Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento b) dal 1850 al 1900

Maria De Jesus Cabral, Mallarmé Hors Frontières; Des Défis De l’Œuvre Au Filon Symbolique Du Premier Théâtre Maeterlinckien

Maria Emanuela Raffi
p. 216-217
Notizia bibliografica:

Maria De Jesus Cabral, Mallarmé Hors Frontières; Des Défis De l’Œuvre Au Filon Symbolique Du Premier Théâtre Maeterlinckien, Amsterdam/New York, Rodopi, 2007 («Faux Titre»), Pp. 362.

Testo integrale

1Il corposo studio di Maria de Jesus Cabral si propone di accostare le idee teatrali di Mallarmé, legate alla realizzazione di un ‘Grand Œuvre’ di tipo wagneriano, alle prime realizzazioni del teatro simbolista di Maeterlinck. Il composito contesto simbolista occupa la prima parte dello studio («Mallarmé mobile») e costituisce l’evidente sfondo comune delle diverse esperienze letterarie, delle quali l’autrice sottolinea qui in particolare «la dynamique cosmopolite» che mette in comunicazione, spesso attraverso le riviste letterarie, scrittori di diverse nazioni e in particolare francesi e belgi. Mallarmé appare al centro di questi contatti, che vedono fra i frequentatori dei ‘Mardis’ Verhaeren, Rodenbach, Mockel, Maeterlinck e Fontainas e hanno dato luogo ad una vasta e intensa corrispondenza.

2La seconda parte dello studio («L’armature dramatique de l’œuvre») vuole ricostruire il percorso di formazione della concezione poetica di Mallarmé, a partire da Hérodiade. Vi è riconosciuta la grande influenza di Poe, che indica a Mallarmé «un principe d’organisation reniant le hasard», principio che Mallarmé seguirà sempre con attenta preoccupazione per la struttura dell’opera, nella quale viene costantemente iscritta la profondità connotativa e sempre misteriosa delle parole. Tuttavia, nonostante questa attenzione all’architettura del testo, è solo a partire da Igitur – e poi, naturalmente, nel progetto del ‘Livre’ che si può parlare di ‘Théâtre’, nel senso totalizzante e metafisico in cui Mallarmé intende questa parola, anche se le radici, “le seuil”, come scrive la De Jesus Cabral, di questo ‘Théâtre nouveau’ sono da cercare già in Hérodiade, «personnage éponyme d’une tragédie». Il progetto di un teatro poetico e la difficoltà della sua realizzazione sono del resto evidenti anche nel Faune, che Mallarmé vorrebbe «absolument scénique, non possible au théâtre, mais exigeant le théâtre».

3Di questo progetto di teatro poetico, irrealizzato e irrealizzabile e tuttavia attivo nella trasformazione dell’idea di teatro alla fine dell’Ottocento, l’autrice trova tracce evidenti nelle prime opere di Maeterlinck («Pli selon pli: l’interversion paradigmatique de Maeterlinck»). La comune passione per Wagner, il distacco da qualunque funzione mimetica in favore di «une esthétique du dépouillement» e del «mystère poétique», il rifiuto del gusto teatrale dell’epoca costituiscono convergenze profonde fra i due autori e motivano l’entusiasmo di Mallarmé per La Princesse Maleine (1889) e in generale per le prime opere di Maeterlinck, che vogliono far emergere attraverso i silenzi e l’interiorizzazione un linguaggio sepolto dentro di noi in profondità, la parola che ci abita e tuttavia ci sfugge e di cui non abbiamo che «des lueurs momentanées».

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Maria Emanuela Raffi, « Maria De Jesus Cabral, Mallarmé Hors Frontières; Des Défis De l’Œuvre Au Filon Symbolique Du Premier Théâtre Maeterlinckien »Studi Francesi, 154 (LII | I) | 2008, 216-217.

Notizia bibliografica digitale

Maria Emanuela Raffi, « Maria De Jesus Cabral, Mallarmé Hors Frontières; Des Défis De l’Œuvre Au Filon Symbolique Du Premier Théâtre Maeterlinckien »Studi Francesi [Online], 154 (LII | I) | 2008, online dal 30 novembre 2015, consultato il 13 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/9312

Torna su

Autore

Maria Emanuela Raffi

Articoli dello stesso autore

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals