Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento

Jean-Yves Laurichesse, Richard Millet. L’invention du pays

Stefano Genetti
p. 224-225
Notizia bibliografica:

Jean-Yves Laurichesse, Richard Millet. L’invention du pays, Amsterdam-New York, Rodopi, 2007 («Faux titre», 293), pp. 277.

Testo integrale

1Tra Viam, nel Limousin, dove Millet è nato nel 1953 e il Libano dove è cresciuto fino all’età di quattordici anni, tra qui e altrove, tra presente e passato, si muove J.-Y. Laurichesse nel tracciare la cronistoria e la cartografia di Siom, territorio segreto di tanti racconti che sono «les romans modernes d’un monde ancien» (p. 211). Suddiviso in tre sezioni, il volume articola le categorie della prossimità e della lontananza prima di affrontare la reinvenzione del paese natale per mezzo della quale una scrittura sospesa fra continuità e metamorfosi colma una distanza sia geografica e temporale che interiore, dell’animo: «le détour [...] par le lointain» risponde all’«impérieuse nécessité de refonder le lieu natal en tant qu’il est définitivement perdu» (p. 269). Nella prima parte assistiamo all’imporsi della matière de Corrèze, da Sept passions singulières alle chroniques villageoises di Cœur blanc, dove appare per la prima volta il nom de pays Siom. Nella seconda ci si sofferma sulla matière orientale, sulla mitizzazione dell’infanzia e sui temi della nostalgia e dell’esilio, da L’Invention du corps de saint Marc al libro del ritorno: Un balcon a Beyrouth. Questo duplice itinerario attraverso l’opera fra il 1983 e il 1994 converge, nella terza parte, verso il polifonico romanzo La Gloire des Pythre (1995). Esso segna una svolta poiché inaugura il ciclo di Siom che si estende fino a À ma vie parmi les ombres (2003), approdo provvisorio del percorso: un ciclo unificato dal ricomparire, di ampio affresco narrativo in racconto breve, degli stessi luoghi e degli stessi personaggi e dominato dal sovrapporsi di tempo cosmico, atmosferico e storico, di memoria collettiva e individuale.

2Pur senza adottare questi termini e rifacendosi piuttosto a Bachelard, a Bachtin o a Barthes, è una psicogeografia e una geopoetica al riparo dai rischi del regionalismo che l’A. delinea. Sensibile al risuonare di svariati echi intertestuali – da Balzac a Barrès, da Proust a Giono, da Hardy a Faulkner – egli insiste sul potere evocativo di patronimi e toponimi, sull’omaggio reso alla diglossia originaria, alla petite langue locale, variazione dialettale del sentiment de la langue di cui si nutre la riflessione sull’atto creativo. Alla ricerca di un’appartenenza che coniuga restituzione del vissuto e leggenda, soltanto la parola può sanare le lacune e rimarginare le ferite dell’esistenza, conferendo loro un senso, un significato e un orientamento spazio-temporale. Come emerge da questo bel libro e come nota la curatrice nella premessa agli atti di un convegno cui lo scrittore ha contribuito, Richard Millet figura infatti, accanto a Macé, Michon, Quignard, tra coloro che traghettano la letteratura francese contemporanea dall’era del soupçon all’era del souci de la langue (L’Écrivain et sa langue: romans d’amour de Marcel Proust à Richard Millet, études rassemblées et présentées par Sylviane Coyault, Clermont-Ferrand, Presses Universitaires Blaise Pascal, 2005, p. 16; sulla raccolta Le Sentiment de la langue di Millet, v. Aline Mura-Brunel, L’amour de la langue ou le parti pris de l’exigence, pp. 31-41 e Jean-Gérard Lapacherie, Penser la bouche pleine?, pp. 43-54).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Stefano Genetti, « Jean-Yves Laurichesse, Richard Millet. L’invention du pays »Studi Francesi, 154 (LII | I) | 2008, 224-225.

Notizia bibliografica digitale

Stefano Genetti, « Jean-Yves Laurichesse, Richard Millet. L’invention du pays »Studi Francesi [Online], 154 (LII | I) | 2008, online dal 30 novembre 2015, consultato il 09 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/9342

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals