Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri154 (LII | I)Rassegna bibliograficaOttocento a) dal 1800 al 1850Stendhal, La Révolte et les rêves...

Rassegna bibliografica
Ottocento a) dal 1800 al 1850

Stendhal, La Révolte et les rêves, coordination par Marie-Françoise Bois-Delatte, conseil scientifique de Gérald Rannaud, iconographie par Marie-Thérèse Imbert

Annalisa Bottacin
p. 201-202
Notizia bibliografica:

Stendhal, La Révolte et les rêves, exposition de la Bibliothèque municipale de Grenoble (10 mars 2006-31 mars 2007), coordination par Marie-Françoise Bois-Delatte, conseil scientifique de Gérald Rannaud, iconographie par Marie-Thérèse Imbert, Glénat, Bibliothèque municipale de Grenoble, 2006, pp. 143, ill.

Testo integrale

1Nella rinnovata, elegante cornice delle sale al pianterreno della Bibliothèque municipale di Grenoble, ha avuto luogo quest’importante evento, dedicato all’opera e alla figura dell’insigne figlio, Henri Beyle, corredato da rilevante documentazione e apporti iconografici, in un allestimento che ha condotto il visitatore a continua riflessione. In effetti, oltre al contesto più tradizionale, ecco l’utilizzo da parte dei curatori delle trasposizione cinematografiche e televisive di alcune opere stendhaliane, di cui sono state esposti i manifesti e le locandine (nel catalogo il «Ciné-Stendhal club» è affidato a Jean Serroy, pp. 123-129), dai Rouge et Noir di Gennaro Righelli (1928) a quello più noto di Autant-Lara (1954), alla Chartreuse di Christian-Jacque (1947), a Vanina Vanini portata per la prima volta sullo schermo con il titolo di Plus fort que l’amour da Carmine Gallone (1940) con un’esaltante Alida Valli e nel 1961 ripresa, con il titolo originario, da Roberto Rossellini. Anche De l’Amour, fu trasposto sullo schermo nel 1964 da Jean Aurel, che dirigerà Lamiel, il capolavoro inachevé, tre anni dopo.

2La suggestiva esposizione è stata altresì occasione per ammirare due recenti acquisizioni della Bibliothèque municipale: «une édition de La Chartreuse de Parme avec envoi autographe de l’écrivain, et surtout un manuscrit autographe de vingt-neuf pages, l’un des rares manuscrits littéraires de Stendhal encore en mains privées, Lettres de Rome 3: les Anglais à Rome», come rileva Catherine Pouyet nell’«Avant-propos» (p. 7). Altra peculiarità della mostra sta in tutta una serie d’anticipazioni e risorse che concoreranno all’apertura del nuovo Musée Stendhal. L’alto numero di contributi non ci concede pertanto di riportare l’elenco completo dei testi, per altro tutti di alto valore critico; ci limiteremo solo alla descrizioni delle señorita; quanto alle sottosezioni comunicheremo solo i nomi dei partecipanti. Il catalogo di finissima fattura, dalla sontuosa iconografia e dal taglio d’indubbio pregio, esordisce con la prolusione di Gérald Rannaud, L’insolence et la modernité (pp. 9-17) che firma altresì la prima sezione dedicata a «L’enfant, Grenoble et l’écrivain». Il suo intervento (pp. 18-22) è seguito dai contributi di Yves Jocteur Montrozier, Geneviève Balestrieri, Marie-Françoise Bois-Delatte (pp. 23-33). L’Histoire au présent (pp. 37-44) è tracciata da Yves Ansel, cui si aggiungono in tema i lavori di Hélène Spengler, Catherine Mariette-Clot e Cesaltina Gama (pp. 45-50). La sezione dedicata a «L’Italie, les arts» (pp. 53-60), aperta da Philippe Berthier, già autore di pregevoli volumi dedicati all’estetica stendhaliana, è corredata altresì dagli studi di Marie-Françoise Bois-Delatte e Cécile Meynard (pp. 61-69). I percorsi amorosi di Stendhal sono visitati da Catherine Mariette in Des femmes et de l’amour (pp. 71-73), cui si aggiungono gli apporti di Marie-Thérèse Imbert e Cécile Meynard (pp. 76-85). Il tema del viaggio è analizzato da Jean-Jacques Labia (Le voyage et l’Europe, pp. 86-88) e si avvale dei due contributi di Cécile Meynard e Renée Dénier (pp. 89-96), già curatrice, insieme a K.G. Mc Watters, della produzione stendhaliana per la stampa anglosassone. Seguono la sezione relativa ai «Manuscrits» (pp. 109) presentata da Sylvie Truc, un doveroso omaggio al compianto Victor Del Litto di Paul Hamon (p. 106), Stendhal au jour le jour di Cécile Meynard ed alcune pagine dedicate alla ricezione di Stendhal e della sua opera nel paese natale (Grenoble et Stendhal, pp. 131-135), firmate da René Bourgeois.

3Una bibliografia ragionata delle opere stendhaliane e una «Chronologie» (pp. 137-143) chiudono questo catalogo ben costituito che funziona quale esaustiva modalità di approccio all’opera e alla realität di Henri Beyle, offrendo in tal modo, e non solo agli addetti ai lavori, uno strumento assai accattivante allo scopo di decifrare le varie facettes di un personaggio complesso e poliedrico quale fu il grande scrittore grenoblese.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Annalisa Bottacin, « Stendhal, La Révolte et les rêves, coordination par Marie-Françoise Bois-Delatte, conseil scientifique de Gérald Rannaud, iconographie par Marie-Thérèse Imbert »Studi Francesi, 154 (LII | I) | 2008, 201-202.

Notizia bibliografica digitale

Annalisa Bottacin, « Stendhal, La Révolte et les rêves, coordination par Marie-Françoise Bois-Delatte, conseil scientifique de Gérald Rannaud, iconographie par Marie-Thérèse Imbert »Studi Francesi [Online], 154 (LII | I) | 2008, online dal 30 novembre 2015, consultato il 30 septembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/9261; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.9261

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search