Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri153 (LI | III)Rassegna bibliograficaCinquecentoHeidi Marek, Le mythe antique dan...

Rassegna bibliografica
Cinquecento

Heidi Marek, Le mythe antique dans l’œuvre de Pontus de Tyard

Dario Cecchetti
p. 639-640
Notizia bibliografica:

Heidi Marek, Le mythe antique dans l’œuvre de Pontus de Tyard, Paris, Champion, 2006 («Bibliothèque littéraire de la Renaissance», LXV), pp. 350.

Testo integrale

1Esce in traduzione francese un’importante tesi di dottorato tedesca (Vom leidenden Ixion zum getrosteten Narziß. Der antike Mythos im Werk von Pontus de Tyard, Frankfurt/Main, Vittorio E. Klostermann, 1999; rispetto all’edizione originale la traduzione sopprime una parte consacrata alla teoria dell’imitazione nei poeti della Pléiade) in cui H. Marek ripercorre l’uso dei miti classici nell’opera di Pontus de Tyard, analizzando quest’uso alla luce della trattatistica platonizzante di cui il grande poeta eruditus si nutre per tutta la sua carriera, a differenza di altri autori della Pléiade, come Du Bellay o Ronsard, per i quali il neoplatonismo costituisce solo una fase all’inizio della loro attività poetica. Nel costante riferimento ai testi filosofici (fra cui i Dialoghi d’amore di Leone Ebreo occupano una posizione centrale, insieme ai testi principes dell’emblematica, come l’opera di Alciato) Tyard fonda il suo approccio alle favole mitologiche meno sulla tradizione letteraria dei racconti omerici e ovidiani che sui miti che si incontrano in Platone o nei neoplatonici, pensatori di cui viene ripresa la tradizione allegorizzante, per ricostruire anche nell’opera poetica un sistema filosofico molto coerente. Ripercorrendo soprattutto il testo delle Erreurs amoureuses, l’A. ricostruisce la lettura dei miti ricorrenti nelle tre parti del canzoniere. Nel primo libro quelli di Issione, della Chimera e di Medusa. Nel secondo, in un quadro di tenebre, di ombra e di notte, i miti di Endimione, di Prometeo incatenato, di Fetonte e di Pigmalione, mentre tutto il libro si situa all’insegna di Saturno, simbolo della malinconia. Nel terzo libro, con le metafore di luce e di ombra e con la ripresa combinata dei miti di Issione e di Prometeo, sono i protagonisti invisibile Orfeo ed Ermete a conferire all’insieme un carattere altamente esoterico. Il lavoro di H. Marek, attraverso soprattutto un’indagine sui rapporti istaurati da Tyard con la tradizione emblematica, centrando l’attenzione sulle Douzes fables de fleuves ou fontaines (ciclo di fabulae mitologiche che doveva servire da programma illustrativo per una sala del castello di Diane de Poitiers ad Anet, ove ogni favola è accompagnata, nella tradizione degli emblemata, da una description pour la peinture e da un epigramma), affronta nella sua ultima parte il problema della presenza parallela (e del significato) dei miti classici nella poesia e nella pittura, là dove si crea un vicendevole scambio fra le due arti a livello iconologico.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Dario Cecchetti, « Heidi Marek, Le mythe antique dans l’œuvre de Pontus de Tyard »Studi Francesi, 153 (LI | III) | 2007, 639-640.

Notizia bibliografica digitale

Dario Cecchetti, « Heidi Marek, Le mythe antique dans l’œuvre de Pontus de Tyard »Studi Francesi [Online], 153 (LI | III) | 2007, online dal 30 décembre 2015, consultato il 23 octobre 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/9468; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.9468

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search