Navigazione – Mappa del sito

HomeNuova serie10Saggi | EssaysLa «democrazia immediata»: prospe...

Saggi | Essays

La «democrazia immediata»: prospettive a confronto

Immediate Democracy. Comparing Perspectives
Antonio Campati
p. 297-315

Abstract

The expression «immediate democracy» is used according to multiple meanings, for example: to indicate a peculiar feature of populist policy; to describe Internet as a mean to increase citizen participation; to define a consequence of the crisis of intermediate bodies. Its origin is ancient and the aim of this essay is to compare some variations of this expression. The starting point are the positions expressed during a well-known debate on institutional reforms that took place in Italy in the 1980s. In a second moment, we focus on a position which emerged during the same years and which sought to combine the request for «immediacy» within the logic of representative democracy, therefore without weakening the forms of classical mediation. Following, we recalled some positions of the most recent debate, which identify a crucial element of «immediate» contemporary democracy in the disintermediation. As will be seen, these meanings differ, at least, for three aspects: the role they reserve for parties, citizens and government. Within the frame that defines each model of «immediate democracy», these three subjects are supposed according to a specific declination: are parties crucial for political mediation? Is the citizen «arbiter» of immediate politics? Should the government be «strengthened» or is it in balance with parliament? The answer to these questions confirms the hypothesis that it is not possible to assume the expression «immediate democracy» in a univocal way; and, at the same time, it confirms the importance of the attention to the transformations of representative democracy in the «intermediate space», but above all that «immediacy» is a polysense term, with an increasingly number of problems.

Torna su

Testo integrale

1. Introduzione: rapidità e lentezza

  • 1 Bobbio, 1984; ed. 2010: 18. Per una ricostruzione della genesi degli ordini intermedi, si veda Id.,(...)
  • 2 Bobbio, 1984; ed. 2010: 18-19.
  • 3 Urbinati, 2015: 477-486. Scrive Geminello Preterossi che «l’inaridirsi degli spazi di partecipazion (...)

1Nell’ormai classico Il futuro della democrazia, Norberto Bobbio nota come nonostante la «dottrina democratica» abbia immaginato «uno stato senza corpi intermedi», in realtà negli stati democratici si sia verificato esattamente l’opposto: «soggetti politicamente rilevanti sono diventati sempre più i gruppi, grandi organizzazioni, associazioni della più diversa natura, sindacati delle più diverse professioni, partiti delle più diverse ideologie, e sempre meno gli individui»1. In effetti, se il modello ideale della società democratica tende a una «società centripeta», nelle democrazie contemporanee si è strutturata una «società centrifuga», che non ha un solo centro di potere, ma molti cosí da essere indicata come «policentrica o poliarchica»2. Da quando —all’inizio degli anni Ottanta— Bobbio sottolinea questa difformità tra ciò che si era immaginato di costruire e ciò che si è concretizzato, non poco è cambiato nelle democrazie occidentali. Più recentemente, all’interno dell’estenuante dibattito sulla «crisi» della democrazia rappresentativa, diversi osservatori denunciano una vera e propria «rivolta contro i corpi intermedi», proprio contro quei soggetti che la strutturano e che oggi appaiono «ostacoli» al suo effettivo funzionamento3.

  • 4 Cuono, 2016: 137-155.
  • 5 Ivi: 138. Si vedano anche Cuono, 2015: 305-317 e Pallante, 2020: 72-84.
  • 6 Si vedano, per esempio, Coleman, 2005: 177-198; Biancalana (ed. 2018); Chiodi, 2014: 227-238; Tursi (...)
  • 7 Per un iniziale inquadramento, cfr. Chadwick, 2007: 232-233; Gellman, 1996: 1-8; Stringa, 2017.

2Un così radicale cambiamento è strettamente collegato a una tendenza ormai ben consolidata nelle democrazie occidentali: l’emergere del «mito della politica istantanea», tanto da rendere la rapidità una nozione chiave «per comprendere i processi contemporanei di legittimazione del potere politico, e non solo politico»4. Le ragioni di una simile tendenza sono le più varie, ma tutte collegate al convincimento —in molti casi largamente condiviso dall’opinione pubblica— secondo il quale la rapidità è diventata «una caratteristica fondamentale del “buon governante”, a volte persino al di là della sostanza —o dell’orientamento politico— delle decisioni stesse»5. Com’è facilmente intuibile, tale convincimento determina significative ripercussioni sul sistema della rappresentanza politica, ponendo una particolare enfasi su un concetto, quello di disintermediazione6. Nata inizialmente in ambito economico, questa espressione è diventata una costante nel linguaggio politico, soprattutto per indicare proprio il progressivo indebolimento della funzione dei corpi intermedi —specie a causa delle potenzialità offerte dalle tecnologie informatiche— i quali sono considerati all’origine della lentezza insita nelle forme e nei meccanismi di mediazione7. Per alcuni, quindi, lo scenario che si prospetta davanti ai nostri occhi è quello di una democrazia «immediata», che è tale nelle decisioni da prendere ed è guidata da una leadership forte e riconosciuta, capace di mantenere un contatto «diretto» e costante con il «proprio» elettorato.

  • 8 Ricorda Pierre Rosanvallon che questa espressione è stata impiegata per la prima volta da Condorcet (...)
  • 9 Per esempio, un riferimento imprescindibile è il confronto di questo modello con quello di «democra (...)

3A ben vedere, l’ipotesi di una «democrazia immediata» non corrisponde a un auspicio del tutto inedito8: le più recenti declinazioni registrano sicuramente degli aspetti innovativi, ma guardando al passato, non si fatica a rintracciare l’utilizzo di questa espressione —o comunque dell’idea ad essa sottesa— in vari contesti teorici9. L’intento di questo contributo è proprio quello di mettere in luce come l’espressione «democrazia immediata» possa essere adoperata con differenti accezioni, che solo in parte mantengono un punto in comune con la prospettiva di rafforzamento dell’esecutivo. Il campo di osservazione è ristretto ad alcune fasi di un noto dibattito sulle riforme istituzionali avviatosi in Italia diversi decenni fa. Pertanto, il saggio, in un primo momento, si sofferma (1) sulle riflessioni maturate sia prima che durante i lavori del «Gruppo di Milano», poi (2) su una specifica declinazione di «immediatezza» presente in alcune fasi di questo dibattito, specialmente durante gli anni Ottanta e, infine, (3) sui più recenti nodi teorici emersi nelle analisi sul tema in modo da sottolineare, nella parte conclusiva, (4) gli elementi che evidenziano le differenti accezioni con le quali viene adoperata l’espressione «democrazia immediata».

2. La «democrazia immediata» e il «circuito decisionale organizzatorio»

  • 10 Galeotti, 1967: 123-143, in particolare 124.
  • 11 Cfr. Duverger, 1961. Ma anche Id., 1958.
  • 12 Galeotti, 1967: 128-129.

4Nel suo intervento al primo congresso nazionale di Dottrina dello Stato, tenutosi presso l’Università di Trieste nel 1966 per iniziativa dell’Istituto di Scienze politiche, Serio Galeotti, analizzando la «disfunzione dei partiti» e suggerendo delle considerazioni sulla «riforma del sistema di governo», propone una lettura che affina nel corso degli anni e che, come vedremo, appare più completa circa un decennio dopo, quando la propone in una ricerca dedicata allo studio della Carta repubblicana e all’esposizione di alcuni lineamenti per una «nuova Costituzione». Commentando le affermazioni contenute nella relazione che poco prima aveva tenuto Gianfranco Miglio, Galeotti avanza delle perplessità sulla lettura che quest’ultimo propone sui partiti politici: infatti, riassumendo all’essenziale il ragionamento, se per Miglio i partiti politici sono incapaci per se stessi, per la loro natura, di realizzare le sintesi degli interessi della società —di vasti strati della società— nello Stato, per Galeotti questa posizione si riferisce prevalentemente ad un’esperienza «patologica, scoraggiante, forse degenerata» delle democrazie parlamentari europee perché trascura altre realtà istituzionali, come quelle consolidatesi nelle democrazie del mondo anglosassone10. Per spiegare meglio la sua critica e per argomentare la sua proposta, riprende una schematizzazione di Maurice Duverger che contrappone le democrazie dirette o immediate di natura anglosassone e le democrazie mediate di tipo continentale11. Per lo studioso francese, le democrazie immediate sono tali perché in esse si è ormai stabilizzato il principio per cui il governo —e in particolare il suo capo— trae la sua investitura direttamente dal popolo dopo le elezioni. Pertanto, «chi elegge o licenzia oggi il Governo nelle democrazie più sicure non è dunque più il Parlamento, ma è (ed è questa una applicazione immediata e autentica del principio della sovranità popolare) il popolo come corpo elettorale»: in tal senso, «viene notevolmente ad attenuarsi, e quasi a superarsi, l’antica classificazione che contrappone la forma di Governo presidenziale alla forma di Governo parlamentare»12.

  • 13 Ivi: 128.
  • 14 Ivi: 131. Prosegue Galeotti: «Il popolo non ha qui un rapporto immediato coi governanti, non li sce (...)
  • 15 Ivi: 133.

5Galeotti pone più volte l’accento su questa distinzione perché, secondo il suo ragionamento, la «crisi dei partiti» non risiede «nell’imperfetto funzionamento della processualità democratica interna ai partiti stessi», quanto soprattutto «nell’imperfetto e difettoso funzionamento della processualità democratica» del sistema di governo13. Tant’è vero che, nella situazione italiana dell’epoca, la scelta del governo —vale a dire il momento decisionale politico in cui più tangibilmente si coglie l’esercizio del potere sovrano— «sfuggendo all’elettorato» si incentra principalmente «in quelle infrastrutture costituzionali che sono i partiti, onde, appunto, la giustificazione di quella qualifica che il Duverger propone per il sistema di Governo che funziona nelle democrazie continentali, di democrazia mediata»14. In altri termini, la necessità di ricorrere a continue mediazioni —specialmente nelle mani dei partiti politici, le cui istanze interne risultano «politicamente sovraordinate a quelle statuali poiché attraverso tutto un insieme di meccanismi che si possono analizzare con le tecniche giuridiche [...] detengono in sostanza un autentico jus vitae ac necis sulla futura carriera politica dei parlamentari»— è una delle principali cause della disfunzione del sistema politico italiano dell’epoca. E, per Galeotti, la principale conferma risiede nella condizione di «depotenziamento politico» in cui si trova il popolo come corpo elettorale, «e ciò in contrasto col ruolo di arbitro politico supremo che al popolo stesso compete nelle democrazie dirette o immediate»15. La proposta che avanza è pertanto quella di:

  • 16 Ivi: 138 (corsivo aggiunto).

un rimodellamento, una ristrutturazione del nostro sistema di Governo che, restando nel quadro a noi tradizionale del Governo parlamentare, ma arricchendo sostanziosamente le potenzialità decisionali ed elettive del popolo, sia idonea a produrre sul presupposto di fondo del nostro multipartitismo attuale, un rendimento complessivo che si approssimi il più possibile ad un sistema di Governo simile a quello che si è realizzato in questi ultimi cinquant’anni in Gran Bretagna [...]. In breve si tratterebbe di raggiungere questo risultato: un corpo elettorale che abbia un potere determinante nella scelta del Governo e, correlativamente a questo risultato, un Governo autorevole e stabile in ragione appunto della sua immediata derivazione popolare16.

6La posizione di Galeotti è chiara, specie quando sottolinea la sua preferenza per un più diretto coinvolgimento dei cittadini nella scelta del governo, per un «potenziamento» e per un «arricchimento» delle «potestà elettorali del popolo». Ma tale convinzione è accompagnata dalla preferenza per il mantenimento del sistema parlamentare, ossia per l’introduzione in esso di questi correttivi (nonostante in alcuni passaggi consideri superata la distinzione classica tra le diverse forme di governo).

  • 17 Gruppo di Milano, 1983: XII. La ricerca, diretta da Gianfranco Miglio, è condotta da Giovanni Bogne (...)

7Dopo oltre un decennio, nei primissimi anni Ottanta, Galeotti ha l’occasione di proporre in maniera più completa queste sue argomentazioni partecipando al «Gruppo di Milano», un gruppo di ricerca diretto da Gianfranco Miglio, promotore di uno studio su «Costituzione vigente e crisi del sistema politico: cause ed effetti». L’articolata ricerca, pubblicata nel 1983 con l’emblematico titolo «Verso una nuova Costituzione», aveva l’obiettivo —come sottolinea Miglio nell’«avvertenza» iniziale— di «accertare se e fino a che punto il funzionamento insoddisfacente del sistema politico italiano dipendesse dalla Costituzione entrata in vigore nel 1948 e dai suoi meccanismi istituzionali»17. Infatti, la nota prosegue ricordando che il gruppo «si è impegnato in una serie sistematica di indagini prevalentemente diagnostiche» ma che con il tempo «man mano che l’analisi procedeva, diventava sempre più difficile imputare le disfunzioni a determinati ordinamenti, senza dimostrare che ordinamenti diversi tali disfunzioni avrebbero impedito, o reso molto meno facili. In altre parole, la formulazione delle diagnosi trascinava con sé la proposizione di terapie possibili». Quindi:

  • 18 Ivi: XII-XIII. Corsivo aggiunto. E prosegue: «Nella ricognizione dei rimedî, talvolta il gruppo ha (...)

constatato che, dal punto di vista scientifico, non era né corretto né possibile rifiutare una tale connessione, il gruppo ha fatto regolarmente seguire, ad ogni diagnosi, l’analisi approfondita delle «riforme» fattibili: cioè delle innovazioni che —senza mutare l’ispirazione fondamentale della Costituzione— sembravano, oggettivamente, capaci di renderla più effettuale e rispettata. È questo sostanziale ampliamento dell’obiettivo che ha imposto l’aumento del tempo necessario alla ricerca, e giustifica il titolo dato al volume dall’editore18.

  • 19 Ivi: 348.

8In uno dei capitoli che firma per la ricerca condotta da Miglio —La debolezza del governo nel meccanismo costituzionale. Saggio sulla bassa capacità decisionale del sistema politico italiano— Galeotti riprende ancora una volta la distinzione di Duverger tra «democrazia mediata» e «democrazia immediata», una classificazione che, secondo le sue parole, «distingue le forme di governo riscontrabili nelle democrazie contemporanee non già secondo le tipizzazioni tradizionali di governo presidenziale, parlamentare, direttoriale (basate essenzialmente sui rapporti orizzontali della organizzazione di governo) bensì secondo il criterio (basato sul rapporto verticale) che il governo tragga, o meno, la sua investitura direttamente e immediatamente dal popolo, in sede di elezioni generali»19. Pertanto, chiarisce che:

  • 20 Ibidem (corsivo aggiunto).

chiamiamo perciò democrazie dirette o immediate quelle nelle quali (indipendentemente dalla forma presidenziale o parlamentare) si stabilisce un rapporto diretto e immediato tra la scelta degli elettori e l’investitura dei governanti; e, all’opposto, democrazie mediate quelle nelle quali ciò non avviene, perché il voto degli elettori non è, di norma, capace di addurre immediatamente all’investitura del Governo: questa deriva, infatti, da scelte e decisioni espresse in questo circuito da posizioni e livelli derivati e successivi rispetto a quello del corpo elettorale20.

  • 21 Ivi: 349.
  • 22 Ivi: 349-350.

9Galeotti utilizza questa distinzione per definire le disfunzioni, presenti all’interno del sistema politico-istituzionale italiano, del «circuito organizzatorio» e del «circuito decisionale operativo», ossia delle due fasi che compongono il processo decisionale politico: il primo indica il «circuito primario» corrispondente alla fase dell’organizzazione del governo, mentre il secondo il «circuito derivato» corrispondente alla fase operativa. Nelle democrazie immediate il «circuito decisionale organizzatorio si costituisce e si chiude, sostanzialmente, con la decisione che scaturirà dalle elezioni, anche se la formale investitura seguirà poi con atto del capo dello Stato e/o del Parlamento, o di altre istanze (grandi elettori presidenziali)»21. In tal senso, nelle democrazie immediate «si realizza dunque al tempo stesso il massimo di democrazia in entrata ed in uscita (policy inputs e policy outputs), perché il popolo-corpo elettorale è posto in grado di partecipare direttamente alla scelta tra alternative politiche, ed alla decisione contestuale circa la conferma o il ricambio, il premio o la sanzione del personale politico in carica. Le istituzioni di Governo, all’altro capo del circuito, sono investite del massimo di autorità producibile in un regime democratico, cioè del massimo di autorevolezza»22. In un quadro del genere, il sistema dei partiti è costretto ad aggregare e coordinare le svariate domande espresse dagli interessi sezionali e corporati della società in vista del procedimento elettorale (che si ripropone a scadenza fissa) per proporre una piattaforma programmatica che dopo essere stata scelta dai cittadini diviene il «quadro vincolante di riferimento per l’azione del Governo» durante il suo mandato.

  • 23 Ivi: 352.
  • 24 Ivi: 353.
  • 25 Ivi: 355. In un passaggio successivo, Galeotti spiega inoltre che: «Come risultato di questa separa (...)

10Nelle democrazie mediate, al contrario, la decisione fondamentale circa la scelta del governo e l’adozione dell’indirizzo politico non scaturisce dalle elezioni poiché «il Popolo-corpo elettorale rimane sostanzialmente estraneo al processo», che infatti è in una «posizione liminale» ossia «giunge solo sulla soglia di questo circuito decisionale, regolando l’ingresso dei partiti che saranno legittimati a parteciparvi e determinando il quoziente di forza politica con cui ciascuno di essi potrà eventualmente concorrere in quella decisione»23. Così il potere di «fare il Governo» si concentra nelle mani dei partiti che hanno la possibilità di convergere in una maggioranza in parlamento in modo piuttosto libero, dal momento che escono dalle elezioni «con mandati elettorali largamente in bianco» e poiché «condizionati alle esigenze dei possibili accordi di coalizione, si pongono durante la legislatura, tra gli elettori e il parlamento, come i veri detentori del potere»24. Allo stesso tempo, però, così come hanno la facoltà di «fare» il governo, i partiti detengono anche la possibilità di «disfarlo» quindi di tenere nelle loro mani il «potere della crisi». Una tale facoltà viene garantita ai partiti specialmente dalla forma di governo parlamentare poiché questa non permette al governo «un’accumulazione di autorità, e quindi di prestigio e di influenza, nel giuspatronato politico, cioè nella distribuzione delle rendite politiche»25.

  • 26 Ivi: 367-368. E prosegue: «Di qui il rinvio sistematico [...]. Di qui, ancora, la catena estenuante (...)

11Se queste sono le distinzioni principali che contrappongono i due «tipi» di democrazia nella prima fase del processo decisionale (quella del «circuito organizzatorio») Galeotti ne rileva altrettante quando considera la seconda fase di tale processo, quella cosiddetta del «circuito operativo», ossia delle concrete decisioni che attuano l’indirizzo politico assunto con l’investitura del governo. Un dato su tutti viene messo in evidenza: la completa indipendenza, nelle democrazie immediate, tra il primo circuito e il secondo: il circuito decisionale operativo è, o tende ad essere, istituzionalmente separato ed autonomo rispetto al circuito primario cosicché le difficoltà politiche che inevitabilmente possono sorgere attorno a una particolare decisione, nelle democrazie immediate non influiscono sul circuito organizzatorio, mettendolo in crisi. Al contrario, nelle democrazie mediate i due circuiti sono «in intima connessione e perciò interdipendenza» e dunque il circuito decisionale operativo «scarica a monte, sul circuito organizzatorio, ogni sovraccarico di tensione» e così «su tali incerte basi, il Governo sarà fatalmente portato a rinviare tutte le decisioni che non siano liquide, facili, accette a tutti coloro che contano politicamente, che hanno cioè peso ed influenza in ordine alla stabilità del circuito decisionale politico primario, organizzatorio del Governo»26. Pertanto, specialmente analizzando comparativamente il «circuito organizzatorio» del governo nei casi di democrazia mediata e democrazia immediata, è chiaro che all’interno di quest’ultima c’è unicità e immediatezza di decisione sulla scelta di governo, massimo rendimento nella trasmissione immediata della forza legittimante dal popolo al governo e massima stabilità e certezza di un congruo ciclo operativo. Mentre, specialmente all’interno del sistema politico italiano «mediato», i partiti sono i detentori di un potere per molti versi eccessivo, capace di influenzare i due circuiti in maniera tale da minarne l’autonomia e quindi comprometterne il buon funzionamento.

  • 27 Si pensi, per esempio, all’acceso dibattito attorno al referendum sulla riforma costituzionale tenu (...)
  • 28 Cfr. Maranini, 1958. Ma anche Olivetti, 1949; Pasquino, 1983; Rossi, 2012; Sturzo, 1959.

12La posizione di Galeotti contenuta —come si è ricordato— all’interno di una più ampia e articolata ricerca, è per molti aspetti premonitrice di una serie di analisi sul sistema politico-costituzionale italiano i cui echi sono ancora ben presenti nel dibattito odierno27. Allo stesso tempo, non si deve neppure dimenticare che un numero considerevole di critiche alla forma di governo parlamentare e all’azione dei partiti politici è databile già nei primi anni durante i quali è entrata in vigore la Costituzione repubblicana, quando viene coniata l’espressione «partitocrazia»28. Tuttavia, la prospettiva delineata da Galeotti —riprendendo Duverger— si focalizza sulla necessità di costruire delle garanzie affinché il governo sia nelle condizioni di prendere delle decisioni immediate, che possono essere tali solo se legittimate da un canale diretto tra elettori ed esecutivo, quindi al riparo dalle mediazioni partitiche che inevitabilmente si propongono nella costituzione del governo dentro l’arena parlamentare.

3. La «democrazia immediata» e il «cittadino come arbitro»

  • 29 Ruffilli, 1983, resoconto stenografico: 35. Per un puntuale inquadramento del pensiero di Ruffilli (...)

13Negli stessi anni nei quali viene pubblicata la ricerca diretta da Gianfranco Miglio, un ulteriore contributo a questo dibattito viene offerto da Roberto Ruffilli. L’11 ottobre 1983, intervenendo al Senato durante il dibattito a proposito della costituzione di una Commissione bicamerale per le riforme istituzionali, Ruffilli riprende non pochi argomenti che i fautori di una «democrazia immediata» suggerivano, ma tracciandone una declinazione del tutto particolare. L’analisi dello studioso democristiano parte da una disamina dei problemi derivanti non solo dal funzionamento, ma anche dalla legittimazione della Repubblica democratica —«della prima Repubblica che deve restare l’unica»— minacciata da una «crisi crescente nel rapporto tra i cittadini, i pubblici poteri e i partiti»29. Una delle soluzioni irriducibili per risolvere tale «crisi» è quella di restituire nelle mani del popolo sovrano «la scelta effettiva degli uomini e dei mezzi di governo» attraverso «la riduzione dell’eccesso di mediazione partitica favorito anche da un rigido proporzionalismo» e la necessità «di riportare i partiti alla funzione, insostituibile nella nostra democrazia, di elaborazione di alternative a proposito della politica nazionale». Il disegno riformatore di Ruffilli è abbastanza complesso e articolato perché comporta che l’esecutivo «venga messo in condizioni di avere la necessaria stabilità e durata con la possibilità di decidere», il parlamento «venga messo in grado di assolvere l’indispensabile funzione di controllo» e la magistratura «possa adempiere in modo libero e responsabile i compiti ad essa propri»; inoltre, prevede il «perfezionamento di una Repubblica delle autonomie che dia solidità e razionalità alle forme di democrazia partecipante e di democrazia di base». In altri termini:

  • 30 Ivi: 36 (corsivo aggiunto).

si tratta, alla fine, di adeguare alla realtà in cambiamento del paese una democrazia imperniata sul principio rappresentativo con le necessarie aperture alla democrazia diretta, funzionante sulla base del principio della divisione dei poteri sia a livello orizzontale che a quello verticale, una democrazia in grado di coniugare partecipazione, garantismo e decisione, una democrazia che sappia fare i conti con le spinte, tipiche di questo secolo, verso una democrazia immediata con adeguate forme di personalizzazione del potere e verso una democrazia contrattata al di dentro e al di fuori della politica dei redditi30.

  • 31 Cfr. Elia, 1992, ora in Id., 2009: 429-437, specie 432-435, dove, tra l’alto, Elia sottolinea come (...)
  • 32 Ivi: 37 (corsivo aggiunto).
  • 33 Ivi: 38 (corsivo aggiunto).
  • 34 Capotosti, 1988: 211-220, in particolare 212. Di questo libro si veda anche la recensione di Ornagh (...)

14Ruffilli è ben consapevole delle difficoltà politiche da superare per rendere effettivi fino in fondo simili propositi, che sono evidenti nelle divergenze, tra le varie forze politiche, sulla forma di governo, sulla natura dei partiti, sulla governabilità31. Ma un compito fondamentale che auspica venga attribuito alla costituenda Commissione è quello di creare, attraverso le riforme istituzionali, le condizioni per una riforma dei partiti perché senza una presa di coscienza del suo «rilievo decisivo» non si possono costruire le basi per «dare soluzione a quel malessere sempre più grave che investe il rapporto partiti-istituzioni-paese». Il legame tra riforma delle istituzioni e riforma dei partiti è indispensabile per Ruffilli perché «se la politica del confronto ha un senso, esso è anche quello di contribuire a cambiare, alla fine, gli attori decisivi della nostra democrazia, che sono e si mantengono i partiti»32. Coerentemente con questa impostazione, il senatore democristiano si avvia a concludere il suo intervento fissando un punto fermo della sua proposta, ossia «il mantenimento della forma di governo parlamentare» pur nella consapevolezza che questa «richiede una serie di aggiustamenti e di razionalizzazioni che tengano conto anche delle spinte verso una democrazia immediata con adeguate forme anche di personalizzazione del potere»33. Il progetto di Ruffilli è quello di «comporre la democrazia rappresentativa con la spinta alla democrazia immediata, alla democrazia contrattata ed alla democrazia diffusa» per trovare, in altre parole, il «giusto equilibrio» tra «una forte base di legittimazione ed un corretto potere di controllo che sia capace di attivare, se del caso, le previste forme di responsabilità»34.

  • 35 Ruffilli, 1988: 391-405, in particolare 395.
  • 36 Ivi: 396.

15Pochi anni dopo questo significativo intervento al Senato —persistendo la crisi dei partiti politici, incapaci di «aggregare consenso»— Ruffilli sottolinea ancora una volta la necessità di un «ridimensionamento» della democrazia mediata dai partiti a favore di una democrazia immediata che aumenti la possibilità di decisione effettiva da parte dei cittadini; ma, allo stesso tempo, non nasconde un rischio che potrebbe verificarsi qualora ci si avviasse lungo questa direttrice, ossia quello di scivolare verso forme di «democrazia plebiscitaria» che prevedano la possibilità di deleghe «a personalità ed istituzioni più o meno carismatiche»35. Agli occhi di Ruffilli, in una situazione del genere verrebbe a crearsi una specie di «circolo vizioso» che vede l’opinione pubblica ed i cittadini contestare i limiti della delega concessa ai partiti (e l’uso incontrollato da parte loro della stessa) e, al tempo stesso, auspicare l’attribuzione di deleghe ancor più ampie a soggetti politici istituzionali ancor meno controllabili. In questo modo, il consenso attorno alle prospettive di «una grande semplificazione della democrazia della rappresentanza e dei partiti» verrebbe snaturato, dal momento che si aprirebbe la strada «all’alternarsi di “movimentismo” e di “delega plebiscitaria”» con l’effetto di ridimensionare le possibilità di concreta partecipazione36. Per evitare ciò, propone allora una «riorganizzazione del pluralismo politico, sociale ed istituzionale» e una «razionalizzazione della complessità raggiunta dalla democrazia anche nell’Italia repubblicana». E per farlo suggerisce di individuare «nuovi equilibri fra partiti, che hanno esaurito la funzione di supplenza per lo sviluppo democratico e non riescono più a legittimare la posizione egemone occupata, ed istituzioni e formazioni sociali, che debbono veder riconosciuta la loro autonomia specifica, con il potenziamento dei compiti loro propri».

  • 37 Ivi: 397-398.
  • 38 Ivi: 398. Per una riflessione su queste considerazioni di Ruffilli in relazione a un suo «travolgim (...)
  • 39 Gherardi, 2018: 117. Sottolinea ancora Gherardi che, nonostante le condizioni interne e internazion (...)

16Tali raccomandazioni —prosegue— non ledono affatto i principi della costituzione del 1948, la quale presenta infatti «indicazioni puntuali e potenzialità da sviluppare» che costituiscono il miglior riferimento «per l’adeguamento del sistema dei partiti e dei poteri». L’intento di Ruffilli è chiaramente quello di sottolineare come l’auspicio per un accordo politico che preveda un rapporto dialettico tra un «esecutivo stabile» e un «legislativo saldo» non intacchi la forma costituzionale alla base del patto repubblicano. Specialmente perché —dentro un simile contesto di riforma— al cittadino deve essere ritagliato un ruolo del tutto peculiare, nell’ottica di applicare in modo adeguato il principio di maggioranza, che verrebbe reso efficace dalla possibilità dell’alternanza al governo37. Il cittadino, infatti, deve essere «arbitro ultimo della vita democratica» a partire dalla scelta della maggioranza e del ricambio della stessa, all’interno di una più generale adesione a un «metodo democratico condiviso», che permette di cogliere le potenzialità del principio della sovranità popolare «per la realizzazione di nuovi equilibri tra democrazia rappresentativa e democrazia diretta»38. Tuttavia —com’è stato puntualmente osservato— il cittadino al quale pensa Ruffilli non è «soltanto arbitro asettico e neutrale fra giocatori altri e lontani», bensì «un cittadino per il quale la partecipazione deve divenire sempre e comunque la dimensione di fondo», dove la partecipazione «non si dà una volta per tutte [...] ma va costruita e curata»39.

4. La «democrazia immediata» nell’epoca della disintermediazione

  • 40 Per esempio, per quanto riguarda il contesto italiano, nel 1970, Leopoldo Elia definisce chiarament (...)

17Recentemente l’antica e radicale alternativa proposta da Duverger tra democrazia immediata e democrazia mediata è tornata ancora una volta ad essere utile per comprendere le trasformazioni dei sistemi politici. In verità, nel corso degli anni, la polarizzazione dello studioso francese è stata adottata in diverse occasioni all’interno di più ampie riflessioni sulla democrazia italiana40. Lungo questa scia, è indubbio che ai giorni nostri —come si ricordava già nell’introduzione— gli studi dedicati ai processi di disintermediazione hanno aggiunto un nuovo capitolo al dibattito sulla mediazione politica.

  • 41 Urbinati, 2013: 187. Si veda anche Id., 2015.
  • 42 Ivi: 191-192.
  • 43 Diamanti, 2014: 40. Si veda anche Diamanti, Lazar, 2018: 9, 35, 137, 138.
  • 44 Han, 2013, tr. it. 2015: 29.

18In tal senso, Nadia Urbinati ha posto l’attenzione a più riprese sul «processo di direttezza» in corso nelle democrazie occidentali, che tenta di eliminare le intermediazioni e, soprattutto, «di rendere potenzialmente tutti noi capaci di essere mediatori», determinando così la perdita di legittimità dei corpi intermedi41. Urbinati considera questa mutazione una forma di «democrazia in-diretta» che si contraddistingue per aver messo in moto una reazione «contro la democrazia indiretta» e per aver tentato di costruire agende e reperire informazioni senza professionisti di alcun tipo e, pertanto, di eliminare tutti i corpi intermedi nella dimensione della formazione dell’opinione. Inoltre, la democrazia in-diretta prevede che si possa «riunire l’elettore e il cittadino superando definitivamente la dissociazione sulla quale era nata la finzione della sovranità popolare», facendo di ciascuno di noi «un produttore di comunicazione, un elaboratore di informazioni e un sovrano diretto»42. Altri studiosi, come per esempio Ilvo Diamanti, hanno invece utilizzato proprio l’espressione «democrazia immediata» per descrivere la radicalità di tale cambiamento nell’assetto democratico, dove effettivamente gli elettori «saltano le mediazioni servendosi dei media e dei new media» così da affermare molte «spinte alla dis-intermediazione, promosse dal basso, ad opera di gruppi, movimenti, ma anche singole persone, che entrano nel perimetro della politica attraverso la Rete»43. All’interno di questa cornice, Byung-Chul Han sottolinea come il medium digitale sia un medium di presenza perché la sua temporalità si esaurisce nel «presente immediato»: infatti, la comunicazione digitale si contraddistingue per il fatto che le informazioni vengono prodotte, inviate e ricevute «senza l’intervento di intermediari» e ciò è oggi un fattore dirimente dal momento che «mediazione e rappresentanza vengono interpretate come mancanza di trasparenza e inefficienza, come un ristagno di tempo e informazioni»44.

  • 45 Emilio Gentile chiama questo modello «democrazia recitativa», Gentile, 2016: 205. Si vedano, tra l’ (...)
  • 46 Mancini, 2015: 134-135 e Palano, 2015.
  • 47 Floridia, 2013: 53-73.
  • 48 Urbinati, 2020: 17 e 251. La «democrazia populista» è «il nome di una nuova forma di governo rappre (...)

19Eppure, non bisogna dimenticare che il modello di «democrazia immediata» è considerabile per molti versi come il coronamento di quel processo di presidenzializzazione che ha preso avvio ormai almeno tre, quattro decenni fa (e che trovava nel dibattito sulle riforme istituzionali che si ricordava un terreno per germogliare). Nella versione più recente sembrerebbe allora che gli unici protagonisti siano rimasti il capo e la folla, laddove il primo «è sempre più dotato di potere, l’altra sempre più ridotta a moltitudine votante, plaudente e persino acclamante, ma del tutto priva di influenza sul potere e sulle decisioni del capo»45. Allo stesso modo, la fascinazione per l’immediatezza ha trasformato in profondità anche il protagonista (un tempo indiscusso) della democrazia, ossia il partito politico, che ora è diventato «liquido», senza un’identità ben definita e molto carente nella capacità di mediazione46. Di fronte a una serie così radicale di cambiamenti, non sono mancate le voci di chi denuncia le evidenti criticità derivanti dalla mancanza di «soggetti della mediazione e della rappresentanza», che potrebbe lasciare spazio sulla scena pubblica solamente a «una massa informe di opinioni volatili, contraddittorie, esposte ai venti della demagogia e del populismo»47. Infatti —come sottolinea ancora Urbinati— un simile scenario è anche strettamente legato all’uso massiccio di Internet, che «ha trasformato il pubblico nell’unico attore politico esistente al di fuori delle istituzioni» tanto da facilitare «la rappresentanza diretta da parte del leader» (il quale è in relazione costante e non mediata con il popolo). Tale «rappresentanza diretta» è dunque l’elemento caratterizzante della «democrazia populista», una nuova forma di governo rappresentativo, i cui bersagli principali —come si è più volte ricordato— sono proprio i corpi intermedi (i partiti, i mezzi di comunicazione accreditati e i sistemi istituzionali di monitoraggio e controllo del potere indipendenti dal consenso politico diretto)48.

20Da un certo punto di vista, sembrerebbe che l’auspicio di coloro che desideravano l’instaurazione di un rapporto diretto, e quindi immediato, tra gli elettori e il capo del governo sia stato portato a compimento, seppur a discapito della funzione di mediazione dei partiti. In realtà, non si può dire che l’antica preferenza per la «democrazia immediata» (o comunque una sua particolare declinazione), espressa in diversi momenti del dibattito sulle riforme degli anni Ottanta, si sia realizzata, perché —ancora una volta per quanto riguarda il discorso sulla democrazia— si è creata una difformità tra ciò che si auspicava e ciò che effettivamente si è realizzato.

5. Elementi distintivi: partiti, cittadini, esecutivo

  • 49 Manin, 1997, tr. it. 2010: 215-287.
  • 50 Secondo Peter Mair, i partiti «sembrano dunque essere sempre meno necessari nel processo di rappres (...)
  • 51 Infatti —come sottolinea Damiano Palano— «sarebbe quantomeno semplicistico attendersi che, nella st (...)
  • 52 Cfr., per esempio, Giacomini, 2018: 457-468. Scrive Luca Mori che il problema urgente della pratica (...)

21Le differenze tra le diverse declinazioni di «democrazia immediata» che si sono appena ricordate appaiono in tutta la loro evidenza anche all’osservatore più distratto. In primo luogo —riprendendo l’ormai classica ripartizione di Bernard Manin—49 le riflessioni di Galeotti e di Ruffilli sono sviluppate avendo come riferimento la «democrazia dei partiti». E, infatti, è proprio sull’azione e sui compiti dei partiti politici (e, più in generale dei corpi intermedi) che i due autori insistono: se per Galeotti sono sì strumenti necessari al processo di rappresentanza, la cui «predominanza» deve essere ridotta a vantaggio del rafforzamento dell’esecutivo, per Ruffilli rimangono soggetti cruciali del processo di mediazione, ma devono valorizzare maggiormente il legame tra i cittadini e i decisori. Nella «democrazia immediata» contemporanea, al contrario, pur sopravvivendo come macchine per la conquista del potere, per il mantenimento delle rendite politiche e per la selezione del personale politico, i partiti non svolgono più quella funzione di mediazione tra società e istituzioni che li ha resi protagonisti indiscussi della politica democratica del Novecento50. Ciò non significa, evidentemente, che si sono eclissati, ma che non sono più sentiti come indispensabili per la costituzione del rapporto responsivo tra elettori ed eletti51. Pertanto, mentre Galeotti e Ruffilli —seppur da prospettive in parte differenti— considerano i modelli di democrazia immediata e mediata all’interno di una contesto nel quale la presenza dei partiti politici è comunque ritenuta importante e quindi dove non è neppure pensabile un superamento dei processi di mediazione, oggi, al contrario, le trasformazioni sociali, cultuali e —non da ultime— quelle legate all’innovazione tecnologica inducono a prendere atto del fatto che le relazioni tra i «pochi» e i «molti» sono organizzate secondo modelli di «neointermediazione» che quindi, se da un lato, non determinano la fine della mediazione, dall’altro, strutturano nuove forme di mediazione che non sono necessariamente attivate tramite i partiti52.

  • 53 Ciò comporta, innanzitutto un «restringimento del tempo della discussione e della deliberazione arg (...)
  • 54 Innerarity, 2015: 289-303, specie 294.

22Un ulteriore aspetto (strettamente legato al precedente) e da non sottovalutare è quello che definisce il ruolo del cittadino all’interno del processo decisionale. Per Ruffilli, il cittadino democratico è un «arbitro» che è posto nelle condizioni di scegliere la maggioranza che desidera attraverso la partecipazione alla vita politica e al momento elettorale; nel modello di «democrazia immediata» odierna, invece, il cittadino tende a non essere più arbitro perché quando agisce attraverso la Rete lo fa istantaneamente, in solitudine e, all’atto del voto, molto spesso non seleziona il rappresentante che preferisce, ma piuttosto opera delle «deselezioni», stravolgendo il significato stesso delle elezioni53. Ciò deve ovviamente essere inteso in un quadro più ampio perché —come ha sottolineato Daniel Innerarity— se un tempo la «distanza» era considerata un elemento necessario «per l’esercizio sereno del potere», oggi l’orizzonte della «prossimità» punta «a una trasformazione del cittadino in cliente individualizzato»54.

  • 55 Per esempio, Alfio Mastropaolo sottolinea come le «forme di democrazia immediata rifuggano i filtri (...)
  • 56 Così scrive Galeotti in un intervento nei primi anni Novanta: «Ho sempre propugnato l’esigenza di u (...)
  • 57 Ruffilli, 1983: 36.
  • 58 Cfr. Ruffilli, 1986: 16-18, ora in Id., 1991: 771-775, dove scrive, tra l’altro: «Si è richiamata l (...)
  • 59 Sottolinea puntualmente questi aspetti Bovero, 2003: 64-65.
  • 60 Ruffilli, 1983: 38.

23Un terzo nodo cruciale riguarda evidentemente il rafforzamento dell’esecutivo (a discapito del parlamento) che le forme di «democrazia immediata» promuovono55. Come si è visto, non sempre l’auspicio verso forme di democrazia immediata corrisponde a un cambiamento dell’assetto istituzionale. Per Galeotti, l’«immediatezza» deve essere certamente tradotta con l’instaurazione di un rapporto diretto tra legittimazione popolare ed esecutivo56, per Ruffilli l’utilizzo dell’espressione «democrazia immediata» indica piuttosto uno scenario inevitabile verso il quale si sta tendendo così da indurlo ad auspicare un adeguamento «alla realtà» della democrazia «imperniata sul principio rappresentativo», senza pertanto mettere in discussione l’architettura costituzionale prevista dalla Carta del 194857. E, all’interno di questo quadro, punta a creare le condizioni per un equilibrio tra un esecutivo stabile e un legislativo saldo, attraverso quella «razionalizzazione del parlamentarismo»58 che prende in considerazione, allo stesso tempo, le esigenze della «governabilità» e della «democraticità»59. In altre parole, Ruffilli propone un approccio, per così dire, intermedio come si evince chiaramente dalle sue parole, pronunciate in Senato durante l’intenso dibattito sulle riforme e richiamato in precedenza: «Credo che risulti chiaro dalla mozione un punto fermo: il mantenimento della forma di governo parlamentare [...] pur essendo consapevoli che la forma di governo parlamentare richiede una serie di aggiustamenti e di razionalizzazioni che tengano conto anche delle spinte verso una democrazia immediata con adeguate forme anche di personalizzazione del potere»60. Secondo questa prospettiva, non si deve abbandonare la forma di governo parlamentare, ma non si può neppure ignorare la necessità di introdurvi correttivi che rendano la partecipazione del cittadino «arbitro» effettivamente più incisiva (il che, ovviamente, non significa che debba essere tradotta privilegiando solo il rapporto con il capo dell’esecutivo).

  • 61 Pazé, 2016: 11.
  • 62 Ivi: 12.
  • 63 Per esempio, scrive Francesco Clementi: «Partendo dal presupposto che una democrazia senza partiti (...)

24Al di là delle sfumature —pur importanti per comprendere la complessità degli approcci attorno all’«immediatezza» democratica— è senza dubbio utile continuare a distinguere la «democrazia immediata» e la «democrazia mediata» come due modelli alternativi di concepire le istituzioni democratiche, laddove la prima indica un modello in cui «il potere dei cittadini si esprime e si esaurisce nella scelta dei capi di governo», mentre nella seconda la sovranità popolare «si esercita attraverso l’elezione di organismi rappresentativi, ma anche attraverso la partecipazione a partiti, movimenti, associazioni, che rimangono strumenti indispensabili per dar forma e voce alle istanze avanzate dalla società»61. E chiaramente, all’interno di questa alternativa, il dibattito è tenuto permanentemente acceso dal confronto tra posizioni a sostegno di «una democrazia genuinamente parlamentare»62 e quelle che sostengono l’introduzione di «istituzioni a investitura popolare diretta»63, entrambe con l’intento —più o meno esplicitato— di riflettere sulle diverse definizioni di mediazione.

6. Conclusioni

  • 64 Arndt, 2004; tr. it. 2017: 25, che specifica come «‘immediatezza’ ha molteplici connotazioni; non s (...)

25Come si è tentato di illustrare nelle pagine precedenti, il problema della mediazione all’interno del discorso democratico non è certamente una preoccupazione recente per gli studiosi. Ma indubbiamente —ed è il caso dell’espressione «democrazia immediata»— l’interesse verso di essa può declinarsi secondo percorsi differenti e, in parte, nettamente distinti l’uno dall’altro. Ciò è inevitabile dal momento che già la sola espressione di «immediatezza» è di per sé polisensa64. E, infatti, è proprio in base al significato che le viene attribuito —all’interno di uno specifico contesto politico-istituzionale— che è possibile distinguere le diverse declinazioni che si sono messe in luce. L’«immediatezza» —per fare gli esempi più lampanti al termine di questo saggio— può riferirsi al ruolo dei partiti (per auspicare l’indebolimento della loro funzione mediatrice), così come alle modalità di partecipazione offerte da Internet (per permettere ai cittadini di intervenire direttamente sui loro rappresentanti).

  • 65 Cfr. Hegel, 1999: 159. Ma anche Id., 2008: 52 sul superamento dell’astratta opposizione tra immedia (...)
  • 66 Cfr. Kornhauser, 1959: 76-90. Ma gli autori che si sono soffermati su questo punto sono, come noto, (...)

26Ciò che allora può derivare dal presente contributo è l’importanza di uno sviluppo costante delle riflessioni sulle declinazioni della mediazione all’interno del governo rappresentativo. Perché da questi diversi approcci emerge un punto fondamentale, che cioè una seria analisi sulle trasformazioni della democrazia non può prescindere dallo studiare con continuità lo spazio mediano che ne definisce le relazioni (formali e non formali) al suo interno. Certamente a partire dalla consapevolezza che la «mediazione del bisogno» è un momento cruciale per la vita della società civile65 e che le strutture intermedie sono un presupposto ineludibile della democrazia liberal-rappresentativa66.

Torna su

Bibliografia

Arndt, A. (2004). Immediatezza (2017), Roma, Inschibboleth.

Barbera, A. (1990). Verso una democrazia immediata in Di Nuoscio, E. (ed.), Oltre la proporzionale. Nuovi materiali per la riforma elettorale in Italia, Manduria, Lacaita, 89-110.

Barbera, A. (1991). Fuoriuscire dalla proporzionale, «Il Politico», 2: 210-217.

Biancalana, C. (ed. 2018). Disintermediazione e nuove forme di mediazione. Verso una democrazia post-rappresentativa?, Milano, Fondazione Feltrinelli.

Bobbio, N. (1975). Libertà fondamentali e formazioni sociali, «Politica del diritto», 6: 431-455 ora in Id., Teoria generale della politica, a cura di Michelangelo Bovero, Torino, Einaudi, 1999.

Bobbio, N. (1984). Il futuro della democrazia (2010), Milano, Rcs.

Bovero, M. (2003). Il progetto di Ruffilli e il suo travolgimento. Dalla “democrazia matura” alla democrazia degenerata, «Scienza & Politica», 28: 63-68.

Bovero, M. (2015). Autocrazia elettiva, in Sau, R. (ed.), La politica. Categorie in questione, Milano, Franco Angeli.

Calise, M. (2016). La democrazia del leader, Roma-Bari, Laterza.

Capotosti, P. A. (1988). Premessa a L’apporto della Dc alla Commissione parlamentare per le riforme istituzionali, in Ruffilli, R., Capotosti, P. A. (eds.), Il cittadino come arbitro. La Dc e le riforme istituzionali, Bologna, Il Mulino.

Ceccanti, S. (2009). La democrazia immediata e le sue garanzie, in Frosini, T. E., Bassu, C., Petrillo, P. L. (eds.), Il presidenzialismo che avanza. Come cambiano le forme di governo, Roma, Carocci, 51-57.

Chadwick, A. (2007). Disintermediation, in Bevir, M. (ed.), The Encyclopedia of Governance, London, Sage, vol. I, 232-233.

Chiodi, G. M. (2014). Come può reggere una democrazia senza interlocutori?, in Bazzicalupo, L. (ed.), Crisi della democrazia, Milano-Udine, Mimesis, 227-238.

Ciliberto, M. (2011). La democrazia dispotica, Roma-Bari, Laterza.

Clementi, F. (2016). Il fenomeno dell’associarsi politico tra crisi della rappresentanza e globalizzazione. Spunti problematici, in Bassu, C., Carboni, G. G. (eds.), Rappresentanza e globalizzazione. Atti del convegno dell’Associazione di diritto pubblico comparato ed europeo, Sassari, Università degli Studi, 16 ottobre 2015, Torino, Giappichelli, 137-145.

Coleman, S. (2005). New mediaton and direct representation: reconceptualizing representation in the digital age, «New Media & Society», 7: 177-198.

Craveri, P. (1998). Élite politiche e «democrazia speciale», in Giovagnoli, A. (ed.), Interpretazioni della Repubblica, Bologna, Il Mulino, 87-104.

Craveri, P. (2016). L’arte del non governo, Venezia, Marsilio, 2016.

Crozier, M., Huntington, S., Watanuki, J. (eds). La crisi della democrazia. Rapporto sulla governabilità delle democrazie alla Commissione trilaterale, Milano, FrancoAngeli.

Cuono, M. (2015). In principio era il mercato, poi venne la rete. Disintermediazione, spontaneità, legittimità, «Iride», 75: 305-317.

Cuono, M. (2016). Rapidità. Teoria e storia di una categoria di legittimazione del potere, «Ragion Pratica», 46: 137-155.

D’Andrea, D. (2019). Tra parlamentarismo e plebiscitarismo. La democrazia della decisione in Max Weber, «Teoria politica», 9: 169-192.

Diamanti, I. (2014). Democrazia ibrida, Roma-Bari, Laterza-La Repubblica.

Diamanti, I., Lazar, M. (2018). Popolocrazia. La metamorfosi delle nostre democrazie, Roma-Bari, Laterza.

Duverger, M. (1958). La repubblica tradita (1960), Milano, Edizioni di Comunità.

Duverger, M. (1961). La sesta repubblica e il regime presidenziale (1962), Milano, Edizioni di Comunità.

Elia, L. (1970). Governo (forme di), in «Enciclopedia del diritto», vol. XIX, Milano, 634-675 ora in Id., Costituzione, partiti, istituzioni, Bologna, Il Mulino, 161-437.

Elia, L. (1992). Prolegomeni ad ogni futura riforma, «Micromega», 4, 67 ss. ora in Id. (2009). Costituzione, partiti, istituzioni, Bologna, Il Mulino, 429-437.

Elia, L. (2009). Costituzione, partiti, istituzioni, Bologna, Il Mulino.

Floridia, A. (2013). Il mito della «democrazia immediata»: rappresentazione o rappresentanza?, «Quaderni di Rassegna Sindacale», 4: 53-73.

Galeotti, S. (1967). Dalla disfunzione dei partiti alla riforma del sistema di Governo, in Zampetti, P. L. (ed.), La funzionalità dei partiti nello Stato democratico. Atti del I Congresso nazionale di Dottrina dello Stato, Milano, La Nuova Europa, 123-143.

Galeotti, S. (1991). Consonanze e dissonanze sulle riforme istituzionali, «Il Politico», 2: 225-235.

Gellman, R (1996). Disintermediation and the Internet, «Government Information Quarterly», 13, 1: 1-8.

Gentile, E. (2016). Il capo e la folla, Roma-Bari, Laterza.

Gherardi, R. (2018). Politica, istituzioni, individui. Percorsi contemporanei, Roma, Carocci.

Giacomini, G. (2018). Verso la neointermediazione. Il potere delle grandi piattaforme digitali e la sfera pubblica, «Iride», 3: 457-468.

Giovagnoli, A. (2016). La Repubblica degli italiani. 1946-2016, Roma-Bari, Laterza.

Gruppo di Milano (1983). Verso una nuova Costituzione. Ricerca promossa dal Ceses su “Costituzione vigente e crisi del sistema politico: cause ed effetti”, t. I, Milano, Giuffrè.

Han, B.-C. (2013). Nello sciame. Visioni del digitale (2015), traduzione di Federica Buongiorno, Roma, Nottetempo.

Hegel, G. W. F. (1999). Lineamenti di filosofia del diritto, Roma-Bari, Laterza.

Hegel, G. W. F. (2008). Scienza della logica, Roma-Bari, Laterza.

Ignazi, P. (2019). Partito e democrazia. L’incerto percorso di legittimazione dei partiti, Bologna, Il Mulino.

Innerarity, D. (2015). Democrazie di prossimità e distanza rappresentativa, «Iride», 2: 289-303.

Kornhauser, W. (1959). The Politics of Mass Society, New York, Free Press.

Mair, P. (2013). Governare il vuoto. La fine della democrazia dei partiti (2016), Soveria Mannelli, Rubbettino.

Mancini, P. (2015). Il post-partito. La fine delle grandi narrazioni, Bologna, Il Mulino.

Manin, B. (1997). Principi del governo rappresentativo (2010), Bologna, Il Mulino.

Maranini, G. (1958). Miti e realtà della democrazia, Milano, Edizioni di Comunità.

Mastropaolo, A. (2000). Antipolitica. All’origine della crisi italiana, Napoli, l’Ancora.

Mori, L. (2015). La democrazia tra limiti delle mediazioni tradizionali e politica «onlife», «Iride», 2: 347-359.

Olivetti, A. (1949). Democrazia senza partiti (2013), Roma-Ivrea, Edizioni di Comunità.

Ornaghi, L. (1988). La passione della riforma, «Il Sole 24 Ore», 24 aprile, 18.

Ornaghi, L. (2018). Il realismo cristiano necessario alla democrazia, «Vita e Pensiero», 1: 60-65.

Ornaghi, L. (2019). Cronistoria di «Arcana Imperii», in Palano, D. (ed.), La politica pura. Il laboratorio di Gianfranco Miglio, Milano, Vita e Pensiero, 275-295.

Palano, D. (2013). Partito, Bologna, Il Mulino.

Palano, D. (2015). La democrazia senza partiti, Milano, Vita e Pensiero.

Palano, D. (2020). Bubble Democracy. La fine del pubblico e la nuova polarizzazione, Brescia, Scholé.

Pallante, F. (2020). Contro la democrazia diretta, Torino, Einaudi.

Pasquino, G. (1983). Partitocrazia, in Bobbio, N., Matteucci, N., Pasquino, G., Dizionario di politica, Torino, Utet, 801-804.

Pazé, V. (2016a). Cittadini senza politica. Politica senza cittadini, Torino, Edizioni Gruppo Abele.

Pazé, V. (2016b). Designare il capo del vascello o distribuire le carte? Due modelli di democrazia, «Ragion pratica», 1: 35-56.

Piretti, M. S. (2008). Roberto Ruffilli: una vita per le riforme, Bologna, Il Mulino.

Poguntke, T., Webb, P. (eds.) (2005). The Presidentialization of Politics: A Comparative Study of Modern Democracies, Oxford, Oxford University Press.

Preterossi, G. (2015). Ciò che resta della democrazia, Roma-Bari, Laterza.

Raschi, F. (2013). Excursus storico-politico negli anni Ottanta: dalla fine della solidarietà nazionale al Caf, in Colimberti, M., Andreatta F. (eds.), La Repubblica degli arbitri. Omaggio a Roberto Ruffilli, Roma, Arel, 115-123.

Revelli, M. (2013). Finale di partito, Torino, Einaudi.

Rosanvallon, P. (2006). La politica nell’era della sfiducia (2009), traduzione di Alessandro Bresolin, Troina, Città Aperta.

Rosanvallon, P. (2006). La politica nell’era della sfiducia (2009), traduzione di Alessandro Bresolin, Troina(2008). La legittimità democratica. Imparzialità, riflessività, prossimità (2015), Torino, Rosenberg & Sellier.

Rosanvallon, P. (2006). La politica nell’era della sfiducia (2009), traduzione di Alessandro Bresolin, Troina(2008-2009). Histoire moderne et contemporanine du politique, «Annuaire du Collège de France 2008-2009. Résumé des cours et travaux 109e annéè».

Rossi, E. (2012). Contro l’industria dei partiti, Milano, Chiarelettere.

Ruffilli, R. (1983). Intervento al Senato della Repubblica, IX legislatura, resoconto stenografico.

Ruffilli, R. (1984). Riforme istituzionali e sistema politico, in Id. Le istituzioni della democrazia pluralista, Roma, Cinque Lune, 97-109 ora in Id., Istituzioni Società Stato, vol. III: Le trasformazioni della democrazia: dalla Costituente alla progettazione delle riforme istituzionali, Piretti, M. S. (ed.), Bologna, Il Mulino, 707-721.

Ruffilli, R. (1986). La razionalità istituzionale, «Appunti di cultura e di politica», 7-8, 16-18, ora in Id. (1991). Istituzioni Società Stato, vol. III: Le trasformazioni della democrazia: dalla Costituente alla progettazione delle riforme istituzionali, Piretti, M. S. (ed.), Bologna, Il Mulino, 771-775.

Ruffilli, R. (1988). 1988: nuove spinte e vecchi ostacoli al processo di riforma istituzionale, in Ruffilli, R., Capotosti, P. A. (1988), Il cittadino come arbitro. La Dc e le riforme istituzionali, Bologna, Il Mulino, 391-405.

Ruffilli, R. (1989-1991). Istituzioni Società Stato, Piretti, M. S. (ed.), voll. I-II-III, Bologna, Il Mulino.

Scoppola, P. (1991). La repubblica dei partiti. Evoluzione e crisi di un sistema politico 1945-1996, Bologna, Il Mulino, 1991.

Stringa, P. (2017). Che cos’è la disintermediazione, Roma, Carocci.

Sturzo, L. (1959). Tre male bestie, Napoli, Edizioni Politica Popolare.

Tormey, S. (2015). The End of Representative Politics, Cambridge, Polity.

Tursi, A. (2017). La rappresentanza politica nell’epoca delle reti digitali, in Bianchi, D. G., Raniolo, F. (eds.), Limiti e sfide della rappresentanza politica, Milano, FrancoAngeli.

Urbinati, N. (2006). Representative Democracy. Principles and Genealogy, Chicago and London, The University of Chicago Press.

Urbinati, N. (2013). La democrazia in diretta. Le nuove sfide della rappresentanza, Milano, Feltrinelli.

Urbinati, N. (2015). A Revolt against Intermediary Bodies, «Constellations», 4: 477-486.

Urbinati, N. (2020). Io, il popolo. Come il populismo trasforma la democrazia, Bologna, Il Mulino.

Torna su

Note

1 Bobbio, 1984; ed. 2010: 18. Per una ricostruzione della genesi degli ordini intermedi, si veda Id., 1975: 431-455 ora in Id. 1999, 271-294.

2 Bobbio, 1984; ed. 2010: 18-19.

3 Urbinati, 2015: 477-486. Scrive Geminello Preterossi che «l’inaridirsi degli spazi di partecipazione effettiva, vitale determina, per compensazione, il bisogno che nutre l’illusione della democrazia “immediata”, “veloce”, “semplice”. Questa nega la necessità dell’articolazione politica della società e della rappresentanza del pluralismo», Preterossi, 2015: 181. Cfr. anche Ciliberto, 2011: 153.

4 Cuono, 2016: 137-155.

5 Ivi: 138. Si vedano anche Cuono, 2015: 305-317 e Pallante, 2020: 72-84.

6 Si vedano, per esempio, Coleman, 2005: 177-198; Biancalana (ed. 2018); Chiodi, 2014: 227-238; Tursi, 2017: 139-157.

7 Per un iniziale inquadramento, cfr. Chadwick, 2007: 232-233; Gellman, 1996: 1-8; Stringa, 2017.

8 Ricorda Pierre Rosanvallon che questa espressione è stata impiegata per la prima volta da Condorcet, cfr. P. Rosanvallon, 2008, tr. it. 2015: 173, nota 15, dove sottolinea come la «democrazia immediata» rifiuta «l’istituzione o la procedura che contribuisce funzionalmente alla formazione dell’espressione collettiva» e respinge «ogni riflessività del sociale», quindi «la stigmatizzazione dei partiti e dei corpi intermedi, accusati di corrompere strutturalmente la volontà generale» (ivi: 168). Cfr. anche Id., 2008-2009: 453-462, specie 459 e Urbinati 2006: 176-221.

9 Per esempio, un riferimento imprescindibile è il confronto di questo modello con quello di «democrazia plebiscitaria» analizzato da Max Weber, specie se l’accezione «plebiscitaria» viene intesa in termini di «un’accentuazione dell’immediatezza della relazione governanti-governati», D’Andrea, 2019: 169-192.

10 Galeotti, 1967: 123-143, in particolare 124.

11 Cfr. Duverger, 1961. Ma anche Id., 1958.

12 Galeotti, 1967: 128-129.

13 Ivi: 128.

14 Ivi: 131. Prosegue Galeotti: «Il popolo non ha qui un rapporto immediato coi governanti, non li sceglie, non li investe direttamente; per di più (e questo è un ulteriore fatto patologico) codeste decisioni dei partiti per cui si formano e si disfano i Governi non si enucleano in sede parlamentare, a livello della rappresentanza parlamentare dei partiti, cioè nei gruppi parlamentari, bensì nelle istanze di vertice interne ai partiti stessi, nelle segreterie, nelle direzioni, nei consigli nazionali, ecc.».

15 Ivi: 133.

16 Ivi: 138 (corsivo aggiunto).

17 Gruppo di Milano, 1983: XII. La ricerca, diretta da Gianfranco Miglio, è condotta da Giovanni Bognetti, Serio Galeotti, Giorgio Petroni, Franco Pizzetti. Questo volume, in due tomi, è il primo della collana Arcana Imperii: cfr. Ornaghi, 2019: 275-295, specie 280.

18 Ivi: XII-XIII. Corsivo aggiunto. E prosegue: «Nella ricognizione dei rimedî, talvolta il gruppo ha espresso la sua preferenza per l’adozione di una soluzione istituzionale determinata; talvolta invece ha presentato diverse opzioni. È peraltro significativo che la prima situazione si sia verificata tutte le volte che erano in discussione problemi fondamentali del funzionamento costituzionale».

19 Ivi: 348.

20 Ibidem (corsivo aggiunto).

21 Ivi: 349.

22 Ivi: 349-350.

23 Ivi: 352.

24 Ivi: 353.

25 Ivi: 355. In un passaggio successivo, Galeotti spiega inoltre che: «Come risultato di questa separazione tra istanze politiche istanze statuali, il nostro sistema politico presenta la saliente caratteristica di avere come un doppio ordine, una doppia linea di centri di potere: quella degli organi costituzionali della forma di governo (Parlamento-Presidente della Repubblica-Governo), che detengono le competenze giuridico-formali, e quella delle istanze supreme di partito, che, pur prive di rilievo giuridico-statuale, detengono in effetti la sostanza del potere politico».

26 Ivi: 367-368. E prosegue: «Di qui il rinvio sistematico [...]. Di qui, ancora, la catena estenuante dei contatti, delle mediazioni, delle contrattazioni tra i leaders del governo e della maggioranza, e, dietro di loro, quelle con i gruppi di potere e d’interesse verso i quali i partiti sono tributari per voti e/o per finanziamenti».

27 Si pensi, per esempio, all’acceso dibattito attorno al referendum sulla riforma costituzionale tenutosi il 4 dicembre 2016, basato molto spesso sulla contrapposizione tra una proposta di democrazia «veloce» ed «efficiente» e una opposta «lenta» e «inefficiente». Ma, allo stesso tempo, è bene ricordare che la proposta di Galeotti recepisce anche la prospettiva promossa dalla Commissione trilaterale del 1975 a cura di Crozier, Huntington, Watanuki, 1977, come sottolinea Cuono, 2016: 139.

28 Cfr. Maranini, 1958. Ma anche Olivetti, 1949; Pasquino, 1983; Rossi, 2012; Sturzo, 1959.

29 Ruffilli, 1983, resoconto stenografico: 35. Per un puntuale inquadramento del pensiero di Ruffilli si vedano: Gherardi, 2018: cap. 6; Piretti, 2008, oltre, ovviamente, alla raccolta, in tre tomi, Ruffilli, 1989-1991. Per una ricostruzione degli eventi storici e politici degli anni Ottanta utili per contestualizzare la riflessione e l’azione di Ruffilli, si veda Raschi, 2013: 115-123.

30 Ivi: 36 (corsivo aggiunto).

31 Cfr. Elia, 1992, ora in Id., 2009: 429-437, specie 432-435, dove, tra l’alto, Elia sottolinea come si «ideologizza» il dibattito sulle riforme quando «si ascrivono alla “democrazia immediata” la nomina del Premier inglese o l’elezione del Cancelliere tedesco, confuse con l’investitura popolare del Presidente americano o francese» (430).

32 Ivi: 37 (corsivo aggiunto).

33 Ivi: 38 (corsivo aggiunto).

34 Capotosti, 1988: 211-220, in particolare 212. Di questo libro si veda anche la recensione di Ornaghi 1988: 18. In uno scritto precedente, Ruffilli sottolinea come tale equilibrio debba comporre e rendere congruenti gli istituti tipici della democrazia rappresentativa con le spinte verso la democrazia ‘immediata’ (con le connesse forme di personalizzazione del potere) e la democrazia ‘contrattata’ (con la sua catena di accordi e ‘patti’ non solo politici, ma anche economico-sociali), Ruffilli, 1984: 97-109 ora in Id., 1991: 707-721, specie 718-720.

35 Ruffilli, 1988: 391-405, in particolare 395.

36 Ivi: 396.

37 Ivi: 397-398.

38 Ivi: 398. Per una riflessione su queste considerazioni di Ruffilli in relazione a un suo «travolgimento» si veda Bovero, 2003: 63-68, così come l’intero numero di «Scienza & Politica» dedicato alla figura di Ruffilli. Cfr. anche Bovero, 2015: 123-134 e le osservazioni di Gherardi, 2018: 114-121.

39 Gherardi, 2018: 117. Sottolinea ancora Gherardi che, nonostante le condizioni interne e internazionali odierne siano profondamente differenti da quelle del periodo nel quale Ruffilli scriveva, «quel che è certo però è che senza alcun dubbio egli non avrebbe mai confuso il suo cittadino responsabile e in grado di esercitare una effettiva partecipazione con qualcuno che, di fronte alla tastiera di un computer, di un tablet o di un cellulare, sa semplicemente esprimere messaggi di “mi piace” o meno di qualsiasi specie». Sull’importanza delle riflessioni di Ruffilli, anche per la stringente attualità, si veda Ornaghi, 2018: 60-65.

40 Per esempio, per quanto riguarda il contesto italiano, nel 1970, Leopoldo Elia definisce chiaramente (anche richiamando i lavori di Duverger) gli effetti della «mediatizzazione» dell’assetto e dell’attività di governo: Elia, 1970: 634-675 ora in Id., 2009: 161-437, in particolare 203-219. All’inizio degli anni Novanta, Augusto Barbera riprende le categorie di Duverger in Barbera, 1991: 210-217 e in Id., 1990: 89-110. Più recentemente, Pazé, 2016: 35-56. Per un approfondimento storico-politico, tra i tanti lavori, si vedano: Scoppola, 1991; Craveri, 1998: 87-104, in particolare 96-98; Id., 2016; Giovagnoli, 2016.

41 Urbinati, 2013: 187. Si veda anche Id., 2015.

42 Ivi: 191-192.

43 Diamanti, 2014: 40. Si veda anche Diamanti, Lazar, 2018: 9, 35, 137, 138.

44 Han, 2013, tr. it. 2015: 29.

45 Emilio Gentile chiama questo modello «democrazia recitativa», Gentile, 2016: 205. Si vedano, tra l’ampia letteratura in merito, Calise, 2016 e l’ormai classico Poguntke, P. Webb (eds), 2005.

46 Mancini, 2015: 134-135 e Palano, 2015.

47 Floridia, 2013: 53-73.

48 Urbinati, 2020: 17 e 251. La «democrazia populista» è «il nome di una nuova forma di governo rappresentativo, basata su due fattori: una relazione diretta tra il leader e coloro che il leader definisce come la parte “giusta” o “buona” o “migliore” del popolo; e l’autorità suprema dell’audience, ovvero del pubblico» (17).

49 Manin, 1997, tr. it. 2010: 215-287.

50 Secondo Peter Mair, i partiti «sembrano dunque essere sempre meno necessari nel processo di rappresentanza degli interessi, nella loro aggregazione e nell’intermediazione», Mair, 2013, tr. it. 2016: 99. Cfr. anche Tormey, 2015: 91-92.

51 Infatti —come sottolinea Damiano Palano— «sarebbe quantomeno semplicistico attendersi che, nella stagione della “disintermediazione”, la vicenda del partito politico sia necessariamente destinata a concludersi ingloriosamente. Non soltanto perché [...] i partiti, a dispetto della loro scarsa popolarità, sono oggi più forti e più ricchi che mai, grazie al fatto che si sono trasformati in agenzie dello Stato. Ma forse anche perché i termini politici hanno una formidabile forza di inerzia e una strabiliante capacità di resistere alle trasformazioni», Palano, 2015: 97-98. Si vedano anche Id., 2013 e Ignazi, 2019.

52 Cfr., per esempio, Giacomini, 2018: 457-468. Scrive Luca Mori che il problema urgente della pratica democratica «non consiste nell’ipotizzare l’eliminazione delle mediazioni politiche [...] bensì proprio nel reiventare le mediazioni politiche riaffermandone la priorità», Mori, 2015: 347-359, specie 353.

53 Ciò comporta, innanzitutto un «restringimento del tempo della discussione e della deliberazione argomentata» (Revelli, 2013: 121) e anche un isolamento del cittadino dentro la «bolla» nella quale si rinchiude (Palano, 2020). Sulle elezioni come processo di «deselezione» si veda Rosanvallon, 2006, tr. it. 2009: 163.

54 Innerarity, 2015: 289-303, specie 294.

55 Per esempio, Alfio Mastropaolo sottolinea come le «forme di democrazia immediata rifuggano i filtri propri della rappresentanza e preferiscano l’investitura diretta del leader, fuori da ogni contenuto di programma, riducendo le elezioni [...] a un rituale d’acclamazione, che consacra il vincitore quale interprete esclusivo e autentico della volontà del popolo», Mastropaolo, 2000: 30.

56 Così scrive Galeotti in un intervento nei primi anni Novanta: «Ho sempre propugnato l’esigenza di una riforma istituzionale (costituzionale e/o subcostituzionale) per realizzare anche da noi in Italia, come ormai è avvenuto in tutte le grandi democrazie dell’Occidente, una democrazia immediata (altri preferisce —ma il senso è meno preciso— parlare di “democrazia compiuta”); una democrazia cioè nella quale la scelta, e l’investitura concreta del Governo e del suo programma politico derivino direttamente (solo così è “immediata” la democrazia) dal voto dei cittadini-elettori», Galeotti, 1991: 225-235.

57 Ruffilli, 1983: 36.

58 Cfr. Ruffilli, 1986: 16-18, ora in Id., 1991: 771-775, dove scrive, tra l’altro: «Si è richiamata la contrapposizione tra governo autoritario e governo democratico. Non si può che essere per quest’ultimo, con un esecutivo forte. Ma forse il problema vero è quello di bloccare i guasti del governo oligarchico» (774, corsivo aggiunto).

59 Sottolinea puntualmente questi aspetti Bovero, 2003: 64-65.

60 Ruffilli, 1983: 38.

61 Pazé, 2016: 11.

62 Ivi: 12.

63 Per esempio, scrive Francesco Clementi: «Partendo dal presupposto che una democrazia senza partiti non è concepibile e proprio nella consapevolezza dei limiti e delle difficoltà —ma anche delle opportunità— che la crisi delle ideologie ha determinato sul rapporto società ed istituzioni, l’unica strada realmente praticabile per il rafforzamento e la rigenerazione del sistema dei partiti e delle sue forme giuridiche dell’associarsi non può che passare attraverso la creazione di istituzioni a investitura popolare diretta —di diritto o de facto— come sottolineava Duverger: le sole capaci di conseguire gli obiettivi indicati, contribuendo a far superare l’attuale crisi tornando a collegare la rappresentanza della società con il suo governo in un quadro costituzionale adeguato al tempo di oggi», Clementi, 2016: 137-145, in particolare 142. Si veda, per un approfondimento, anche Ceccanti, 2009: 51-57.

64 Arndt, 2004; tr. it. 2017: 25, che specifica come «‘immediatezza’ ha molteplici connotazioni; non si tratta di un concetto ben definito, quanto piuttosto di concezioni che contengono delle congetture intorno alle relazioni» (28).

65 Cfr. Hegel, 1999: 159. Ma anche Id., 2008: 52 sul superamento dell’astratta opposizione tra immediatezza e mediazione.

66 Cfr. Kornhauser, 1959: 76-90. Ma gli autori che si sono soffermati su questo punto sono, come noto, molti, primo tra tutti Alexis de Tocqueville.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Antonio Campati, «La «democrazia immediata»: prospettive a confronto»Teoria politica. Nuova serie Annali, 10 | 2020, 297-315.

Notizia bibliografica digitale

Antonio Campati, «La «democrazia immediata»: prospettive a confronto»Teoria politica. Nuova serie Annali [Online], 10 | 2020, online dal 01 décembre 2020, consultato il 26 janvier 2021. URL: http://journals.openedition.org/tp/1352

Torna su

Autore

Antonio Campati

Università Cattolica del Sacro Cuore, antonio.campati@unicatt.it

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Teoria politica

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search