Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento a) dal 1800 al 1850

Massimo Romano, Balzac, “La donna in grigio

Marco Stupazzoni
p. 207-208
Notizia bibliografica:

Massimo Romano, Balzac, “La donna in grigio”, in La Tabacchiera di Casanova, Reggio Emilia, Aliberti Editore, 2005 («Tre»), pp. 65-82.

Testo integrale

1La Tabacchiera di Casanova di Massimo Romano è un romanzo di indubbio fascino e di profondità concettuale, un romanzo di ricerca e di formazione che ci conduce in quel «mondo di cristallo dove si sono congelate tutte le storie possibili» (p. 191) che è l’universo della creazione letteraria. Attraverso la metafora del naufragio, dello sprofondamento nei sotterranei di una fantasmagorica Torino del Sette-Ottocento, il protagonista, Edoardo, grazie ad un portentoso talismano (una tabacchiera che, si dice, appartenesse a Casanova) delittuosamente sottratto ad un antiquario, è chiamato a «vivere un romanzo» (p. 36), a «varcare le soglie del mondo» (p. 37) e a penetrare in un regno sotterraneo (un paradiso che sta in basso) dove è ancora possibile «raccontare storie e inventare personaggi» (p. 89), dove «la vita immaginaria non ha confini» e la morte è soltanto «uno sprofondamento che apre luminose prospettive, rinnovate forme di esistenza» (p. 114).

2In questo variegato e imprevedibile affresco dipinto da Romano con tocchi stilisticamente cristallini e luminosi, le storie, tutte intensamente reali anche se inventate, di alcuni indiscussi maestri del romanzo del xviii e del xix secolo costituiscono il soggetto e l’oggetto del narrare e della creazione narrativa. Si tratta di itinerari di storie re-inventate che non hanno mai fine e che si «moltiplicano nella mente dei lettori provocando «devastazioni e incendi, emozioni e paure, desideri e passioni che si rinnovano nei secoli» (p. 93). Particolarmente significativo, in tal senso, è l’incontro tra il protagonista e Balzac, la cui prima esperienza di viaggiatore in Italia iniziò proprio a Torino nel 1836. La facoltà di scrivere, dice Balzac ad Edoardo, non è che la logica conseguenza di una particolare facoltà dello spirito e dell’intelligenza dell’artista: quella, cioè, di essere un «viaggiatore mentale» (p. 75) dotato di una forza immaginativa che «permette di legare il visibile e l’invisibile con un filo che non si spezza» (p. 82).

3Abitare il «rovescio della vita» significa dunque naufragare, sprofondare nella magica atmosfera della creazione artistica: come un «visionario attento ai dettagli della vita» (p. 169), lo scrittore varca «i confini della vita terrena» ed «entra in uno spazio più leggero» (p. 79): la sola possibilità di salvarsi dall’angosciosa condizione del mondo in superficie è proprio quella di godere di questo «tesoro nascosto nel sottosuolo» (p. 191), di «assaporare l’attimo, gustare l’istante, catturare briciole di bellezza e farle scorrere adagio in bocca prima di inghiottirle» (p. 59).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Marco Stupazzoni, « Massimo Romano, Balzac, “La donna in grigio »Studi Francesi, 154 (LII | I) | 2008, 207-208.

Notizia bibliografica digitale

Marco Stupazzoni, « Massimo Romano, Balzac, “La donna in grigio »Studi Francesi [Online], 154 (LII | I) | 2008, online dal 30 novembre 2015, consultato il 09 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/9279

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals