Navigazione – Mappa del sito
Rassegna bibliografica
Cinquecento

Sara Miglietti, Presenze boeziane nel Colloquium Heptaplomeres di Jean Bodin

Filippo Fassina
p. 429
Notizia bibliografica:

Sara Miglietti, Presenze boeziane nel Colloquium Heptaplomeres di Jean Bodin, «Rinascimento», XLIV (2004), pp. 273-295.

Testo integrale

1Il presente lavoro si pone come obiettivo il confronto tra il Colloquium Heptaplomeres (libro IV) di Jean Bodin e il De consolatone Philosphiae (III, IX) di Boezio, quest’ultimo ritenuto dall’autrice il modello di Bodin, benché una citazione diretta della fonte non sia mai presente. Viene infatti istituito un preciso confronto intertestuale sia stilistico sia tematico che parte dalla struttura comune dell’inno cletico incentrato sul tema dell’armonia dell’universo creato da Dio e del rapporto tra questa e la violazione delle leggi di natura. Altro elemento sottolineato è la natura aperta del dialogo e l’A. propone come esempio di questa caratteristica il fatto che in Bodin affidi l’inno a un personaggio apparentemente ‘minore’ come Curzio, peraltro, forse, di matrice calvinista. L’autrice si sofferma inoltre sul concetto di libero arbitrio visto come variabile all’interno del mondo civile e presente in entrambi i testi. Legato a questo tema è anche quello dell’esistenza del male che trova un suo spazio all’interno del disegno divino, visione di origine agostiniana che è comune sia a Boezio sia a Bodin. Il rapporto tra i due autori è però visto in modo non completamente diretto, ma mediato da testi umanistici o rinascimentali come quelli di Niccolò Cusano, Erasmo e Francesco Giorgio Veneto, che ebbero come indubbio modello proprio Boezio. Infine la studiosa vede nell’emulatio di Bodin un processo di risemantizzazione che conferisce al testo boeziano una connotazione più politica tesa a spiegare l’analogia tra Dio e sovrano come «l’unico modo possibile per gettare un ‘ponte’ tra il disordine del mondo civile e il cosmo ordinato dei fenomeni naturali». Sara Miglietti conclude il suo lavoro con l’ipotesi che il personaggio di Curzio possa indicare che il distacco di Bodin dal Calvinismo sia effettivamente un ripensamento sul concetto stesso di libero arbitrio.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Filippo Fassina, « Sara Miglietti, Presenze boeziane nel Colloquium Heptaplomeres di Jean Bodin »Studi Francesi, 152 (LI | II) | 2007, 429.

Notizia bibliografica digitale

Filippo Fassina, « Sara Miglietti, Presenze boeziane nel Colloquium Heptaplomeres di Jean Bodin »Studi Francesi [Online], 152 (LI | II) | 2007, online dal 30 novembre 2015, consultato il 10 juillet 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/9835

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals