Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Medioevo

Sabine Tittel, Die Anathomie in der Grande Chirurgie des Gui de Chauliac. Wort- und sachgeschichtliche Untersuchungen und Edition

Antonella Conti
p. 417
Notizia bibliografica:

Sabine Tittel, Die Anathomie in der Grande Chirurgie des Gui de Chauliac. Wort- und sachgeschichtliche Untersuchungen und Edition, Tübingen, Max Niemeyer Verlag, 2004, pp. 432.

Testo integrale

1Si tratta della tesi che l’autrice ha discusso, nel 2003, presso la Facoltà di Lingue Moderne della Ruprecht-Karls-Universität di Heidelberg.

2A giusto titolo annoverato tra i medici più famosi del suo tempo – non a caso ben tre papi si affidarono alle sue cure –, Gui de Chauliac ha assicurato il passaggio dalla medicina medievale a quella moderna e favorito l’associazione tra questa scienza e la chirurgia. Nel 1363 ha composto la Chirurgia Magna, un vasto compendio – autentica summa delle conoscenze medicochirurgiche del tempo – che riscosse per oltre tre secoli un immenso successo, attestato dalle numerose edizioni a stampa e dalle traduzioni in varie lingue, tra le quali il francese, l’inglese, l’italiano e lo spagnolo.

3Fino alla presente pubblicazione, gli studiosi non potevano disporre di un’edizione adeguata come base per un’analisi scientifica della lingua: in tal senso, nemmeno quella realizzata da Edouard Nicaise nel 1890 era sufficiente; Sabine Tittel ha dunque voluto colmare, almeno in parte, questa lacuna, fornendo un’edizione critica del primo dei sette trattati che compongono l’opera di Chauliac, quello dedicato all’anatomia. A tal fine, si è basata sul testo contenuto nel ms H184, conservato a Montpellier nella biblioteca della Facoltà di Medicina: si tratta del più antico manoscritto contenente la versione francese completa della Chirurgia Magna e, sebbene in passato la sua datazione sia stata controversa – come peraltro quella della stessa traduzione –, esso può essere attribuito al secondo terzo del Quattrocento. In particolare, questa traduzione si distingue dalle due altre, analizzate dall’autrice, e conservate in manoscritti risalenti agli anni Settanta del xv secolo, per l’abbondanza di parafrasi e di glosse, che ne valorizzano la qualità didattica e ne sottolineano la peculiarità.

4L’attento studio lessicografico del trattato sull’anatomia, relativo sia alla terminologia medico-chirurgica, sia al vocabolario non specialistico, è stato condotto non solo sui dizionari, che all’autrice non sono parsi sufficienti, ma su un corpus di tredici testi di medicina composti tra il secondo terzo del xiii secolo e la seconda metà del xiv.

5All’edizione dell’Anathomie segue un’accurata analisi del lessico, suddiviso in otto gruppi tematici, ciascuno dei quali è preceduto da un’introduzione riferita alla storia della medicina.

6Al termine del suo studio, Sabine Tittel giunge alla conclusione che la Grande Chirurgie è una fonte di grande rilevanza per la conoscenza del vocabolario medico-chirurgico del moyen français. In più, dalla sua accurata analisi lo studioso ricava un significativo, seppur parziale, sguardo retrospettivo sullo stato della lingua specialistica di medicina e chirurgia per il Due, Tre e Quattrocento, di cui l’ampio glossario (comprendente circa 1350 lemmi) offre un’utilissima panoramica. In definitiva, lo sviluppo del vocabolario di queste due scienze è andato di pari passo con quello del loro insegnamento impartito in francese, pur senza dimenticare il secolare legame con il latino.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Antonella Conti, « Sabine Tittel, Die Anathomie in der Grande Chirurgie des Gui de Chauliac. Wort- und sachgeschichtliche Untersuchungen und Edition »Studi Francesi, 152 (LI | II) | 2007, 417.

Notizia bibliografica digitale

Antonella Conti, « Sabine Tittel, Die Anathomie in der Grande Chirurgie des Gui de Chauliac. Wort- und sachgeschichtliche Untersuchungen und Edition »Studi Francesi [Online], 152 (LI | II) | 2007, online dal 30 novembre 2015, consultato il 04 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/9780

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals