Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri182 (LXI | II)Rassegna bibliograficaSettecentoL. Hunt, M. C. Jacob, W. Mijnhard...

Rassegna bibliografica
Settecento

L. Hunt, M. C. Jacob, W. Mijnhardt, Le livre qui a changé l’Europe. Cérémonies religieuses du monde de Bernard Picart et Jean Frédéric Bernard

Giulia Delogu
p. 359
Notizia bibliografica:

Lynn Hunt, Margaret C. Jacob, Wijnand Mijnhardt, Le livre qui a changé l’Europe. Cérémonies religieuses du monde de Bernard Picart et Jean Frédéric Bernard, traduit de l’anglais par Sylvie Kleiman Lafon, Génève, Editions Markus Haller, 2015, 482 pp.

Testo integrale

1Pubblicate in sette corposi volumi in folio tra il 1723 e il 1737, le Cérémonies religieuses de tous les peuples du monde hanno rappresentato, affermano i tre autori di questo documentato studio, il libro che ha cambiato l’Europa. Fin dall’Introduzione, essi fanno infatti osservare come l’opera di Bernard Picart (che ne disegnò le 150 incisioni) e di Jean Frédéric Bernard (non solo editore, ma anche autore) abbia dato voce e corpo ad una idea assai radicale per l’epoca in cui è stata proposta, quella che «tutte le religioni sono ugualmente degne di rispetto».

2Le Cérémonies religieuses du monde conobbero un grandissimo successo nel corso del Settecento e dell’Ottocento, venendo subito tradotte in olandese, inglese e tedesco e poi ristampate, plagiate a più riprese, come ben illustrato nell’Appendice B, che conclude il volume. Al successo presso i contemporanei non è tuttavia corrisposto, nel corso del Novecento, un interesse da parte degli studiosi che, concentrati sui grandi autori dei Lumi, hanno largamente ignorato il lavoro di Picart e Bernard. Hunt, Jacob e Mijnhardt, partendo dal dato incontrovertibile dell’ampia circolazione dell’opera, sottolineano invece come lo studio del caso delle Cérémonies religieuses du monde concorra a rivelare una concezione ben diversa della diffusione dei saperi nell’età dei Lumi, che supera l’idea che la rivoluzione intellettuale settecentesca sia da attribuirsi a una ristretta cerchia e a processi di comunicazione solamente top-down. L’opera di Picart e Bernard, infatti, concorre a mettere in rilievo una «nuova concezione della circolazione artigianale e cosmopolita del sapere», alla quale presero parte anche artigiani, farmacisti, mercanti, incisori, editori e stampatori.

3A fianco dell’aspetto della circolazione delle idee, altro punto di grande interesse delle Cérémonies religieuses du monde messo in luce da Hunt, Jacob e Mijnhardt è la novità nell’approccio e nei contenuti. Essenziale per la comprensione dell’opera sono innanzitutto il contesto storico di un’Europa ancora agitata da attriti tra cattolici e protestanti e il background biografico dei due protagonisti (cui è dedicata la prima parte, «Le monde du livre»), francesi calvinisti riparati nei Paesi Bassi, vicini al circolo di Marchand e s’Gravesande e dunque ai principi newtoniani di uniformità e regolarità della natura. L’analisi delle religioni da loro proposta (analizzata nella seconda parte, «Le livre du monde») e largamente basata sui resoconti di viaggio si configura così non come un tentativo militante di far prevalere il proprio credo denigrando gli altri e riducendoli a «idolatrie pagane», ma come un continuo sforzo di comparare con neutralità e di riflettere via via il punto di vista della singola religione trattata, in nome della tolleranza.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Giulia Delogu, « L. Hunt, M. C. Jacob, W. Mijnhardt, Le livre qui a changé l’Europe. Cérémonies religieuses du monde de Bernard Picart et Jean Frédéric Bernard »Studi Francesi, 182 (LXI | II) | 2017, 359.

Notizia bibliografica digitale

Giulia Delogu, « L. Hunt, M. C. Jacob, W. Mijnhardt, Le livre qui a changé l’Europe. Cérémonies religieuses du monde de Bernard Picart et Jean Frédéric Bernard »Studi Francesi [Online], 182 (LXI | II) | 2017, online dal 01 août 2017, consultato il 02 décembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/studifrancesi/9952; DOI: https://doi.org/10.4000/studifrancesi.9952

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search