Navigation – Plan du site

AccueilNuméros95Autres articlesLa fontana monumentale del santua...

Autres articles

La fontana monumentale del santuario di Damasco - Siria (Sūq l-ṣāġa)

Tarek Ahmad
p. 343-356

Résumés

Les fouilles de 1973-1974 dans l’ancien Sūq l-Ṣāġa devant le côté sud de la mosquée des Omeyyades de Damas ont révélé un monument romain qui a été identifié comme une fontaine. Les résultats des fouilles n’ont malheureusement été publiés que dans un aperçu chronologique des éléments architecturaux découverts. Cette contribution tente d’analyser les éléments architecturaux du monument romain afin de formuler une reconstruction préliminaire et de préciser sa datation et sa fonction dans le sanctuaire de Damas.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Cfr. Watzinger & Wulzinger 1921; Sauvaget 1949.

1Il centro storico di Damasco è stato oggetto di ricognizioni archeologiche fin dall’inizio del secolo scorso. Le prime ricerche risalgono al 1921 e vennero effettuate da C. Watzinger e K. Wulzinger, e furono poi completate da J. Sauvaget nel 1949. Avevano lo scopo di tracciare lo sviluppo urbanistico della città ellenistico-romana portando all’identificazione degli assi viari principali e di alcuni grandi monumenti come il teatro e il vasto spazio sacro dedicato a Iuppiter/Zeus intorno all’attuale moschea degli Omayyadi 1. Scavi di emergenza nel centro storico sono stati in seguito condotti dalla Direzione Generale dell’Antichità e dei Musei (DGAM) in Siria e hanno restituito interessanti evidenze archeologiche che hanno permesso di esplorare, adottando una prospettiva diacronica, lo sviluppo della città. Fra queste c’è l’area dell’antico Bazar delle gioiellerie (Sūq l-ṣāġa) alla quale questo contributo è dedicato.

  • 2 I primi scavi nell’antico Bazar non furono oggetto di un studio attendibile, ma furono solamente m (...)
  • 3 Anche questi scavi sono stati solamente menzionati nelle notizie degli scavi della DGAM in Jamous (...)
  • 4 Krauskopf 2000; Sack, Krauskopf & Mollenhauer 2008‑2009.

2L’antico Sūq l-ṣāġa è situato di fronte alla facciata sud della moschea degli Omayyadi. Il Bazar fu ricostruito dopo il grave incendio del 1893 e fu poi definitivamente abbandonato in conseguenza di un altro incendio nel 1959, a seguito del quale le antiche botteghe delle gioiellerie furono trasferite nella parte più moderna del centro storico. Le prime campagne di scavo nell’antico Bazar furono eseguite nel 1973‑1974 da N. Saliby; egli riteneva che tali scavi avrebbero riportato alla luce le vestigia del palazzo reale del primo califfo degli Omayyadi Muʿaya, in quanto il Bazar si trova nell’area in cui le fonti letterarie localizzavano tali strutture, ma le indagini portarono invece alla scoperta dei resti di una fontana monumentale di epoca romana e altri ambienti post-romani 2. I lavori furono ripresi negli anni ’90 ampliando gli scavi nei settori nord-est e sud-ovest dell’antico Bazar, dove sono stati portati in luce vari ambienti e un complesso sistema idrico di canali e tubi risalente a varie epoche 3. Nel 1999 un rilievo architettonico con uno studio stratigrafico del sito è stato condotto in collaborazione con l’Università Tecnica di Berlino e l’Istituto Archeologico Germanico di Damasco 4. Nel 2011, altri canali in relazione con la fontana sono stati rinvenuti nei limitati sondaggi effettuati dalla DGAM nella parte centrale e meridionale del sito.

3L’importanza degli scavi del Sūq l-ṣāġa risiede soprattutto nel ritrovamento del monumento poligonale che si trova nell’area identificata come il temenos esterno del grande santuario di Damasco. Le precedenti interpretazioni di questo monumento hanno insistito soprattutto sulla sua contestualizzazione storica considerandolo come una fontana monumentale senza però proporne una ricostruzione architettonica più articolata o specificarne la relazione con il grande santuario. Il presente contributo è centrato specificamente su questi due temi, pertanto gli elementi architettonici portati alla luce durante gli scavi archeologici saranno analizzati per formulare una proposta preliminare di ricostruzione e di datazione del monumento. Si studieranno poi, sul piano della logotecnica, gli elementi planimetrici in rapporto alla loro collocazione, al fine di comprendere la funzione della fontana nel complesso templare di Damasco.

La fontana monumentale

  • 5 Krauskopf 2000, p. 391, fig. I (1.10); Saliby 1995, p. 196, fig. 52.

4L’area scavata presso il Sūq l-ṣāġa copre una superficie rettangolare di circa 35 × 32 m ed è orientata lungo un asse nord-sud nella parte posteriore dell’odierno Sūq l-qabaqbīa di fronte alla facciata meridionale della grande moschea degli Omayyadi (fig. 1). Nell’angolo nord-ovest dello scavo, come si è accennato, furono rinvenuti i resti di una fontana monumentale, buona parte della quale si trova ancora sotto le fondamenta dell’antico Bazar e sotto le costruzioni moderne ad esso adiacenti (fig. 25.

Figure 1.

Figure 1.

Pianta dello scavo

(per gentile concessione di C. Krauskopf; aggiornata da T. Ahmad).

Figure 2.

Figure 2.

Veduta generale dell’area degli scavi a Sūq l-ṣāġa

© T. Ahmad.

5La struttura è composta da un podio alto circa 0,7 m, in blocchi irregolari di calcare su fondamenta costituite da grossi blocchi, calcarei anch’essi (fig. 1: 1.1). Il podio ha una pianta ottagonale (ciascun lato misura 5,9 m) caratterizzata da un’alternanza di lati curvi, profondi 2,5 m, e rettilinei muniti di cavità centrale che misura 1,2 m di diametro e 0,7 m di profondità. L’area davanti alla cavità ovest è pavimentata con piccole lastre calcaree (fig. 1: 1.2). La superficie esterna del podio è lavorata a facciavista con una modanatura superiore composta da un toro, una scozia, un tondino e un listello, come si nota nella parte meridionale della curva ovest (fig. 3). Alle estremità della porzione curvilinea sono due fori (circa 0,8 m di diametro) atti a fissare forse delle aste in metallo (fig. 1: 1.18; fig. 4).

Figure 3.

Figure 3.

Il podio della fontana presso l’estremità meridionale della curva ovest 1.8

© T. Ahmad.

Figure 4.

Figure 4.

Fori nell’estremità settentrionale della curva ovest 1.18

© T. Ahmad.

  • 6 Krauskopf 2000, p. 390 menziona tubi in terracotta e in piombo, ma allo stato attuale delle nostre (...)

6Il monumento sembra essere munito di un sistema idrico costituito da canali inseriti nel podio e altri esterni collegati ad esso. Si sono riconosciuti almeno quattro canali all’interno della struttura che corrono in pendenza dal centro verso l’esterno (fig. 1: 1.5, 1.10, 1.8, 1.9) 6. Lo stato attuale dello scavo attorno al monumento non permette di identificare la funzione di tutti questi canali all’interno di un sistema idrico. Tuttavia, l’apertura nella parte inferiore del podio nell’estremità meridionale della curva ovest sembra essere collegata a un canale di scarico (fig. 1: 1.18, fig. 3), mentre il canale sulla superficie del podio (fig. 1: 1.9) appare destinato all’adduzione dell’acqua alla stessa curva terminando nella sua parte superiore (fig. 4).

  • 7 La cornice (fig. 1: 1.17), di cui si parla più avanti, non appartiene alla struttura originaria de (...)
  • 8 Ringrazio vivamente il collega Salah Shaker dalla DGAM, coordinatore degli scavi a Sūq l-ṣāġa, per (...)

7All’esterno del monumento, gli archeologi hanno portato alla luce un complesso di canali risalenti a varie epoche, di cui alcuni erano contemporanei alla fontana e collegati ad essa. A due metri a sud del monumento, corre una fognatura larga 1 m (fig. 1: 1.11), in calcare con una copertura di lastre basaltiche di cui una delle quali costituisce un chiusino rettangolare con un’apertura centrale (fig. 1: 1.14). Questa fognatura si divide in due canali: il primo corre in direzione sud-ovest ed è interrotto da strutture murarie più recenti e da una cornice angolare,7 il secondo, invece, passa accanto al monumento e si dirige a nord-ovest. Sul lato sinistro del secondo canale si notano i tre tubi (fig.1: 1.10, 1.12, 1.13) di cui almeno uno corrisponde a quello identificato nella parte meridionale del podio del monumento (fig.1: 1.10) ciò che suggerisce un chiaro rapporto fra le due strutture costituendo un elemento destinato all’evacuazione dell’acqua. Inoltre, i recenti scavi del 2011 hanno portato alla luce a circa 13 m a sud-ovest del podio due tubi in terracotta, inseriti in una sorta di specus costituito da piccole pietre calcaree, che corrono verso il monumento in direzione nord-est a 2 m di profondità (fig. 1: 1.19-20, fig. 58. In virtù della mancanza di scavi più ampi, resta difficile inserire tali tubi nel complesso di canali del sito. Tuttavia, la loro direzione est-ovest e la loro profondità inferiore di circa 0.27 m rispetto alla base del monumento indicherebbe una loro funzione in rapporto con esso. Si ipotizza dunque che questi tubi possano appartenere al sistema di approvvigionamento idrico del monumento.

Figure 5.

Figure 5.

Tubi in terracotta 1.19, 1.20

© T. Ahmad.

8Allo stato attuale dello scavo, è possibile solo ipotizzare, sulla base del complesso dei canali riconosciuti all’interno e all’estero della struttura, che il podio ottagonale racchiudesse un lacus alimentato da un condotto di adduzione (1.19-20) e destinato ad accogliere l’acqua per poi spingerla in alto dove fuoriusciva in un labrum. Da qui, l’acqua correva nei canali (1.9) defluendo nelle curve che costituivano probabilmente serbatoi semicircolari pavimentati (1.2) e delimitati da un parapetto, di cui purtroppo non si vedono tracce. Infine, l’acqua veniva evacuata tramite canali come (1.8, 1.10) collegati all’adiacente fognatura (1.11).

Ricostruzione planimetrica della fontana

  • 9 Krauskopf 2000, p. 393, tav. 86b, 87a.
  • 10 Si tratta di una fontana monumentale di forma circolare costruita su un podio al centro di un gran (...)

9Nonostante il monumento di Sūq l-ṣāġa sia conservato al livello del podio, è possibile tentare di ricostruire il suo elevato in base agli elementi architettonici classici che furono riutilizzati in vari ambienti in epoche successive, soprattutto nella costruzione delle fondamenta dell’antico Bazar 9. Si tratta di piedestalli di colonne, colonnine monolitiche di granito e di calcare locale e frammenti di architravi e cornici (fig. 1: 5.8; 6-8). Date le loro dimensioni abbastanza ridotte, tali elementi architettonici dovrebbero appartenere al monumento, ciò che conduce a suggerire un colonnato elevato sul podio e ispirato da modelli classici. La cornice riutilizzata nel settore del canale centrale (1.17) è degna di particolare attenzione poiché sembra sia simile a quella d’angolo del podio che ha un lato diritto e un altro leggermente curvilineo (fig. 7). In base alla pianta ottagonale del podio e alla curvatura della cornice non sembra azzardato supporre l’esistenza anche di una copertura emisferica a cupola del monumento (fig. 9), genericamente comparabile a quella nel cortile del grande santuario a Baalbek 10.

Figure 6.

Figure 6.

Colonne e basi di colonne della fontana monumentale

(da Krauskopf 2000, tav. 87b; per gentile concessione dell’Istituto Archeologico Germanico DAI-Damasco).

Figure 7.

Figure 7.

Cornice della fontana monumentale

(Krauskopf 2000, tav. 86a, per gentile concessione dell’Istituto Archeologico Germanico DAI-Damasco).

Figure 8.

Figure 8.

Modiglione di cornice della fontana monumentale

© T. Ahmad.

Figure 9.

Figure 9.

Pianta e ricostruzione schematica della fontana monumentale

© T. Ahmad.

10Per non incorrere nel rischio di forzare una ricostruzione definitiva della forma architettonica della fontana monumentale di Damasco, ci si limita a queste osservazioni preliminari rimanendo in attesa di nuove indagini nell’area che potranno eventualmente confermare quanto proposto in questa sede.

Edicola-fontana

  • 11 Krauskopf 2000, p. 394.
  • 12 Si tratta di un macellum a pianta quadrata con ambienti lungo il muto perimetrale e un portico ott (...)

11Il monumento di Sūq l-ṣāġa sembra avere tutte le caratteristiche di una struttura indipendente, ma pone comunque un problema di natura funzionale data la mancanza di scavi più ampi e attendibili. I primi editori hanno riconosciuto in esso una fontana di epoca romana sulla base di un sistema idrico di canali 11. Se tale attribuzione è inevitabile, la pianta ottagonale con quattro serbatoi esterni non è frequente nell’architettura dei monumenti dell’acqua, dal momento che ninfei e fontane adottavano spesso una pianta absidale a facciata rettilinea. Tuttavia i confronti non mancano: il monumento di Damasco ricorda la fontana ottagonale del macellum di Gerasa per i suoi lati curvi, ma questa racchiudeva l’acqua all’interno di un piccolo bacino a forma di croce greca ed era inserita in un ampio complesso: non aveva quindi l’aspetto monumentale di quella di Damasco con un portico elevato su un podio 12.

  • 13 Piérart 1999, p. 246-259. P. Marchetti e K. Kolokotsas hanno riconosciuto precedentemente due fasi (...)
  • 14 Il ninfeo di Erode Attico aveva una pianta absidale con bacino superiore semicircolare chiuso da u (...)
  • 15 Boeswillwald, Cagnat & Ballu 1905, p. 317-319, fig. 148‑150.

12La nostra ricostruzione del monumento di Sūq l-ṣāġa con un colonnato eretto su podio e sormontato da una copertura a cupola rispecchia piuttosto i monopteri romani, la cui pianta circolare non era impiegata nella costruzione dei monumenti dell’acqua, ma era destinata ad accogliere una statua di culto, salvo alcune eccezioni, quando in cui il monumento fu eretto su un pozzo precedente come nel caso della tholos del foro triangolare a Pompei, o costituiva un Heroon (ipogeo sormontato da una tholos destinata ad accogliere una statua) trasformato in monumento di acqua come il ninfeo dell’agorà di Argo in Grecia 13, o ancora quando vi fu un cambiamento di programma, come nel caso dei due monopteri laterali del ninfeo di Erode Attico a Olimpia che ospitavano inizialmente getti d’acqua sostituiti poi dalle statue di Erode Attico e di un imperatore 14. Il ruolo del colonnato in questi casi era infatti quello di proteggere l’oggetto di culto. In tale senso il monumento di Damasco trova un confronto con lo straordinario caso del ninfeo di Liberalis a Timgad in Algeria che ospitava probabilmente una statua divina al centro del podio ottagonale circondato da otto colonne sormontate da una trabeazione con una dedica in latino in cui il monumento veniva detto lacus; un parapetto ottagonale circondava il ninfeo delimitando un bacino pavimentato in calcestruzzo 15. Il monumento di Damasco va inserito in questa categoria che unisce la tipologia architettonica del monoptero e il ninfeo, dove il colonnato non esclude una funzione destinata anche a proteggere un oggetto di culto costituendo così una fontana-edicola.

  • 16 Wroth 1899, Damascus n. 10 (Giulia Domna), tav. 34.9; SNG 36 Syria n. 421-423 (Settimio Severo, Gi (...)
  • 17 Su questa interpretazione del monumento raffigurato sulle monete cfr. Drew-Bear 1974, p. 49.

13Sulle monete municipali di Damasco nella prima metà del iii sec. d.C. (particolarmente in età severiana), ricorre frequentemente l’interessante raffigurazione di Tyche inserita in un monumento a quattro colonne (fig. 1016, la quale, piuttosto che un tempio tetrastilo, sembra un edificio con architrave arcuato ovvero una sorta di baldacchino o edicola, come dimostrano chiaramente la rappresentazione prospettica delle colonne e la copertura a cupola 17. Questa, assieme alla trabeazione leggermente curva, possono essere usate come termine di confronto con la fontana-edicola di Sūq l-ṣāġa. Lo scavo solo parziale del monumento e la mancanza dei materiali archeologici degli scavi precedenti non permettono di omologare un’interpretazione definitiva della sua costruzione e della sua funzione. Tuttavia, la sua collocazione nel santuario romano di Damasco è degno di nota.

Figure 10.

Tyche di Damasco sul rovescio della moneta severiana della città (il diritto porta il busto di Giulia Domna)

© Wroth 1899, tav. 34.9 Damasco.

La fontana e il santuario

  • 18 Cfr. Watzinger & Wulzinger 1921, p. 26; Sauvaget 1949, p. 320-326.
  • 19 Freyberger 2005, p. 195.
  • 20 Gli archeologi descrivono l’edificio come una struttura costituita da una sala rettangolare con un (...)

14Il santuario dedicato a Iuppiter/Zeus di Damasco è formato da un grande recinto che ne contiene un altro di dimensioni minori (fig. 11). Il recinto esterno ha una pianta quadrangolare irregolare di quasi 270 × 315 m, mentre quello interno appare più regolare e misura 155 × 100 m. Il santuario era accessibile tramite almeno due ingressi monumentali parzialmente conservati in entrambi i recinti, lungo i lati ovest ed est. Resta difficile determinare l’organizzazione architettonica del temenos esterno, ma le colonne nei due settori (nord ed est) suggeriscono la presenza di una serie di botteghe precedute da un portico oppure da un raddoppiamento del colonnato lungo il lato interno del recinto 18. Un’altra porta si apriva presso l’angolo sud-ovest del recinto esterno: è di modeste dimensioni ed è stata recentemente interpretata come un’apertura sulla via che conduceva al teatro romano situato sulla via recta che mette in collegamento diretto i due edifici contemporanei 19. Il recinto interno del santuario si è conservato parzialmente grazie alla costruzione di una chiesa e poi una moschea presso la parte meridionale; era accessibile principalmente da est tramite un ingresso monumentale porticato ed era preceduto da una larga scalinata. Nel recinto interno si aprivano altri tre ingressi simmetrici, uno dei quali è ancora visibile nel lato meridionale: sulla base di esso è possibile riconoscere l’aspetto degli altri, che potrebbero essere stati costituiti da una porta centrale e altre due laterali più piccole sormontate da nicchie. Nella parte orientale del temenos esterno, le recenti indagini archeologiche hanno portato alla luce un importante edificio cultuale dedicato a Zeus Theandrios nel 150 d.C. 20. La sua articolazione in prossimità dell’asse principale est-ovest del santuario, da cui era accessibile, è degna di nota. La fontana monumentale è ubicata verosimilmente sull’asse nord-ovest del tempio, in quanto si trova a pochi metri dalla porta meridionale del temenos interno. È molto probabile che il recinto esterno avesse un ingresso monumentale situato in asse con quello del recinto interno, che dava accesso al santuario da sud, ovvero dalla via recta (l’attuale Sūq Mdḥat Bāšā). La fontana, in questo caso, si sarebbe collocata sul lato occidentale della via che presumibilmente attraversava le due porte (fig. 11). Una posizione confrontata con quella dei ninfei urbani di Gerasa, Bosra e Palmira che rivestivano un ruolo urbanistico importante in quanto erano posti presso l’incrocio di strade oppure lungo i grandi assi urbani. Anche se appartiene a una tipologia differente, la fontana di Damasco sembra assumere un ruolo simile agli esempi citati per la sua collocazione all’interno del più ampio spazio sacro della città.

Figure 11.

Pianta del santuario

(Sauvaget 1949, fig. 1 ; aggiornata con l’indicazione della posizione della fontana monumentale e della struttura porticata).

  • 21 Cfr. Aliquot & Piraud-Fournet 2008, p. 93-96.
  • 22 Cfr. Scheid 1991, p. 211-12.
  • 23 Cfr. per esempio le terme di Birketein a Gerasa, Lachat et al. 2015, p. 63-64.
  • 24 Luc., Syr. D. 47. (ed. e trad. Lightfoot 2003, p. 492).
  • 25 Cfr. Rey-Coquais 1997, p. 937.
  • 26 I fedeli, racconta Luciano, portavano i vasai riempiti dell’acqua dal mare (l’Eufrate) per libare (...)

15Al di là della presenza o meno di un oggetto di culto, il valore cultuale della fontana monumentale di Damasco era insito nella presenza dell’acqua proveniente dal fiume Baradä (l’antico Chrysorrhoas) che scorre a poca distanza dalla città, a nord di essa, e che aveva un carattere sacro sin dall’età ellenistica. La consacrazione del fiume in età romana è bene attestata presso la sua sorgente principale Pigé (l’attuale Fiğih) dove fu eretto un tempio in posizione dominante come mostrano anche le sue raffigurazioni sulle monete di Damasco 21. La presenza dell’acqua presso i santuari dell’Oriente romano è ampiamente attestata, talvolta sotto forma di pozzi, cisterne o piscine, ma soprattutto la presenza di strutture più elaborate come ad esempio i bacini monumentali del grande santuario di Baalbek. Il ruolo fondamentale dell’acqua presso i santuari, dove si praticavano attività quali l’idromanzia o l’idroterapia, è ben nota, ma in questo caso si tratterebbe piuttosto di un uso dell’acqua potabile per i fedeli-visitatori e per i riti di purificazione, come suggeriscono la sua tipologia e la sua posizione in prossimità della porta meridionale del recinto interno. Infatti è possibile riconoscere nella fontana di Damasco un delubrum, cioè una fontana o un ninfeo, destinato appunto a vari riti di purificazione che precedevano le cerimonie religiose e che dovevano avvenire prima dell’ingresso nell’area sacra o all’inizio del rituale 22. Nello stesso contesto cultuale va concepita anche la posizione di alcune strutture termali in prossimità dell’ingresso dei numerosi santuari romani, che servivano anche per purificare il corpo prima dell’atto di culto 23. Sono anche documentate altre funzioni rituali connesse all’acqua delle fontane, come la purificazione in occasione dei sacrifici, o il lavaggio degli oggetti o delle statue cultuali accompagnati da processioni 24. È inoltre degna di nota la dedica a Zeus di un’hydria proveniente da Barhlya, una località a ovest di Damasco sulla riva del fiume Baradä 25, che può essere connessa a un rito simile a quello dell’offerta dell’acqua al santuario di Hierapolis menzionato da Luciano di Samosata 26, oppure potrebbe essere interpretata come oggetto cultuale per il trasporto dell’acqua nel corso delle attività liturgiche svolte nel santuario.

Datazione

  • 27 Krauskopf 2000, p. 394-95; Sack, Krauskopf & Mollenhauer 2008-2009, p. 102, fig. 2.
  • 28 Vedi supra.

16I materiali di scavo del Sūq l-ṣāġa non sono stati oggetti di studio e purtroppo oggi non sono più reperibili. Tuttavia C. Krauskopf classifica sei fasi cronologiche nelle quali colloca gli ambienti e gli elementi architettonici dello scavo: la fontana del santuario viene interpretata come la struttura più antica del sito 27. Pur nella consapevolezza della difficoltà di stabilire una datazione più precisa delle varie fasi del complesso, è possibile proporre una datazione della fontana attraverso un’analisi più ampia che includa anche il santuario e il suo sviluppo architettonico in età imperiale. È comunque necessario ricordare che questo contributo non intende fornire una cronologia definitiva, poiché questa proposta di datazione si basa sull’unico elemento architettonico databile del sito, che è confrontabile con la decorazione architettonica del santuario: si tratta della cornice riutilizzata nel canale principale di scarico che apparteneva senza dubbio al colonnato della fontana (fig. 728.

  • 29 Appare difficile connettere il motivo della protome maschile giovanile nel lacunare d’angolo della (...)

17La cornice costituisce un elemento architettonico ad angolo decorato con un kyma ionico composto da ovoli interi ben staccati dagli sgusci sottili e profondi in cui sono racchiusi e separati da freccette. Questo kyma è sormontato da una modanatura a dentelli rettangolari raccordati con un gradino arretrato tra gli spazi intermedi, e poi da un’altra superiore composta da una fascia sottile, liscia e incorniciata da due listelli. La sottocornice è caratterizzata da una serie di modiglioni a gola diritta ornati da palmette addentellate con otto lembi lanceolati a una superficie carenata con costolatura centrale sagomata. I modiglioni delimitano cassettoni quadrati incorniciati da un kyma ionico e sono ornati al centro da rosette a cinque petali. È interessante la varietà dei motivi nei cassettoni e nei modiglioni sul lato curvo della sottocornice: il lacunare d’angolo ospita, al posto della rosetta, una testa giovanile che indossa un largo petaso 29; in quello successivo ricorre la stessa forma della rosetta, mentre il terzo lacunare è occupato da un fiore spiraliforme. Inoltre il terzo modiglione di questo lato presenta una palmetta di forme diverse costituita da quattro lembi rincurvi su ogni lato verso il petalo centrale sempre più rigido (fig. 7‑8). Infine, la parte superiore della cornice è parzialmente conservata e costituisce una sima a forma di gola diritta ornata ora da foglie di acanto ora da palmette.

  • 30 Le due tipologie si notano anche nel grande santuario di Baalbek e appartengono a due periodi dive (...)

18La cornice della fontana mostra lo stesso trattamento decorativo del propileo occidentale del recinto esterno e dell’ingresso monumentale meridionale del propileo interno (fig. 12‑13). La presenza delle palmette in diverse forme e dei lacunari ornati da fiori, anch’essi di forme differenti e incorniciati da kyma ionico, è una caratteristica della trabeazione del propileo esterno, ma la superficie ridotta rende la cornice della fontana confrontabile con quella della nicchia laterale della porta sud (fig. 14). Inoltre il confronto più vicino fra questi elementi è il kyma ionico con gli ovoli interi ben staccati dagli sgusci, che appare molto diverso da quello del propileo orientale esterno più antico 30.

Figure 12.

Cornici del santuario: propileo ovest del recinto esterno

© T. Ahmad.

Figure 13.

Cornici del santuario: porta sud del recinto interno

© T. Ahmad.

Figure 14.

Cornici del santuario: nicchia della porta sud del recinto interno

© T. Ahmad.

  • 31 Watzinger & Wulzinger 1921, p. 29-30, n. 1-5. Gli autori suggeriscono l’età di Pompeo (63 a.C.) ri (...)
  • 32 Freyberger 1989, p. 67-75.
  • 33 Le fogliette del capitello orientale interno sono ben separate, mentre in quelli del propileo occi (...)
  • 34 I due esempi sono databili al 191 d.C., cfr. Freyberger 1989, p. 67-68, 85.
  • 35 Cfr. Fischer 1990, p. 42-43, n. 59-64.
  • 36 Per Cyrrhus cfr. Binninger 2012, p. 233-34; fig. I.29-33, I.39-40. Per Baalbek cfr. Wienholz 2008, (...)

19Se l’organizzazione architettonica del santuario con due grandi recinti è risalente almeno alla prima età imperiale – come confermano le varie iscrizioni rinvenute nel sito, in particolare presso il propileo orientale esterno, databili al i sec. d.C. che utilizzano l’era seleucide 31 –, è possibile ipotizzare che un importante intervento di restauro sia stato effettuato presso gli ingressi del santuario in epoca successiva. S. K. Freyberger propone l’esistenza di tale intervento sulla base dello stile decorativo degli ingressi monumentali (propileo esterno occidentale, propileo orientale interno e porta sud interna) e del trattamento del capitello corinzio 32. I capitelli infatti appartengono a due tipologie di corinzio asiatico, leggermente differenti nel trattamento delle fogliette nella prima corona 33, ma che dovrebbero comunque essere riconducibili alla stessa officina. S. K. Freyberger suggerisce quindi una datazione all’età severiana sulla base dello stile decorativo architettonico e soprattutto per i capitelli, che confronta con quelli del Tychaion di Sanamain e del ninfeo di Gerasa 34. Tuttavia il trattamento delle foglie distaccate di aspetto naturalistico, l’elevata altezza delle due corone e i caulicoli ridotti a spigolo che formano un reticolo sembrano confrontabili piuttosto con la produzione di capitelli corinzi marmorei della Palestina settentrionale, che si possono anche collocare nel periodo precedente, cioè nel ii sec. d.C. 35 Tale stile corinzio ricorre ancora con una trabeazione molto ricca di diversi motivi ornamentali nel teatro di Cyrrhus databile al ii-iii sec. d.C. 36. Nella stessa epoca va collocato anche il secondo tipo di capitello con fogliette nella prima corona a reticolo reciproco, che si trova più frequentemente nella Siria romana fra la seconda metà del ii e gli inizi del iii sec. d.C.

20Gli elementi architettonici, soprattutto capitelli corinzi, non mostrano caratteristiche peculiari che consentano una datazione all’età severiana, pertanto è verosimile collocare il restauro degli ingressi maggiori del santuario nel periodo compreso fra la seconda metà del ii sec. e gli inizi del iii sec. d.C., un periodo al quale potrebbe dunque appartenere anche la fontana monumentale, in base allo stile decorativo affine a quello della porta adiacente e del propileo occidentale esterno.

Conclusioni

21Pur essendo scarsi i dati archeologici dello scavo del Sūq l-ṣāġa, è possibile comunque proporre una ricostruzione schematica del monumento sulla base degli elementi architettonici rinvenuti nel sito. L’accurata pianta ottagonale, forse con un labrum o una statua al centro, circondati da un portico, indicherebbe sua funzione di importante monumento appartenente al santuario: la sua collocazione, in stretto rapporto con l’ingresso meridionale del recinto interno, suggerisce infatti una funzione connessa alle processioni e ai rituali religiosi praticati nel santuario. La sua posizione sull’asse meridionale del complesso, simile a quella del monumento porticato posto su quello orientale, va inserita nel contesto più ampio dell’organizzazione spaziale del temenos esterno. Questi due assi sono coerenti con l’assetto urbanistico della città ellenistico-romana: l’asse orientale si apriva sulla via colonnata conducente all’agorà, che presumibilmente si trovava nel settore orientale della città, e quello meridionale collegava il santuario con la via principale (via recta). Si nota inoltre una perfetta simmetria dei due monumenti cultuali che si affacciano sui due assi del santuario lasciando un ampio spazio a cielo aperto delimitato da un raddoppiamento del colonnato con una serie di botteghe.

  • 37 Cfr. SNG 36, tav. 12, n. 420.

22Se la prima fase dello sviluppo urbanistico della città romana di Damasco risale alle attività architettoniche di Erode il Grande, la seconda ebbe luogo dopo la concessione del titolo di metropoli sotto Adriano 37, quando il santuario di Zeus raggiunse la sua massima complessità architettonica con la costruzione di vari monumenti al suo interno. A quest’ultima fase potrebbe dunque appartenere la fontana monumentale che con il suo stile decorativo richiama altri esempi noti di strutture che si datano fra la seconda metà del ii e gli inizi del iii sec. d.C.

Haut de page

Bibliographie

Fonti antiche

Luc. Syr. D. Luciano di Samosata, de Syria Dea. J. L. Lightfoot (ed. e trans.) 2003. Lucian: On the Syria Goddess, Oxford.

Bibliografia generale

Aliquot (J.) & Piraud-Fournet (P.) 2008 « Le sanctuaire d’Ain el-Fijé et le culte du Barada », Syria  85, p. 87‑98.

Aliquot (J.) 2009 La vie religieuse au Liban sous l’empire romain (BAH 189), Beyrouth.

al-Maqdissi (M.) 1993 « Chronique des activités archéologiques en Syrie I », Syria 70, p. 443‑560.

Binninger (S.) 2012 « Catalogue des vestiges du décor architectural du théâtre », J. Abdul Massih (éd.), Cyrrhus 1. Le théâtre de Cyrrhus d’après les archives d’Edmond Frézouls (BAH 196), Beyrouth, p. 223‑364.

Boeswillwald (E.), Cagnat (R.) & Ballu (A.) 1905 Timgad. Une cité africaine sous l’empire romain, Paris.

Bol (R.) 1984 Das Statuenprogramm des Herodes-Atticus-Nymphäums (Olympische Forschungen Band 15), Berlin.

Drew-Bear (T.) 1974 « Representations of temples on the Greek imperial coinage », ANSMN 19, p. 27‑63.

Fischer (M. L.) 1990 Das korinthische Kapitell im Alten Israel in der hellenistischen und römischen Periode: Studien zur Geschichte der Baudekoration im Nahen Osten, Mainz-am–Rhein.

Freyberger (S. K.) 1989 « Untersuchungen zur Baugeschichte des Jupiter-Heiligtums in Damaskus », DaM 4, p. 61‑86.

Freyberger (S. K.) 2005 « The Theatre of Herod the great in Damascus: Chronology, function and significance », P. Mortensen (éd.), Bayt al-ʿAqqad: the History and Restoration of a house in old Damascus (Proceedings of the Danish Institute in Damascus IV), Aarhus, p. 181‑201.

Jamous (B.) 1998 « Souk al-Sahgah 1997 », Chronique archéologique en Syrie 2, p. 13‑17.

Krauskopf (C.) 2000 « Stadtkernarchäologie in Suq as-Saga in Damaskus. Ein Vorbericht », DaM 12, p. 289‑395.

Lachat (C.), Lepaon (Th.), Abu Abeyleh (M.) & Malkawi (M.) 2015 « Les Thermes de Birketein à Gerasa (Jérash, Jordanie) et le rôle du bain dans la vie religieuse du Proche-Orient romain », Syria 92, p. 45‑65.

Marchetti (P.) & Kolokotsas (K.) 1995 Le Nymphée de l’Agora d’Argos. Fouille, étude architecturale et historique (Études Péloponnésiennes 11), Paris.

Martin- Bueno (M.) 1989 « Notes préliminaires sur le macellum de Gerasa », Syria 66, p. 177‑199.

Piérart (M.) 1999 « Les puits de Danaos et les fontaines d’Hadrien », J. Renard (éd.), Le Péloponnèse archéologie et histoire. Actes de la rencontre internationale de Lorient 12-15 mai 1998 (collection Histoire), Rennes, p. 243‑268.

Rey-Coquais (J.-P.) 1997 « Note sur deux sanctuaires de la Syrie romaine », Topoi 7/2, p. 929‑944.

Sack (D.), Krauskopf (C.) & Mollenhauer (A.) 2008-2009 « Le Souk el- Sagha. Archéologie dans le centre de Damas », AAAS 51‑52, p. 101‑104.

Saliby (N.) 1995 « Les fouilles du Souk al-Saghah à Damas », dans M. Al-Maqdissi (éd.) « Chronique des activités archéologiques en Syrie (II) », Syria 72, p. 193‑196.

Sauvaget (J.) 1949 « Le plan antique de Damas », Syria 26, p. 314‑358.

Scheid (J.) 1991 « Sanctuaires et thermes sous l’Empire », Les thermes romains. Actes de la table ronde organisée par l’école française de Rome 11-12 novembre 1988 (CÉFR 142), Rome, p. 205‑214.

Seyrig (H.) 1950 « Antiquités Syriennes  42. Sur les ères de quelques villes de Syrie: Antioche, Apamée, Aréthuse, Balanée, Epiphanie, Laodicée, Rhosos, Damas, Béryte, Tripolis, l’ère de Cléopâtre, Chalcis du Liban, Doliché », Syria 27, p. 5‑56.

Seigne (J.) 2008 « Fontaines et adduction d’eau à Gerasa (Jerash Jordanie) », Syria 85, p. 33‑50.

SNG Sylloge Nummorum Graecorum. The Royal Collection of Coins and Medals. Syria: cities (cat. Danish National Museum), Copenhagen, 1959.

Uscatescu (A.) & Martin-Bueno (M.) 1997 « The Macellum of Gerasa (Jerash, Jordan): From a Market Place to an Industrial Area », BASOR 307, p. 67‑88.

Watzinger (C.) & Wulzinger (K.) 1921 Damaskus I. Die antike Stadt, Berlin.

Weber (T.) 1993 « Damaskòs Pólis Epísēmos. Hellenistische, römische und byzantinische Bauwerk in Damaskus aus der Sicht griechischer und lateinischer Schriftquelle », DaM 7, p. 135‑176.

Wiegand (T.) 1921 Baalbek. Ergebnisse der Ausgrabungen und Untersuchungen in der Jahren 1898 bis 1905, vol. 1, Berlin.

Wienholz (H.) 2008 « The relative chronology of the Roman buildings in Baalbek in view of their architectural decoration », BAAL 4, p. 271‑285.

Wroth (W.) 1899 Catalogue of the Greek coins of Galatia, Cappadocia, and Syria in the British Museum, London.

Yaghi (G.) & Saad (H.) 2011 « Rapport préliminaire sur les travaux archéologiques à Damas 2009 », Chronique archéologique en Syrie 5, p. 127‑140 (articolo in Arabo).

Haut de page

Notes

1 Cfr. Watzinger & Wulzinger 1921; Sauvaget 1949.

2 I primi scavi nell’antico Bazar non furono oggetto di un studio attendibile, ma furono solamente menzionati nelle notizie degli scavi archeologici della DGAM in Al-Maqdissi 1993, p. 496; Saliby 1995, p. 193-96, fig. 52‑54.

3 Anche questi scavi sono stati solamente menzionati nelle notizie degli scavi della DGAM in Jamous 1998, p. 13‑17.

4 Krauskopf 2000; Sack, Krauskopf & Mollenhauer 2008‑2009.

5 Krauskopf 2000, p. 391, fig. I (1.10); Saliby 1995, p. 196, fig. 52.

6 Krauskopf 2000, p. 390 menziona tubi in terracotta e in piombo, ma allo stato attuale delle nostre indagini nel sito, non risulta possibile verificare il materiale di tali tubi.

7 La cornice (fig. 1: 1.17), di cui si parla più avanti, non appartiene alla struttura originaria del canale, che è stato realizzato in pietre tagliate e poste in opera regolarmente. Questo elemento architettonico fu quindi riutilizzato in epoca successiva in cui il canale sembra essere ancora in uso.

8 Ringrazio vivamente il collega Salah Shaker dalla DGAM, coordinatore degli scavi a Sūq l-ṣāġa, per questi aggiornamenti sul sito.

9 Krauskopf 2000, p. 393, tav. 86b, 87a.

10 Si tratta di una fontana monumentale di forma circolare costruita su un podio al centro di un grande bacino rettangolare, con una copertura emisferica sormontata da sei piccole colonne, cfr. Wiegand 1921, p. 95-96, fig. 69-72.

11 Krauskopf 2000, p. 394.

12 Si tratta di un macellum a pianta quadrata con ambienti lungo il muto perimetrale e un portico ottagonale. Sulla cronologia dell’edificio cfr. Martin-Bueno 1989, p. 179-186, fig. 1, 6,8; Uscatescu & Martin-Bueno 1997, p. 70-73. Sulla fontana del macellum, cfr. Seigne 2008, p. 44-45.

13 Piérart 1999, p. 246-259. P. Marchetti e K. Kolokotsas hanno riconosciuto precedentemente due fasi del monumento identificando nella prima un ninfeo o oikema a pianta circolare monoptera preceduta da una scala che fu poi trasformato nella seconda fase in un semplice monumento dall’acqua con un colonnato esterno e un altro interno inquadrante un labrum sormontato da una cupola conica, cfr. Marchetti & Kolokotsas 1995, in particolare p. 92-96, mappa 5.

14 Il ninfeo di Erode Attico aveva una pianta absidale con bacino superiore semicircolare chiuso da un parapetto e sormontato da una serie di nicchie che ospitavano statue. L’acqua del bacino superiore defluiva in un altro serbatoio rettangolare fiancheggiato da due edicole monoptere e chiuso da un parapetto da cui fuoriuscivano getti d’acqua che si riversavano in uno stretto canale aperto. Entrambe le edicole assumevano un ruolo decorativo nel programma di un ninfeo a facciata absidale, sulla funzione dei due monopteri vedi la discussione in Bol 1984, p. 58-76, fig. 32a‑b.

15 Boeswillwald, Cagnat & Ballu 1905, p. 317-319, fig. 148‑150.

16 Wroth 1899, Damascus n. 10 (Giulia Domna), tav. 34.9; SNG 36 Syria n. 421-423 (Settimio Severo, Giulia Domna e Caracalla).

17 Su questa interpretazione del monumento raffigurato sulle monete cfr. Drew-Bear 1974, p. 49.

18 Cfr. Watzinger & Wulzinger 1921, p. 26; Sauvaget 1949, p. 320-326.

19 Freyberger 2005, p. 195.

20 Gli archeologi descrivono l’edificio come una struttura costituita da una sala rettangolare con un colonnato tetrastilo ionico sormontato da un arco centrale sul lato occidentale e con tre nicchie ricavate nel muro est: una principale a sezione quadrata fiancheggiata da altre due a sezione semicircolare. La struttura è accessibile anche dal lato meridionale tramite una porta. L’edificio è dedicato a Zeus Theandrios come sappiamo da un’iscrizione greca incisa su una base di colonna del portico, cfr. Yaghi & Saad 2011, p. 127-131. Sembra trattarsi di una loggia per l’esposizione delle statue di culto. Tuttavia è molto interessante la dedica a Zeus Theandrios che richiama la divinità locale araba Shai el-Qaum o Licurgo venerata dai Siriani che diffusero il nome attraverso tutto il mondo romano fino alla tarda antichità, cfr. Aliquot 2009, p. 187‑188.

21 Cfr. Aliquot & Piraud-Fournet 2008, p. 93-96.

22 Cfr. Scheid 1991, p. 211-12.

23 Cfr. per esempio le terme di Birketein a Gerasa, Lachat et al. 2015, p. 63-64.

24 Luc., Syr. D. 47. (ed. e trad. Lightfoot 2003, p. 492).

25 Cfr. Rey-Coquais 1997, p. 937.

26 I fedeli, racconta Luciano, portavano i vasai riempiti dell’acqua dal mare (l’Eufrate) per libare poi nel santuario, Luc., Syr. D. 48, cfr. Lightfoot 2003, p. 492‑493.

27 Krauskopf 2000, p. 394-95; Sack, Krauskopf & Mollenhauer 2008-2009, p. 102, fig. 2.

28 Vedi supra.

29 Appare difficile connettere il motivo della protome maschile giovanile nel lacunare d’angolo della sottocornice ai cicli figurativi di carattere religioso; esso è piuttosto da interpretarsi come decorazione di tipo allegorico, impiegata in forma esteticamente originale per integrare elegantemente le composizioni ornamentali di carattere naturale, cioè le diverse forme di fiori della sottocornice.

30 Le due tipologie si notano anche nel grande santuario di Baalbek e appartengono a due periodi diversi. I monumenti del ii sec. d.C. sono caratterizzati dal kyma ionico con ovoli interi e staccati, invece quelli del i sec. appaiono più schiacciati, larghi e meno profondi, cfr. Wienholz 2008, p. 277, fig. 9‑10.

31 Watzinger & Wulzinger 1921, p. 29-30, n. 1-5. Gli autori suggeriscono l’età di Pompeo (63 a.C.) ripresa poi da Freyberger 1989, p. 64; al contrario Seyrig 1950, p. 34-37 che propende l’era seleucide (312 a.C.). Tuttavia l’impiego dell’era seleucide è ormai confermato dalla recente scoperta della dedica del monumento porticato nel temenos esterno datato al 462 (150 d.C.), Yaghi & Saad 2011, p. 129. L’era di Pompeo per questa dedica non può essere accettata (401 d.C.), in quanto questo monumento dedicato a Zeus Theandrios non può essere stato costruito dopo la desacralizzazione del luogo di culto a Damasco sotto Teodoro I (379-95 d.C.), come attesta Malalas, cfr. Weber 1993, p. 167.

32 Freyberger 1989, p. 67-75.

33 Le fogliette del capitello orientale interno sono ben separate, mentre in quelli del propileo occidentale esterno sono in contatto reciproco a formare un reticolo geometrico (rettangolare, rombo e poi triangolo). I caulicoli in entrambi i capitelli sono piccoli e a spigolo rilevato da cui emergono le foglie del calice di dimensione abbastanza ridotte; le elici sono sottili con piccole volute che toccano l’abaco liscio.

34 I due esempi sono databili al 191 d.C., cfr. Freyberger 1989, p. 67-68, 85.

35 Cfr. Fischer 1990, p. 42-43, n. 59-64.

36 Per Cyrrhus cfr. Binninger 2012, p. 233-34; fig. I.29-33, I.39-40. Per Baalbek cfr. Wienholz 2008, p. 279-80.

37 Cfr. SNG 36, tav. 12, n. 420.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Figure 1.
Légende Pianta dello scavo
Crédits (per gentile concessione di C. Krauskopf; aggiornata da T. Ahmad).
URL http://journals.openedition.org/syria/docannexe/image/6880/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 361k
Titre Figure 2.
Légende Veduta generale dell’area degli scavi a Sūq l-ṣāġa
Crédits © T. Ahmad.
URL http://journals.openedition.org/syria/docannexe/image/6880/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 370k
Titre Figure 3.
Légende Il podio della fontana presso l’estremità meridionale della curva ovest 1.8
Crédits © T. Ahmad.
URL http://journals.openedition.org/syria/docannexe/image/6880/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 377k
Titre Figure 4.
Légende Fori nell’estremità settentrionale della curva ovest 1.18
Crédits © T. Ahmad.
URL http://journals.openedition.org/syria/docannexe/image/6880/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 316k
Titre Figure 5.
Légende Tubi in terracotta 1.19, 1.20
Crédits © T. Ahmad.
URL http://journals.openedition.org/syria/docannexe/image/6880/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 284k
Titre Figure 6.
Légende Colonne e basi di colonne della fontana monumentale
Crédits (da Krauskopf 2000, tav. 87b; per gentile concessione dell’Istituto Archeologico Germanico DAI-Damasco).
URL http://journals.openedition.org/syria/docannexe/image/6880/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 251k
Titre Figure 7.
Légende Cornice della fontana monumentale
Crédits (Krauskopf 2000, tav. 86a, per gentile concessione dell’Istituto Archeologico Germanico DAI-Damasco).
URL http://journals.openedition.org/syria/docannexe/image/6880/img-7.jpg
Fichier image/jpeg, 231k
Titre Figure 8.
Légende Modiglione di cornice della fontana monumentale
Crédits © T. Ahmad.
URL http://journals.openedition.org/syria/docannexe/image/6880/img-8.jpg
Fichier image/jpeg, 337k
Titre Figure 9.
Légende Pianta e ricostruzione schematica della fontana monumentale
Crédits © T. Ahmad.
URL http://journals.openedition.org/syria/docannexe/image/6880/img-9.jpg
Fichier image/jpeg, 82k
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Tarek Ahmad, « La fontana monumentale del santuario di Damasco - Siria (Sūq l-ṣāġa) »Syria, 95 | 2018, 343-356.

Référence électronique

Tarek Ahmad, « La fontana monumentale del santuario di Damasco - Siria (Sūq l-ṣāġa) »Syria [En ligne], 95 | 2018, mis en ligne le 01 mai 2021, consulté le 14 mai 2021. URL : http://journals.openedition.org/syria/6880 ; DOI : https://doi.org/10.4000/syria.6880

Haut de page

Auteur

Tarek Ahmad

Institut für Ur- und Frühgeschichte und Vorderasiatische Archäologie, Heidelberg Universität Deutschland

Haut de page

Droits d’auteur

© Presses IFPO

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search