Skip to navigation – Site map

HomeIssues152 (LI | II)Rassegna bibliograficaCinquecentoDenise Carabin, Henri Estienne, é...

Rassegna bibliografica
Cinquecento

Denise Carabin, Henri Estienne, érudit, novateur, polémiste. Étude sur «Ad Senecae lectionem Proodopoeia»

Michele Mastroianni
p. 429
Bibliographical reference

Denise Carabin, Henri Estienne, érudit, novateur, polémiste. Étude sur «Ad Senecae lectionem Proodopoeia», Paris, Champion («Études et essais sur la Renaissance», LXVI), 2006, pp. 345.

Full text

1Denise Carabin, autrice di un’importante thèse su Les idées stoiciennes dans la littérature morale des xvi et xvii siècles (1575-1642) (Paris, Champion, 2004: cfr. questi «Studi», 146, 2005, p. 409), offre ora un’interessante monografia su un’opera di Henri Estienne (Ad Senecae lectionem Proodopoeia [Introduzione alla lettura di Seneca]) – di cui peraltro pubblica in contemporanea l’edizione critica, per gli stessi tipi di Champion –, opera che si situa nell’ambito della diffusione cinquecentesca di Seneca e all’interno di quello che definiamo neostoicismo tardo rinascimentale, anche se la finalità conclamata è puramente filologica (in qua et nonnulli ejus loci emendantur: recita il sottotitolo dell’‘introduzione’ di Estienne). Nella prima parte (Pourquoi Sénèque?, pp. 25-102), offrendo una rassegna di interventi su Seneca da parte di grandi del Cinquecento (Erasmo, Vivès, Budé, Calvino, Muret, Lipsio), l’A. ricostruisce la fortuna di Seneca e, soprattutto, ne ripercorre le chiavi di lettura. Appare così come Seneca sia scorporato dal sistema stoico classico vero e proprio, per essere sfruttato come modello retorico (al pari di Plutarco, egli offre strumenti di persuasione agli avvocati, ai Re, ai grandi) e come rappresentante di una morale pratica e moderata, quale può incontrare i gusti di Montaigne. Nella seconda parte (Pratiques érudites et philosophiques d’Estienne, pp. 107-139) l’A. mette in evidenza come l’interesse per Seneca – in primo luogo sempre filologico e retorico – assume un carattere ideologico e polemico, che, se si ammanta di una discussione pro o contro differenti edizioni senecane, in realtà prende di mira un certo milieu intellettuale cattolico, quello che fa capo a Muret e ha alle sue spalle i foyers di cultura (ciceroniani) animati dai gesuiti, in piena impresa di conquista, con la loro ratio studiorum, dei centri pedagogici europei. Nella terza parte (Doctrine de Sénèque dans la «Proodopoeia», pp. 143-202) viene analizzata la ricostruzione del pensiero di Seneca fatta da Estienne, e si dimostra come l’umanista francese nel suo discorso non obbedisca a esigenze di completezza e neppure segua impianti illustrativi tradizionali. Estienne sottolinea l’insistenza di Seneca sull’importanza della filosofia morale, che si comprende sulla base della sua concezione religiosa e dell’immortalità dell’anima. L’anima, seguendo i consigli della divinità che l’abita e coltivando il dono della ragione fattole dalla natura, si sforza di affrontare il meglio possibile i problemi della vita. Più che un discorso organico la Proodopoeia offre degli spunti di riflessione e ricerca. Nella quarta parte (Le style de Sénèque, pp. 205-246) e nella quinta (La poétique d’Estienne, pp. 249-300) l’A. si sofferma sul fatto che l’interesse di Estienne per Seneca verte in buona parte sugli aspetti linguistici, stilistici e retorici, così come, d’altronde, la poetica di Estienne è anzitutto quella di un erudito attento ai problemi della retorica.

Top of page

References

Bibliographical reference

Michele Mastroianni, « Denise Carabin, Henri Estienne, érudit, novateur, polémiste. Étude sur «Ad Senecae lectionem Proodopoeia» »Studi Francesi, 152 (LI | II) | 2007, 429.

Electronic reference

Michele Mastroianni, « Denise Carabin, Henri Estienne, érudit, novateur, polémiste. Étude sur «Ad Senecae lectionem Proodopoeia» »Studi Francesi [Online], 152 (LI | II) | 2007, Online since 30 November 2015, connection on 21 September 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/9839

Top of page
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals
Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search