Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri153 (LI | III)Rassegna bibliograficaSettecentoDenis Diderot, Le Neveu de Rameau

Rassegna bibliografica
Settecento

Denis Diderot, Le Neveu de Rameau

Stefania Carli
p. 665
Notizia bibliografica:

Denis Diderot, Le Neveu de Rameau, édition présentée, établie et annotée par Michel Delon, Paris, Gallimard, 2006, pp. 251.

Testo integrale

1Michel Delon presenta, nella sua accurata e interessante prefazione, una delle opere più significative e complesse di Denis Diderot. Probabilmente ideato agli inizi degli anni Sessanta del diciottesimo secolo, Le Neveu de Rameau, definito dallo stesso autore come la Satire seconde, rimane un testo avvolto nel mistero soprattutto per quanto riguarda la sua stesura, una stesura che potrebbe forse essere situata intorno al 1773-74. Pubblicato per la prima volta nel 1805 grazie alla traduzione tedesca di Goethe, questo dialogue è l’espressione della mancanza di moralità del protagonista, un uomo che si definisce senza coscienza e che diventa per Diderot un personaggio da identificare con gli anti-philosophes dell’epoca.

2Dopo aver ricordato gli studi di Jean Fabre e di Henri Coulet, Michel Delon analizza con attenzione la complicata struttura del testo, a partire dalla sua difficile gestazione e dalla figura dello stesso Jean-François Rameau, un uomo la cui spiccata sensibilité esthétique si trova nettamente in contrasto con l’insensibilità morale che lo contraddistingue. Numerosi sono i modelli letterari che potrebbero aver ispirato Denis Diderot per la composizione del romanzo: oltre che sui personaggi storici della realtà dell’epoca, Michel Delon si sofferma su quelli della letteratura antica, sui protagonisti di Rabelais e di Scarron e su quelli dei Caractères di La Bruyère, sulla figura dell’indigent philosophe di Marivaux e su quella del comédien ambulant di Goldsmith.

3Il cinismo che caratterizza Rameau e che affiora dalla lettura del dialogue diventa a sua volta una fonte di ispirazione sia per gli autori francesi che per quelli stranieri, tanto che sono stati numerosi gli adattamenti e le trasposizioni dell’opera. Ripreso in Francia da Jules Janin che ha creato una sorta di seguito del romanzo con La Fin d’un monde et le Neveu de Rameau, in Germania il testo ha attratto l’attenzione sia di Hoffmann che di Hegel, tanto da diventare uno dei pochi esempi concreti, come fa notare Delon, citati nella Fenomenologia dello Spirito del 1806. Le Neveu de Rameau è stato apprezzato anche da Engels e da Marx che lo hanno ritenuto opera capace di ispirare la tradizione marxista. Il successo del romanzo è peraltro confermato dalle numerose imitazioni che si sono susseguite negli anni: tra quelle in prosa Delon ricorda soprattutto quelle di Aragon, Thomas Bernhard e Jacques-Alain Miller, mentre per quanto riguarda il teatro meritano di essere ricordati gli adattamenti di Paul de Musset, Pierre Fresnay, Michel Bouquet e Jacques Weber, autori che hanno riconosciuto il fascino di questo romanzo per il quale la critica letteraria mostra un sempre maggiore interesse.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Stefania Carli, « Denis Diderot, Le Neveu de Rameau »Studi Francesi, 153 (LI | III) | 2007, 665.

Notizia bibliografica digitale

Stefania Carli, « Denis Diderot, Le Neveu de Rameau »Studi Francesi [Online], 153 (LI | III) | 2007, online dal 30 novembre 2015, consultato il 20 octobre 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/9562; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.9562

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search