Navigazione – Mappa del sito

HomeNuova serie10I confini nell’età globale | Bord...Tra rafforzamenti e indebolimenti...

I confini nell’età globale | Borders in Global Age

Tra rafforzamenti e indebolimenti. Il contraddittorio statuto dei confini in epoca post-globale

Hard Borders, Soft Borders. The contradictory status of borders in a Post-Global World
Maria Rosaria Ferrarese 
p. 191-205

Abstract

After a long age of empires, modern nation-states established a new culture of territorial borders, which became rigidly precise and widely reported in international treaties and documents. Globalization brought a revolution in its wake, leaving borders in many cases porous and virtually insignificant from a social, economic, and even legal point of view. But history dances inexorably on, and this weakness has now been targeted and challenged by the political proponents of doctrines of national sovereignty. The pressures of what can be defined as a post-globalization period have seen the nature of borders change yet again, wavering between rigidity in some cases and extreme porosity in others.

Torna su

Termini di indicizzazione

Torna su

Testo integrale

1. Confini e culture dei confini

1Affrontare il tema dei confini significa entrare in una cultura dei confini che è specifica per ogni epoca e per ogni luogo. In queste pagine si farà riferimento ai confini territoriali, di cui verranno ricostruiti in modo essenziale i tortuosi percorsi lungo la storia. Ma i confini non sono solo linee divisorie sul terreno: essi segnano anche tanti aspetti della vita umana: i campi del sapere, le distinzioni di genere, le opzioni politiche, i modi di vestire, la differenza tra realtà e finzione, ecc. Ebbene, in tutti questi campi, i confini tendono ad assottigliarsi sempre più. L’interdisciplinarità insidia sempre più vistosamente la possibilità di stabilire rigide divisioni tra le varie discipline; la distinzione maschio/femmina, tradizionalmente presentata come una delle più invalicabili, oggi è al centro di una lotta anche giuridica, che consegna sempre più alle opzioni individuali di ogni persona il profilo della propria identità sessuale; la distinzione politica destra/sinistra, costruita sulla base delle divisioni di classe che dominavano lo scenario della società industriale, è considerata da molti sempre più incapace di corrispondere ai bisogni attuali della lotta politica; la moda, intesa come modello normativo che definisce dall’alto linee, stili e modi di vestire riconoscibili come appropriati ed eleganti, annega in una pluralità di proposte, tendenze e modelli talora del tutto spaiati; la differenza tra ciò che è reale e ciò che è virtuale è sotto attacco da parte di continui progressi dell’intelligenza artificiale capaci di avvicinarsi sempre più a una sorta di indistinzione. Dunque oggi tende a prevalere una cultura del non-confine, che è del tutto coerente con l’affermazione di modelli di vita che premiano l’opulenza di possibilità, di stili, di individualità e di diritti.

  • 1 Maier, 2019.

2Questa tendenza generale, come si vedrà, viene rispecchiata anche in tema di confini territoriali, che non corrispondono più solo a linee passive tracciate sul terreno e facilmente riconoscibili, ma hanno una forte componente culturale, che investe anche i luoghi, cosicché varie epoche e vari luoghi hanno avuto ed hanno una propria cultura dei confini. Si potrebbe dire persino che il termine stesso «confine» è un termine intriso di una sua storicità, perché indica cose diverse in epoche diverse. Non è un caso che un grande storico come Charles Maier si sia cimentato con questo tema lungo un arco temporale che parte dal ‘500, con un contributo recentemente apparso anche in traduzione italiana1, che rende conto di quanto ingarbugliata sia la questione dei confini.

2. La preistoria: i confini evanescenti degli imperi

3Certamente nel lungo periodo storico ci si può avvalere innanzitutto della distinzione tra l’epoca premoderna degli imperi e l’epoca moderna caratterizzata dal protagonismo degli stati: due epoche che rispecchiano subito una ben visibile diversa attitudine in materia di confini.

  • 2 Sassen, 2006.
  • 3 Maier, 2019: 52.
  • 4 Sassen, 2006: 39. Sassen cita in proposito Strayer, 1970.
  • 5 Maier, 2019: 51.

4La lunga epoca degli imperi corrisponde ad una sorta di preistoria dei confini, in cui entrambe le grandi potenze allora dominanti, l’Impero e la Chiesa, avevano sviluppato una propria concezione di sovranità, ma «non territoriale»2. Gli imperi si configurano più come «un insieme di popoli, fedi e spesso spazi privilegiati, che non un tutto coeso»3. Essi corrispondono, per usare un termine di Saskia Sassen4, ad una logica di «assemblaggi» umani e territoriali diversi, e poiché non coprivano un territorio omogeneo, proprio «le loro dimensioni invitavano alla vulnerabilità»5. Sono sistemi di «gestione della diversità», che inevitabilmente si caratterizzano per un costante stato di tensione tra le loro varie componenti, con ovvii riflessi in tema di confini. Anzi si potrebbe dire che gli imperi hanno conosciuto più che veri e definitivi confini, delle aree di passaggio tra due o più territori corrispondenti più che a linee, a zone estese e articolate, come la frontiera, la marca, ecc. in cui si addensavano dinamiche di coesistenza e di conflitti più o meno accentuati, tra vari gruppi etnici, linguistici e religiosi.

  • 6 Ibidem: 59.
  • 7 Ibidem: 60.

5Gli imperi hanno dunque avuto inevitabilmente confini che si potrebbero definire evanescenti, e una flebile e precaria cultura dei confini e il loro spazio aperto al pluralismo etnico era, per sua stessa natura, uno spazio non perfettamente recintato, con confini mobili, perennemente sotto assedio: «Un regno inquieto, oggetto di contese ai suoi margini, uno stimolo per espandersi e per difendersi»6. Così emerge anche un loro paradossale rapporto con i territori, dato che gli imperi, nati per trascenderli, «ne diventano ostaggio»7. Non è un caso che alcuni aspetti della cultura degli spazi propria degli imperi tenda a riproporsi nel nostro tempo, che molti osservatori vedono, e talora auspicano, come una configurazione di tipo imperiale.

3. I confini degli stati: solidi ma inquieti

  • 8 Ibidem: 86.

6Dopo gli imperi, con l’età moderna, quando viene a termine la lunga epoca di formazione degli stati avviata nel 500, all’interno di una ridefinizione dell’ordine politico mondiale sulla base degli stessi, prende forma un’epoca di più compiuta cultura dei confini. Questa cultura trova una possente rappresentazione nella costruzione di fortezze che, dopo l’esordio nell’Italia del Quattrocento, dove le mura rispondevano specie a fini difensivi delle prime città medievali, trovarono in Francia, in Vauban, l’ideatore ed il realizzatore di una architettura della fortezza che si avviava a diventare «una manifestazione di sovranità»8.

7Gli stati moderni corrispondono a precise configurazioni territoriali, definite da confini rivolti a porre un rimedio alle «inquietudini» territoriali ed a svolgere una funzione prevalentemente di stabilizzazione, e di accresciute possibilità di controllo. Si costituisce così una sorta di spartiacque rispetto ai secoli precedenti, attraverso una più rigorosa cultura dei confini, che diventano oggetto di misurazioni e di definizioni giuridiche riportate nei trattati internazionali.

  • 9 Diener, Hagen, 2010: 5.
  • 10 Maier, 2019: 5.

8Dunque i confini sono una creazione europea, consustanziale alla creazione degli Stati, che prometteva stabilità politica e pacificazione: «Sono state in gran parte le nozioni politiche e geografiche condotte dagli europei che hanno fornito le basi per il sistema statale che oggi domina il mondo intero»9. Sotto questo profilo, va rilevato il carattere rivoluzionario della modernità, che in Europa inventa gli stati, e con essi, i confini, imponendo una riorganizzazione politica e territoriale a largo raggio che istituiva «uno spazio decisionale», ossia stabiliva «la portata territoriale della legislazione e delle decisioni collettive»10.

9Il lascito istituzionale specificamente europeo della statualità e di una più solida cultura dei confini ha continuato a espandersi nel mondo, dapprima in Occidente e poi nell’intero mondo. Oggi quasi tutta la superficie terrestre è occupata da entità statali, che attualmente sono 196, 193 delle quali sono membri dell’ONU. È interessante notare che l’estensione a livello globale della dimensione istituzionale della statualità, che è avvenuta anche negli ultimi decenni, non ha tuttavia mai coinciso con una totale accettazione dei confini e pacificazione sociale. Si potrebbe dire insomma che anche i confini degli stati, per quanto solidi, non sono mai stati del tutto quieti.

10I confini dello stato moderno sono confini solidi ma inquieti per almeno due ragioni. In primo luogo, per ragioni che si potrebbero identificare nella politica di potenza europea, specie a partire dal 500, all’interno della quale gli stati si formarono. In secondo luogo, per la mancanza di coerenza talora esistente tra la definizione politica e giuridica dei confini statali e le differenze sociali ad essi sottostanti.

11In primo luogo, gli stati si svilupparono proprio nella temperie della politica di potenza esercitata dall’Europa premoderna, che comportava la tendenza all’estensione del controllo imperiale e coloniale su gran parte dei territori del mondo. Dunque le promesse di pacificazione implicite nei confini non potevano essere del tutto mantenute da stati che erano, in maniera non del tutto dissimile dagli imperi, spesso belligeranti ed alla ricerca di una estensione dei propri confini. Come osserva e documenta Maier, era implicita nella stessa dimensione della sovranità statale la tentazione di espandersi. Dunque anche i confini definiti degli stati moderni rivelavano via una propria irrequietezza, con ripetute avventure espansioniste e colonialiste, sia nell’epoca in cui si andava definendo la loro sovranità, sia quando erano ormai compiuti come enti sovrani.

12In secondo luogo, una ragione di irrequietezza stava nel fatto che la definizione dei confini statali costituiva una efficace risposta sotto il profilo politico e giuridico, ma non sempre bastava a risolvere altri problemi di natura sociale che ad essi sottostavano. Sotto il profilo politico, i confini determinavano e chiarivano una duplice situazione, sia di poteri dall’alto, sia di diritti e libertà dal basso. Da una parte i confini determinavano l’area in cui il potere veniva legittimamente esercitato dallo Stato, così come definivano anche l’estensione oltre la quale gli stati non potevano andare. Dall’altra, i confini determinavano una situazione di appartenenza di una popolazione ad un territorio, e di doveri e diritti politici di persone associate a quel territorio, che oggi chiamiamo cittadinanza.

13In stretta connessione con questo profilo politico, giuridicamente i confini determinano l’area di vigenza del sistema normativo proprio di ogni stato. Ciò significa che i confini determinano situazioni rilevanti non solo per le persone che si trovano su quel territorio e che vi appartengono, ma talora anche per soggetti che non appartengono a quel territorio. Varcare il confine di un’entità territoriale, detta Stato, significa entrare in un’area che può implicare conseguenze giuridiche che possono essere importanti per le persone, così come per altre soggettività (ad esempio le imprese), e che, nel caso delle persone possono rilevare persino per il diritto alla vita. Basterà in proposito un eloquente esempio suggerito dagli Stati Uniti, dove la pena di morte è amministrata non dal sistema federale, ma dai singoli Stati. Ciò significa che se una persona si trova in uno stato in cui vige la pena di morte, e viene accusata di un reato per il quale è prevista tale pena, essa può rischiare addirittura la sua vita, anche se di quello stato non è cittadino.

14Ora, anche se potere politico e potere giuridico degli stati sono diversi, lo Stato moderno riposava su una larga coincidenza tra queste due facce e i confini erano ugualmente funzionali a entrambi. Erano rassicuranti sotto il profilo dei rapporti internazionali e altrettanto per l’area interna ad ogni Stato. In altri termini, i confini statali hanno costituito una efficace risposta per la modernità sotto il profilo politico e giuridico. Ma non rispecchiavano le profonde differenze di carattere sociale che ad essi spesso sottostavano: differenze in termini di tradizioni culturali, di appartenenza linguistica, o di fede religiosa. Differenze che possono avere soglie di reciproca compatibilità diverse in tempi diversi, cosicché esse possono convivere bene in alcuni periodi, o confliggere, più o meno acutamente, in altri periodi.

4. Stati, confini e globalizzazione

  • 11 Ferrarese, 2017a.
  • 12 In proposito rinvio a Ferrarese, 2019.

15La globalizzazione è stata rappresentata spesso come un cambiamento che ha realizzato un forte ridimensionamento dei confini e della loro cultura, se non addirittura una loro graduale eliminazione. E indubbiamente essa ha comportato una significativa incrinatura della cultura dei confini associata all’affermazione della concezione moderna dello Stato. Tuttavia il format statale non è mai stato messo in discussione, e si sono rivelate affrettate o sbagliate le previsioni di un suo progressivo deperimento. Anzi il processo di globalizzazione, pur dando luogo ad una ridefinizione, per lo più penalizzante, dei poteri degli stati11, è stato accompagnato da una incessante affermazione della dimensione statuale, chiamata ad attivare una rete di accordi e trattati sempre più estesa a livello internazionale12, e a gestire problemi di natura globale, insieme con altri stati, specie attraverso organizzazioni internazionali.

16Ma la logica dei confini statali è stata turbata, sfidata, o complicata da varie dinamiche collegate o conseguenti al processo di globalizzazione. A disturbare quella logica è stata soprattutto una triplice sfida proveniente rispettivamente dall’economia, dalla tecnologia e dalla società.

  • 13 Sulla presenza del «linguaggio degli interessi» nel panorama giuridico globale rimando a Ferrarese, (...)

17In primo luogo è stata la sfida proveniente dall’idea dei mercati globalizzati a spingere i soggetti economici a ri-scoprire l’antica vocazione a muoversi liberamente nel globo, secondo una geografia determinata prevalentemente dagli interessi13, e priva dei limiti spaziali e normativi imposti dallo Stato moderno. La lex mercatoria, con il suo nome latino, ci ricorda quanto risalente sia quella vocazione e come i soggetti economici abbiano inventato già in epoca medievale importanti misure giuridiche per i traffici economici di natura globale. Ma non si trattava solo della riproposizione di antiche formule. Il rinnovamento delle forme di agire economico in chiave globale fu incoraggiato da una costellazione di nuove teorie, economiche e non, etichettabili come neo-liberali, che riuscirono abilmente a rinverdire alcuni connotati delle vecchie teorie liberiste, aggiungendo una capacità di suscitare nuove speranze di sviluppo economico e di aprire nuove prospettive di conoscenza.

  • 14 Eloquente in proposito la storia raccontata nel film di Ken Loach, «Sorry! We miss you» (2019).

18Così, ad esempio, l’approccio di Law and economics, che ha dominato la scena negli anni della globalizzazione, sottolineando la capacità del diritto e delle istituzioni di favorire la ricerca di efficienza, apriva nuovi angoli visuali e nuove speranze di prosperità, del tutto scollegate da una ratio legata ai confini. Esso non solo individuava proprio nella ricerca di efficienza una cifra normativa e totalizzante, un DNA da imprimere alle norme giuridiche, soprattutto in materia economica, sacrificando talora altre finalità ugualmente o persino più raccomandabili. Altrettanto attraente appariva la prospettiva aperta dal motto «ciascuno imprenditore di sé stesso», che prospettava una nuova antropologia capace di far emergere nelle persone energie e potenzialità nascoste o non adeguatamente sfruttate. Quel motto che trovava riscontro in una miriade di start-up, che nascono (e spesso muoiono) ogni anno, è diventato spesso un alibi per trasferire molti oneri che in precedenza ricadevano sul datore di lavoro sul lavoratore stesso, che spesso si trova nella condizione di lavoratore iper-sfruttato, più che in quella di «imprenditore»14.

  • 15 Khanna, 2016.

19Ma le avventure globali di soggetti economici sempre più allergici alle restrizioni imposte dall’appartenenza agli stati e desiderosi di spingersi oltre i loro confini, non sarebbero state possibili senza il formidabile aiuto venuto dagli straordinari progressi delle tecnologie informatiche realizzate nella Silicon Valley. All’improvviso, quelle che nel passato apparivano barriere insuperabili, diventavano irrilevanti e si apriva l’epoca di una nuova geografia basata sulla «connettività»15, ossia su nuove modalità di connessione e di comunicazione tra territori diversi, a costi bassissimi. In questo nuovo contesto, specie le imprese erano sollecitate a cercare nuovi margini di profitto attraverso processi di de-localizzazione produttiva, che del resto, anche i legislatori statali, in un clima estremamente market-friendly, si affrettavano a rendere giuridicamente praticabili.

20Entrambe queste sfide ai confini statali provenienti dall’economia e dalla tecnologia avevano funzionato in maniera coerente, marciando nella stessa direzione, ossia verso la produzione di una sorta di irrilevanza o liquefazione dei confini statali, nella misura in cui li rendevano facilmente superabili. In una maniera del tutto diversa si poneva invece la sfida di provenienza sociale, derivante dalla coesistenza entro gli stessi confini statali di comunità di diversa appartenenza etnica, linguistica, religiosa, ecc. Così si assisteva ad una ri-affermazione della logica dei confini, anzi ad una sua accentuazione, nella misura in cui non si contestavano i confini esistenti, ma se ne reclamavano di nuovi.

  • 16 Sulle varie tendenze separatiste e secessioniste del nostro tempo indagate dalla prospettiva del di (...)

21All’interno dei confini statali esisteva talora una discrasia di culture, da intendere nel senso etimologico di «cattiva mescolanza», che fu messa sotto pressione negli anni di globalizzazione e portò a tensioni più o meno gravi, e ad un aumento del numero degli Stati negli ultimi decenni del 900: un aumento per lo più derivato da processi di secessione in varie aree statali, sia in Occidente che altrove, mettendo a nudo una crescente difficoltà a far coesistere diverse appartenenze sociali e nazionali dentro un comune bacino statale16. Così, se da un lato il più giovane stato del mondo, il Sud Sudan, ha ottenuto la propria indipendenza dal Sudan nel 2011, in Europa sono stati il Montenegro ed il Kosovo a celebrare la propria indipendenza rispettivamente nel 2006 e nel 2008, rendendo palese la forte spinta alla disaggregazione di quell’area.

  • 17 Geertz, 1999: 51.
  • 18 Ibidem: 51.

22Anche se questi ultimi casi appaiono legati a una situazione particolare, come il conflitto nella ex-Jugoslavia, essi rispecchiano molto bene la «non coincidenza fattuale e di contenuti tra i concetti di “paese” e “nazione”, concetti così spesso fusi insieme da formare un tutt’uno. La Jugoslavia dimostra ex negativo il peso, il potere e la rilevanza del concetto di “paese”»17. Non a caso, «la guerra che ha distrutto la Jugoslavia è stata in un primo tempo una guerra jugoslava, poi una guerra serbo-croata e infine una guerra bosniaca»18.

  • 19 Ibidem: 53-54.

23Al di là del caso jugoslavo, si può parlare di una più generale tendenza di fine 900 all’esasperazione, quando non all’ufficializzazione, di linee di separazione etnica e culturale che nel passato riuscivano a convivere in un comune contenitore statale. Come osserva Geertz, «concetti quali divergenza, varietà e disaccordo» si fanno spazio in realtà che parevano omogenee e «I paesi, non meno delle identità che conferiscono loro il proprio colore, quali che siano —musulmana o buddhista, francese o persiana, bianca o nera— non vanno intese come unità prive di saldature e totalità perfettamente integre»19.

24Dunque gli anni della globalizzazione hanno rivelato una contraddittoria dinamica, che per un verso tendeva a superare sempre più la logica dei confini, mentre d’altra parte, anche in reazione dialettica con tale processo, tendeva a edificare nuove linee di confine, o a rintracciare vecchie radici, o a vivificare distinzioni che parevano sopite. Così, gli stati si trovavano talora a registrare una doppia ragione di fragilità. Accanto ad una ridefinizione della propria sovranità, specialmente, ma non solo, in materia economica, che in gran parte essi stessi avevano deliberato, vedevano delinearsi una ulteriore ragione di fragilità dovuta al fatto che le tradizionali linee di confine riportate nei trattati internazionali non riuscivano a contenere tensioni etniche, religiose, sociali ecc. ad esse sottostanti.

25Al di là di secessioni tentate o riuscite, la tendenza al ristabilimento di linee divisorie e di confini vecchi e nuovi ha registrato una crescente affermazione anche in Europa, dove ha riguardato sia dinamiche interne agli Stati, sia i rapporti tra gli Stati parte dell’Unione europea. Così, da una parte, le basi unitarie di alcuni stati hanno mostrato crescenti incrinature, che non hanno risparmiato, tra altri paesi, lo stesso Belgio, cuore multilingue e multiculturale dell’Europa, e che hanno assunto toni aspri e apertamente separatisti nel caso della Catalogna, che ancora registra forti tensioni. Dall’altra parte, la Brexit, infine realizzata nel 2019, dopo vari tentativi di ricomposizione, ha mostrato l’incrinatura del sogno europeo di dar vita ad un’«unione» capace di superare distanze e differenze. I sovranismi che allignano in vari paesi europei (ed extra-europei) si pongono su questa stessa scia, mettendo in programma simili abbandoni dell’Unione europea.

5. Nuovi confini del diritto

  • 20 Ferrarese, 2008.

26L’irrequietezza dei confini in epoca di globalizzazione ha trovato riflesso anche in campo giuridico. Si sono sviluppate così, nell’arco di un paio di decenni di fine ‘900, nuove dimensioni giuridiche, che non corrispondono più al dualismo diritto interno/diritto internazionale che aveva dominato la modernità giuridica, soprattutto nell’Europa continentale. Mentre lo stesso diritto internazionale, che tradizionalmente vedeva negli Stati i suoi attori esclusivi, era attraversato da profondi cambiamenti, ammettendo nuove presenze, anche di soggetti privati, nelle sue dinamiche, emergevano nuove «misure» del diritto: misure giuridiche che si spingevano oltre il perimetro spaziale e teorico del diritto internazionale, ed inauguravano modalità e posture da «diritto sconfinato»20.

27Le più rilevanti novità giuridiche emerse con la globalizzazione e sussumibili sotto l’etichetta dello «sconfinamento» sono soprattutto quella del diritto «sovranazionale» e quella del diritto «transnazionale». Due etichette che innovano profondamente il panorama giuridico e impostano modalità diverse dal diritto internazionale e capaci di dare una misura normativa sia a programmi politici ultra-statali, come tenta di fare il diritto sovranazionale, sia a relazioni economiche tra territori diversi, o a progetti di estensione dei diritti umani, come avviene con il diritto transnazionale.

  • 21 Questi soggetti privati possono essere soggetti impegnati in cause di pubblico interesse, come le c (...)

28Entrambe le misure cessano di essere perfettamente aderenti al territorio e ai suoi confini e permettono di impostare rapporti giuridici con un variabile grado di affrancamento da appartenenze territoriali; tuttavia esse intrattengono un diverso rapporto con la sovranità: mentre il diritto sovranazionale scommette su una messa in comune della stessa, il diritto transnazionale cerca di affrancarsene del tutto. Le due modalità sono dunque in qualche misura antitetiche, perché l’una si muove prevalentemente nel perimetro del diritto pubblico, mentre l’altra, pur svolgendo spesso finalità di pubblico interesse, muove dal basso, su iniziativa di vari tipi di soggetti privati21.

29La modalità del diritto sovranazionale, che ha trovato nel progetto di Unione europea la sua più importante realizzazione, mostra un diritto che, più che ergersi al di sopra di alcuni stati, scommettendo su una parziale messa in comune della loro sovranità, realizza un parziale distacco dai confini nazionali. Rimane tuttavia in piedi una logica di confini esterni all’area europea, di volta in volta definita dalle adesioni dei vari stati membri. I confini rimandano insomma a un perimetro allargato, che talvolta si nutre di tradizioni giuridiche comuni. Con la Brexit, per la prima volta dal suo esordio, il perimetro europeo si restringe, invece di allargarsi.

30Del tutto diverso è il caso del diritto transnazionale, che non solo permette di creare regole dal basso, stabilendo un filo giuridico comune che passa attraverso vari stati, ma configura una dinamica giuridica di quasi totale indifferenza verso i confini. L’etichetta «diritto transnazionale» si attaglia infatti, come già detto, a misure giuridiche create privatamente per regolare affari o relazioni giuridiche che attraversano vari paesi, come avviene con la lex mercatoria, o in materia di diritti umani. A mostrare indifferenza verso i confini, per paradosso, sono dunque due branche giuridiche non solo assai diverse, ma addirittura di opposta ispirazione, come il diritto dell’economia e il diritto dei diritti umani: due branche che tuttavia sono entrambe a vocazione universalistica, si potrebbe dire, e dunque potenzialmente estensibili all’intero globo.

31Il diritto transnazionale rende particolarmente evidente lo stato «acquoso» dei confini, che sono estremamente variabili e retrattili, o addirittura scompaiono: esso infatti non ha più un’area territoriale di riferimento, ma soggetti e relazioni variabili, prevalentemente di carattere contrattuale o regolativo.

32Se questa è la situazione, vuol dire che il rapporto tra diritto e confini è cambiato profondamente: non ha più un unico registro e varia in funzione di vari tipi di rapporti e situazioni. In altri termini, ogni tipo di diritto intrattiene un suo speciale rapporto con i confini. Mentre il diritto statale mantiene il tradizionale rapporto di totale aderenza al territorio e trova un rigido limite nei suoi confini, oggi si possono registrare varie altre misure giuridiche che sfidano la tradizionale logica territoriale.

  • 22 Rimando in proposito a Ferrarese, 2003.

33Con la globalizzazione, i confini statali sono sopravvissuti, ma sono diventati incerti, liquidi, variabili, anche per l’affermazione di nuove logiche nel diritto, che si pongono oltre i criteri della normatività e della legalità. La soft law, per esempio, contraddicendo il requisito della normatività, è un diritto che si propone, e che aspetta la volontaria adesione dei soggetti, siano essi individui, gruppi, imprese, o Stati22. In tal senso, anch’essa instaura un rapporto variabile con i territori.

  • 23 Sacco, 2015.

34Altrettanto indicativo di un mutato rapporto con il territorio statale è il ri-emergere di usi e tradizioni locali, specie in ambito sociale ed economico, che tendono a compensare il carattere di «astrattezza» che il diritto statale aveva rispetto ai territori. D’altra parte, sotto questo profilo, sono rilevanti i fenomeni migratori, che implicano, insieme alla persistenza sullo stesso territorio statale di soggetti provenienti da luoghi, tradizioni e gruppi etnici diversi, svariate forme di diritto tradizionale: il «diritto muto» di cui parla Sacco23. È come se tanti frammenti di quel diritto, così caratterizzato dai luoghi di provenienza, si trapiantassero silenziosamente nelle nostre realtà post-moderne, erigendo confini invisibili ma spesso estremamente efficaci nel perimetro della nostra idea di legalità.

6. Una ulteriore fase di mobilitazione della cultura dei confini

35La storia dei confini e delle connesse culture, che, come si è visto, è passata attraverso varie fasi, non si conclude con i confini incerti e liquidi prodotti dall’irrompere della globalizzazione. Naturalmente molti aspetti appena descritti sopravvivono pienamente nel contesto odierno, assieme alla tendenza a rendere i confini di vario tipo sempre più precari e fumosi.

  • 24 Si vedano, ad es., Breisky, 2009 e O’Sullivan, 2019.

36Tuttavia, l’epoca che ormai parecchi osservatori caratterizzano come «post-globalizzazione»24 ha aperto una ulteriore fase nel racconto dei confini. L’etichetta della post-globalizzazione allude ad una situazione di diffusa crisi di fiducia nel processo di globalizzazione che oggi sembra attraversare molti paesi, specie in Occidente, e che ha prodotto movimenti cosiddetti «populisti» e «sovranisti», che sono ormai una componente stabile del panorama politico odierno. Non è questa la sede per svolgere un approfondimento su queste nuove culture politiche, tema sul quale del resto è cresciuta ormai una notevole letteratura. Qui ci si può limitare ad assumere i termini sovranismo e populismo nel loro significato più generico, come descrittivi di atteggiamenti politici che si ergono a difesa di una riconquista della sovranità nazionale da parte del popolo o dello Stato, e che avversano i fenomeni di migrazione e gli atteggiamenti di apertura dei confini legati alle dinamiche della globalizzazione e alle politiche di concertazione internazionale che le hanno accompagnate.

37Sposando parole d’ordine opposte alle strategie di apertura dei confini che avevano accompagnato il processo di globalizzazione, le varie versioni dei sovranismi e dei populismi, con diverse sfumature, esprimono atteggiamenti rilevanti in tema di confini, ostili alla cultura del cosiddetto «cosmopolitismo», che alimenta l’idea di un mondo in cui i radicamenti territoriali si indeboliscono o si annullano. Esse hanno messo in moto un’ulteriore fase di mobilitazione della cultura dei confini, che contiene un doppio messaggio: uno rivolto all’interno dei paesi, l’altro che riguarda il contesto internazionale.

38Sul primo piano, il messaggio populista rivolto all’interno, che si colloca prevalentemente a destra del panorama politico, trova il proprio bersaglio soprattutto in due tipi di «nemici» ben identificati: i terroristi, e ancor più, gli immigrati provenienti da paesi poveri e alla ricerca di una vita migliore. Contro questi «nemici» si tende non solo a riesumare ed accentuare vecchi confini territoriali ed a renderli ben visibili, facendone il simbolo di un programma politico, ma anche a individuarne, e talora a crearne di nuovi, di natura etnica e culturale.

  • 25 Brown, 2010.
  • 26 Ibidem: 13-14.
  • 27 Su tale lunga vicenda si veda la sintesi di Grande, 2019.

39Questa tendenza non si limita alle parole. La politica degli «stati murati» denunciata da Wendy Brown nel 201025, corrisponde ad una «performance teatrale e spettacolarizzata di potere sovrano esercitato sui confini nazionali, che siano effettivi o solo ambìti, evidenzia quel che resta di teologico nella sovranità dello Stato-nazione»26. Questa performance, che oggi trova in Trump uno dei prosecutori più accaniti27, è il tentativo di porre una antistorica barriera tra paesi ricchi e paesi poveri del mondo. Difficilmente i muri potranno essere efficaci per tale scopo, ma la loro edificazione svolge un ruolo simbolico importante nella misura in cui al contempo rappresenta visivamente lo Stato come una sorta di cittadella assediata dall’esterno, e rende evidente una ferma volontà politica di immobilizzare i confini, e di difenderli da sgraditi invasori. Vauban sarebbe estremamente compiaciuto di questo tardivo omaggio alle sue idee di architettura difensiva.

  • 28 Si veda, ad es. Mastropaolo, 2019.
  • 29 Si veda ad es. Somma, 2018: 21.

40Sul secondo piano, il messaggio sovranista, che raccoglie adesioni soprattutto a destra, ma anche a sinistra28, da una comune posizione di sospetto verso vincoli e appartenenze ad organizzazioni internazionali, identifica un nemico proprio nei processi di europeizzazione e di globalizzazione, che hanno creato interdipendenza e perdita di autonomia degli Stati nelle decisioni politiche e propugna un ritorno all’internazionalismo, che permette di preservare la sovranità. I sovranisti avversano il contesto di forti condizionamenti internazionali in cui gli Stati oggi si muovono, e la riappropriazione della sovranità dello Stato nelle relazioni internazionali viene sponsorizzata sia in nome di un’idea autoritaria dello Stato e «illiberale» della democrazia, sia sulla base di una posizione critica soprattutto verso la ratio neoliberale che ha guidato il cosmopolitismo e che ha ridefinito i compiti dei pubblici poteri, «non più relativi alla gestione del conflitto redistributivo, bensì concernenti tutti il presidio della concorrenza e la sterilizzazione del conflitto sociale»29.

41Per la verità, posizioni critiche intorno ad alcuni nodi e sviluppi internazionali a cui hanno condotto gli ultimi decenni sono state espresse anche da osservatori e da movimenti di opinione non riconoscibili nelle posizioni sovraniste, che si differenziano soprattutto sul piano delle possibili risposte e soluzioni che si possono dare ai gravi problemi creati dal trionfo del neoliberismo. I sovranisti propongono di tornare ai vecchi confini degli Stati, con programmi di fuoriuscita dall’Unione Europea, e più in generale, al di là dell’Europa, di rifiuto di coinvolgimenti troppo vincolanti nell’arena internazionale. Prevale in tal senso anche un rifiuto del multilateralismo, che era una vera e propria istituzione del mondo globalizzato, e che è stato sconfessato da vari leader sovranisti e specialmente da Trump.

42Può apparire curioso che proprio gli Stati Uniti, ispiratori della globalizzazione e dei connessi processi di espansione del multilateralismo, siano stati tra i primi a utilizzare ricette sovraniste, manifestando la volontà di ritrarsi da strategie multilaterali. La ratio di tale scelta è tuttavia molto chiara, se si pensa che il ripudio del multilateralismo conduce al bilateralismo: un gioco nel quale gli stati ed i giocatori più forti sono favoriti perché, in un confronto a due, possono far pesare di più la propria forza. Non sorprende che Trump, esplicitamente teso a far prevalere la posizione di potenza della nazione americana in tutte le relazioni internazionali, abbia rapidamente affermato di voler imboccare la strada del bilateralismo.

  • 30 Ferrarese, 2017c.
  • 31 Rimando in proposito a Ferrarese, 2017b.

43Tuttavia, questa, come altre risposte dei sovranisti quale ad esempio il rigetto dell’Unione europea, ha un carattere regressivo e storicamente inattuale. È indubbio che vari dogmi neoliberali che campeggiavano nell’epoca della globalizzazione, prospettando investimenti e maggiore ricchezza per tutti, si siano rivelati fallaci ed abbiano talora avuto risvolti inquietanti30. Alcuni trattati internazionali sono apparsi come una camicia di forza ed una sorta di cavallo di Troia che conteneva forze esterne e nemiche destinate a prendere le redini del processo politico, e ad indebolire gli Stati a vantaggio di privati. Altrettanto, la retorica degli investimenti esteri ad ogni costo, che hanno imposto agli stati le cosiddette clausole «compromissorie» ossia l’accettazione di una giustizia arbitrale spesso sbilanciata a favore dei privati e penalizzante per gli Stati31, è una questione che va riconsiderata. Ma il ritorno ad un solipsismo degli Stati è improponibile ed irrealizzabile. Solo a partire da un quadro di nuove alleanze internazionali, un piano che i sovranisti guardano con sospetto, si può provare a impostare diversamente le questioni.

  • 32 Rodrik, 2011: 38 ss. Sul tema si veda anche Bohnenberger, Joerges, 2016: 10 ss.
  • 33 Jacoby, 2018: 83 ss.

44D. Rodrik, con il famoso «trilemma regolativo»32, ha chiarito che non si possono perseguire al contempo una globalizzazione «profonda», ossia con un alto livello di integrazione internazionale come quella odierna, una politica compiutamente democratica, ed una piena autodeterminazione degli stati. Vanno dunque cercate nuove strade ed un «neo-multilateralismo»33 più capace di soppesare adeguatamente questi aspetti e di porre in essere possibili strategie correttive delle storture prodotte dal processo di globalizzazione. Senza buttare il bambino con l’acqua sporca, ossia la propensione degli Stati a collaborare e a riconoscersi in aggregazioni che potenziano il senso di destino comune tra le varie nazioni e i risultati che si possono raggiungere.

7. I confini mobili e «selettivi» dell’epoca post-globale

  • 34 Schmitt, 1972.
  • 35 Agamben, 2003.
  • 36 Su tale attitudine rinvio a Ferrarese, 2019.

45Là dove sono al governo forze sovraniste, i confini non solo sono molto presenti nella comunicazione politica, ma assumono il peso di un tema di rilievo primario, spesso presentato con un tono da «stato di eccezione», secondo l’accezione schmittiana34, che incrementa la drammaticità della narrazione. Del resto, la tendenza delle sovranità statali ad atteggiarsi come «potere sullo stato di eccezione», dopo aver attraversato l’intero Novecento35, non sembra recedere nel nuovo secolo36, ed anzi si rafforza anche attraverso l’esasperazione della logica di irrigidimento dei confini, e l’avvio o la prosecuzione di programmi di costruzione di «stati murati».

  • 37 Maier, 2019: 332.

46L’idea di confini rigidi, eretti contro gli immigrati e il terrorismo, è tuttavia solo una facciata esibita per propaganda politica da politici alla ricerca di un facile consenso, di fronte ad una evoluzione della dinamica dei confini che invece mostra una realtà molto più mossa e variegata. Dietro quella facciata, si sviluppano tendenze piuttosto contraddittorie, che mostrano come i confini attraversano invece una fase di grande mobilitazione, e sfuggono a facili ipotesi di immobilità, così come a chiare definizioni. Come osserva Maier, «non è più possibile considerare i confini un fatto assodato [...] soprattutto in quanto essi funzionano al meglio solo nelle condizioni in cui appaiono superflui. La frontiera tra Canada e Stati Uniti serve solo a definire il territorio e la sovranità dei due stati, ma non è certo una barriera necessaria, diversamente da quella tra Messico e Stati Uniti, divenuta una scottante questione per la politica americana, sebbene ogni giorno superino i suoi controlli migliaia di turisti e lavoratori in transito»37.

47I confini territoriali oggi svolgono funzioni diverse e differenziate, a seconda del luogo, delle situazioni, degli interlocutori e dei fini perseguiti. Questa mobilitazione dei confini si può cogliere nelle stesse contraddittorie strategie politiche perseguite sul tema dai politici populisti che, a partire da Trump, montano diverse scenografie dei confini, a seconda dei momenti, dei soggetti e della posta in gioco. La scenografia di confini rigidi e invalicabili viene montata quando si tratta di immigrati provenienti dal Messico. Se invece si tratta della guerra dei dazi con la Cina, la scenografia è diversa e suggerisce l’idea di paratie mobili, che si aprono e si chiudono, a seconda della posta in gioco nella contrattazione e delle risposte della controparte. Naturalmente i confini diventano in genere aperti e valicabili, negli Stati Uniti come altrove, se si tratta di far accedere il turismo, diventato uno dei settori più importanti dell’odierno quadro economico, o personalità scientifiche utili per la ricerca, o investitori esteri, che sono un oggetto del desiderio di tutti gli Stati.

48Si potrebbe dire insomma che è emersa una nuova caratterizzazione della cultura dei confini: se nel passato premoderno una cultura dei confini era quasi inesistente, e quando l’ordine mondiale era costruito intorno agli stati i confini erano solidi ma inquieti, e poi con la globalizzazione erano diventati quasi liquidi, oggi emerge una cultura di confini estremamente mobili e selettivi. Si accentua una dinamica per cui i confini non sono gli stessi sempre e comunque: essi hanno smesso di essere delle pure linee passive scritte sul terreno e nei trattati, ed assumono funzioni e valenze diverse in ragione di situazioni e di soggetti diversi.

  • 38 Si veda ad es., tra i tanti volumi di questo autore, Bauman, 2011.
  • 39 Si veda la critica che muove sotto questo profilo Marramao, 2009.
  • 40 Va ricordato che in Europa il Trattato istitutivo dell’Unione garantisce la doppia libertà di circo (...)

49Naturalmente questa non è una novità assoluta: già durante la globalizzazione era emersa una certa insufficienza della narrazione di un mondo «liquido», secondo la felice metafora di Zygmunt Bauman38, quasi fossero ormai venute meno le barriere39, mentre in realtà esistevano ancora significative barriere, rinvenibili, ad esempio in una ben diversa strategia di libera circolazione delle persone rispetto a quella delle merci40. La propensione a penalizzare la libera circolazione delle persone, specie, ma non solo, in materia di migrazione, o in funzione antiterroristica, si è ulteriormente accentuata nel nuovo secolo, dopo il moltiplicarsi di eventi terroristici e la crisi finanziaria del 2008, e con la crescente affermazione di partiti populisti e sovranisti, che hanno fatto dell’irrigidimento dei confini un programma politico di successo.

  • 41 Rimando in proposito a Ferrarese, 2008: 70 ss.
  • 42 Miller, 2019.
  • 43 Questo aspetto è stato più volte rilevato da Rossi, 2003: 100.
  • 44 Un quadro particolarmente severo su questa prassi dei governi americani emerge in Garapon, Servan-S (...)

50Ma le pieghe presenti nella odierna dinamica dei confini non finiscono qui. Specialmente nel caso degli Stati Uniti, i confini, oltre che irrigidirsi o ammorbidirsi, a seconda delle situazioni e dei soggetti in gioco, registrano una nuova capacità di estendersi, in maniera variabile, rispetto al territorio ufficiale americano, attraverso il ricorso a misure extraterritoriali. L’extra-territorialità, che nel passato rispondeva ad una diversa ratio, con la globalizzazione, ha assunto nuove valenze sulla scena mondiale41, ed è stata particolarmente utilizzata dai governi americani. Come mostra Todd Miller42, oggi si assiste ad una sorta di surrettizia estensione, o esternalizzazione (outsourcing) dei confini da parte degli Stati Uniti, che estendono la validità di alcune loro norme anche in altri paesi, laddove vi sia una qualche ragione di connessione con gli Stati Uniti, ad esempio attraverso l’utilizzo del dollaro. L’extraterritorialità intesa in tal senso ha dominato specialmente in settori quali il diritto delle imprese43 e la lotta alla corruzione44, consentendo anche l’arrivo di importanti entrate per risarcimento nelle casse del governo americano. In questi casi si potrebbe parlare di una sorta di proiezione esterna dei propri confini, o addirittura di una extraterritorialità dei confini, che si estendono di volta in volta, a seconda dei casi e della questione in gioco.

  • 45 Diener, Hagen, 2012.

51Contro la narrativa di un mondo ormai senza confini, e quella opposta di un mondo pieno di muri e di cancelli auspicata dai populisti, in realtà oggi i confini tra Stati, sempre più sotto pressione sia per ragioni politiche, sia per ragioni economiche, sia per ragioni sociali, sono diventati sempre più variabili, mobili e selettivi: aperti e accoglienti per alcuni, ostili barriere per altri. Sempre più coinvolti in un processo di mobilitazione globale, essi appaiono «delle pratiche spaziali compresse e mantenute da una negoziazione continua tra processi di recinzione dei territori e flussi attraverso le frontiere di persone, beni, capitale e informazioni»45.

Torna su

Bibliografia

Agamben, G. (2003). Stato di eccezione, Torino, Bollati Boringhieri.

Bauman, Z. (2011). Modernità liquida, Roma-Bari, Laterza.

Bohnenberger, F., Joerges, Ch. (2016). From Trade Liberalization to Transnational Governance and TTIP: How Dani Rodrik, Karl Polanyi and the Varieties of Capitalism Studies May Help us to Understand the Present State of Globalization, «TLI Think! Research Paper Series», 44.

Breisky, M. (2009). Welcome to Post Globalization: The Politics of Second Enlightenment. Human Scale and the Economy of the Mind, London, New European Publications.

Brown, M. (2010). Stati murati, sovranità in declino, Roma-Bari, Laterza.

Diener, A. C., Hagen, J. (eds.) (2010). Borderlines and Borderlands: Political Oddities at the Edge of the Nation-State: Political Oddities at the Edge of the Nation-State, Lanham Mar., Rowman & Littlefield Publishers,

Ferrarese, M. R. (2000). Le istituzioni della globalizzazione. Diritto e diritti nella società transnazionale, Bologna, Il Mulino.

Ferrarese, M. R. (2003). Soft law: funzioni e definizioni, in Somma, A. (a cura di), Soft law e hard law nelle società postmoderne, Torino, Giappichelli.

Ferrarese, M. R. (2008). Diritto sconfinato. Inventiva giuridica e spazi nel mondo globale, Bari-Roma, Laterza.

Ferrarese, M. R. (2017a). Gli Stati, i governi. Poteri residuali?, «Teoria politica», Annali VII.

Ferrarese, M. R. (2017b). Il puzzle della privatizzazione giuridica e l’economia politica Il caso degli arbitrati in materia di investimenti esteri, Napoli, Editoriale scientifica.

Ferrarese, M. R. (2017c). Promesse mancate. Dove ci ha portato il capitalismo finanziario, Bologna, Il Mulino.

Ferrarese, M. R. (2019). Percorsi della sovranità. Aggirandosi tra varie definizioni e sfaccettature, in Mastroiacovo, V. (a cura di), Le sovranità nell’era della post-globalizzazione, Pisa, Pacini.

Garapon, A., Servan-Schreiber, P. (2013). Deals de justice. Le marché américain de l’obéissance mondialisée, Paris, Puf.

Geertz, C. (1999). Mondo globale, mondi locali. Cultura e politica alla fine del ventesimo secolo, Bologna, Il Mulino.

Grande, E. (2019). Trump, il muro con il Messico e l’inquietante decisione della Corte Suprema, «MicroMega», 23 agosto.

Jacoby, D. S. (2018). Trump, Trade and the End of Globalization, Santa Barbara, Praeger.

Khanna, P. (2016). Connectography, Roma, Fazi.

Maier, C. S. (2019). Dentro i confini. Territorio e potere dal 1500 a oggi, Torino, Einaudi.

Marramao, G. (2009). Passaggio a Occidente, Torino, Bollati Boringhieri.

Mastropaolo, A. (2019). Sovranismi, «Costituzionalismo.it», 1.

Miller, T. (2019). Empire of Borders. The Expansion of the US Border Around the World, New York, Verso.

O’Sullivan, M. (2019), The Levelling: What’s Next After Globalization, New York, Hachette Book Group.

Rodrik, D. (2011). La globalizzazione intelligente, Roma-Bari, Laterza.

Rossi, G. (2003). Il conflitto epidemico, Milano, Adelphi.

Sacco, R. (2015). Il diritto muto. Neuroscienze, conoscenza tacita, valori condivisi, Bologna, Il Mulino.

Sassen, S. (2006). Territory, Authority, rights. From Medieval to Global Assemblages, Princeton, Princeton University Press.

Schmitt, C. (1972). Teologia politica, in Le categorie del «politico», Bologna, Il Mulino.

Somma, A. (2018). Sovranismi. Stato, popolo e conflitto sociale, Roma, DeriveApprodi.

Strayer, J. R. (1970). On the Medieval Origins of the Modern State, Princeton, Princeton University Press.

Torna su

Note

1 Maier, 2019.

2 Sassen, 2006.

3 Maier, 2019: 52.

4 Sassen, 2006: 39. Sassen cita in proposito Strayer, 1970.

5 Maier, 2019: 51.

6 Ibidem: 59.

7 Ibidem: 60.

8 Ibidem: 86.

9 Diener, Hagen, 2010: 5.

10 Maier, 2019: 5.

11 Ferrarese, 2017a.

12 In proposito rinvio a Ferrarese, 2019.

13 Sulla presenza del «linguaggio degli interessi» nel panorama giuridico globale rimando a Ferrarese, 2000: 32 ss.

14 Eloquente in proposito la storia raccontata nel film di Ken Loach, «Sorry! We miss you» (2019).

15 Khanna, 2016.

16 Sulle varie tendenze separatiste e secessioniste del nostro tempo indagate dalla prospettiva del diritto costituzionale si veda il numero speciale di «Federalismi.it» 2018 dedicato al tema «Secessionismi Autonomismi Federalismi. Frammenti Di Una Rosa Olografica» (a cura di F. Masci).

17 Geertz, 1999: 51.

18 Ibidem: 51.

19 Ibidem: 53-54.

20 Ferrarese, 2008.

21 Questi soggetti privati possono essere soggetti impegnati in cause di pubblico interesse, come le cosiddette NGOs, o soggetti economici interessati a creare regole per i propri affari su scala globale, al riparo dallo sguardo degli stati.

22 Rimando in proposito a Ferrarese, 2003.

23 Sacco, 2015.

24 Si vedano, ad es., Breisky, 2009 e O’Sullivan, 2019.

25 Brown, 2010.

26 Ibidem: 13-14.

27 Su tale lunga vicenda si veda la sintesi di Grande, 2019.

28 Si veda, ad es. Mastropaolo, 2019.

29 Si veda ad es. Somma, 2018: 21.

30 Ferrarese, 2017c.

31 Rimando in proposito a Ferrarese, 2017b.

32 Rodrik, 2011: 38 ss. Sul tema si veda anche Bohnenberger, Joerges, 2016: 10 ss.

33 Jacoby, 2018: 83 ss.

34 Schmitt, 1972.

35 Agamben, 2003.

36 Su tale attitudine rinvio a Ferrarese, 2019.

37 Maier, 2019: 332.

38 Si veda ad es., tra i tanti volumi di questo autore, Bauman, 2011.

39 Si veda la critica che muove sotto questo profilo Marramao, 2009.

40 Va ricordato che in Europa il Trattato istitutivo dell’Unione garantisce la doppia libertà di circolazione.

41 Rimando in proposito a Ferrarese, 2008: 70 ss.

42 Miller, 2019.

43 Questo aspetto è stato più volte rilevato da Rossi, 2003: 100.

44 Un quadro particolarmente severo su questa prassi dei governi americani emerge in Garapon, Servan-Schreiber, 2013.

45 Diener, Hagen, 2012.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Maria Rosaria Ferrarese , «Tra rafforzamenti e indebolimenti. Il contraddittorio statuto dei confini in epoca post-globale»Teoria politica. Nuova serie Annali, 10 | 2020, 191-205.

Notizia bibliografica digitale

Maria Rosaria Ferrarese , «Tra rafforzamenti e indebolimenti. Il contraddittorio statuto dei confini in epoca post-globale»Teoria politica. Nuova serie Annali [Online], 10 | 2020, online dal 01 décembre 2020, consultato il 26 janvier 2021. URL: http://journals.openedition.org/tp/1212

Torna su

Autore

Maria Rosaria Ferrarese 

Università di Cagliari, ferraresemr@libero.it

Torna su

Diritti d'autore

Teoria politica

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search