Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Novecento e XXI secolo

Stefano Genetti, Una marginalità esemplare. Sulle novelle di Emmanuel Bove

Fabio Scotto
p. 404
Notizia bibliografica:

Stefano Genetti, Una marginalità esemplare. Sulle novelle di Emmanuel Bove, Verona, Edizioni Fiorini, 2012 («Mneme», 14), pp. 140.

Testo integrale

1Questo accurato studio di Stefano Genetti prende in esame una figura appartata, ma di singolare rilievo della narrativa francese della prima metà del Novecento, Emmanuel Bobovnikoff (1898-1945) – il cui cognome fu poi accorciato in Bove –, ebreo di padre ucraino e madre lussemburghese. Si tratta di uno scrittore che ebbe una certa notorietà a metà degli anni Trenta, che fu dimenticato nel dopoguerra, per essere poi rivalutato a metà degli anni Settanta da Raymond Cousse e da altri; di qui varie ripubblicazioni in sedi giornalistiche di prestigio (da «Le Monde» a «Lire») e adattamenti teatrali e cinematografici di sue opere, spiega con dovizia di particolari Genetti nella sua «Premessa. Emmanuel Bove novelliere» (pp. 5-15).

2Il saggio, che si fa apprezzare per la qualità e precisione dell’analisi e della scrittura, per il rigore filologico dei ricchi rimandi in nota, i quali attestano un’indagine approfondita e ad ampio raggio della Bibliografia primaria e secondaria relativa all’A., che si vale altresì di studi condotti sui manoscritti custoditi presso l’IMEC di Caen, dà conto di taluni interessanti casi di varianti non tanto per una disamina del dato meramente testuale, quanto semmai per una corretta focalizzazione problematica della genesi di talune novelle utile alla comprensione delle dinamiche scrittorie di Bove.

3La tesi di fondo che Genetti sostiene è che nella marginalità o marginalizzazione dello scrittore risieda anche il migliore attestato della qualità della sua scrittura, irriducibile a meccanismi di compiacenza nei confronti del lettore e totalmente dedita alla ricerca delle proprie ragioni di essere, che pure suscitarono le attenzioni di un considerevole manipolo di lettori di vaglia, da scrittori come Colette, Rilke, Max Jacob e Beckett (il quale ebbe a dire di lui: «Il a comme personne le sens du détail touchant», p. 120), su su fino a Peter Handke e ad altri autorevoli studiosi e critici. Se infatti Emmanuel Bove rimane un autore «di nicchia […], uno scrittore per scrittori» (p. 9) è in ragione di «una inenarrabile incomunicabilità» (p. 15) e di «un progetto ellittico, di tendenziale denarrativizzazione del racconto» (p. 35), che privilegia ritratti di emarginati, patetici e grotteschi, sfiduciati e come inermi di fronte alle insidie del destino, votati all’inanità e quasi all’inesistenza.

4Proprio su questa dimensione del presque rien, che include una riflessione di peso anche fortemente metaletterario sulla necessità/possibilità del soggetto (si veda a proposito la fondamentale nota 4 di p. 116), la materia narrativa dei testi di Bove gioca l’enigmaticità della sua consistenza umana e letteraria, se l’autore sembra non credere alla necessità del soggetto e votarsi semmai all’«inaction» (ibid.), con accenti che non possono non far pensare alle linee fondanti della stilistica flaubertiana. Del resto, ben spiega Genetti, le ascendenze della novellistica boviana abbracciano un ampio raggio d’influenze che vanno dalla stagione ottocentesca di Balzac, Maupassant, Tolstoj, Gogol, Dostoevskij, fino a Henry James, Hemingway, Fitzgerald, così inserendosi in un filone «minimalista» (per quanto tale termine, in verità ancor oggi ambiguo, possa designare dell’intenzione e del compiersi di una forma in termini qualitativi e quantitativi) che conduce fino ad Alice Munro e a Raymond Carver (pp. 117-118). Il fatto è che per Bove la scrittura agisce per sottrazione, cosicché vengono progressivamente meno elementi solitamente imprescindibili della narrazione, dalla trama a taluni connettori logici, a profitto di una descrizione trans-soggettiva di un vedersi vedersi che rimanda a Valéry (cfr. V. Magrelli, Vedersi vedersi: modelli e circuiti visivi nell’opera di Paul Valéry, Torino, Einaudi, 2002); è quello che qui Genetti chiama l’«andamento ellittico e reticente, puramente indiziario di una novella» (p. 51). Per questo, nell’ampio capitolo «Impronte della mano che scrive, ombre della mano che volta pagina» (pp. 65-113), Genetti rileva sorprendenti analogie fra il romanzo di Bove Le Piège (1945) e Les Faux-monnayeurs di André Gide, per via della natura metaletteraria dell’opera che fa sì che un libro sia abitato da altri libri, reali o immaginari, i quali ne orientano, in qualche misura, la storia.

5Alla dimensione metatestuale è dedicata la riflessione conclusiva del saggio, benché essa non vada intesa in senso stretto nell’accezione di Genette (p. 72). Bove chiama in causa di continuo dei lettori come personaggi delle sue storie, pur se esse tendono a una scrittura della paralisi della narrazione, permeata da una sostanziale «sfiducia nella transitività del linguaggio» (p. 112) e dal «sopravvento della narrazione sul narrato» (p. 115). Ecco allora che nell’incarnare, o meglio, nell’includere in se stessa il proprio échec, l’esile e pervicace trama di queste “psicobiografie” ed epistolografie ritrova nell’emozione, perfino più forte di ogni datità soggettiva, la sua più profonda ragione d’essere e di resistere alla tentazione del nulla, se il protagonista di Le Pressentiment risponde alla moglie che gli domanda cosa faccia: «Rien de particulier. J’écris, je lis» (p. 90). Pregnante viatico blanchottiano.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Fabio Scotto, « Stefano Genetti, Una marginalità esemplare. Sulle novelle di Emmanuel Bove »Studi Francesi, 176 (LIX | II) | 2015, 404.

Notizia bibliografica digitale

Fabio Scotto, « Stefano Genetti, Una marginalità esemplare. Sulle novelle di Emmanuel Bove »Studi Francesi [Online], 176 (LIX | II) | 2015, online dal 01 août 2015, consultato il 13 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/937

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals