Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Ottocento a) dal 1800 al 1850

Gérard Gengembre, Mme de Staël: de la littérature ou des belles-lettres?

Rita Severi
p. 672
Notizia bibliografica:

Gérard Gengembre, Mme de Staël: de la littérature ou des belles-lettres?, in Bonnes Lettres / Belles Lettres, actes des colloques du Centre d’Études et de Recherches Éditer / Interpréter de l’Université de Rouen, 26 et 27 avril 2000 et 6-7 février 2003, textes réunis par C. Poulouin et J.-C. Arnould, Paris, Champion, 2006, pp. 429-437.

Testo integrale

1Dopo una breve introduzione metodologica sulla definizione di «littérature» secondo i testi di riferimento dell’Illuminismo, quali il Dictionnaire de l’Académie (ed. 1740 a cura di De Jancourt) e il Supplément de l’Encyclopédie, dove la voce fu redatta da Marmontel, Gérard Gengembre si appresta a illustrare succintamente sia la posizione dello scrittore che lo statuto della letteratura in due testi di Mme de Staël: Des Circonstances actuelles qui peuvent terminer la Révolution et des principes qui doivent fonder la République en France (1798, ma si rimanda all’ed. di L. Omacini, Genève, Droz 1979) e De la Littérature.

2Senza dubbio, ammette l’autore, non si può contestare il ruolo decisivo di Mme de Staël nell’elaborazione della nozione moderna di letteratura, e del suo apporto nel ridefinire l’uomo di lettere con la figura dello «scrittore». Eppure, soprattutto nella prima opera, ella rimane legata a una concezione classica delle «belles-lettres», non solo come «letteratura» ma anche come «sapere». Come l’autore, assieme a Jean Goldzink, ha precedentemente dimostrato nella sua edizione delle opere di Mme de Staël (Flammarion, 1991), durante l’Illuminismo era molto più in auge il sintagma «gens de lettres» che la parola «littérature» e la scrittrice, d’accordo anche con alcuni contemporanei, come L.-S. Mercier, propende per «l’écrivain d’imagination». Ella sostiene, infatti, che alla nuova figura dello scrittore spetta il compito di dipingere la società e d’impegnare la sua sensibilità nel far rivivere i «mouvements de la nature». In sostanza, nulla dovrebbe separare la littérature d’idées et d’imagination.

3Nel secondo testo citato la scrittrice assume una posizione chiaramente politica fin dall’assioma iniziale che recita: «Les progrès de la littérature sont nécessaires à l’établissement et à la conservation de la liberté». Dunque ella assegna agli scrittori una nuova missione: in mancanza di una letteratura rivoluzionaria bisognerà creare la letteratura repubblicana. Questo «engagement» prevede che lo scrittore diventi un repubblicano modello, il quale, in attesa della letteratura rigenerata, provveda a fornire una «littérature de la compensation». Nell’opera più matura, De l’Allemagne, Mme de Staël riuscirà a fondere in modo dialettico il romanticismo, il cosmopolitismo e le idee della rivoluzione «relançant le progrès littéraire dans une Histoire complète, chaotique, mais engagée de manière irréversible sur la voie glorieuse de la perfectibilité réaffirmée» (p. 437).

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Rita Severi, « Gérard Gengembre, Mme de Staël: de la littérature ou des belles-lettres? »Studi Francesi, 153 (LI | III) | 2007, 672.

Notizia bibliografica digitale

Rita Severi, « Gérard Gengembre, Mme de Staël: de la littérature ou des belles-lettres? »Studi Francesi [Online], 153 (LI | III) | 2007, online dal 30 novembre 2015, consultato il 08 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/9580

Torna su

Autore

Rita Severi

Articoli dello stesso autore

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals