Navigation – Plan du site
Rassegna bibliografica
Novecento e XXI secolo

Hélène de Saint-Aubert, Théâtre et exégèse. “L’Histoire de Tobie et de Sara” de Paul Claudel

Simonetta Valenti
p. 404-405
Référence(s) :

Hélène de Saint-Aubert, Théâtre et exégèse. “L’Histoire de Tobie et de Sara” de Paul Claudel, Genève, Librairie Droz, 2014 («Histoire des idées et critique littéraire»), pp. 544.

Texte intégral

1Attraverso l’analisi puntuale del dramma L’Histoire de Tobie et de Sara (1938), Hélène de Saint Aubert giunge a illustrare in questo ponderoso volume tutte le sfaccettature di questa moralité, troppo spesso considerata dalla critica un’opera minore. Secondo l’autrice infatti L’Histoire de Tobie et de Sara dovrebbe essere maggiormente studiata, in quanto, pur nella sua brevità, in questa pièce Claudel riassume felicemente le linee portanti del suo teatro, attuando una sintesi matura, articolata secondo alcuni assi maggiori: la critica serrata all’interpretazione quietistica e letterale della Bibbia, in vista della costruzione di una poetica della gloria; la rilettura in chiave cristologica della storia di Israele; l’interpretazione dell’itinerario di Tobia e Sara, in quanto modello di conversione spirituale; la lettura della vicenda sponsale dei due protagonisti, alla luce dell’unione mistica di Cristo e della Chiesa; infine, la rivisitazione del ruolo del poeta e del drammaturgo, in rapporto alla Parola rivelata e alla sua rappresentazione sulla scena.

2Estremamente circostanziato, il saggio della Saint Aubert ha il merito di gettare luce su di un’opera che si rivela sorprendentemente ricca, sia sotto il profilo teologico e spirituale, sia sotto il profilo eminentemente letterario, poiché fitta di figure e di riferimenti biblici e culturali, che l’autrice prende rigorosamente in considerazione, contribuendo così a chiarirne i molteplici significati. L’apporto più significativo del presente volume, nell’alveo degli studi critici su Claudel e sul suo teatro, riguarda la straordinaria stratificazione testuale de L’Histoire de Tobie et Sara, che Hélène de Saint Aubert riesce a mettere in evidenza mediante le sue ricerche: la moralité claudeliana si costruisce in effetti attraverso una rete di rimandi che, mentre ne sanciscono la valenza marcatamente polisemica, giungono di fatto a coniugare sacro e profano in un riuscitissimo connubio. Particolarmente interessante risulta, tra l’altro, l’ultima parte del saggio («La Quête du Verbe»), nella quale l’autrice prende in considerazione le diverse modalità stilistiche e drammatiche attraverso cui Claudel riesce a citare il testo biblico e a rappresentarlo sulla scena.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Simonetta Valenti, « Hélène de Saint-Aubert, Théâtre et exégèse. “L’Histoire de Tobie et de Sara” de Paul Claudel », Studi Francesi, 176 (LIX | II) | 2015, 404-405.

Référence électronique

Simonetta Valenti, « Hélène de Saint-Aubert, Théâtre et exégèse. “L’Histoire de Tobie et de Sara” de Paul Claudel », Studi Francesi [En ligne], 176 (LIX | II) | 2015, mis en ligne le 13 mai 2016, consulté le 16 décembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/studifrancesi/940

Haut de page
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals