Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento b) dal 1850 al 1900

Jean-Christophe Cavallin, Baudelaire et ‘l’homme d’Ovide’

Nicola Ferrari
p. 213-214
Notizia bibliografica:

Jean-Christophe Cavallin, Baudelaire et lhomme d’Ovide’, in «Cahiers de l’Association Internationale des études Françaises», n. 58, mai 2006, pp. 341-357.

Testo integrale

1Nel serrato confronto con Ovidio, questa interpretazione del baudelairiano Cygne abbandona il nodo tematico dell’esilio – centrale nella ricezione critica e già magistralmente reinterpretato in termini metapoetici da una recente, memorabile, lettura di Starobinski –, e si avventura nel puntuale riconoscimento dei luoghi della visionaria riscrittura condotta sull’ipotesto del primo libro delle Metamorfosi. Se dentro le animalizzazioni metaforiche di tutti i ‘Tableaux parisiens’ si può leggere l’antico mondo delle sobbollenti mutatas formas, se dietro l’evocazione, nel Cygne, della ricostruzione imperiale della vecchia Parigi si può ascoltare il mito della prima creazione del demiurgo ovidiano, se la stessa composizione del poemetto – le cui immagini si deducono reciprocamente senza soluzione di continuità, le cui strofe sembrano prodotte dalla fermentazione di un caos mnesico – si ispira alla libera germinazione della materia evocata da Ovidio nella creazione seconda dopo il diluvio, proprio su questo archetipo metamorfico di un disordine produttivo ma non teleologico si definirebbe l’intento centrale della comparazione intertestuale. Attraverso essa, il senso complessivo del Cygne viene posto come riflessione sulla moderna creazione (poetica, in primo luogo, ma, di contrasto, urbanistica e politica). Il poeta che si inselvatichisce e abbandona la città ideale del demiurgo parigino per esiliarsi nella foresta, denunzia, attraverso Ovidio, la falsificazione ontologica implicita nell’urbanismo di Haussmann. Persa la possibilità divina di costruire l’opera come immagine dell’ideale; il mito del poeta moderno (così come si riconosce nel canto roco di Baudelaire che tropa Ovidio) vive la trasformazione di Licaone, perde il cielo che era destinato a contemplare e, prona bestia selvaggia, deve rivolgere il suo sguardo al mostruoso sobbollire della materia.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Nicola Ferrari, « Jean-Christophe Cavallin, Baudelaire et ‘l’homme d’Ovide’ »Studi Francesi, 154 (LII | I) | 2008, 213-214.

Notizia bibliografica digitale

Nicola Ferrari, « Jean-Christophe Cavallin, Baudelaire et ‘l’homme d’Ovide’ »Studi Francesi [Online], 154 (LII | I) | 2008, online dal 30 novembre 2015, consultato il 05 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/9300

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals