple de la gloire, the thematic unity lies in the fact that each act demostrates a different attitude to glory». Anche in questi testi composti «sur commande» e nella sua strana posizione di «baladin des rois», come si definisce egli stesso in una lettera, Voltaire ha saputo apportare il segno della sua partecipazione e della sua attenzione alla forma; un’attenzione, quest’ultima, che è evidente anche in un altro degli scritti minori compresi nel volume: quel Fragment sur la corruption du style nel quale Voltaire metteva in guardia contro i rischi di corruzione che la lingua francese stava correndo a causa della confusione dei registri che, a suo parere, andava sempre più ingenerandosi.

3Ancora un volume interessante, quindi, delle Œuvres complètes di Voltaire, in corso di pubblicazione presso la Voltaire Foundation, come al solito perfettamente curato nella veste grafica e provvisto di tutte quelle indicazioni di cui lo studioso più esigente può aver bisogno.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Franco Piva, « Voltaire, Œuvres de 1742-1745 (I) »Studi Francesi, 154 (LII | I) | 2008, 188.

Notizia bibliografica digitale

Franco Piva, « Voltaire, Œuvres de 1742-1745 (I) »Studi Francesi [Online], 154 (LII | I) | 2008, online dal 30 novembre 2015, consultato il 13 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/9218

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals