Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento e XXI secolo

Patrice Delbourg, Max Jacob, un drôle de paroissien. Portrait

Damiano De Pieri
p. 403-404
Notizia bibliografica:

Patrice Delbourg, Max Jacob, un drôle de paroissien. Portrait, Bègles, Le Castor Astral, 2014, pp. 122.

Testo integrale

1Come indicato anche dal sottotitolo, l’agile libro di Patrice Delbourg è un vero e proprio ritratto letterario del poeta Max Jacob dove la progressione cronologica indispensabile in un’opera biografica è sostituita da un ordine di tipo tematico.

2In nove brevi capitoli, con titoli che in parte richiamano l’humour noir implicito nel titolo del volume («Une métaphysique du coq-à-l’âne», pp. 11-31, «L’apparition», pp. 33-39, «Une vie de bâton de chaise», pp. 41-45, «Quimper…et passe», pp. 47-51, «Grande parade verbale», pp. 53-57, «Le clown de Dieu», pp. 59-67, «L’ermite en sabot», pp. 69-75, «“J’ai ta peau”», pp. 77-81, «Héritage du vent», pp. 83-92), l’A. traccia la vita del poeta facendo risaltare il carattere di un’esistenza e di un’opera in costante equilibrio funambulesque tra il tono comico e quello tragico, segnata da una parabola drammatica conclusasi con la morte nel campo di internamento di Drancy nel 1944. Un ritratto che sembra voler imitare l’ironia caratteristica dell’opera di Max Jacob attraverso uno stile disinvolto, discorsivo e a tratti molto colloquiale (un esempio appropriato, tra i tanti da citare, potrebbe essere l’espressione «l’aimable barde est bavard» con cui l’A. si riferisce al poeta). Il tutto infarcito di citazioni tratte da opere del poeta stesso e da testimonianze contemporanee, vere o presunte, di altre figure della modernità e delle avanguardie parigine senza nessuna pretesa di rigore documentaristico e biografico, né a maggior ragione scientifico. Infatti, come riportato nella nota che precede l’Indice, parte del testo è stata scritta per uno spettacolo di letture teatrali intitolato Max Jacob, sacré funambule.

3Sebbene Patrice Delbourg riesca a restituire la complessità di una figura spesso paradossale, ciò che alla fine si impone è la rappresentazione di una personalità stravagante ed eccentrica a discapito dell’immagine di un poeta originale e capace, la cui opera è stata determinante nel contesto letterario francese della prima metà del Novecento.

4Il testo è completato da «Annexes» (pp. 93-122) in cui a quattro poesie del poeta si succedono documenti iconografici, testimonianze di altri scrittori, una Cronologia essenziale e una Bibliografia.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Damiano De Pieri, « Patrice Delbourg, Max Jacob, un drôle de paroissien. Portrait »Studi Francesi, 176 (LIX | II) | 2015, 403-404.

Notizia bibliografica digitale

Damiano De Pieri, « Patrice Delbourg, Max Jacob, un drôle de paroissien. Portrait »Studi Francesi [Online], 176 (LIX | II) | 2015, online dal 01 août 2015, consultato il 04 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/934

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals