Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento b) dal 1850 al 1900

Antonio Prete, I fiori di Baudelaire. L’infinito nelle strade

Mario Richter
p. 215-216
Notizia bibliografica:

Antonio Prete, I fiori di Baudelaire. L’infinito nelle strade, Roma, Donzelli Editore, 2007 («Saggine»), pp. xiv-177.

Testo integrale

1Questo libro è il risultato della riflessione critica di un noto e considerato specialista di poesia moderna, in Italia e in Francia, nonché di un apprezzato traduttore delle Fleurs du mal, trasferite nella nostra lingua con sensibilità poetica e con sapiente senso del ritmo e della rima.

2Il percorso tracciato da Prete comincia con un suggestivo studio di Une Passante considerata anche in rapporto con Leopardi: «Se la donna leopardiana, osserva fra l’altro l’A., è l’infigurabile bellezza, l’absoluta forma, la Passante baudelairiana è la figurabilità del femminile che col maquillage e l’artificio maschera il naturale, cioè il satanico: ma l’una e l’altra donna spezzano l’ordine d’una temporalità continua, domestica, apparente». I successivi capitoli portano il lettore a rileggere, spesso confortato da fini e originali rilievi, alcuni fra i testi più significativi e famosi dell’opera baudelairiana. Qualche dubbio può tuttavia sorgere quando l’A. ci parla del «vecchio Parigi» (p. 16): se da una parte, nella strategia compositiva del Crépuscule du matin, è necessario che il nome della capitale sia maschile (Paris è infatti maschile in francese), è d’altra parte difficile, in italiano, dire che Parigi (femminile) sia «vecchio». A p. 141 si legge: «In Harmonie du soir la ripetizione si mostra come ripresa e ritorno di un verso, secondo una maglia di presenze tematiche e sonore che dà al sonetto la sua propria singolare musica». Se certamente Harmonie du soir tende ad aggiustarsi sulla forma metrica del pantun, per nessuna ragione al mondo la si può definire un ‘sonetto’. E a proposito di questo testo celebre, sottolineo che non è affatto indifferente che il verso d’apertura («Voici venir les temps où vibrant sur sa tige») ci introduca con quell’inatteso plurale «les temps» in una dimensione di generale epoca storica, avviandoci verso un annuncio di natura quasi profetica. Correggerlo, come fa Prete, con un «le temps» costituisce, a mio parere, una grave riduzione della portata altamente drammatica e solenne del testo, specie se letto nel suo contesto.

3S’intende che questi rilievi poco o nulla tolgono al valore di un libro che si raccomanda per gli inattesi rapporti che instaura fra situazioni liriche diverse e per il felice respiro culturale che lo accompagna ad ogni pagina.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Mario Richter, « Antonio Prete, I fiori di Baudelaire. L’infinito nelle strade »Studi Francesi, 154 (LII | I) | 2008, 215-216.

Notizia bibliografica digitale

Mario Richter, « Antonio Prete, I fiori di Baudelaire. L’infinito nelle strade »Studi Francesi [Online], 154 (LII | I) | 2008, online dal 30 novembre 2015, consultato il 13 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/9306

Torna su

Autore

Mario Richter

Articoli dello stesso autore

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals