Navigazione – Mappa del sito

HomeNuova serie10I confini nell’età globale | Bord...Hic sunt leones. Confine/Frontier...

I confini nell’età globale | Borders in Global Age

Hic sunt leones. Confine/Frontiera: Genealogia politica di un dispositivo spaziale

Hic sunt leones. Border/Frontier: Political Genealogy of a Spatial Dispositif
Dario Gentili
p. 235-246

Abstract

“Border” and “Frontier” are configurations that name differently the spatial dispositif that regulates and organize the relationship between inside and outside, between citizens and foreigners. My essay aims to define each one of these spatial categories on the basis of their respective ontological, political, geographical meaning and function. Starting from their original definition in ancient Rome, I analyze their function through the political forms (City, Empire, State) they determinated during the ancient and modern history. The transformations that the inclusion/exclusion dispositif has undergone in the course of history on a political, legal and geographical level —evident if one considers how these have influenced the configuration of cartographic maps— are reflected in the determination of subjectivity. It is therefore possible to define a border subject and a frontier subject if their subjectification proceeds from the border disposif or from the frontier dispositif. On a geopolitical level, the formation of the modern state has undoubtedly led to the dominance of the border dispositif from a political and legal point of view. However, this has not led to the frontier being limited to a fundamentally symbolic level. Rather, the frontier has been defined as a dispositif whose effectiveness can be measured in the medical and economic sphere, since the era of the emergence of the political form of the state in Europe. Moreover, the American experience of the frontier in the formation of the United States reveals the peculiarity of the frontier dispositif even in modern times. Nowadays more than in the past, it is difficult to identify and distinguish between border and frontier subject. European citizens themselves feel in their individual lives that the legal and political guarantees given to them by that citizenship which identifies them as border subjects are called into question —for example within the global labour market— by their potentially being frontier subjects.

Torna su

Termini di indicizzazione

Torna su

Testo integrale

1. Premessa

1Quello del confine è senz’altro un tema di grande attualità, al centro di diversi e accesi dibattiti, specialmente in ambito politico, che tuttavia non contribuiscono affatto a districarne la complessità, anzi producono spesso ulteriore confusione. Si sente parlare di un mondo senza più confini, sconfinato, eppure la cronaca più recente —politica e non solo— racconta del ritorno dei confini, di una domanda diffusa di confini chiari, fissi e stabili. È importante sciogliere questa apparente contraddizione: lo sconfinamento permanente della globalizzazione e del mercato mondiale e, al contempo, il rafforzamento se non la produzione di nuovi confini. Certo, come alcuni fanno, si potrebbe ritenere che il “ritorno del confine” sia da intendere come una reazione allo sconfinamento della globalizzazione, e che dunque i due fenomeni siano da considerare come l’uno la conseguenza dell’altro. Ritengo invece che i due fenomeni coesistano e siano complementari; è allora sul termine che li accomuna —“confine”— che vorrei concentrare la mia attenzione. Bisogna insomma chiedersi innanzitutto di che cosa parliamo quando si parla di confine —è il termine confine il più appropriato a definire sia la condizione di sconfinamento del mondo globalizzato sia il confine politico tra Stati, che da decenni è dichiarato in crisi e che oggi viene rivendicato?

  • 1 Cfr. Foucault, 2006.

2Prendo allora spunto dalla definizione di “confine”. Il confine è —per usare la nozione di Michel Foucault—1 un “dispositivo” spaziale che regola e dispone il rapporto tra dentro e fuori, tra inclusione ed esclusione. Va subito aggiunto che tale dispositivo spaziale interviene soprattutto a produrre, determinare e regolare soggettività, popolazioni, forme di vita secondo il criterio dell’inclusione e dell’esclusione. E tuttavia, bisogna precisare che non è esclusivamente il confine a definire tale dispositivo. Insieme a quello di confine, propongo di considerare almeno un altro termine, quello di “frontiera”. Infatti, questi due termini determinano diversamente il rapporto e la disposizione tra dentro e fuori. Sebbene confine e frontiera abbiano ciascuno una propria specificità, per cui svolgono funzioni diverse, è opportuno tuttavia precisare che, nel corso delle epoche, tali funzioni hanno finito spesso per intrecciarsi, sovrapporsi e infine confondersi. È quanto accade anche oggi con il termine confine, che sempre più spesso viene usato indiscriminatamente per indicare in realtà articolazioni diverse del dispositivo spaziale dell’inclusione/esclusione. Tale prevalenza assume anche una valenza simbolica: non solo materialmente, il confine è un segno dei nostri tempi.

2. Finis e Limes

  • 2 Benveniste, 2001: 295.
  • 3 Ibidem: 295-296.
  • 4 Cfr. Rykwert, 2002.

3Cominciamo a districarci tra i termini sulla scorta dell’etimologia. È la parola italiana “con-fine” a mantenere il legame etimologico più evidente con il termine latino finis, che, come del resto il greco horos, rimanda al significato di “solco” e alla pratica del tagliare o scavare un solco nel terreno. L’importanza politico-culturale della pratica di “tracciare il solco” nel mondo latino ci viene restituita dalla nota analisi del termine rex fornita da Benveniste: il rex è colui che traccia la linea, colui che è incaricato di regere fines, di «tracciare le frontiere in linea retta»2. Ecco che così si ricavano i due elementi discriminanti del finis: il radicamento sul terreno e la linea. Bisogna fare attenzione però a non identificare la figura del rex esclusivamente con il re, con l’autorità politica, per cui i fines non possono affatto corrispondere a “confini politici”. Il rex è prima di tutto un’autorità religiosa e morale; indica la via da seguire, la via retta, istituisce la “regola” della comunità, la sua rettitudine: «Il rex indoeuropeo è molto più religioso che politico. La sua missione non è di comandare, ma di fissare delle regole, di determinare ciò che è, in senso proprio, “retto”»3. Al “regolamento” della comunità deve corrispondere una terra da poter “misurare” nello spazio (spatium deriva dal greco stádion, un’unità di misura), per sottrarla al caos e farla corrispondere al cosmo. Il finis ha, perciò, una consistenza sacra e simbolica piuttosto che materiale: l’autorità del rex e del potere politico che ne deriva consiste, dunque, nel “tenere la linea”; e più la linea è dritta, più la sua autorità è salda e fondata. Dovrebbe essere chiaro che non è di confini di tipo statuale che si sta parlando; l’uso del termine risale piuttosto al rito di fondazione della città, la città cinta di mura e fortificata: l’Urbs4.

  • 5 Cfr. Sordi, 1987.

4Il finis delimita il rifugio dell’umano all’interno del predominio della natura, esso “definisce” ciò che include al suo interno. Il resto della terra, ciò che è al di là del finis, è disordine e dismisura; affinché la distinzione tra dentro e fuori sia inequivocabile, la linea deve essere retta: una linea incerta o spezzata può essere fonte di contaminazione e di confusione. Pertanto, al tracciare la linea si accompagna di solito l’innalzamento di mura. E, tuttavia, una potenza come quella romana che vuole espandersi per diventare imperiale deve s-confinare; per avanzare deve entrare in rapporto con il disordine della natura incolta e delle popolazioni nomadi senza un territorio definibile. Al finis è pertanto complementare il limes. Se il finis si riferisce allo spazio della città, il limes corrisponde alla spazialità dell’impero. Limes deriva da limus, “trasversale, obliquo”, il cui verbo significa “piegare”. Mentre il finis descrive una linea, il limes configura una zona, in cui tra interno ed esterno e tra ordine e disordine prevale la continuità e il contatto5. Si potrebbe obiettare che il limes più celebre del mondo romano, quello di Adriano in Britannia, è una muraglia di natura difensiva. Eppure, gli studiosi di storia romana concordano non solo nel sottolineare la permeabilità e la provvisorietà del vallo di Adriano, ma anche sul fatto che esso non rappresenta affatto, come spesso è denominato, il “confine” settentrionale dell’Impero.

  • 6 Cfr. Cacciari, 1997.

5Non può essere quello del confine il dispositivo spaziale dell’impero. L’impero è sconfinato, nessuna potenza concorrente lo limita dall’esterno; si espande fin dove si estende l’orbis6. Il limes è una strada militare fortificata (uno dei significati di limes è proprio “strada”), che avanza nel barbaricum e si arresta solo a fini strategici e di organizzazione interna, come è il caso del vallo di Adriano: non rappresenta un “limite” (limen) né tantomeno demarca un confine. Sarebbe opportuno, pertanto, tradurre limes con “frontiera” —e vengo qui al secondo termine che comporta un uso diverso del dispositivo spaziale che sto analizzando—. Nonostante la gran parte delle lingue moderne abbia due termini distinti per indicare il confine, raramente la distinzione è tanto netta come in latino; finis e limes, anche soltanto a livello topografico, hanno significati sostanzialmente diversi: linea e zona. Rispetto alla fissità e stabilità topografica del finis, il limes è un fronte mobile che avanza in terre indeterminate e foriere di pericoli, che presuppone una differenza qualitativa tra l’ordine politico-giuridico che sta al di qua del limes e il disordine del barbaricum. Stavolta, a differenza del finis, la dissimmetria tra interno ed esterno non definisce esclusivamente lo spazio e la forma di vita al di qua della linea, bensì si ripercuote sulle popolazioni e sulle forme di vita da entrambe le parti del limes. Ne consegue che il limes non ha uno statuto difensivo come il finis, bensì tale dissimmetria spinge a muovere alla conquista di nuove terre. Inoltre, poiché presuppone la differenza qualitativa tra il cittadino e il barbaro, l’avanzata militare implica anche un processo di civilizzazione (mediante la giurisdizionalizzazione). Al contempo, tuttavia, sebbene tenga ferma tale differenza qualitativa, il movimento del limes-frontiera produce una zona di indistinzione tra interno ed esterno, una zona di contatto tra civiltà e barbarie, uno spazio di ibridazione e contaminazione (anche in senso medico, come vedremo).

6Il significato di frontiera, erede del latino limes, è andato progressivamente a coincidere con quello di confine. Tale ridursi della zona alla linea è un fenomeno moderno e corrisponde all’affermarsi in Europa, con la pace di Westfalia (1648), della forma politica dello Stato. Il confine moderno presuppone che siano almeno due gli ordini politici che si riconoscono la sovranità su un dato territorio. È evidente nell’italiano “confine”, dove al finis latino si aggiunge il “cum”. Insomma, se l’impero ha ai propri margini frontiere, lo Stato ha confini.

3. Prima e dopo lo Stato

7Per comprendere quanto propriamente moderna sia l’invenzione del confine, consideriamo quale è la situazione geopolitica e giuridica precedente all’affermarsi dello Stato, su quale complessità il dispositivo del confine interviene. Il finis definisce una linea retta e dritta, che semplifica il rapporto fra dentro e fuori. La linea di confine dello Stato arriva a portare ordine alla situazione di disordine che la modernità eredita dal medioevo, dove, a livello giuridico, il territorio europeo era frammentato in ordini diversi e in una miriade di soggetti giuridici autonomi: i principati, le corone, le chiese, i chiostri, i monasteri, le signorie, i castelli, le università. Ci sono insomma una pluralità di fonti di potere e di autorità, le cosiddette potestates indirectae, in conflitto tra di loro. Le forme politiche di organizzazione dello spazio ereditate dall’antichità, impero e città, configurano ormai un dualismo irriducibile.

  • 7 Cfr. Farinelli, 2009.

8All’epoca, la visione imperiale corrispondeva alla cristianità; le mappae mundi del tempo rappresentano il mondo abbracciato dalla figura del cristo che lo sovrasta: è quindi il cristianesimo a farsi erede dell’idea imperiale romana, a farsi “ecumene”. Diverse sono invece le prerogative politiche e giuridiche delle città. Questo conflitto permanente tra forme e fonti diverse di potere e autorità ha contrassegnato con guerre sanguinose il passaggio dal medioevo alla modernità. La modernità geopolitica si fa pertanto portatrice di un’esigenza di semplificazione di tale complessità. Nel pensiero politico del tempo, sono Jean Bodin in Francia e Thomas Hobbes in Inghilterra a teorizzare la sovranità dello Stato quale fonte unica e unitaria del potere. Tale trasformazione è possibile riscontrarla esemplarmente nel cambiamento che si consuma nella raffigurazione dello spazio geografico sulle mappe. Sulla scorta degli studi di Franco Farinelli7, emerge come nelle mappe precedenti alla formazione degli Stati —quelle che descrivono le forme politiche dell’impero e della città— l’elemento qualitativo prevalga su quello quantitativo, l’elemento simbolico su quello della proporzione e della misura. Elemento simbolico è —come anticipato— il cristo che abbraccia il mondo cristiano; elementi simbolici sono pure i mostri e le fiere che compaiono al di là delle frontiere dell’impero. Già nelle mappe dell’impero romano, al di là del limes imperiale, campeggia la scritta “hic sunt leones”: qui ci sono i leoni, ovvero si apre uno spazio indeterminato, indefinito, informe, popolato da fiere, mostri e barbari. Con la modernità, invece, al criterio del limes, che nella mappatura del mondo contempla il fantastico, subentra il criterio semplificante, regolante e misurabile —“cartesiano”, direi— della linea, del finis. Già prima della pace di Westfalia che riconosce lo Stato quale unica forma politica legittima, la pace di Augusta del 1555 afferma il principio del “cuius regio eius religio”: non c’è più un solo cristo che abbraccia il mondo intero, ma ogni sovranità stabilisce la religione da professare nel rispettivo territorio. Questo processo tutto moderno di progressiva chiarificazione e definizione di confini netti si compie soltanto nel xviii secolo, in pieno Illuminismo: è soltanto allora che, nelle mappe, si afferma definitivamente la geometria della linea di confine, quando al di là del confine di uno Stato non ci sono né mostri né barbari, bensì un altro Stato. Siamo appunto nell’Illuminismo e la mappa ne rispecchia il processo di rischiaramento, razionalizzazione e geometrizzazione —i mostri e le fiere spariscono nell’oscurantismo medioevale—.

9Lo stesso processo si riscontra sul piano della soggettività, nella produzione del nuovo soggetto politico. Il nuovo soggetto politico —il cittadino dello Stato— conosce il medesimo processo di semplificazione e definizione: la sua soggettività è determinata dall’appartenenza univoca e unilaterale al territorio dello Stato delimitato da linee di confine. Ciò rappresenta una grande novità rispetto all’epoca precedente, quando il soggetto era mobile, migrante. Da soggetto di frontiera, diventa ora soggetto di confine. La migrazione —fino al medioevo la norma— diventa l’eccezione. La soggettività politica e giuridica a cui siamo abituati si determina con la costituzione dello Stato, mentre nella storia europea il soggetto migrante ha una storia ben più lunga ed è tutt’altro che un fenomeno recente.

4. La frontiera europea nella modernità

  • 8 Cfr. Foucault, 2005: 49-69.
  • 9 Elden, 2013: 322-323 (tr. it. mia).
  • 10 Foucault, 2005: 44.

10Se sul piano politico, con la formazione dello Stato e del soggetto politico moderno, assistiamo all’affermarsi del dispositivo del confine, il dispositivo della frontiera ci consente invece di comprendere fenomeni di altra natura, che pure caratterizzano l’Europa tra xvii e xviii secolo. In questo caso, mi avvalgo dell’analisi che Michel Foucault fornisce in Sicurezza, territorio, popolazione8. Negli stessi decenni in cui lentamente prendeva forma lo Stato, l’Europa è stata flagellata da terribili epidemie e, al contempo, ha conosciuto la prima grande crisi economica della modernità, causata dalla scarsità di cereali per il fabbisogno della popolazione. Pertanto, parallelamente al definirsi della sovranità statale, le epidemie e le carestie si presentano come fenomeni di sconfinamento, che ignorano i confini degli Stati. Per definire la soggettività che è interessata dalle epidemie e dalle carestie, rifacendosi ai trattati politici del tempo, Foucault usa il termine “popolazione”. Mentre il popolo resta vincolato al rapporto esclusivo con il potere sovrano che, in cambio della sudditanza, gli garantisce pace e sicurezza, la popolazione è il prodotto di tecnologie di governo che ne configurano la soggettività in base a criteri di misura e controllo del tutto peculiari. Sono “misura e controllo” che tra l’altro definiscono la nozione moderna di “territorio”, che —stando alla ricostruzione proposta da Stuart Elden sulla scorta di Foucault— risale proprio al xvii-xviii secolo: «Il territorio dovrebbe essere compreso [...] come un insieme di tecnologie politiche. Il territorio non è semplicemente terra (land), nel senso politico-economico dei diritti d’uso, appropriazione e possesso collegati a un luogo, né è una questione strettamente politico-strategica, più prossima alla nozione di terreno (terrain). Il territorio comprende tecniche per la misurazione della terra e il controllo del terreno. Misura e controllo —il tecnico e il legale— richiedono di essere pensati insieme a terra e terreno»9. Se il territorio definisce il popolo secondo forme di misura e controllo esercitate sul piano “legale” dal potere sovrano, è invece sul piano “tecnico” che il territorio misura e controlla la popolazione, che inizia così a configurare una soggettività differente, che non esclude e anzi comprende al suo interno il popolo stesso. Eppure, come evidenzia Foucault, allora come oggi, il popolo considera la sua soggettività politica irriducibile alla popolazione e rivendica prerogative sue proprie: «Rispetto alla gestione della popolazione, il popolo si comporta come se non facesse parte di questo soggetto-oggetto collettivo, come se si mettesse al di fuori della popolazione»10.

11Le condotte della popolazione non sono dettate dal comando sovrano, ma sono altre le forme di governo che devono disciplinarle, quelle della “governamentalità”. Nel combinarsi e integrarsi con le misurazioni “tecniche” della demografia e della statistica, la medicina e l’economia assurgono a saperi privilegiati a cui è affidato il trattamento della popolazione. Certo, sono saperi e pratiche di governo ancora sottoposti al potere sovrano e al rispetto dei confini, ma proprio in quel passaggio d’epoca cominciano a diventare di frontiera e a proiettarsi su dimensioni tendenzialmente “globali”. In economia, alla dottrina fisiocratica —che attribuisce alla terra, all’agricoltura, la fonte primaria di ricchezza— subentra il mercantilismo, che incentiva invece le esportazioni commerciali e pertanto si avvale del dispositivo della frontiera. Altrettanto di frontiera deve essere quella medicina chiamata a disciplinare le condotte individuali e collettive per tenere sotto controllo fenomeni di sconfinamento come le epidemie. Economia e medicina si rivolgono pertanto a una popolazione che travalica i confini statali e riproduce così il soggetto di frontiera. È la popolazione, in un certo senso, il soggetto di quella globalizzazione ante litteram prodotta dalle epidemie e dalle carestie. Ed è proprio a quell’epoca che Foucault fa risalire la prima articolazione di un’arte di governo, quella della governamentalità, che, quando arriva poi a contendere la prerogativa politica alla sovranità, assume il nome di biopolitica.

  • 11 Marx, Engels, 1970: 107.
  • 12 Cfr. Gentili, 2018.
  • 13 Marx, 2012: 272 (tr. it. mod.).

12Il nesso che Foucault riscontra nella prima modernità tra crisi economica ed epidemia trova una significativa conferma nel Manifesto del partito comunista di Karl Marx e Friedrich Engels. Marx ed Engels definiscono infatti la crisi economica —per l’esattezza, le “crisi commerciali”— un’epidemia; la crisi economica del sistema capitalistico si diffonde infatti come un’epidemia: «Nelle crisi scoppia un’epidemia sociale che in tutte le epoche anteriori sarebbe apparsa un assurdo: l’epidemia della sovrapproduzione. La società si trova all’improvviso ricondotta a uno stato di momentanea barbarie; sembra che una carestia, una guerra generale di sterminio le abbiano tagliato tutti i mezzi di sussistenza»11. L’analogia tra crisi ed epidemia non è affatto casuale, basti pensare che fino alla fine del Settecento “crisi” era un termine prettamente medico. È infatti nella sua accezione medica che entra nel lessico economico12. Questo nesso lo possiamo riscontrare ancora oggi, quando si parla di “contagio” per definire il diffondersi incontrollabile della crisi economica. Come fosse appunto un’epidemia. E ancora, restando a Marx, stavolta nei Grundrisse, si legge: «La tendenza a creare il mercato mondiale è data immediatamente nel concetto del capitale stesso. Ogni confine (Grenze) si presenta come un ostacolo (Schranke) da superare»13. Ogni confine tra Stati (Grenze) rappresenta dunque un ostacolo (Schranke) da superare per creare il “mercato mondiale”. Il capitale si muove, avanza secondo il dispositivo della frontiera e non si arresta certo dinanzi al confine. Insomma, contemporaneamente alla fissazione, alla semplificazione, alla chiarificazione dei confini tra gli Stati, e quindi alla regolamentazione politica della guerra tra Stati, su un altro piano comincia a riconfigurarsi quel dispositivo della frontiera che quegli stessi confini trasgredisce.

5. La frontiera americana

  • 14 Turner, 1959: 6.
  • 15 Ibidem: 6.
  • 16 Ibidem: 31.
  • 17 Sulla differenza dei paradigmi politico-spaziali rappresentati dagli elementi della terra e del mar (...)

13Il dispositivo della frontiera ha assunto anch’esso una sua propria dimensione territoriale in epoca moderna, caratterizzando l’esperienza della nascita di una nazione quale gli Stati Uniti d’America. Mi rifaccio al più noto storico —e apologeta— della frontiera americana: Frederick Jackson Turner. Il suo The Frontier in American History del 1920 è sì utile a ricostruire la storia della “conquista del West”, ma è fondamentale per comprendere lo spirito della frontiera americana e come questa abbia segnato indelebilmente l’immaginario di un’intera nazione, fino a oggi. Nel definire la frontiera americana, Turner ripropone la distinzione rispetto al confine, che caratterizzava all’epoca la topografia europea: «La frontiera americana si distingue nettamente da quella europea, che è una linea di confine fortificata che corre attraverso terre densamente abitate. La cosa più significativa della frontiera americana è che è posta proprio al limite dei territori aperti all’espansione e alla conquista»14. La frontiera americana, dunque, non è lineare come il confine ed è mobile, protesa costantemente alla conquista; altri due elementi, che Turner evidenzia, concorrono in modo altrettanto decisivo a individuarne la peculiarità: «In quest’avanzata, la frontiera è la cresta, la lama acuta dell’onda, il punto d’incontro tra barbarie e civiltà»15. Per un verso, la frontiera americana, come il limes romano, è a contatto con il barbaricum, i cosiddetti “indiani”, la cui conquista è promossa anche come opera di civilizzazione, che presuppone una differenza qualitativa tra una parte e l’altra della frontiera. Per l’altro verso, la metaforica della frontiera è marittima piuttosto che terrestre. Le sconfinate praterie del West sono il Mediterraneo delle origini della civiltà europea: «Ciò che il Mediterraneo rappresentava per i Greci, perché recideva i legami della consuetudine, offriva nuove esperienze e suscitava istituzioni e attività, questo, e qualcosa di più, ha rappresentato direttamente per gli Stati Uniti, e più remotamente per le nazioni d’Europa, la frontiera nel suo avanzare e nel suo conseguente restringersi»16. Il mare rappresenta l’elemento opposto della terra: è s-confinato e s-misurato. Una volta che la sua dinamica si svincola dal territorio statuale, la sua fluidità diventa prerogativa del libero commercio, la cui funzione di civilizzazione può anche prescindere dal radicamento sulla terra e dalla conquista territoriale17.

  • 18 Turner, 1959: 5.
  • 19 Schmitt, 1991: 385.

14La frontiera americana non può pertanto fissarsi, irrigidirsi in una linea di confine con la conquista definitiva del West, quando nel 1890 un bollettino ufficiale riporta: «Fino al 1880 incluso, il paese aveva una frontiera di colonizzazione provvisoria, ma ora l’area non colonizzata è stata lottizzata sì che si può appena parlare di linea di confine»18. Carl Schmitt non si è lasciato sfuggire la portata di questo passaggio d’epoca nella storia americana e, in generale, nella storia di ciò che con la dottrina Monroe (1823) si è cominciato a definire “emisfero occidentale”: «Nel medesimo tempo in cui si iniziava in politica estera l’imperialismo degli Stati Uniti, la situazione interna statunitense vedeva invece terminata l’epoca della sua novità. [...] Già attorno al 1890 cessò negli Stati Uniti la libertà di conquista interna e si era conclusa la colonizzazione del territorio che era stato fino ad allora libero. [...] Fino ad allora era esistito anche l’abitante tipico di questa linea di confine, chiamato frontier: colui che poteva spostarsi dal territorio colonizzato al territorio libero. Ma ora, assieme al territorio libero cessava anche la libertà fino ad allora esistente. [...] Leggi che limitavano l’immigrazione e che stabilivano discriminazioni in parte di tipo razziale, in parte di tipo economico, chiusero le porte dell’antico asilo della libertà illimitata»19. Schmitt definisce “libere” le terre al di là della frontiera poiché non corrispondevano al territorio di uno Stato, e dunque i Nativi americani non erano nemmeno considerati alla stregua di una popolazione, quindi non degni neanche di menzione.

  • 20 Turner, 1959: 31.
  • 21 Schmitt, 1991: 387.

15In effetti, la conquista “territoriale” del West, la definizione del confine statuale, non ha rappresentato l’esaurirsi della spinta della frontiera americana. La differenza con il confine resta irriducibile, ne era ben consapevole Turner, che, in tempi non sospetti, ha di fatto profetizzato l’espansione della frontiera americana oltre i confini degli Stati Uniti: «Sarebbe un profeta ben imprudente chi asserisse che il carattere espansivo della vita americana sia ora interamente cessato. Il movimento è stato il fattore dominante, e, se questo allenamento non ha effetto su un popolo, l’energia americana chiederà continuamente un campo più vasto per esercitarsi»20. L’ampliamento del raggio di azione della frontiera americana comporta il suo passaggio definitivo all’elemento marittimo. La globalizzazione può essere un fenomeno leggibile alla luce dell’esperienza della frontiera, dell’espansione —per usare l’espressione con cui Turner definisce la dimensione extra-territoriale e simbolica della frontiera americana— del suo “state of mind”: è questa la forma specifica dell’imperialismo americano, del suo s-confinamento di natura prettamente marittima ed economica, che infatti non ha assunto la forma territoriale del colonialismo europeo. Lo stesso Schmitt coglie la natura economica dell’imperialismo americano, che emerge in seguito alla fine dell’esperienza territoriale —e pertanto per Schmitt eminentemente “politica”— della frontiera americana: «Nella separazione tra politica ed economia risiede realmente la chiave per chiarire la contraddizione tra presenza e assenza, in cui deve incorrere il nuovo mondo [...] quando cerca di conciliare presenza economica e assenza politica e di continuare l’ideologia della precedente libertà, benché la situazione non sia più quella di prima»21.

6. Soggetto di confine/Soggetto di frontiera

  • 22 Cfr. Mezzadra, Neilson, 2014.
  • 23 Nell’espansione e autoregolamentazione delle frontiere del mercato globale, svolge un ruolo partico (...)

16Fatta chiarezza sui termini che di volta in volta definiscono il dispositivo che regola il rapporto tra interno ed esterno, tra dentro e fuori, tra inclusione ed esclusione, vengo ora a come tale dispositivo funziona oggi, nella situazione politica attuale, in Europa e non solo. Oggi assistiamo secondo me non semplicemente a una compresenza, ma addirittura a una sovrapposizione di frontiere e confini. Quando si parla di sconfinamento del capitale, di mercato mondiale, si ha a che fare in realtà con una frontiera che avanza: le frontiere del capitale22. Quando si parla dei flussi migratori attraverso gli Stati, non si ha certo a che fare con cittadini appartenenti a questo o quel popolo, ma di flussi della popolazione globale. I migranti sono fuori-legge dal punto di vista dello Stato, in quanto hanno sconfinato; sono tuttavia soggetti di frontiera e il trattamento che subiscono ricorda quello delle popolazioni descritte da Foucault durante le epidemie e le carestie —nei centri in Europa dove sono “confinati” i migranti, è evidente come tale trattamento sia pienamente biopolitico—. L’esempio dei migranti potrebbe tuttavia lasciar intendere che quella della popolazione sia una condizione che non riguardi ad esempio i popoli europei. E invece ogni popolo è attraversato dalla popolazione; anche in quanto membri di una cittadinanza radicata su un territorio statale si è individualmente anche parte della popolazione, nel momento in cui la forma di vita non è determinata esclusivamente dall’appartenenza politica e dal rispetto formale delle leggi, ma lo è altrettanto da istanze globali di condotta, che siano di natura medica (tra l’altro, stiamo oggi facendo esperienza del ritorno delle epidemie se non proprio delle pandemie) o di natura economica. La nostra soggettività non è più definita dall’immobilità del soggetto moderno stabilita dai confini lineari dello Stato nazione; è sì radicata sul territorio statale dalla cittadinanza, ma al contempo è mobile perché condizionata dalle frontiere del mercato globale23: lo stesso mercato del lavoro ci rende soggetti in costante stato di mobilità o comunque potenzialmente mobili, per reperire sul mercato quelle possibilità di sopravvivenza che la “carestia” sul territorio statale fa scarseggiare. Stando a questa condizione di soggettività di frontiera, si produce una domanda di chiarimento, di stabilità, di sicurezza, di controllo, di ordine; si riproduce l’esigenza di una linea stabile e dritta. Ecco dunque il ritorno del confine, la linea di confine resta sulla mappa degli Stati, ma evidentemente non è percepita altrettanto nettamente nelle esistenze delle forme di vita all’interno degli Stati, fossero pure quelle di cittadini pienamente riconosciuti all’interno dell’ordine politico-giuridico.

  • 24 Per definire nel contesto geopolitico attuale il fenomeno della fortificazione dei confini mediante (...)
  • 25 Cfr. Quétel, 2013.
  • 26 Sulla crisi e la persistenza delle spazialità politiche della modernità nell’epoca della globalizza (...)
  • 27 Cfr. Brown, 2013.
  • 28 Nella sua storia della nozione di “territorio”, Charles S. Maier rileva che, rispetto alla modernit (...)

17Sul piano geopolitico questa domanda di confini netti e rigidi si materializza nella costruzione di muri24. Basti pensare che oggi, rispetto alla caduta del muro di Berlino nel 1989, si sono costruiti ovunque nel mondo più di ottanta nuovi muri e altri sono in via di progettazione e costruzione25. Non soltanto al confine fra Stati, ma anche dentro le città. Che tipologia di muro rappresentano, si possono considerare questi muri alla stessa stregua del muro di Berlino, assolvono a quella stessa funzione? Sono quindi muri di confine come in realtà lo era il muro di Berlino, la cortina di ferro? Pur non essendo al confine tra Stati, il muro di Berlino rappresentava comunque un confine fra due ordini politici e ideologici che tutto sommato si riconoscevano reciprocamente. Il muro di Berlino è quel confine che ha segnato la fine della modernità26. Non credo si possa parlare di questi nuovi muri come muri di confine, sono piuttosto muri di frontiera. Infatti, questi muri fortificano quella differenza qualitativa tra dentro e fuori, tra interno ed esterno, tra inclusione ed esclusione, che caratterizzava il limes romano e la frontiera. Ad esempio, il muro tra Stati Uniti e Messico, innalzato da Bush e poi consolidato da Trump, non è un muro tra Stati, non è stato eretto dagli Stati Uniti contro lo Stato messicano e i suoi cittadini, bensì per far fronte alla moltitudine di potenziali migranti provenienti dal Sud. È un muro che fa fronte contro una popolazione indeterminata e indefinita. Hic sunt leones: tornato le fiere, i mostri, i barbari, gli indiani. Questi muri di frontiera hanno la funzione di stabilire e fissare una differenza qualitativa, invalicabile, fra chi sta da una parte e chi sta dall’altra parte del muro, tra soggetto di confine e soggetto di frontiera, tra popolo e popolazione. Esprimono platealmente la nostalgia per il soggetto immobile, stabile, sicuro27. Sono muri di frontiera nostalgici del confine. Ma tale esigenza di semplificazione solo apparentemente chiede un rafforzamento dello Stato e della sua sovranità; in realtà chiede una fissazione identitaria delle differenze tra le forme di vita: economiche, di genere, razziali, religiose. Il muro rappresenta un criterio chiaro e saldo di decisione28: il confine, dentro o fuori. Ma a essere oggi in crisi non è tanto il dispositivo del confine, quanto quel soggetto politico moderno quale depositario della decisione sul confine.

Torna su

Bibliografia

Ballif, F., Rosière, S. (2009). Le défi des «teichopolitiques». Analyser la fermeture contemporaine des territories, «L’Espace Géographique», XXXVIII, 3: 193-206.

Benveniste, É. (2001). Rex, in Id., Il vocabolario delle istituzioni indoeuropee (1969), tr. it. vol. II, Torino, Einaudi, 291-296.

Brown, W. (2013). Stati murati, sovranità in declino (2010), tr. it. Roma-Bari, Laterza.

Cacciari, M. (1997). Il mito della «civitas augescens», «Il veltro», XLI, 2-4: 161-169.

Elden, S. (2013). The Birth of Territory, Chicago-London, The University of Chicago Press.

Farinelli, F. (2009). La crisi della ragione cartografica, Torino, Einaudi.

Foucault, M. (2005). Sicurezza, territorio, popolazione. Corso al Collège de France (1977-1978) (2004), tr. it. Milano, Feltrinelli.

Foucault, M. (2006). Il gioco di Michel Foucault (1977), tr. it. in Id., Follia e psichiatria. Detti e scritti (1957-1984), Milano, Raffaello Cortina, 155-191.

Galli, C. (2001). Spazi politici. L’età moderna e l’età globale, Bologna, Il Mulino.

Gentili, D. (2018). Crisi come arte di governo, Macerata, Quodlibet.

Grappi, G. (2016). Logistica, Roma, Ediesse.

Maier, C. S. (2019). Dentro i confini. Territorio e potere dal 1500 a oggi (2016), tr. it. Torino, Einaudi.

Marx, K. (2012). Lineamenti fondamentali di critica dell’economia politica (Grundrisse) (1857-1858), tr. it. Roma, Manifestolibri.

Marx, K., Engels, F. (1970). Manifesto del partito comunista (1848), tr. it. Torino, Einaudi.

Mezzadra, S., Neilson, B. (2014), Confini e frontiere. La moltiplicazione del lavoro nel mondo globale (2013), tr. it. Bologna, Il Mulino.

Quétel, C. (2013). Muri. Un’altra storia fatta dagli uomini (2012), tr. it. Torino, Bollati Boringhieri.

Rykwert, J. (2002). L’idea di città. Antropologia della forma urbana nel mondo antico (1976), tr. it. Milano, Adelphi.

Schmitt, C. (1991). Il nomos della terra nel diritto internazionale dello «jus publicum Europaeum» (1974), tr. it. Milano, Adelphi.

Schmitt, C. (2002). Terra e mare. Una riflessione sulla storia del mondo (1954), tr. it. Milano, Adelphi.

Sferrazza Papa, E. C. (2017). Teoria del muro. L’articolazione materiale del potere, «Rivista di Estetica», 65, 2: 155-176.

Sferrazza Papa, E. C. (2019). Modernità infinita. Saggio sul rapporto tra spazio e potere, Milano-Udine, Mimesis.

Sordi, M. (a cura di) (1987). Il confine nel mondo classico, Milano, Vita e pensiero.

Turner, F. J. (1959). La frontiera nella storia americana (1921), tr. it. Bologna, Il Mulino.

Torna su

Note

1 Cfr. Foucault, 2006.

2 Benveniste, 2001: 295.

3 Ibidem: 295-296.

4 Cfr. Rykwert, 2002.

5 Cfr. Sordi, 1987.

6 Cfr. Cacciari, 1997.

7 Cfr. Farinelli, 2009.

8 Cfr. Foucault, 2005: 49-69.

9 Elden, 2013: 322-323 (tr. it. mia).

10 Foucault, 2005: 44.

11 Marx, Engels, 1970: 107.

12 Cfr. Gentili, 2018.

13 Marx, 2012: 272 (tr. it. mod.).

14 Turner, 1959: 6.

15 Ibidem: 6.

16 Ibidem: 31.

17 Sulla differenza dei paradigmi politico-spaziali rappresentati dagli elementi della terra e del mare, si veda ovviamente Schmitt, 2002.

18 Turner, 1959: 5.

19 Schmitt, 1991: 385.

20 Turner, 1959: 31.

21 Schmitt, 1991: 387.

22 Cfr. Mezzadra, Neilson, 2014.

23 Nell’espansione e autoregolamentazione delle frontiere del mercato globale, svolge un ruolo particolarmente importante la cosiddetta “rivoluzione logistica”, cfr. Grappi, 2016.

24 Per definire nel contesto geopolitico attuale il fenomeno della fortificazione dei confini mediante la costruzione di muri, i geografi Florine Ballif e Stéphane Rosière hanno coniato l’espressione teichopolitique, in cui si utilizza il termine greco (teichos), che indica il muro di cinta della polis. Cfr. Ballif, Rosière, 2009. Una convincente analisi filosofica del fenomeno la si trova in Sferrazza Papa, 2017.

25 Cfr. Quétel, 2013.

26 Sulla crisi e la persistenza delle spazialità politiche della modernità nell’epoca della globalizzazione, si veda Galli 2001; più di recente, cfr. Sferrazza Papa, 2019.

27 Cfr. Brown, 2013.

28 Nella sua storia della nozione di “territorio”, Charles S. Maier rileva che, rispetto alla modernità, oggi «spazio identitario e spazio decisionale tendono ormai a divergere». Maier, 2019: 6.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Dario Gentili, «Hic sunt leones. Confine/Frontiera: Genealogia politica di un dispositivo spaziale»Teoria politica. Nuova serie Annali, 10 | 2020, 235-246.

Notizia bibliografica digitale

Dario Gentili, «Hic sunt leones. Confine/Frontiera: Genealogia politica di un dispositivo spaziale»Teoria politica. Nuova serie Annali [Online], 10 | 2020, online dal 01 décembre 2020, consultato il 26 janvier 2021. URL: http://journals.openedition.org/tp/1262

Torna su

Autore

Dario Gentili

Università Roma Tre, dario.gentili@uniroma3.it

Torna su

Diritti d'autore

Teoria politica

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search